Armando Mottura - Valsusa vive

VALSUSA VIVE
Vai ai contenuti

Menu principale:

LA VALLE di SUSA

Ij cioché dl’aota val
(Armando Mottura- Oulx Magg 1947)

O bei cioché dla Val, mi torno ancora,
parèj d’un pelegrin; rifass mè viagi
për ritroveve, vej compagn d’anlora
quand ch’i salutave ‘l mè passagi
con la vos ëd le ciòche, alegra e trista,
mùsica ‘d pas an mes a col tapagi.
‘D vòlte am bastava mach la vòstra vista
për buteme ant ël cheur un pò‘d coragi.
Ij seve ancora tuti, vej amis,
dai cupolin bin fait a ponta ‘d lansa;
con vòstre fnestre ‘d pera iv drisse gris
an mes ai camp, ch’a son color speransa
anche adess che an s’ij pin l’ha già fiocà,
e già ‘l frasso l’è ross, e a l’è già dura
la tèra, e as resta volonté ant-e ca,
e a seurt pi nen la bestia a la pastura.
Soma quasi ant l’invern, lassù la “bianca”
l’è già calà, l’ha anfarinà le ponte.
Mi veuj fé prèst, prima che ‘l temp am manca,
mi veuj arvëdve tuti për ch’im conte
vostra passion ant le giornà dla guéra,
quandi ch’a j’ero ij bòt dl’Ave Marìa
lacrime ‘d compassion për nòstra tèra
e për ij fieuj pi bon ch’a j’ero via.
Bon jour, mia bela Val! Già Susa am manda
un bel salut dal gran ciòché ‘d sò Dòm.
L’eco gentil dal bass am lo rimanda,
e ‘l son dle ciòche as mës-cia a la vos dl’om.
Ma, pi an sù che San Giust pompos e bel,
an mes ai pin a smija ch’a m’anvita
ël cioché ‘d San Fransèsch che poverel
am canta: “ Resta sì, j ‘é ‘l bin dla vita”.
Ma mi peuss nen fërmeme, am toca andè:
j’é ij cit ch’a speto, j’é ‘l travaj ch’a possa.
Oh, lo sai pro, che bel l’é riposé,
scotand arbate st’ora tanto dossa!
E longh mia stra ‘d cò d’autri a m’ofriran
un pòch ëd sosta e tanta poesia,
ma mi, parèj dij caminant ch’a van,
devo sempre marcé, sempre andè via.
Così, mi salutrai mach con la man
col ëd Giajon e , an mes al verd pi a mont,
col bianch dla Losa: come doi guardian
son lì ’n s’j’antich confin dël vej Piemont.
Pi an sù, già col ‘d Cimon, Monsgnor dla pian-a,
giutà da l’Arnodera e la Ramà,
un gran rosari  ‘d son a dësdavan-a.
Oh, care vos, ch’am dan ël bin tornà!
E ant la comba d’Exilles, già sombra scura,
a j’è un cioché ch’a l’ha i color dle lòse;
‘d cò chiel am dis: “ Fa sosta ant s’aria pura,
ch’a l’è l’ora ch’it fërme e ch’it ripòse”.
Ma là, dop Serre de la Voùte, ël sol m’anvita
ch’a së slarga la val come na sala:
Salbertrand, sò cioché, na gran stra drita
e ‘l tramont sla Grande Hoche ch’a fa gran gala.
Peui l’Abadìa d’Oulx ant un moment
am riporta ‘l përfum dël temp passà :
aria dë stòrie antiche, ‘d cit convent
e legende ‘d miraco dësmentià.
E ‘l cioché dla paròchia, sù al Borg-dzora,
con col’aria paisà da foresté…
Che d’ani vivù ansema ora për ora,
dolor e giòje care a ricordé!
Sauze. Tra ‘l bianch dla fiòca ò dij narcis
sempre rivëddo col cioché pontù,
coma as rivèd dòp d’ani un vej amis
compagn dij bei ricòrd dla gioventù,
e ‘l cit cioché ‘d Desert, tra ciel e fiòca,
e col ‘d Fenils, trop gròss për sù pais,
e, dòp Cesana dal color dla ròca,
San Restitudo, solitari e gris.
Savoulx gentil ch’a smija n’orassion,
Millaures, lassù, puntù coma na flecia,
Beulard, Chàteau, tra ‘l bòsch e ‘l giaun dl’amson,
e su, fin-a al Borgh-vej ëd Bardonecia,
davsin a le capele pì modeste,
son tanti ij pòver cit cioché ‘d vilagi
ch’a son-o mach ij dì dle gròsse feste:
son ij pilon dël me pelegrinagi.
Frust për ël sol ‘d mil’ani e për ‘l vent,
për ij furor dla guèra e dla tempesta,
l’han vist a nasse ij vej dij vej ‘d sa gent.
L’han piorà ansema e ansema a l’han fait festa.
E a san come che prest a dventa frust
l’òm che con sò sudor bagna la tèra:
a compagno ant la vita ‘l gram e ‘l giust,
peui a canto për tuti a na manera.
Cioché, bei monument dla nostalgia,
lo seve che ant la tèra pi lontan-a
aj resta mach an cheur ‘d col ch’a va via
ne sguard ëd dòna e ‘l son d’una campan-a?
Cioché dla Val, l’hai rivëduje ancora
ij vostri pra, ij bòsch, ij camp ëd sèj,
e mi iv saluto, vej compagn d’anlora,
bon jou, mé cari amis, bon jou, arvèi !

    
Rëscontr… (Camillo Brero- dl’anvod dij Bré- Ij brandé 1969)

 
I son ancaminame l’indoman d’un orissi ‘d coj che a smijo che a devo strompé tut.
Passand danans a na cassin-a i l’hai vëddù ancora la palëtta ancrosià a le caden-e dël fornel, posà fòra dl’uss dla stala.  La strà a l’era mincatant signà dai sorch durvì da j’arianòt d’eva.
Feuje ‘d gasìa e branch sech spatarà an sa e an là a saravo ancora citi gheuj andova a së speciava ‘l sol che së sporzìa tëbbi trames le piante.
Un doss përfum ëd verd mës-cià a l’odor ùmid dij camp giàun dë strobie, am butavo ant ël sangh na veuja mata ‘d core.  
Un’anvìa ‘d pas am possava travers ai senté dle rive për ij monta e cala dij prà, arlong ai filar dle viss che a mostravo longhe rape d’uva vërda lusente ‘d pieuva e ‘d rosà.
Le feuje antërnasà ëd vërdaram a l’avìo ‘d rifless azur.
L’ària dla matin a bogiava le ponte dle piante e le bussonà ciosonavo dosman.
Mi i sautava ij fossaj, ij brass duvert squasi për ambrassé tuta la colin-a.
Quand che na strop ëd rondole a l’è passà an cantand a bech pien sël silensi dle rive, i son voltame anvers la pian-a.
El cioché ‘d mè paìs a s’alevava sij cop ross ëd le cà, coma un pilon trames a un camp laurà.
L’orizont a tërmolava ‘d lus.
I l’hai dovù saré j’euj e a l’è smijame ‘d nijé ant ël sol.
La vos ëd Bastian a rivava da la strà ‘d sora, da andova adess i sentìa ij sòco rabasté sla giàira.
Soa testa bianca tosonà, sparìa dré d’un busson, a l’era rispontà ansima a la cabassa an fond al senté dla vigna.     “ Com è-la!…” a l’ha arbatù.  Soe braje dure ‘d sudor a schërzinavo minca un pass.
Anche sta vòlta, Santa Barbara e San Simon a l’ha dësfendune!…”a disia antant che a s’avisinava.
A sarìa disse un giovnòt dal coma andasìa.  - “ Semper pì giovo, eh Bastian!…” - i l’hai faje e i l’hai sporzuje la man. A l’ha saramla fòrt drinta soe  rùpie.
-“ Già. J’agn pì brut i l’hai sotraje ant ël travaj e ant la guera!   Coj che a son restame am grevo pa nen…”-.   E a riìja rangiandse la cabassa pien-a ‘d vin dl’an passà.
-“ E chiel?”- am fa sporzend ël manton, -“ l’è tròp prest për marodé!…”- e a sgnacava l’euj furb.
-“ Oh! Mi vado a fé provista d’ària ‘d cà e a boré l’anima ant le tampe vërde ‘d costa pas, che mach pì voi i seve cudì!…”-    Le coriòle e le ciochëtte reusa a biaotàvo ant l’aria dla matin e le feuje dle vis a lusìo.   Bastian am guardava  coma di: va a savej !   Un passaròt s’un fil ëd la taragna as dondolava stupì.  - “ A ved col passaròt”- i l’hai dije -“ a viv ëd sol, d’aria pura, d’lòn che la tera a-i guerna. Coma voi, Bastian , e coma ij nòstri Vej, buonanime!”-
-“ Bòh! Ma antramentre che noi i lauroma e sëmnoma, lor, sti bòja piumà, a cheujo mach!”-.
A parlava e soa front rupiosa a fumava sudor. E a ripetìa -“ Bòh! Bòh!”- antant che a guardava ‘l passaròt, che as bëccava  ‘l gosé.  - “ Ma lor, soma giust, a fan pà ‘d mal a gnun e Nosgnor a-j trata coma a dis l’Evangeli! Noi anvece…”-  e  am guardava ant j’euj.
El passaròt cantand l’è passane sla testa.   Bastian l’ha soridù e, slargand ij brass -“ Sicura!… Ma già, noi soma vej!”- e a j’era tuta ant soe paròle moche e una pàsia seren-a malinconia.
El sol adess as vëddìa d’sora le gasìe e am brusava sla schin-a:
-“ Alegher!…” Bon-a giornà, Bastian!”-
Mentre a së slontanava, fin-a le busche ‘d paja che a-i surtio dal sòco a lusìo ant ël sol.

 

Festa ‘d Piemont (Censin Pich – Ij Brandé 1969)

 
  An ocasion dla “ Festa piemontèisa” ( tenusse al Santuari ‘d Graja) ‘l 21 ëd luj dël ’68, i loma avù ‘l boneur d’avej tra ‘d noi ëd piemonteis che a venjo da l’Argentin-a.
  L’ancontr a l’è stàit compagnà da na gran comossion , che a l’ha tocà ‘l moment pi  àut, che sti nòstri fratej a l’han arseivù da le man dij “ Brandé” ël drapò dël vej Piemont con la cros bianca an camp ross bordà ‘d bleu.
  Ant ël ringrassié, coi bravi fieuj - con ij cavei gris o quasi – a l’han confessane, con na sincerità che aj fasìa tramolé la vos e a fasia pioré pi d’un present, l’arciam che ij piemonteis che a vivo tant lontan a preuvo për nòstra tera, ij sentiment che as visco andrinta lor tute le vòlte – e a son tante – che a penso al Monvis, coron-a ‘d bon-a part dël Piemont o al bërlusé dël Pò fra le sponde vërde, le stra e ij borgh, anche se ‘l Monvis e ‘l Pò a l’han mai vistie, ma a l’han mach sentune conté.
  I l’hai anlora pensà ai tanti piemonteis – milion, contand ij fieuj e j’anvod ‘d coj che, an temp ëd miseria e dë speransa ‘d fé fortun-a an tere lontanissime, a l’han lassà për sempre nòstra region – che a vivo fòra dël Piemont, ma che a lo seugno come ‘l pi bel pais dël mond.
  E bin, an cola luminosa giornà d’istà, i l’avio pròpe lì, davanti a noi, na pcita rappresentansa dij milion ëd cheur che a devo contentesse ‘d sugné, ma che, la pi part, a vedran mai o arvedran pi nen nòstra tera: e i pensava con tristëssa che belessì tanti ‘d coj che a son restà a la tradisso dì për dì , sensa gnanca pi feje a cas.
  D’arcòrde, coj che a tradisso a merito un pò ‘d compassion: an fin dij cont, jë strument d’alienassion dla siviltà dij consum o ‘d massa o tecnologica, come as dis comunement për indiché nòst tipo ‘d siviltà, a son così numeros, fin e mascrà che lë spirit, piàit ant un ingranagi diabòlich, a dev esse pitòst fort për resiste.  I lo soma bin che ‘l grand arfud d’Herbert Marcuse a l’ha ‘d gròsse giustificassion.
  Però, nòstra simpatia a va a chi, come j’emigrà, a mostra na fedeltà che gnanca la mòrt a peul cancelé: fedeltà che as trasmet ai fieuj e da costi a j’anvod, come se un fil d’òr a gropèissa la generassion, tant che la poesia dla “ patria cita”, për dovré  n’espression cara a l’amis Motura, anvece ‘d meuire, a s’arneuva ant ij giovo.
  Che consolassion pensé che an tut ël mond i trovoma sempre ‘d fratej ëd lenga e ‘d rassa!
  Che a sia però bin ciàir che për noi la rassa a l’è nen na question biologica, ma l’è l’ansema dj’arcòrd comun: an àutre paròle, la stòria.
  Mi midem, an mia nen granda esperienza ‘d viagi, ‘d fratej piemonteis i l’hai incontrane un pò daspertut: a Sivija, a Lisbòna, a Londra, a Bilbao….
  Queich meis fa, mentre i calava giù dal castel ëd Les Boux – Leu sacr a la poesia provensal, dal moment che Mistral a fa di a Miréio: “ Di Baus fariéu ma capitalo! Sus lou roucas  que iuei rebalo, de nòus rebastirièu nòste viéi castelas:…” – i son fermame a discore con doi piemonteis che a l’avio  arconossù un dla nòstra comitiva; pròpe là, sota le rovin-e dël castel ëd Là Baus, cheur dla Provensa, pais fratel ëd nòstr Piemont.  Pòch prima i l’avìa contemplà, da le tor, un paesagi che pi bel fòrse a peul nen imaginesse e che a l’avìa  arcordame la campagna dle “ nivole”  dël Fontanesi.
  Ma dòp lòn che i l’hai scrit, quaidun podrìa  pensé che l’Piemont a sia essensialment, për noi, sentiment e nostalgia:  Nò, da nòstra part  a-i-è  ëdcò  na profonda  concreta logica rason: l’ideja dël Piemont a giuta a cancelé ij pregiudissi, le passion, ij bruti arcòrd, che a son l’eredità dël nassionalism e che, fin-a a cost moment, a l’han ostacolà seriament l’unificassion europea; l’idea dël Piemont e ‘d tute le comunità naturale, dai provensai ai catalan, dai ladin ai basch, dai friulan ai breton;…Mach valorisand le comunità naturale, mortificà për ëd secoi da jë stat nassionai, as travaja concretament  për l’Euròpa.    E, dòp l’unità dl’Euròpa, cola dël mond: an lo arcòrdo ij milion ëd piemonteis spatarà an sla facia dla tera; ma n’unità dël mond che as fassa sota ‘l segn dla libertà, dël rispet e dla salvëssa ëd tute le reis, tute le lenghe e tute le siviltà.

 

Gian Trulo
(da l’Ombra ëd Tavio Cosio- Spessiari ‘d Mèire  - Coni)

 
Gian Trulo a montava su a l’arp.  Ël sol, caland, ciapandlo da drita, a jë slongava n’ombra longa e màira dë dlà dël senté.  L’òm, tra ‘n pass e l’àutr, tant për fesse compagnìa, gira voltà a fasìa na bërtaulada con soa ombra che chiel a ciamava “ Camila”.  -It sesto straca? – a-j fasìa Gian Trulo. – I podrìo cò fërmesse ‘n moment a rompe na crosta ‘d pan, còsa ‘t na dise?- E vëdend che l’ombra a disìa gnente a pensava: - Chi a sta ciuto, a dis che ‘d si.- E a tirava fòra ‘n crucio ‘d pan e salam dal sacapan, a së stava s’un ròch e a tacava a mas-cé. Dë dlà dël senté l’ombra Camila a mas-ciava ‘dcò chila.   – A-i è ‘ncor trè cane ‘d sol, a fa pa damanca ch’is la pijo tant càoda!- A disìa Gian Trulo sopatand la testa e l’ombra Camila a fasìa che ‘d nò cò chila. – E ben am fa gòj che i andoma dacòrdi- e mentre artirava pan e salam vansà, l’ombra Camila ‘dcò chila a ‘nsacava ij vansum ant ël sacapan.  Peui a son torna ‘ncaminasse ciaciarand ‘d sòn e ‘d lòn e lòlena, ma a na mira Gian Trulo a l’è antrapasse ant un ròch e a l’è rubatà a testa prima ant na tampëtta andova na vaca a l’avìa lassà n’arcòrd. -Tut për vardete ti, bruta gnocassa!- A bërbotava ‘l bonòm. Peui drissandse a vira j’euj e a vëd che l’ombra Camila as drissava ‘dcò chila e con la man a sercava ‘d polidesse ‘l muso tut anflà ‘d bosa.  – Ah ‘t ses finìa cò ti ant la bagna, né?-  A fa Gian Trulo content.- Un pòch a prun a fà mal a gnun! - E giù na sghignassada a chërpa pansa e lì dacant Camila làsla ghigné cò chila.  L’òm, fòra dij feuj për esse sghèrgnà a-i ciapa’l vëzzo e a pija l’andi për deje’n càuss, ma dit e fàit l’ombra Camila àussa na gamba cò chila…-Ah t’arvire? Mata parej ‘d mi!- A barbota l’òm mentre a s’ancamina su për l’ultim tòch dë stra.
Giusta calà ‘l sol, l’ombra Camila sensa dì: bon-a sèira, a l’è sparìa. – A sarà fërmasse për fé na tapa… o a sarà piasla ch’i i l’hai rusala. -  Ma rivà a cà, pen-a viscà ‘l ciair a l’è trovasse l’ombra li dacant an sla muraja.   –Tò, sesto già sì?  It l’has fait pi lest che mi!-  E parèj a l’han fait sin-a, chiel setà, chila mesa slongà sla taula da bon cambrada, a l’han mangià e beivù tant un come l’àutra peui a son ficasse tuti e doi sota le cuèrte: chiel dë dsà e chila dë dlà contra la muraja.  A sta mira Gian Trulo, ch’a l’avìa tupinasse mes bicer ëd tròp, tënner, tënner  a l’ha dije a l’ombra Camila: - Ora ch’i l’oma marcià, mangià, e beivù ansema i podoma ‘dcò fé l’amor eh? -  Disend sòn a l’è virasse ‘d colp për ambrassela ma… Patach!!! A l’ha ciapà na testassà ‘nt la muraja ch’a l’ha faje vëdde le stèile.    Da ‘ntlora Gian Trulo, a Camila a l’ha pa pi dije bè!


La gata ‘d Giovanin

 
La gata ‘d Giovanin
a l’è ciapà ‘nt le fëtte
dindon-a ‘n sa e ’n là
soa pansa greva
as cogia…as leva                         
peui a sta ciuto-ciuto
lì aj pé dla stuva
quacià sle rame sëcche…
- A l’ha piasute èh..?
andé ant la fnera
a rotolete ‘l dì
dla lun-a pie-na”…-
a-j dis Giovanin,
chila a lo varda pàsia
pien-a come la lun-a…
“…A l’ha piasume…ebin?
Còsa ch’at na fà a ti?
Mi i son pa na përson-a
për mia fortun-a
mi i l’hai scotà la lun-a
ma… pijt-la nen
che mi i l’hai gnun fastidi…                   
L’é mach la gent ch’as crusia
quandi a s’arsiga
ëd fé parèj dle bestie
cogiandse
(prima dël temp) ansema
e peui a l’ha ‘d problema…!

 

La vita …come ‘n Rosari
(Salvatore Viviani)

 
Ël cors dla vita l’è come ‘n Rosari
a  së sgran-a da quand ch’i soma nà,
a passo un dré dl’àutr j’aniversari
a passa ‘l temp ch’i ‘s n’ancorsoma pà.

 
E antant a scoro ij dij an sla coron-a
e ogni grop a l’è ‘n lament ch’ampegna
ansema tuti an coro i rëspondoma:
Prega për noi…Maria Grassia plena.”

 
Na giornà ‘d gòj…apress na giornà ‘d pior
Maria pìen-a ‘d Gràssia…”L’orassion
continua e l’Rosari sgranandse a cor

 
e j’ani a passo bësbijand sotvos
ij sacri Misteri an contemplassion
fin che giù al fond it treuve  tra ij dii “La Cros!”

 
E la coron-a a’ ripét soa complènta:
ant ël prim Misteri Glorios as contempla
un’àutra vita ch’a deurv j’euj al sol.


I campanili dell’alta Valle

O miei belli campanili della Valle Io ritorno ancora,
come un pellegrino; rifaccio il mio viaggio
per ritrovarvi, vecchi compagni di allora,
quando salutavate il mio passaggio
con la voce delle campane, allegra e triste,
musica di pace in mezzo a quel frastuono.
A volte mi bastava vedervi
per mettermi nel cuore un pò di coraggio.
Siete ancora tutti vecchi amici,
dai cupolini ben fatti a punta di lancia;
con vostre finestre di pietra svettate grigi
in mezzo ai campi, che hanno colore di speranza
anche adesso che sugli abeti ha nevicato,
e già il frassino è rosso e la terra e già dura
e si rimane volentieri in casa,
non esce più la mucca al pascolo.
Siamo quasi nell’inverno, lassù la “bianca”
e già discesa, ha già innevato le cime.
Io voglio far presto, prima che il tempo mi manca,
io vi voglio vedere tutti perché mi raccontiate
la vostra passione durante le giornate della guerra,
quando vi erano i rintocchi dell’Ave Maria
lacrime di compassione per la nostra terra
e per i figli migliori che erano via.
Buon giorno, mia bella Valle! Già Susa mi manda
un bel saluto dal grande campanile del Duomo.
L’eco gentile dal piano me lo rimanda,
e il suono delle campane si mescola con la voce dell’uomo.
Ma, più in sù  che San Giusto orgoglioso e bello,
in mezzo ai pini sembra che mi inviti
il campanile di San Francesco che poverello
mi canta: “Rimani qui, vi é il bene della vita”.
Ma io non posso fermarmi, mi tocca andare:
vi sono i bambini che aspettano, è il lavoro che spinge:
Oh! Lo so, che è bello riposare,
ascoltando i rintocchi di quest’ora tanto dolce!
E lungo la mia strada anche altri mi offriranno un po’ di sosta e tanta poesia,
ma io come i camminatori che vanno,
devo sempre camminare, sempre andar via.
Così, io saluterò solo con la mano
quello di Giaglione e in mezzo il verde più a monte,
quello bianco della Losa: come due guardiani
sono lì sui confini del vecchio Piemonte.
Più in su, già quello di Chiomonte, Monsignore della piana:
aiutato dall’Arnodera e la Ramà,
un grande rosario di suoni scandisce.
Oh, care voci, che danno il buon ritorno!
E nella comba di Exilles, già arriva l’ombra scura
vi è un campanile che ha il colore delle lose:
anche lui mi dice: “Fai una sosta in questa aria pura,
è ora che ti fermi e che ti riposi”.
Ma dopo Serre La Voute, il sole mi invita
che si allarga la Valle come una sala:
Salbertrand, suo campanile, una strada diritta
e il tramonto sulla Grande Hoche fa gran gala.
Poi l’Abbadia di Ulzio in un momento
mi riporta il profumo del tempo passato:
aria di storie antiche e piccoli conventi
leggende e miracoli dimenticati.
Il campanile della parrocchia, al borgo superiore,
con quell’aria spaesata da forestiero…
Quanti anni vissuti insieme ora per ora,
dolori e gioie cari da ricordare!
Salice gentile che sembra un ‘orazione,
Miloro, lassù come una freccia,
Beaulard, Chateau, tra i boschi e il giallo della mietitura,
e su , fino al Borgo vecchio di Bardonecchia,
vicino alle cappelle più modeste,
sono tanti i poveri piccoli campanili delle borgate
che suonano soltanto nel giorno delle grandi feste:
sono le edicole del mio pellegrinaggio.
Logoro per il sole da mille anni e per il vento,
per il furore della guerra e della tempesta,
hanno visto nascere i vecchi dei vecchi di questa gente,
hanno pianto insieme e insieme hanno fatto festa.
Sanno come presto si diventa logori
l’uomo che col suo sudore bagna la terra;
accompagnano nella vita il cattivo ed il giusto,
poi cantano per tutti in un solo modo.
Campanili, monumenti belli di nostalgia,
lo sapete che nella terra più lontana
vi rimane solo un cuore di quello che va via
lo sguardo ti dona il suono di una campana?
Campanili della Valle, li ho riveduti ancora,
i vostri prati, i boschi, i campi di segale,
e io vi saluto, vecchi compagni di allora,
buon giorno, miei cari amici arrivederci!

    

Resoconto…

 
Mi sono avviato l’indomani dopo un uragano di quelli che sembra debba spaccare tutto.   Passando davanti ad una cascina ho veduto ancora la paletta  incrociata alle catene del camino, fuori della porta della stalla.   La strada era ogni tanto segnata con solchi pieni d’acqua.
Foglie di acacia  e rami secchi sparsi in qua e là, chiudevano formando pozzanghere dove il sole si specchiava e si sporgeva tiepido attraverso le piante.  Un dolce profumo di verde, mescolato all’odore umido dei campi gialli di sterpaglia, mi mettevano nel sangue una voglia matta di correre.
Una grande pace mi spingeva attraverso i sentieri dei saliscendi dei prati, lungo i filari delle viti, che presentavano lunghi grappoli d’uva verde lucenti di pioggia e di rugiada. Le foglie impregnate dal solfato di rame avevano riflessi azzurri. L’aria del mattino muoveva la punta delle piante e i cespugli sussurravano lentamente. Io saltavo i fossi, le braccia aperte, quasi per abbracciare tutta la collina.  Quando uno stormo di rondini  sono passate cinguettando a pieno becco sul silenzio dei pendii, mi sono voltato verso la pianura. Il campanile del mio paese svettava sopra ai tetti rossi delle case come un pilone in mezzo ai campi arati.  L’orizzonte brillava di luce. Ho dovuto chiudere gli occhi e mi sembrava di affogare nel sole. “ Com’è da queste parti!…” .  La voce di Sebastiano arrivava dalla strada sopra, dove sentivo strisciare gli zoccoli sulla ghiaia. Sua testa rasata bianca, spariva dietro ad un cespuglio e rispuntava  sopra la gerla in fondo al sentiero della vigna. “Come va…” ha  ribadito.  I suoi pantaloni rigidi di sudore fregavano ad ogni passo. “ Anche questa volta Santa Barbara e San Simone ci hanno difesi!…” diceva intanto che si avvicinava. Sembrava un giovanotto da come camminava: “ Sempre più giovane, eh Sebastiano!…”   ho detto e gli ho teso la mano. Me l’ha chiusa forte nella sua mano rugosa. “ Già! Gli anni più brutti li ho sepolti nel lavoro e nella guerra! Quelli rimasti non mi pesano…” E rideva aggiustandosi la gerla piena di non so che cosa e una zucca piena di vino dell’anno scorso. “ E lei?” sporgendomi il mento, “ è troppo presto per rubare l’uva!…” strizzando l’occhio. “ Oh! Io vado far provvista d’aria di casa e immergere l’anima nel verde, che solo più voi sapete lavorare!…”. I coriandoli e le campanelle rosa ondeggiavano all’aria del mattino e le foglie delle viti luccicavano. Sebastiano mi guardava come dire: va sapere!  Un passero sul filare si dondolava stupito. “ Vede quel passero” gli ho detto “ vive di sole e aria pura, quello che la terra gli offre: Come voi , Sebastiano, come i nostri vecchi, buonanima!”-  “Ma! Noi seminiamo, loro raccolgono solo!” Parlava con la sua fronte rugosa e sudata. E  ripeteva: già….già… intanto guardava il passero che beccava . “ Ma, loro siamo giusti, non fanno male a nessuno e il Signore li tratta come dice il Vangelo. Noi invece…” e mi guardava negli occhi.  Il passero cinguettando ci è passato sulla testa. Sebastiano ha sorriso e allargando le braccia: “ Sicuro!… Ma, già… noi siamo vecchi”  c’era tutta una vita nelle sue poche parole malinconiche. Il sole adesso si vedeva sopra le acacie e bruciava la schiena. “ Allegro!…” Buona giornata Sebastiano!” Mentre si allontanava, le pagliuzze di paglia che uscivano dagli zoccoli luccicavano al sole.

 

 
Festa del Piemonte

 
In occasione della “ Festa piemontese” (che si è tenuta al Santuario di Graglia) il 21 Luglio 1968, abbiamo avuto il piacere di avere tra di noi dei piemontesi che venivano dall’Argentina.  L’incontro è stato accompagnato da una gran commozione, che ha toccato il momento più alto, quando questi nostri fratelli hanno ricevuto dalle mani dei “ Brandé”  il gonfalone del vecchio Piemonte con la croce bianca in campo rosso bordato di blu.  Nel ringraziare quei bravi ragazzi – ragazzi con i capelli grigi o quasi - hanno confessato con una sincerità che gli faceva tremare la voce e faceva commuovere più di un presente, il richiamo dei  piemontesi,  che vivono tanto lontano cosa provano per la nostra terra, i sentimenti che si accendono in loro tutte le volte – e sono tante- pensano al Monviso, corona del Piemonte, o il luccichio del Po fra le sponde verdi, le città e i borghi, anche se il Monviso e il Po non li hanno mai visti, ma solo sentito a raccontare. Ho allora pensato ai tanti piemontesi – milioni, contando i figli e nipoti di quelli che un tempo di miseria e di speranza di cercare la fortuna in terre lontanissime. Hanno per sempre lasciato la nostra regione – che vivono fuori del Piemonte, ma che lo sognano come il più bel paese del mondo.  Ebbene in quella luminosa giornata d’estate, avevamo proprio lì davanti a noi, una piccola rappresentanza di milioni di cuori che devono accontentarsi di sognare, ma che, la maggior parte, non vedranno più la nostra terra; e pensavo con tristezza che qui tanti che sono rimasti la tradiscono giorno per giorno, senza più farci caso. D’accordo quelli che tradiscono meritano un po’ di compassione: in fin dei conti, gli strumenti della civiltà dei consumi o di massa o tecnologica, come si dice per indicare il nostro tipo di civiltà, sono così numerosi, sottili e mascherati che lo spirito, preso in un ingranaggio diabolico, deve essere forte per resistere . Lo sappiamo bene che il grande rifiuto di Herbert Marcuse ha delle grosse giustificazioni.  Però nostra simpatia va a chi, come gli emigranti, professano una fedeltà che nemmeno la morte può cancellare, fedeltà che si trasmette  ai figli e da questi ai nipoti, come se un filo d’oro legasse la generazione, tanto che la poesia “ La patria cita”, per adoperare un’espressione cara all’amico Mottura , invece di morire si rinnova nei giovani. Che consolazione  pensare che in tutto il mondo troviamo sempre dei fratelli  di lingua e di razza!  Che sia però ben chiaro che per noi la razza non è una questione biologica, ma è l’insieme dei ricordi comuni: in altre parole, la storia. Io medesimo, nella mia povera esperienza nei viaggi, dei fratelli piemontesi ne ho incontrati un po’ dappertutto: a Siviglia, a Lisbona, a Londra, a Bilbao…  Qualche mese fa, mentre scendevo dal castello di Les Baux – leu sacr alla poesia provenzale, dal momento che Mistral fa dire a Mirèio: “Di Baus faréu ma capitàlo! Sus lou rucas que iuei rebalo, de nòu rebastiriéu noste viél castelas :… »  - mi sono fermato a parlare  con due piemontesi  che avevano riconosciuto uno della nostra comitiva; proprio là sotto le rovine del castello di La Baus, cuore della Provenza, paese fratello del nostro Piemonte. Poco prima avevo contemplato, dalla torre, un paesaggio che più bello non si poteva immaginare, ricordandomi la campagna con le “nuvole “ del Fontanesi.  Ma dopo a quello che ho scritto, qualcuno potrebbe pensare che il Piemonte sia essenzialmente, per noi, sentimento e nostalgia.  No, da parte nostra, vi è una profonda ragione logica. L’idea del Piemonte aiuta a cancellare i pregiudizi, le passioni, i brutti ricordi, che sono l’eredità del nazionalismo che giunto a questo momento, hanno ostacolato seriamente l’unificazione europea; l’idea del Piemonte e di tutte le comunità naturali, dai provenzali ai catalani, dai ladini ai baschi, dai friulani ai bretoni;… Solo valorizzando le comunità naturali, penalizzate per secoli dagli stati nazionali, si lavora concretamente per l’Europa.  E dopo all’unità dell’Europa, quella del mondo: ce lo ricordano i milioni di piemontesi sparsi sulla faccia della terra; ma un’unità del mondo che si faccia sotto il segno della libertà, del rispetto e della salvezza di tutte le radici, tutte le lingue e tutte le civiltà.

 

 
Gianni Trullo

 
Gianni Trullo saliva su all’alpeggio.  Il sole, scendendo, colpendolo da destra, proiettava la sua ombra lunga oltre il sentiero. L’uomo, tra un passo e l’altro, tanto per farsi compagnia, straparlava con la sua ombra che lui chiamava Camilla. – Sei stanca?- diceva Gianni, -potremmo anche fermarsi un momento a mangiare un boccone, cosa ne dici?-  E vedendo l’ombra che non fiatava:  - Chi tace acconsente!- Ed estraeva dal sacco pane e salame seduto su di un sasso incominciava a magiare. Dall’altra parte del sentiero l’ombra Camilla mangiava anche lei. – Ci sono ancora tre canne di sole, non c’è bisogno che la prendiamo con affanno. – diceva Gianni dondolando la testa e l’ombra Camilla faceva lo stesso come lui. – Ebbene fa voglia che andiamo d’accordo,- mentre ritirava gli avanzi lui e lo faceva anche lei. In seguito si sono avviati borbottando del più e del meno ad un certo punto Gianni si è inciampato in un sasso, ed è caduto con la testa in una fossa dove una mucca aveva lasciato un ricordo. – Tutto per guardarti, brutta stupida!- Borbottava l’uomo che alzandosi gira gli occhi e vede che l’ombra si alza anche lei con la mano cercava di pulirsi il viso.- Ah! Sei caduta anche tu nella fossa! Gianni contento: - Un po’ a ciascuno non fa male a nessuno!- e lui sghignazzava ed  anche l’ombra rideva. L’uomo seccato che l’ombra lo prendeva in giro, fa per darle un calcio, ma ecco che anche lei alza la gamba…-Ah! Ti rivolti! Matta come me!- Borbotta mentre si avvìa per l’ultimo pezzo di strada. Il sole scompare e l’ombra Camilla senza dire buona sera sparisce. – Si sarà fermata per fare una tappa… o se la sarà presa che l’ho sgridata!- Ma arrivato a casa, appena acceso il lume ecco l’ombra di Camilla sul muro. – Sei già qui?  Hai fatto più presto di me!- Così hanno fatto cena, lui seduto e lei allungata sul tavolo da buoni amici. Hanno mangiato e bevuto tanto che poi si sono coricati sotto le coperte; lui di qua e lei dall’altra parte contro il muro. A questo punto Gianni che aveva bevuto un mezzo bicchiere di più, tenero tenero sussurra a Camilla:- Ora che abbiamo mangiato e bevuto  insieme, possiamo fare anche l’amore eh?- Dicendo quello, si è voltato di colpo per abbracciarla, ma…. patach !!! Ha battuto la testa contro il muro ed ha visto le stelle….
Da allora Gianni Trullo, a Camilla non ha più parlato!


La Gatta di Giovanni

 
La gatta di Giovanni/ è presa nei guai/ dondola in qua e là/ con il suo pancione/ si corica…e si alza…/ poi sta zitta zitta vicino alla stufa/ accovacciata sui rami secchi…/ “ -Ti è piaciuto eh…?/ Andare nel fienile/ a rototolarti/ nel giorno di luna piena”…-/ Le dice Giovanni/ lei lo guarda pacifica/ piena come la luna…/ …-Mi é piaciuto…ebbene?/ Cosa importa a te?/ Io non sono una persona/ per mia fortuna/ io ho ascoltato la luna/ ma non prendertela/ io ho nessun fastidio…/ c’è solo la gente che si cruccia/ quando si rischia/ di fare come gli animali/ coricandosi ( prima del tempo) insieme/ poi ha dei problemi.


 


La vita come un Rosario

 
Il corso della vita è come un Rosario/ si sgrana da quando siamo nati,/ passano uno dietro l’altro gli anniversari/ passa il tempo che non ce ne accorgiamo./ Intanto scorrono i giorni sulla corona/ ogni nodo è un lamento che impegna/ insieme tutti in coro rispondiamo:/ “Prega per noi… Maria Grazia piena” Una giornata di gioia…dopo una giornata di pianto/ “ Maria piena di Grazia” l’orazione / continua e il Rosario sgranandosi corre/ e gli anni passano sussurrando sottovoce/ i Sacri Misteri in contemplazione/ fino in fondo che trovi tra le dita ..la Croce!/ E la corona ripete la sequenza/ nel primo Mistero Glorioso  si contempla con/ un’altra vita che apre gli occhi al sole.




Torna ai contenuti | Torna al menu