Civiltà campestre - Valsusa vive

VALSUSA VIVE
Vai ai contenuti

Menu principale:

CIVILTA' CAMPESTRE

SIVILTA’ PAESAN-A

Ant ël 1754 un dij nostri vej, (da part materna) Isabello Giovanni Battista, a calava giù con la famija da Momplà (Rubiana) a Sant’ Antonin ëd Susa dedicandse a l’agricoltura e a l’allevament dij bigat.  Nòstri vej a l’han comprà sta cassin-a con le stale për le béstie, na gròssa fnera al fond ëd la cort për ij carton e j’ arnèis për la campagna. A coltivavo, gran, melia, patate, vërdura e castagne ant ìj bòsch.  An costa cort a rivavo d’àutri campagnin për sërché ‘d travàj a la giornà e ‘d sèira për fè la “vijà”.


CIVILTA’ CONTADINA

Nel 1754 il nostro antenato (da parte materna) Isabello Giovanni Battista si trasferiva con la famiglia da Mompellato-(Rubiana) in Sant’ Antonino di Susa, dedicandosi all’agricoltura e la coltivazione dei bachi da seta.  Acquistò questa casa colonica munita di stalle per il bestiame ed una parte antistante per fienile, carri ed attrezzi.
Coltivavano frumento, granoturco, patate, ortaggi e castagne nei boschi.  Qui venivano altri agricoltori per avere lavoro ed alla sera per fare la “vijà” la tipica veglia dei contadini.


CIVILITE’ PAYSANNE

En 1754 notre aieul Giovanni Battista Isabello descends avec sa famille de Mompellato (Rubiana) a Sant’Antonino di Susa, en se consacrant a l’agricolture et à la culture des vers à soie. Ils achètent cette ferme où l’on peut trouver des étables le bétail et une partie d’en face pour le charettes e les outils. Ils cultivaient du froment, du mais, de pommes de terre, de légumes et de marrons dans la fòret.  Là-bas arrivaient autres agriculteurs pour travailler e, le soir, pour parteciper a la « vijà », la veille tipique des paysannes.


COUNTRY LIFE

In 1754 our ancestor (on the mother side) Isabello Giovanni Battista came down with his family from Mompellato –Rubiana to Sant’ Antonino of Susa working as farmer and taking care of silkworm growing. They bought this farmhouse with stables for the cattle and a courtyard for carts and tool. They grew wheat, corn, potatoes, vegetables and chestnuts in the woods. It was a meeting place for other farmers, lookhing for work. At night they used to do the vijà, the typical vigil of the farmers.


DIE  LÄNDLICHE   KULTUR

Im 1754 zieth unser Vorfàhr Johann Baptist Isabello mit seiner Familie von Mompellato (Rubiana) bis Sant’Antonino um: er beschäftigt sich mit der Landwirtschaft und mit dem Anbau des Seidenraupen.  Sie kaufen dieses Bauernhaus, das einem Stall für das Vieh und einem Heuboden, Ackerwagen und andere Werkzeuge hat.  Sie bauen den Weizen, den Mais, die Kartoffeln, die Gemüse und die Kastanien in den Wäldern.  Hier kommen andere Bauern auch, um Arbeit zu haben und an den typischen alten Abendgellschaften teilzunehmen.


Vita matinera

A la matin bonora nòstra cort as animava ogni dì për ancaminé la giornà. Dal porton (d’istà) as na rivavo sempre set ò eut òm ch’as prëstavo për fé na giornà ‘d travaj an campagna e nòstri vej a decidìjo ‘d vàire a n’avìjo damanca e aj dëstribuìjo ant la sman-a për giuteje tuti  a gavesse  la fam, lor e le famije, përchè a-j dasìo  la paga e da mangé.   Peuj a partìo e andasjo ant ij camp con ël carton e j’arnèis për tuta la giornà.    A mesdì noi masnà i l’avìjo l’incarich ëd porteje da mangé ant la borsa andoa mama a butava ‘l pan, la toma, d’euv dur, la sal, quaich fëtta ‘d salam, ën grilèt ëd salada, l’euli e l’asil ansema ant un botin e ant un barachin dël lait, as butava lë mnestron che peui as versava ant le scheujle.    Partìo sempre an doj, un a portava ‘l barachin dla mnestra e l’àutr ël borson che a campava sla spala.  J’òmo quand a no vëddìo a rivé a diventavo alégher e as radunavo ant un canton dël camp a l’ombra, davzin a na muraja dova as setavo con Nòno për mangé.



Otogn

Vers la fin d’otogn j’ùltim travaj ‘d campagna a l’ero la mélia, le castagne e le feuje.
La mélia as portava a ca an sij carton e avnisìa peui dësfojà ëd sèira quand as fasìo le vijà ant la stala; ël travaj dle castagne a consistìa an sopaté ij castagné con ëd longhe pèrtie, peui cheuje j’ariss ant le corbele con le mòle e portéje a ca con ël carton ch’a vnisìa veujdà an mes ëd la cort.   Quand j’ariss a l’ero sèch, tuta la famija as setava ‘n sle banchëtte për picoté j’ariss con ij picòt për tiré fòra le castagne prima ch’ arivèissa la fiòca.



Sèire d’invern – Le vijà

Quand a rivava l’invern, ëd sèira s’ancaminava a fé la vijà ant la stala dle vache, che a l’era divisa an doe part, da na muraja con la fnestra e na porta; ant ël prim local a-ì ero le vache e ant l’àutr as fasja la vijà përchè lì a- i era ‘l pajon.
Dòp sin-a giù al fond ëd la cort a-i rivava ‘d gent ch’ a vorìa fé la vijà; ëd sòlit a-i ero ‘d giovo an serca ‘d morose e a l’era ‘d mòda ‘d ciameje al padron: “làssi vijé? “
El pì vej dla famìja a sortìja e a-j fasìa intré…As conta che lor as butavo a canté lì ant la cort la canson ëd Martina conussùa ant tuta la val, a l’era ‘n “dialogo” tra le mariòire ch’a travajavo ant le stale e ij fieuj che a vorìo intré për passé ansema le sèire…e peui a intravo.  


Le vijà

Le vijà a l’ero sempre longhe, a duravo fin-a a j’ore cite…
Mentre le nòne a travajavo aj fèr o al crochèt, ij nòno a’ntonavo ‘d veje canson peui a cantavo le stòrie ch’ as tramandavo da pare an fieul, le mari a ‘ rpetìjo ‘d cantilene e ‘d filastròche për feje amprende a le masnà e quàich vòlta as pregava ‘dcò specialment quand a-i murìa quaidun ò për arcordé ij nostri mòrt.



Sël senté dël passà… a-i è sempre d’amprende

Sël senté dël passà a-j son ëd figure ch’as peulo pa dësmentié, perché a l’han lassane n’esempi ‘d vita che a fa da ‘rciam aj giovo, ma noi, giovo ‘d na vòlta lo capioma mach adess che i l’oma ‘n sle spale un po’ d’esperiensa.
Nòno Pìlade, silensios, sempre pront a parte con ij sò carton e con i’atrass për travajé …i l’oma mai sentilo dëscute an famija o ant ij camp …a l’avìa pa la lenga longa… gnanca con soa fomna, Nòna Lussìjn, ch’a rivava giù da la montagna ‘d Condove ‘n dova a l’era stàita anlevà da na famija.
Noi ‘rcordoma Nòno Pìlade an cesa, ant ëcà e an sël travaj.       An cesa…soe man a conossìo tuti ij canton, la sacrestia dij Batù, a l’era sò regn, là chiel a tënia ordinà tuti ij siri ch’ as butavo antorn ai mòrt quand a l’era la sepoltura o quand as fasìo le procession për ël pais.
Là as butava ‘dcò la bussola con ël baston, e ‘l sacchëttin ross pendù an ponta, për cheuje l’elemòsina a l’ofertòri e l’baston con ël capucc për anvisché e për ësmorté ij candlé dl’ autar magior.
Ma ‘l pòst ‘ndova Nòno a l’avia n’incarich durant le funsion a l’era su sl’orchestra.
L’òrgano, motobin antich e pressios, a l’era pa eletrich e a ventava mené an sa e an là la manùja continuament për fë gonfié ij mantes, se nò a sonava pa e chiel a savìja come fé për felo soné. Peui a giutava ‘dcò ‘l ciocaté e sovens andasìa con chiel su an ponta dël cioché quand a sonava la baodëtta. N’arcòrd che i l’oma sempre viv ant la memòria a l’è ‘l presepio.
Per Natal a fasìa ‘n gros presepio ant la sala dla ca, a pian téra, con ëd casòte ‘d bòsch gròsse come dë scàtole ‘d tute le misure e peui a l’avìa ‘dcò fait chiel le statue dij pastor, tute ‘d bòsch scolturà:
Gelindo… con la féja sle spale, Medòr… che a brass duvert a dis vers la Madona: “Contacc  che bela dòna! ”Berto… ël pastor con le braje rosse con an trop ëd féje
Amarilli… ch’a pòrta na galin-a Tersilla… con la borsa pièn-a d’euv
Vincens… ël pastor con la camisa bleuva
Aurelia… con la cavagna dël pan al brass
E chiel a-ì conossìa tuti për nòm sti përsonagi.



Sto presepio a l’era sempre visità da la gent dël pais, specialment da tanti giovo ch’a frequentavo nòstra ca, përché Nòno, oltre a mama Teresa e sua sorela Maria, nostra marin-a, a l’avìa ‘dcò ‘n fieul che as ciamava Giusepin, un fieul tant brav che a l’avìa tanti amis.
A vnisìo tuti a sërchelo ant nòstra cort e ‘d sèira as radunavo ant la stansia pròpi dzora a cola dova as fasìa ‘l presepio. Lì as trovavo con ij Vicecurà për passè la serada ansema e, pròpi cola stansia a l’è peui diventà la prima sede dij giovo ‘d la Paròchia, lì a l’è nàje l’Assion Catòlica, lì a fasìo le feste, a provavo ij teatro, a cantavo e a pregavo.
Peui, nòstr Barba Giusepin a l’è vnù malavi improvisament ëd peritonite. A l’han ricoveralo a l’ospidal, ma a l’han pa podulo salvé… a l’è mancà ant l’otogn dël 1925 e a l’avìa 21 ani.
Nòno Pìlade a l’ha sempre dine che Barba Giusepin a l’era ‘n sant e che a l’avìa ofert la vita për le mission.
Nòno Pilade a l’ha sempre dà bon esempi an famija. Ogni dì andasìa a Mëssa d’matin bonora, a ses e mesa. D’istà, quand a l’era vacansa a menava ‘dcò noi a Mëssa e a Benedission ëd sèira. Quand a fasìa frèid, a no coatava con la mantlin-a nèira parèj noi i stasìo lì sota al càud e i sentìo subié le braje d’avlù -friv-friv-friv-
Ant ëcà a menava chiel ël Rosari ‘d sèira ant ël mèis ëd Magg, ant le feste dla Madòna e ant ël dì dij mòrt. (23-5-1873 Sant’Antonin 9-12-1941) - Grassie Nòno Pìlade, ti ‘t l’has lassà n’arcòrd così viv an noi che i voroma trasmëtlo a j’àutri.



Ël museo dla siviltà paesan-a

Come as intra a-i è ‘n coridor andova na vòlta ‘s disfojava la melia ‘d sèira d’otogn e as cantava.
Lì davsin a-i era la stala con le vache ‘ndova ‘s contavo le stòrie.
Pèn-a intrà, su ‘n cartlon as vëddo dë schede ch’a mostro come a l’era la cà na vòlta: la cort con l’òrt, ël magasin da vin, la ca ‘d campagna, la fnera e ‘l museo dla siviltà paesan-a.
Andand anans as vëd subit l’albero genealogich, come dì la pianta ‘d famija dël 1754 ëd Giovan Batista Isabel ch’a rivàva dal Momplà-(Rubian-a) e d’antorn a-i son ëd fotografìe ‘d famija.
A-i son ëspòste le schede didàtiche dj ‘arnèis dij nòsti campagnin, për ël bòsch, për le vache, për porté la ròba, fòra ‘d cà, ant la cà, antorn ‘l feu, lontan da cà,’n cusin-a e për d’àutri travaj.
Sota le schede a-i è ‘n càval “dòndòlo” e na cita cun-a.
Su n’asta a-i è na espòsission ëd la via Turin e na planimetria ‘d Sant’Antonin con riferiment ëd la ca ( dij nòstri vej).     Tut antorn a-i son ëd garbin, ëd cavagne e cavagnin. Un trapàn antìch a l’è espòst su ‘n ripian con vàire martej ëd tute le forme e ‘d cò un “pallottoliere” balotolié fait da Nòno Pìlade.
La visita a continoa ‘nt la cròta granda, pèn-a intrà daré dla pòrta ‘s treuva la ciàna për conservé j’euv ‘nt la caossin-a për l’invern.  A drìta ‘l bòtalin ëd  l’asil, ij doi chërdensin për le tome e la ròba da mangé e ‘n mes a-j son le burnìje dle erbe medicinaj e për le tisane-( Ambrun-e –për la vista e la stitichëssa)-( Argalìssia ‘d montagna-për la toss)- ( Ărnica-për le distorssion, infiamassion dël ginoj)-( Buss-bianch-për la pression aota e sonnifer)-(Biola-diuretich)-( Chartreuse- digestìv)-(Calendola-për ij dolor reumatich)-(Erba dla péra-për l’ infiamassion a la pròstata)-(Fior ëd tij-për la toss, asma, bronchiti)-( Gratacùj-për ij reumatismi)-(Liri bianch e euli-për ‘l feu ‘d S.Antoni)-(Limonaria-calmant)- (Malva-për l’infiamassion)-( Melissa-tranquillant)-(Menta-calmant)-(More-për mal ‘d gola)-( Ronze-për la rauceugna)-(Sambuch, sira d’ avije e euli-për le brusature)-(Sambuch-për disgonfié ij pé)-( Trucaram- për le brusature e piaghe) .Dzora l’ass long, le bote con ël march ëd le Società Agricole ‘n Val Susa, le burnìje con le sàose ‘e ij bolé ‘n compòsta për l’invern.  Sota bin ëslargà j’arnèis da munusié ‘d Nòno, peui na veja stùa fransèisa e la mòla a eva con j ‘arnèis ëd la campagna tacà la muraja.



La balada dj’ atrass

Framenta ‘mbaronà
al fond ëd la “ ca veja”
sarà dal froj dël temp…
Neuit ëd baudeuria
tra le ragnà ch’a biàuto
a l’ aria dle filure.

Na sapa frusta a bala
na dansa rùstica:           
odor ëd tèra grassa,
pieuva, sol e rosà,
la smens che già a fërmenta…

Davzin a chila n’erpi
argrigna ij dent aùss:
-tèra dura, at dësmentia
st’umanità malavia ?

Ël fèr grev ëd na slòira
s’anfonga giù ‘nt la mota
sognand ëd longhe preus:
ma dòp che ‘l beu a l’è mòrt
che ‘d brass s’ancrosio!

Rastej e forche e trent                             
baland ansema a ‘rvivo
ij dì dl’amson:
përfum ëd pan ëd cusiòira…

Ant la pas dla “ca veja”
ombre d’assel a canto
na siviltà paisan-a.


Piassà ant ël canton, ël fornel che ‘l Grùp “La Galavia” a dovrava për le Vijà ‘n Val Susa e la bandiera dël Piemont.
Ansima an pian con lë sfond d’un panel piturà da “ Becucci” ( pitor famos ëd Vaje) ch’a rapresenta l’artorn da la campagna, a son espòst ij minerai ëd la val, (calciti, granati, malachiti ecc.) ij vaire lumin a petròlio, ij fèr da stìr, le sòtole e àutri arcòrd dël passà!...
Su ‘n ripian a-i son j’atrass për cheuje le castagne, j’arnèis për travajé la campagna, për ël lait e le machine për ampinì e stopé le bote, a-i è’dcò la machina për disgruné la melia e ‘l trabìcol për buté a scolé le bote. La machina për dé ‘l vërdaram a l’uva e la macchina da gradé ‘l vin.



Chopin…

Ant la vita a socedo tante ‘d cole còse che  a l’è bel comunicheje ‘dcò a j’àutri, specialment se a lasso na marca ‘d gòj o ‘d dolor ant l’ànima ‘d chèidun.
Ant nòstra ca veja, da tanti ani, a-i è ‘dcò ‘n piano ‘ndoa noi masnà s’esercitavo për amprende la mùsica e savèj soné.   Tuti ij giovo ‘d nòstra ca a l’han carëssaje coj tast bianch e nèir fasend content ël cheur ëd chi a-j sentìa, comprèis ël gat che a scotava con veuja sté sonade armoniose ch’a parlavo d’amor… A -j piasìa sauté ‘n brass a mia novoda mentre a sonava, o setesse lì avsin e a bogiava pì nen, a l’era ‘ncantà… Për lòn mia novoda a l’ha ciamalo Chopin … come ‘l grand compositor  ch’a l’è ancora adess anquadrà lì an sla muraja dzora ‘l piano, an companìa ‘d Beethoven,  peui un dì a l’è montà ‘dcò chiel an màchina për andè an montagna con noi, su a la Presa Caté a 1000 mt., ma lassù a l’è përdusse ant ij bòsch, spaventà da ‘n can  e pì gnun a l’ha trovalo.   Tuti a son andalo a sërché, a l’han ciamalo da tuti ij canton: Chopin!… Chopin!…Macché …chissà ‘ndoa a l’è finì … noi i disìo:
sarà sta spaventà da na màchina e a l’è rotolà giù da la scarpà dla montagna… o forse quàich  bestia servaja  dla neuit a l’ha massalo …o ‘n tajsson l’avrà mangialo …Peui a l’è rivà l’otogn, la gent a l’è calà giù al pian e le Prese a son diventà veuide…Mi i son ancora andàita vàire volte da sola su për la stra dla Presa.  Ogni tant ant le curve, andova a-i è ‘n po’ dë slargh, i fërmavo la màchina, peui i marciavo ant ij bòsch e, con la man aranda a la boca për fé l’arson ëd l’eco, i crijavo con tut ël fià: Chopin!… Chopin!…mia vos as difondìa tra ij bòsch ant ël silensi dla montagna e as arpetìa për le combe; Chopin!…Chopin!… Se chèidun da chèich Presa a l’ha sentume, a l’avrà dit:-Chila lì a l’è mata… a ciama Chopin!…
Quand a l’è rivaje ‘l fréid pì gnun a montava su a le Prese e mi i son andàita giù fin-a al mar prima ch’a rivéissa l’invern.   Un dì am ciamo al telefono da la Valsusa …a l’era mia novoda che a l’ha dime:    -“ E’ arrivato Chopin!… l’ho sentito miagolare sul tetto della casa… era là con la testa in giù.. che mi chiamava!…E’ molto malandato!!! Chi as lo spetava ‘ncora dòp quasi tre mèis?…I l’hai ciapà la màchina, i son partìa an tromba e i son tornamne a ca.
Quand i son intrà ant la cort i l’hai dà ‘n colp ëd clacson : tut … tut…! Chopin a l’è rivasne trantoland giù për le scale dla ca veja vers la fnera, ore  mia ca, màire e patì…e peuj a l’è cogiasse arvers dnans a la machina, mentre ‘l cheur a batìa fòrt, così fòrt che as vëdìa, tant, a l’era comòss e content ëd trovesse  a ca tra soa gent ch’a l’ha vorsuje bin…
Pòvro Chopin ! Cola vita randagia ant ij bòsch a l’ha pròpi faje ‘d mal përché a l’è vnù malavi ….e peui a l’è mòrt!



La barba dël “ RE  GENTIL”   

A-i era na vòlta ‘n  Re che për sò bel deuit a l’era guadagnasse ‘l nòm  ëd  “ RE GENTIL”.
Come an tute le stòrie, ‘dcò chiel a l’avìa na fija da marié e a studiava dì e neuit la manera ‘d trové ‘n brav fieul ëd bon-e qualità për esse degn ëd diventé prinsi.
Un dì a l’è vnùje n’idea: cola ‘d bandì na gara tra tuti ij giovnòt ëd sò pòpol, rich ò pòver ch’a fusso, nòbij ò nen nòbij, sensa distinsion, për valuté  soa longa barba bianca.
Chi ch’a l’avèissa fait na valutassion pì giusta a l’avrìa avù l’onor dë sposé soa fija e d’esse un dìj sò socessor al tròno.  Dit e fait a dà l’ordin e na partìa ‘d soldà, a monta a caval e a va an tute le diression dël regn.  El son dël còrn arson-a për le contrà, tuta la gent a cor an piassa për sente la crìja: “ La bela principëssa a sarà dàita an sposa a chi a savrà valuté la barba dël Re!”
La vos a cor, tuti as preparo a presentesse për ël prim quart ëd lun-a ‘d mars, temp ëstabilì për la presentassion dij concorent.    Tuti as na rivo lustr e pien dë speransa e as piasso dnans a la giurìa… El Re a-i fa bon-a acoliensa a tuti, peui, dnans al gran consèij dij ansian  a-jë scota un për un.    Ëd risposte a son saotajne fòra ‘d tuti ij color e ‘l Re a scotava, a scotava pien ëd curiosità.
Un a l’ha dije che soa barba a valìa tant come tre min-e d’òr.  El Re a smiava fin-a sodisfait e ‘dcò ij consijé.  ( La min-a, për chi a lo sa pa, a l’era na misura ‘d capacità ch’ a tenìa  22 lìter d’eva o 18 chilo ‘d mélia ). Subit dòp n’àutr a vàluta la barba për 100 sach ëd gran!
-“ Costa a l’è na rispòsta bon-a”-a dis ël Re.   Se a-i ven na carestìa, còsa a peul fé l’òr?
Con 100 sach ëd gran as peul gavé la fam a tut un pais!”
Ma a-i era ancora da sente ‘n campagnin che a s’ancalava gnanca a presentesse.
Tuti a lo vardavo e a pensavo tra d’lor: -“ Còsa a podrà mai dì ‘n campagnin che a sa gnanca lese e scrive…”- El brav giovo con l’aria ‘n pò dròla a fa ‘n pass anans e peui a dis tut d’un fià:
“ Na pieuva ‘d mars, na rosà d’avril valo pì che la barba dël Re Gentil!”
Tuti a son restà dë stuch e ‘l Re, aussandse da sò cadregon a-j fa: “ Brav!… Brav!…Costa sì ch’a l’è na valutassion giusta!     L’avrìo mai pensalo che it fusse na testa fin-a!  
Ti it saras col che a sposerà mia fija!”



L’òrt ëd la vita

Cala la neuit e ‘l silensi anvilupa le ca, ij pra e ij camp ëd mè pais. Mi in cogio pàsia e i passo an rassegna tuta la giornà për vëdde s’a mérita d’ofrjla a Nosgnor, peui im giro su’n fianch e prima ‘d pié seugn come mia costuma, i parlo con mia Mare, cola che Gesù a l’ha lassame, la Sua.
A Chila as peulo fé le confidense ëd tuti ij crussi, ciamandje agiut për tiré anans e j’arcomando tut lòn ch’a më sta a cheur… Oh che dosseur a l’è parlé con Chila!
Mentre jë parlo, mè cheur a bat pì fòrt compagnand le paròle e l’arbate dle polsassion lo sento travers j’arterie… L’è anlora che mia testa pogià lì ‘n sël cussin, a-j conta parèj ëd quand chi j’ero cita. A l’è na sensasssion dròla ch’am pòrta lontan, lontan ant ël temp, quand chi j’ero na masnà su për giù ‘d tre ani… Mama an cogiava e peui an carëssava cantandme na naneta, ma mi, pià da l’afann che chila am lassèissa lì tuta sola, për calé sota ant la cusin-a granda a fé soa vijà, i sentìa sël cussin come ‘d colp an cadenza...ton… ton… ton… Alora mi i disìo: -Mama, chi a l’è ch’a bat?
E mama an rëspondìa: - Sta brava, it ses pa sola… prima ‘d tut lì davzin a ti a-i è l’Angel costòde –e am mostrava n’angiolet piturà ant un quader dzora dël let – e peui col bate che it sente sempre a st’ora, a l’è San Per ch’a sapa! – San Per ?  -Sì San Per, a ven tute le sèire a sapé ‘nt l’òrt, it lo sas e at ten companìa…E mama an ponta ‘d pé as na andasìa mentre che mi scotavo San Per a sapé.
Oh sapiensa dle mari dna vòlta!  Mi im lo vëddio San Per  giù ant l’òrt aussé la sapa e ògni colp arsonava ant la neuit ëscura e arbatìa sël mé cussin.  Im lo vëddìo con na vesta ‘d tèila bianca, n’òm pa tant grand, ma bin piantà, robust come ‘n campagnin; un colp apress ëd l’àutr, mai ch’as fërmèissa un moment a pié fià, macché sempre a sapava …ton…ton... ton… Ma còs mai dovìa pianté San Per tute le sèire lì sota ant l’òrt?  E chissà peuj përché San Per e pa San Giaco o San Giovann… No, San Per! L’apòstol che Nossgnor a l’ha sërnù, con tut ch’a l’avèissa cò ij sò difet, për continué soa mission. E peui, përché San Per a sapava se a l’era ‘n pëscador ?…Già, përché noi campagnin, ij pëscador gnanca jë conossìo e la sapiensa o la fantasìa ‘d mia mare a-j piasìa penselo campagnin forse përché as lo figurava fòrt come ‘n tron, rùstich come ij nòstri vej, ch’a travajavo tuta la giornà da n’Ave Maria a l’àutra. Adess che i penso …a son doimila ani che San Per, ant le figure dij sò socessor, a rusca con o sensa profit, sia ch’a pësca ant j’eve tërbole dël mond, sia ch’a sapa ant l’òrt ëd la vita për sëmné ‘l Vangeli e fé chërsi la pianta dl’Amor parej come a l’ha mostraje Gesù, sò Magister. E andova a-i è l’amor, a-i è cò la giustissia, la fradlansa, la speransa e la pas, ch’a son ij frut pi pressios ëd la vita.   Con San Per a travajo tanti Apòstoj e tanti Dissepoj; Vesco e Prèive dle comunità, missionari e gent d’ògni livel e d’ogni rassa ch’as dédica a j’àutri…”Andé për ‘l mond a prediché ‘l Vangeli…”. Chi a sapa con la paròla, chi con la sapiensa, chi con la carità ch’a l’è testimoniansa, o con la soferensa, na sapa d’òr ch’arbat tuti ij sò colp d’un cheur ch’alimenta, travers  j’arterie, ël sangh dël martìri che Nosgnor apresia! Soferensa, predicassion e carità ch’a nutrisso le rèis ëd le piante ch’a portrann ëd frut e quand ij frut a saran madur, anlora, mach anlora a-i sarà ‘l temp ëd cheuje. Ven-a Tò Regn, Nosgnor!


Novembre 1968

N’Opel Kadette a corìja për la stra carossabila dla Val Susa con dificoltà për la nebia che pròpi lì ai pé dla Sacra ‘d San Michel a stërmava ij paesagi dle montagne ant l’ora dël tramont.  I l’avìo pen-a passà la stassion ëd Sant’Ambreus e m’avisinavo al “gir ëd l’òra” quand a l’improvis i l’hai avù na sorpréisa che a l’ha colmà col gran veuid ëd mia vita da quand che i son restà sola a Sant’Antonin.





Toe man (dedicà a Marin-a,  Maria ‘d Pìlade)

Toe man
tant ëstrache,
son lì fërme,
torzùe, piagà…
A sento ‘l profum ëd la tèra
dij tò camp,
dij tò pra…
Toe man,                                           
mèistre ‘d ricam,
ch’a savìo come ‘n pitor
traponté an sla tèila
ël color ëd le fior…
Toe man, ch’a fasìo la lëssìa
d’una gròssa famìja,
e la sèira
as fërmavo con gràssia
an sla testa ‘ndurmìa
dij pi cit, ant la cun-a,
për posé na carëssa…
Toe man
che trames ij travaj
a sgranavo ij rosari,
e a passavo ‘n sla front
për suvete ij sudor,
son fërmasse,
a s’arpòso ‘dcò lor !



La biciclëtta

Quand l’òm a l’ha ‘nventà la biciclëtta
dovìa pro esse stofi ‘d marcé a pé:
forse ‘n quaj o duron lo tormentava
o n’ajassin a lo fasìa sopé.
Alora a l’ha pensà ‘d ciapé doe roe
a l’ha montaje su ‘n tlé anciovà con d’ass,
peui a l’ha piassaje dnans un tòch ‘d manten-a
për tense drit pogiandse con ij brass,
a l’ha sercà na stra ‘n pòch an pendenza
e…giù ‘d na bira, a l’ha lassasse andé
l’avrìa ‘dcò podù rompse la testa,
ma  l’avù gnanca ‘l temp ëd rubatè.
Sla fin l’ha rifinila con passiensa
giontandje ij fren, na sela e doj pedaj,                      
peui a l’è andass-ne a spass subiand an bici
parèj a son guarìj duron e quaj.
A-j mancava mach pì na sonajera
për arciamé ij pedon a tense an là,
ma sté sicur ch’a l’è bastaj soa dòna
con soa bërtavela a feje stra.
Adess che a st’invension a-j manca gnente
pòchi a l’apresso, la gent a l’ha pì car
viagé su na quatr roe tuta lustra
setandse sna poltron-a lì al ripar.
Pensé che andé sla bici a costa gnente
gnanca damanca d’esse patentà,
pa da pié ‘l bol, pa da fé ‘l pien ‘d benzina
basta ogni tant mach deje na pompà.
A l’era ‘n servel fin chi a l’ha ‘nventala,
pa ‘n fòl e pa ‘d sicur un fafioché…
conven scotelo e bogé ‘n po’ le gambe
a basta avèj mach veuja ‘d pedalé.
Al di d’ancheuj che l’aria a l’è anfetà
e tuti a studio ‘d risané l’ambient
lassoma la vitura e andoma an bici
ch’a sarà mej, tenomlo bin an ment!



Mé presepi (Natal 2000)

Mi i son fame ‘n presepi a mia manera
sensa mofa, candèile e rissolin
e fiòch e frange come ‘nt na giojera
e sensa papé d’òr e rame ‘d pin.
                                                                           
Pitòst che ‘n cit canton basta ch’a sìa
drinta ‘l cheur i l’hai daje ‘l pòst d’onor
për bin ch’a sìa dròlo e foravìa
a pias a mì e a-j dëspias pà a Nossgnor!

Bele parèj che ‘d ròba ch’a –i è drinta:
i-è mia cesa, le cà ëd mè pais
e ij personage, nen piassà për finta,
ma pròpi ‘d carn e d’òss son tuti amis.

A-i son ij cit ch’i vëddo për le stra,
la gent ch’ incontro ‘d sòlit dì për dì,
i-è  mia famija e ‘d cò j’avsin ëd ca
giovo e vej, malavi e dëgordì.

A-i è la mia Val Susa e ij sò problema
la gent ch’as dà da fé për conservela,
sensa rusé…capisse… tuti ansema
e progeté për tant ch’a resta bela!

E peui a-i è ‘d cò ‘l pòst për na Coral
cola dël Ròciamlon përchè j veuj bin
e i na profito për dije “Bon Natal”
canté, sarà content Gesù Banbin

Cogià ‘n sla paja sorident e biond
e tut antorn a canta la Coral
a canta: “Glòria al Cel e pas al mond”
avnì ‘nt ël mè presepi Bon Natal!



Povertà

Povertà a l’è pa mòrta
mai come ancheuj
an fond a tanti cheur
l’è viva.                                                     
L’è pa vestìa dë strass
parèj dna vòlta
e a spòrz pi nen soa man
ciamand limòsna.
D’esse pòvra a sa pa,
‘s n’anfot dël temp ch’a passa
as na sta lì
a vive a la giornà
parèj dna fòla.
Che dròla!
Ti povertà d’ancheuj
it ses giovo e ‘t sas pa rije,
na vòlta it contentave
ëd lòn ch’it l’avije
un tòch ëd pan për vive
e ‘t ringrassiave ‘l cel.
Për tant ch’it l’àbie adess
a basta mai a rendte sodisfaita
e‘t sas pa gòde
pì pòvra che parèj
podrìje pa esse.
Pensé che la richëssa
l’è lì a portà ‘d tuti
ant ël segret ëd l’ànima
e tansipòch ch’it serche
a volontà ‘t na treuve
basta slonghé toa man
e ‘t ses na sgnora!


LE STAGION



Primavera

Gëmme ch’a buto
a së specio ant ij tò euj
masnà
da la cavièra còtia
come ‘d fil d’erba.
Da tua boca polida
paròle frësche a seurto
e toa riàda sclin-a
në sbrincc
d’eva ciàira…
La man i sporzo
Cheujla, bèjvla a golà
për sente ‘l savor
ëd la prima.



Istà

La càud a cheus l’asfalt
doa ij motor arbombo
an serca ‘d gnente…
Tanta gent an sla sàbia
carn patanùa al sol
a svapora
le maladìe dl’anima…
Sij brich le fior servaje
color polid a spòrzo
e gatià dal vent
a rìjo.



Otogn

Na giràndola ‘d feuje
doa ij color s’andòro
ant la rajà dël sol.
Tuti j’ arcòrd
sël palm ëd dla man…
Basta na folà ‘d vent
e a vòlo via…
An sl’armanach
ogni tramont a marca
na giornà ‘d meno
e mach d’otogn ‘t ’arcòrze.



Invern

Cala la galaverna
sle piante rèide
figure spàlie
arlongh la strà.
Se ‘n cheur a bat
a l’é anvlupà
da ‘n vel ëd giassa
ch’a lo përnisa.
La frèid as rùsia
l’umanità
doa l’amor a gela.
Veuj visché ‘n feu
për escaudeme.



Sèire d’invern

Quader…
fior…
piche…
cheur…
e la sèira a passava
giugand a carte…
scopa
briscola
trè-sèt
set e mes
e la pèndola a sonava
bèivoma ‘n bòt?
Bèivoma!
Foma la bon-a?
Fomla…!
E le carte a sghiàvo,
ant le man rupìe ‘d Nòno…
L’invern a sentìa l’odor dla stua
Nòno a sentìa l’odor dl’invern.



Toe parole (Loano 1980)

I conto a un-a a un-a toe paròle
smens ëd sapiensa, fior an sl’ambrunì,
a spàntio sò përfum sël vieul ‘d mia vita
che anchieta va sërcanda l’infinì.

Arson-o dì për dì sempre pì dosse,
an rojo drinta al cheur parèj ‘d canson
che meusie ant un bësbìj a së slontan-o
përdendse an mes aj bòsch foà dl’otogn.

Al feu dël tò tramont parèj dë spluve
cunà dal vent a brilo sota ‘l cel
paròle-fior sbossà tra j’intemperie
adess l’han la noansa dl’arcansiel.


A l’è dì  (Loano 31-1-1983 Ospidal S.Corona)

E gìà straca la lun-a
a tramonta
sël dorsal dla rivera
e dal mar
n’àuter dì a s’anandia…
Fasse rosse
ch’a sfumo ant ël reusa
as profilo lagiù
tra ij vapor matiné.
Viva ‘l sol!
Com-Dio-veul stamatin
l’oma vist ësponté
torna l’alba!



Vijà (Loano 28-2-1983)

Frange d’afann
a  ondojo an sle muraje…
satìe ‘d pensé a son j’ore,
che longa a l’é staneuit!
A basta nen
ël ciair ëd mia vijà
a tèn-e anvisca
la lampa dla speransa.
Ti, mé pare e la neuit
ch’a l’ha dà ‘l via a mé vive…
Mi, sì an pen-a e toa vita
a la mersì dla neuit…

Sent come a pieuv,
boneur për la campagna,
përfuma ‘d prima l’ària
e tute gëmme a rijo…
Mach mi… angossà!
Podrai ancor portete
an mes aj pra dla val
a sente subié ij merlo
sij ròch ëd “Cantaran-a?”



Artorn (Sant’Antonin 27-3-1983)

E a l’era sì
che ti torné ‘t vorìe:
an mes a toe montagne…
e ‘l vent
l’é vnute ancontra.
Varda: su vers ij bòsch,
lì dzora ‘d cà,
se già ij croass it vëdde
a prontè ‘d nià…
Da sì ‘n mèisòt ël coco
a‘nventerà ‘n motiv
për fete festa
e a sbosseran ij liri
sël brich ëd la rochera…
Vëdrass, vëdrass papà.-
-Son già content paréj
ringrassio ‘l Cel…
Che bel podèj torné!
-Mi an basta già ‘l present
contut ch’a fa piasì
un tochetin d’avnì,
‘n pò‘d doman!…-



Ël coco (Sant’Antonin-Avril 1985)

E ‘l coco a l’ha cantà
cò l’ann aprèss,
e st’ann ancora arsonerà
sua canson veja…
Pì curva toa figura
crasà da la tempesta…
Ma l’erbo arzist
che mach ël tron lo strompa!
Ancheuj
combin ch’it baje ‘d neuja
e tut t’agreva
sia grassie al Cel !
Sla sëppa stagionà
veuj arposeme
për contè ansema j’ani
e ambrojè ‘n pòch ël temp
mentre toe rèis
së slongo…



Papà (13-11-1902 Sant’Antonin 22-3-1986)

Ij campagnin a lo san che ‘l disgel a l’é ‘n moment dificil për tute le creature, a peul esse ‘l segnal për ël dësvìj ëd la natura, ma a peul ‘dcò esse fatal për un cheur ëstrach. Col ëd Mario Caté, a l’é fërmasse a l’ariv ëd la primavera…

E adess che ti
smens ëd nòstr camp
librà dla preuva
basà da l’ùltim sol
tornatne ‘t ses
ant ël grané dël Cel
a ca dël Pare Sant
e tut potent
doa ‘l sol
mai pì tramonta
tì che la sei ‘t ësmòrte
a la Sorgiss dl’Amor
pensa ai tò fieuj
ch’a son restà sì soj
e ten-ne unì
Papà, prega për noi!


Pelegrinagi

Veuj fé ‘n pelegrinagi
an fond dël cheur…
marcé sla stra dl’amor
parèj come ch’as marcia
arlongh d’un rì
tra ronze e fior
monté, monté
su fin-a a la sorgiss…
Veuj lassé lì mè « Mi »
E andé a sërché col dj’àutri.



Tua lus

Mach chi ch’a conòss la solitudin
peul savèj vàire ch’a son  le stéile
e parlé con la lun-a
peul ëscoté tut lòn ch’a dis ël vent
e la pieuva ch’a bat an sij véder
a peul sente la vos ëd le fior
o d’un ùmil fil d’erba…
Chi ch’a conòss la solitudin
a sprofonda ‘nt ij sò pensè
e a l’è lì che, se a veul,
a peul ëscreuve
Toa Lus Misteriosa !



T’arconòsso

Vàire vòlte
it ancontro
t’ëm ëspete…
it ses sempre
angossà…
mentre it monte
la stra
dël Calvari…
e mi i sosto
un moment
anciarmà
da ‘n tò segn…
T’arconòsso:
ij tò euj
a son coj
che mi ancontro
ògni dì
e ‘dcò Ti
t’am conòsse
e t’am goarde
insistent
da la cros
t’am soride
e stassèira
‘t l’has basame…
Oh, it ringràssio
Nossgnor!
A l’é cost ël moment
misterios
che t’am fase capì
che ‘nt la pel martorià
d’un fratel it ses Ti!



Stamatin (I° Vënner – Magg 1990)

Stamatin
l’hai marcià
sle toe strà
e tò cheur
a batìa
an sël mè
ch’a cantava
la gran goj
ëd portete
ant ël mond…
Un vent doss
a sofiava
tante nuvole bianche
a giogavo
ant ël cel
tut polid
mentre j’uss ëd le ca
s’ambajavo
doa ‘t j’ere spetà
peuj ‘s durvìjo
giojos
a l’ancontr.
Oh! Nossgnor
Creator
che t’amuse
e che ‘t degne
ëd calé giù dal Cel
fete Pan
për dé vita
a le toe creature!



Oh fusso bon (Febbraio 1993)

Oh fusso bon
rimpiassé la carità
con l’amor
e vivlo…
Oh fusso bon
fé an manera
che nòstr cheur
regalà
da l’Amor an përson-a
peussa bate
pa mach për la vita
ma ‘dcò për l’amor…
Oh fusso bon
dësmentié
për pa dësmentiè j’àutri
dé tut nòstr temp
për pa pèrdlo
përdoné
për esse përdonà
dovré tuti ij talent
che Chiel l’ha dane
e feje rende
e andé, andé,
seurte da nòstra cà
an serca dj’autri
Oh fusso bon!



Na carëssa

Chi lo dirìa mai
còsa a peul fé
ant un còrp trasparent
e distrut
na carëssa…
L’é mach un gest usual
un segn ed tenerëssa
ch’anvisca splue ‘d gòj
ant j’euj angossà
ch’a seuffro an silensi.
Na carëssa…
E ‘l cheur a bat pì fòrt
le man dan segn ëd vita
e ant col servel
confus e già anebià
l’è tut un desvijesse
ëd célule andurmìe:
l’arciam ëd l’amor
la sava dl’anima…
E tut col moviment
da vita a la paròla
ch’a seurt sicura, scandìa…
T’am ciame për nòm
t’am base la man…
Për ti l’è na carëssa
‘d toa mare,
dla gent ëd famija
quaidun ch’at veul bin...
Për mi, Nossgnor,
it ses Ti
che t’am fase capì
d’avèj arséjvù
mia carëssa.



Paròle

Paròle, paròle, paròle
a son ëd mòda ancheuj…
ciapeje al vòl
siasseje col bonsens
fisseje su ‘n papé
con ‘d còla màgica,
lésje, arlèsje e sèrnje
al ciair ëd la rason
e peuj fé lest
për realiseje
dëdnans che ‘l temp
ch’a schersa pa
a jë scancela
dësnò tut fià sgairà.


Poesia

Quand che ‘l magon
a massa la speransa
tut as fa scur
e ‘l dì a smia la neuit,
fè ‘d poesia
l’è mach në sfògh dël cheur
l’è nen “poesia”…
Quand che l’afann të strenz
e fé poesìa
a l’è mené ij pensé a la discaria
l’è nen “poesia”…
ma quand che andrinta dl’ànima
a-i nass cola dosseur
ch’a cissa a voréj bin
alora, fé poesia
a l’è avzinesse al Cel
“Sorgiss dl’Amor!”



I l’hai

I  l’hai carëssà ‘l cel
e i l’hai tocà le nuvole
i l’hai vdù nasse ‘l sol
e tramonté
i l’hai studià la tinta
‘d mila fior
sai còsa a l’è la blëssa
dël creà, col ver
nen col ch’i l’hai piturà
an sle tèile…
ma quand i sparirai
ant la grand’ombra
an serca ‘d cola Lus
ch’a l’ha creame
mi i sai che ‘l cel, ël sol,
le nuvole e le fior
am sërcheran…



Doman

Quand che primalba
a sponterà doman
a sarà primavera…
a torneran j’osej
tra ij branch dij ceresé
e grì e ran-e e siale
a daran un concert…
Doman la tèra arsonerà
dna canson neuva.
Ariverà ‘l doman
e a sarà Regn ëd pas
apress che ‘l Cel
l’avrà piorà soe lerme…



Tante man (Miragi ‘d comunità)

Quante man, oh Nosgnor,
a travajo për Ti
tante ment ch’a s’angegno
tante man ch’a s’ampegno
për fé comunità!
Tante man
ch’a fan bela toa cesa
ch’a adorno tò autar
ch’a piego a dabin
tanti lin.
Tante man ch’a san cuse
a sorgëtto
ch’a taco ij pisset
ch’a stiro ij rochet.
Tante man
ch’a travajo për d’ore
con cadenza ritmà:
ogni pont ëd la gucia
ogni colp ëd martel
un bisbij d’orassion
compagnà da intension
che ‘d respir a-j compagno
peuj a s’ausso
ant ël cel come ‘n vel.
Tante man ch’a disegno
ch’a pituro, ch’a scrivo
tante man ch’a ramasso
a sbarasso,
a sistemo a sò pòst
e che tòst
peui artorno
a fé tut da stërmà
për fé comunità.
Man ch’a spòrzo:
a carësso ‘n malavi,
man pietose
ch’a socoro ‘n masnà
generose
ch’a san fé carità
man unìe
d’anime pìe
ch’a sgran-o ‘d rosari…
Tante man ch’a tapagio
an comunità
man sensa età…
e quaich vòlta a smio spòrche
ma për tuti
as dan sempre da fé
autre man ch’a preparo
e ch’a servo ‘l disné,
ma a son sempre polide
për Nosgnor
tante man
ch’a fan tut për amor!



Podèj (Natal 2003)

Podèj ancor marcé
da viv sla stra dla vita
për un po’ d’ani…
Podèj fé ‘n bel soris a tuti
coj che ancontroma…
Podèj seurte ogni dì
content da nòstre cà
për ancontresse…
Pa avèj gnun fastidi
né dolor ch’a straco…
Podèj porté confòrt
podèj sëmné speransa
a coj ch’a pioro…
E dè na man a tanti frej
ch’a seufro …
podèj mai lamentasse…
Podèj ancora për un po’ ‘d temp
trovesse ansema
për peuj cantene un-a
podèj…podèj…podèj…
Avèj sempre la memòria avisca
për arcordé dël nòstr passà
mache le còse bele…
Le brute buteje ‘nt ël sach
(ëd le imondìssie)
e peuj campeje via…
Podèj ancor setesse
a l’ombra dj’ani
e gòdi tut lòn
che i l’oma fait ëd bel
e peuj contelo ai giovo
për lassé ‘dcò n’arcòrd ëd noi a j’àutri…
Podèj ancora intré da drit
e pa da arvers an cesa
për canté ancora ansema
le laude al Creator
dije “mersì” dla vita ch’a l’ha dane
ciameje scusa e ‘d cò n’agiut
për ësto pòvro mond tant dròlo
ch’a staga brav
e a viva an santa pas con tuti. Bon Natal!



Natal  

Anvisco mé siri ‘d Natal
e i m’ancamin-o
për la stra dla pas…
Che ‘d ronze sla stra dla pas
e mi im dëscausso…
l’è sfrosa e a monta
la stra dla pas
e mi i tribulo…
l’è longa e dolorosa
come ‘n Calvari…
vàire boisson ‘d superbia
sla stra dla pas
da strompé
con la mëssòira santa
dla penitenza…
pere aùsse ch’antrapo…
erbass da s-cianché via
con la passiensa
e peui …che ‘d pàuta…
che ‘d pàuta…
e mi, pregand i monto
un pas dòp l’àutr
come sgrané ‘n rosari,
na saca a spale
pièn-a dë speransa
veuj arivé për temp
a la ciabòta dl’ Amor
e posé lì mé siri
ai pé dël REDENTOR!



Frassinere (19 Magg 1966 Silvano e Emma)

Su sta montagna ‘n fior
seve trovave ‘n dì
un giurament d’amor
Nosgnor l’ha benedì.

Le ciòche a l’han sentilo,
le fior l’han dilo ai grì,
a l’han subialo ij merlo:
vniran sposesse sì!

A riva ‘l meis ëd Magg,
le ciòche a son-o a festa
ël sol manda ij sò ragg
le fior àosso la testa.

Ant l’aria as sent na vos :
l’é festa ‘nt la Borgà
anans as fann jé spos
da tuti circondà.

Auguri a tut andé
j’amis as fann davsin
ma mi còs ch’i peus fé?
iv mando ‘n gròss basin !


Vita nei campi di buon mattino

Al mattino presto il nostro cortile, si animava ogni giorno per iniziare la giornata.  Dal portone, d’estate, arrivavano sempre alcuni uomini che si offrivano per fare una giornata di lavoro in campagna e i nostri vecchi decidevano di quanti ne avevano bisogno e li distribuivano nella settimana per aiutare tutti a sfamarsi, loro e loro famiglie, perché li pagavano a giornata e davano loro anche il pranzo.    Poi partivano per i campi con il carro e gli attrezzi per tutto il giorno.  A mezzogiorno noi ragazzi avevamo l’incarico di portar loro il pranzo in una borsa,dove la mamma metteva il pane, il formaggio, le uova sode, il sale, l’olio e l’aceto in una bottiglietta e in un recipiente con coperchio metteva il minestrone.  Partivamo sempre in due, uno portava la minestra e l’altro la borsa piena di viveri che si metteva sulla spalla. Quando gli uomini ci vedevano arrivare, diventavano allegri e si radunavano in un angolo del campo vicino ad un muro, si sedevano con il Nonno per consumare il pasto.


Autunno

Verso la fine d’autunno gli ultimi lavori di campagna erano il granoturco, le castagne e le foglie.  Il granoturco si portava a casa sul carro e veniva poi sfogliato di sera quando si facevano le veglie nella stalla; invece il lavoro delle castagne consisteva nello scuotere i castagni con delle lunghe pertiche così i ricci cadevano e venivano raccolti nelle ceste con le molle e si portavano a casa con i carri che venivano versati in mezzo al cortile.   Quando i ricci venivano secchi, tutta la famiglia si sedeva su una delle panche  e con dei picchetti si davano dei colpi sui ricci per far uscire le castagne prima che arrivasse la neve.


Sere invernali

Quando arrivava l’inverno, di sera si incominciava a fare la veglia nella stalla delle mucche, che era divisa in due parti, da un muro con una finestra ed una porta.
La prima parte, più grande serviva da stalla agli animali, la seconda che comunicava con il cortile e con la casa, conteneva la paglia e lì si faceva la veglia.
Dopo cena in fondo al cortile arrivava la gente che voleva vegliare; di solito erano giovanotti in cerca di ragazze ed era di moda chiedere il permesso al padrone di casa di vegliare: “Lasciate vegliare?” Il più anziano della famiglia apriva la porta e diceva di sì… Allora cantavano “Martina “, un canto antico dialogato tra le ragazze che erano nella stalla e i giovani che erano fuori… Alla fine del canto venivano invitati ad entrare e trascorrevano insieme la serata.


Le veglie

Le veglie erano sempre lunghe, duravano fino a tardi.  Mentre le nonne lavoravano ai ferri e all’uncinetto, i nonni cantavano delle vecchie canzoni, raccontavano le storie che si tramandavano da padre in figlio, le madri ripetevano delle cantilene e delle filastrocche per farle imparare ai figli e qualche volta si pregava specialmente quando moriva qualcuno si diceva il rosario, ricordando anche i nostri morti.


Sul sentiero del passato… c’è sempre da imparare

Sul sentiero del passato ci sono delle figure che non si possono dimenticare perché ci hanno lasciato un esempio di vita che fa da richiamo ai giovani, ma noi giovani di una volta lo comprendiamo solo adesso che abbiamo alle spalle anni di esperienza.   Nonno Pìlade, silenzioso, sempre pronto a partire con i suoi carri e con gli attrezzi per lavorare …non l’abbiamo mai sentito discutere in famiglia oppure nei campi …non aveva la lingua lunga …nemmeno con sua moglie Nonna Lucia, che arrivava dalla montagna di Condove dove era stata allevata da una famiglia. Noi lo ricordiamo in Chiesa…sue mani conoscevano tutti gli angoli, la Sacrestia dei flagellati era il suo regno, là teneva ordinati tutti i ceri che mettevano attorno ai morti durante il funerale oppure durante le processioni per il paese. Là si metteva anche il sacchetto per le offerte e la canna per accendere le candele all’altar maggiore. Ma il luogo dove Nonno era responsabile era accanto all’organo per dare aria ai mantici mediante la manovella per farlo suonare. Poi aiutava il campanaro e sovente andava con lui in cima al campanile a suonare le campane a festa.
Un ricordo che abbiamo sempre vivo è l’allestimento del presepe nella sala a piano terra con casette di legno e le statue scolpite. Gelindo…con la pecora sulle spalle, Medoro…cha a braccia aperte davanti alla Madonna esclama …che bella donna!.. Berto …il pastore dai calzoni rossi… Vincenzo…dalla camicia blu…Amarilli…che porta una gallina…Tersilla…con la borsa piena di uova …Aurelia con il cesto del pane…ecc…E lui li conosceva tutti per nome questi personaggi. Questo presepio era sempre visitato dalla gente del paese specialmente da tanti giovani che frequentavano casa nostra, perché nonno oltre mamma Teresa e sua sorella Maria, nostra madrina, aveva anche un figlio che si chiamava Giuseppino, un ragazzo tanto bravo che aveva tanti amici. Venivano tutti a cercarlo nel nostro cortile e di sera si radunavano nella camera sopra a quella del presepio. Lì sì radunavano con il Vice Parroco per passare la serata insieme, in quella camera diventata poi la prima sede dei giovani della Parrocchia di Sant’Antonino dove è nata l’Azione Cattolica, si facevano feste, teatri, si cantava e si pregava.
Poi nostro zio Giuseppino si è ammalato improvvisamente di peritonite. L’hanno ricoverato in ospedale, ma non hanno potuto salvarlo…è mancato nell’autunno del 1925 ed aveva 21 anni…Nonno ha sempre detto che lo zio Giuseppino era un santo ed aveva offerto la vita per le missioni…  Nonno Pilade ha sempre dato buon esempio in famiglia. Ogni giorno andava a Messa di buon mattino, alle sei e mezza. D’estate, quando era vacanza conduceva anche noi a Messa e a benedizione di sera. Quando faceva freddo, ci copriva col mantello nero, così noi eravamo coperti e lì sotto sentivamo fischiare i suoi pantaloni di velluto: friv- friv- friv… In casa conduceva sempre lui il rosario nelle sere del mese di Maggio, nelle feste della Madonna e alla sera del giorno dei morti. Grazie Nonno Pilade, tu hai lasciato un ricordo così vivo in noi, che vogliamo trasmetterlo agli altri.  



La ballata degli attrezzi

Ferramenta ammucchiata/in un angolo della casa vecchia/chiusa dal chiavistello del tempo…/ Notte di baldoria/ tra le ragnatele che dondolano/al l’aria delle fessure/Una zappa logora balla/ una danza rustica:/odore di terra grassa/ pioggia, sole e rugiada/ la semenza che già fermenta…/Vicino a lei un erpice/ con  denti aguzzi./-Terra dura ti dimentica / l’umanità ammalata?/ Il ferro greve di un aratro/ affoga giù nel terreno/ sognando lunghi solchi:/ ma dopo che il bue è morto/ quante braccia s’incrociano! /Rastrelli, forche e tridenti/ ballando assieme/ rivivono i giorni della mietitura/ profumo di pane casereccio…/Nella pace della “vecchia casa” ombre d’acciaio cantano una civiltà contadina.

Il museo della civiltà contadina

Come si entra vi è un corridoio dove una volta si sfogliava la meliga di sera d’autunno e si cantava.  Lì vicino c’era la stalla di Nonno Pilade con le mucche, dove si raccontavano le storie.  Appena entrati, su di un cartellone si vedono delle schede che rappresentano com’era la casa nel tempo passato: il cortile con il giardino, il magazzino del vino, la casa di campagna, il fienile e il museo etnografico della civiltà contadina.  Andando avanti si scorge subito l’albero genealogico della famiglia dal 1754 di Giovanni Battista Isabello che arrivava da Mompellato- (Rubiana) e intorno vi sono alcune fotografie di famiglia nei tipici costumi del tempo.
Vi sono inoltre esposte le schede didattiche degli attrezzi che i contadini usavano in campagna, per la legna, vicino al fuoco, per la stalla, per il latte, per portare il fieno, e altri lavori.
Sotto le schede si trova un cavallo a dondolo e una piccola culla. Su di un’asta è esposta la Via Torino e la planimetria di Sant’Antonino con il riferimento della casa dei nostri avi.
Tutt’intorno vi sono delle gerle e dei canestri. Un trapano antico è esposto su di un ripiano con vari martelli di tutte le forme ed anche un pallottoliere costruito da Nonno Pìlade. La visita continua nella grande cantina; appena entrati dietro la porta si trova la giara per conservare le uova nella calce per l’inverno. A destra la piccola botte per l’aceto, le due credenze per i  cibi, i formaggi e le vivande ed in mezzo i barattoli che contengono le erbe mediche e per le tisane.-( Arnica(Arnica Montana)-per distorsioni e infiammazione alle ginocchia)-(Betulla(Betulla Alba)-diuretico)-(Biancospino ( Crataegus Oxyacantha)- per pressione alta)-(Chartreuse-digestivo)-(Calendula (Calendula Officinalis)-per dolori reumatici)-(Castagna d’India (Aesculus Hippocastanum)- per il torcicollo)-( Fiori di Tiglio (Tilla Europea)- per le bronchiti, asma e tosse)-(Giglio bianco (Iris Pseudo-Acorus) e olio- per il fuoco di S.Antonio)-(Iperico (Hypericum Perforatum)-per bruciature e piaghe)-(Lithospermum- per l’infiammazione alla prostata)-( Liquirizia di montagna ( Glycyrrhiza Glabra) – per la tosse)-(Limonaria-calmante)-(Malva (Malva Silvestris)-per infiammazione alla bocca)-(Mirtilli (Vaccinium Myrillus)-per vista e stitichezza)-( Melissa ( Melissa Officinalis)-calmante)-( Menta (Menta Piperita)-calmante)-(More-per mal di gola)-(Rovi (Rubus Fruticosus)-per la raucedine)-(Rosa canina-per reumatismi)-(Sambuco ( Sambucus Nigra) c’era d’api e olio- per scottature)-(Sambuco-per pediluvio) - Sopra al ripiano, le bottiglie con il marchio delle varie Società Agricole della Valle di Susa, i barattoli con sughi vari e funghi per l’inverno.
Sotto ben disposti gli attrezzi da falegname di Nonno, segue una stufa di tipo francese e la vecchia mola ad acqua, esposti sul muro a ventaglio gli attrezzi della campagna.
Messo d’angolo, il camino che il Gruppo “La Galavia” usava per le veglie in Val Susa e la bandiera del Piemonte. Sopra ad un ripiano un pannello dipinto da
“Becucci” (noto pittore di Vaje) che rappresenta il ritorno dalla campagna, sono esposti i minerali della valle, (calciti, granati, malachite, ecc.)  i vari lumini a petrolio, i ferri da stiro le bilance, le trottole e altri ricordi del passato. Su di un grande ripiano sono esposti gli attrezzi per la raccolta delle castagne. Gli arnesi per lavorare la campagna, per il latte, le macchine per riempire e tappare le bottiglie, vi è anche la macchina per sgranocchiare la meliga e il traliccio per la scolatura delle bottiglie e inoltre la macchina per dare il solfato di rame all’uva e la macchina per verificare la gradazione del vino.



Chopin

Nella vita succedono tante di quelle cose che è bello comunicarle anche ad altri specialmente se lasciano un segno di gioia o di dolore nell’anima di qualcuno.
Nella nostra casa vecchia, da tanti anni c’è anche un pianoforte, dove noi ci esercitavamo per imparare la musica e saper suonare.  Tutti i giovani della nostra famiglia li hanno accarezzati quei tasti bianchi e neri facendo contento il cuore di chi li sentiva, compreso il gatto che ascoltava con piacere quelle suonate armoniose che parlavano d’amore… Gli piaceva sedersi in braccio a mia nipote mentre suonava, o sedersi lì vicino e non si muoveva più, era incantato… per quello mia nipote l’ha chiamato Chopin …come il grande compositore che è ancor oggi inquadrato lì sul muro sopra il piano, in compagnìa di Beethoven.  Poi un giorno è salito anche lui in macchina per andare in montagna con noi, su alla Presa Cattero a 1000 mt., ma lassù si è perso nei boschi, spaventato da un cane e più nessuno l’ha trovato.  Tutti sono andati a cercarlo, l’hanno chiamato da tutti gli angoli: Chopin!…Chopin!…Macché chissà dov’è finito…noi dicevamo: sarà stato spaventato da una macchina … o forse qualche bestia selvatica della notte l’ha ammazzato…o un tasso l’avrà mangiato…Poi è arrivato l’autunno, la gente è discesa al piano, le Prese si sono svuotate.  Io sono ancora andata molte volte su per la strada della  Presa… Ogni tanto, nelle curve, dove c’era un po’ di slargo, fermavo la macchina poi camminavo nel bosco e con le mani di fianco alla bocca per far risuonare l’eco gridavo con tutto il fiato : Chopin!…Chopin!…la mia voce si diffondeva tra i boschi nel silenzio della montagna e l’eco ripeteva nei valloni Chopin!…Chopin!…Se qualcuno da qualche Presa mi ha sentita, avrà detto : - ma quella è matta!…chiama Chopin!
Quando è arrivato il freddo più nessuno saliva alle Prese ed io sono andata giù fino al mare, prima che arrivasse l’inverno.   Un giorno mi chiamano al telefono dalla Valsusa …era mia nipote che mi ha detto: - è arrivato Chopin! …l’ho sentito miagolare sul tetto della casa…era là con la testa in giù…che mi chiamava! E’ molto malandato!… Chi se lo aspettava ancora? Dopo quasi tre mesi?…Ho preso la macchina e son subito partita per tornare a casa.   Quando sono entrata nel cortile ho dato un colpo di clacson: tu-tut! Chopin se ne è arrivato dalla scala esterna della casa vecchia  verso il fienile, ora casa mia, magro e malandato…e poi si è coricato a pancia in su davanti alla macchina, mentre il cuore gli batteva forte, tanto era commosso e contento di trovarsi a casa sua tra la gente che gli voleva bene… Povero Chopin!… Quella vita randagia tra i boschi gli ha proprio fatto del male perché… poi si è ammalato…ed è morto.


La Barba del Re Gentile

C’era una volta un Re che per il suo bel garbo si era guadagnato il nome di Re Gentile. Come tutte le storie anche lui aveva una figlia da maridare e studiava giorno e notte il modo di trovare un bravo ragazzo degno di diventare principe. Un giorno gli è venuta l’idea: quella di bandire una gara tra tutti i giovani del regno senza distinzione, di far valutare la sua lunga barba bianca.Chi avrebbe fatto una valutazione più giusta avrebbe avuto l’onore di sposare la figlia e di essere il suo successore al trono. Detto e fatto dà l’ordine ai soldati che vanno in tutte le direzioni del regno e al suono del corno leggono il proclama a tutte le genti: “ La bella principessa sarà data in sposa a chi saprà valutare la barba del Re!”La voce corre  e tutti si preparano per presentarsi al primo quarto di luna di marzo, termine prestabilito per la presentazione dei concorrenti. Tutti se ne arrivano pieni di speranza e ordinati si piazzano davanti alla giuria. Il Re a tutti fa buona accoglienza e poi davanti al gran consiglio degli anziani li ascolta uno per uno. Sono uscite delle risposte di vario genere e lui ascoltava con curiosità. Uno gli ha detto che la sua barba valeva come tre mine d’oro (la mina, per chi non lo sa era una vecchia unità di misura di capacità: ossia 22 litri d’acqua in un secchio, oppure 18 chili di meliga in un contenitore tarato). Subito dopo un altro vàluta la sua barba per 100 sacchi di grano. Questa è una buona risposta dice il Re.  Se arriva la carestia cosa può fare l’oro? Con 100 sacchi di grano si può sfamare un paese!
Ma era ancora da sentire un contadino che non si osava nemmeno presentarsi. Tutti lo guardavano e pensavano tra di loro: cosa mai potrà dire quel contadino che non sa neppure leggere e scrivere?
Il giovane contadino con un’aria spavalda fa un passo avanti e poi dice tutto in un fiato. “Una pioggia di Marzo, una rugiada d’ Aprile valgono più che la barba del Re Gentile”.Tutti sono stati di stucco e il Re alzandosi dal suo seggiolone dice: -Bravo!…Bravo!…Questa sì che è una valutazione giusta! Avrei mai pensato che tu fossi una testa saggia. Tu sarai colui che sposerà mia figlia.


L’orto della vita

Scende la notte e il silenzio avvolge tutte le case, i prati, i campi del mio paese. Mi corico tranquilla ed esamino tutta la giornata per vedere se merita di offrirla al Signore, poi mi adagio su di un fianco e prima di prender sonno, come son solita fare, parlo con la Mamma, quella che Gesù mi ha lasciato, la Sua.    A lei si possono fare le confidenze di tutti i crucci, chiedendole aiuto per tirare avanti e le raccomando tutto ciò che mi sta a cuore.  Oh che dolcezza è parlare con Lei! Mentre le parlo, il mio cuore batte più forte accompagnando le parole e il ripetersi delle pulsazioni si fa sentire attraverso le arterie … E’ Allora che la mia testa appoggiata lì sul cuscino, le conta come quando ero bambina.  E’ una sensazione strana che mi porta lontano, lontano nel tempo, quando avevo più o meno tre anni.  La mia mamma mi coricava e poi mi accarezzava cantandomi una ninna -nanna, ma io presa dall’affanno che mi lasciasse lì tutta sola, per scendere nella vecchia cucina a fare la sua veglia, sentivo sul cuscino un ripetersi di colpi in cadenza …tun…tun…tun… . Allora io dicevo: - Mamma chi è che batte? –La mamma mi rispondeva: - Sta buona, non sei sola …prima di tutto lì vicino a te c’è l’Angelo custode- e mi additava un angioletto dipinto su di un quadro sopra il letto- e poi quel battere che senti sempre a quest’ora è San Pietro che zappa! - San Pietro? – Sì San Pietro, viene tutte le sere a zappare nell’orto, lo sai e ti tiene compagnia-…E la mamma in punta di piedi se ne andava mentre che io ascoltavo San Pietro zappare. Oh! Sapienza delle mamme di una volta! Io me lo vedevo San Pietro giù nell’orto alzare la zappa e ogni colpo risuonava nella notte scura ed echeggiava sul mio cuscino…Me lo vedevo con una tunica bianca, un uomo non tanto alto, ma solido, robusto come un contadino; un colpo dopo l’altro, mai che si fermasse un momento a prender fiato, macché, sempre zappava …tun…tun…tun…Ma cosa mai doveva piantare San Pietro tutte le sere lì sotto nell’orto? E chissà poi perché San Pietro e non San Giacomo o San Giovanni… No, San Pietro! L’Apostolo che il Signore ha scelto, nonostante anche lui avesse i suoi difetti, per continuare la sua missione. E poi, perché San Pietro zappava se era pescatore? Già… perché noi contadini, i pescatori nemmeno li conoscevamo e la sapienza o la fantasia di mia madre lo ravvisava contadino perché lo immaginava forte come il tuono, rustico come i nostri vecchi che lavoravano tutta la giornata da un ‘Ave Maria all’altra. Adesso che ci penso …son duemila anni che San Pietro, nelle figure dei suoi sucessori, fatica con o senza profitto, sia che peschi nelle acque torbide del mondo, sia che zappi nell’orto della vita per seminare il Vangelo e per far crescere la pianta dell’Amore come gli ha insegnato Gesù suo Maestro. E dove c’è l’amore, c’è anche la giustizia, la fratellanza, la speranza e la pace, che sono i frutti più preziosi della vita. Con San Pietro lavorano tanti Apostoli e tanti discepoli: Vescovi e Sacerdoti delle comunità, Missionari e gente di ogni livello e di ogni razza che si dedica al prossimo. “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo”. Chi zappa con la parola, chi con la sapienza, chi con la carità, o con la sofferenza, una zappa d’oro che batte ripetutamente tutti i colpi di un cuore che alimenta, attraverso le arterie, il sangue del martirio molto apprezzato dal Signore! Sofferenza, predicazione e carità che nutrono le radici delle piante che porteranno dei frutti e, quando saranno maturi, allora, solo allora, sarà tempo di raccogliere.
Venga il Tuo Regno Signore!


Novembre 1968

Una Opel-Kadet grigia correva sull’asfalto verso la Val Susa con difficoltà per la nebbia fitta, che proprio ai piedi della Sacra di San Michele, nascondeva il paesaggio delle montagne nell’ora del tramonto.  Avevo appena passato la stazione di Sant’ Ambrogio, mi avvicinavo al “giro dell’ora... ”Quando all’improvviso ho avuto una sorpresa che ha colmato quel gran vuoto della mia vita da quando sono rimasta sola a Sant’Antonino.


Nebbia

Sipario di nebbia fitta
non si vede più la strada.
Gli alberi vegliano di sera
alzano le loro braccia
cercando la luna.
Sento il respiro della notte…
Allargo le finestre dell’anima
e apro la porta del cuore:
ti cerco…
Non ha occhi il tuo sguardo
ne bocca la tua parola,
eppure tu mi chiami
da quel profondo nulla.
Allungo nel vuoto la mia mano
e ti trovo, Poesia!


La ceppaia (dedicata a Mario Cattero)

Vicino ad un muretto che avrà cento anni
un mucchio di legna che stagiona al sole di febbraio
e lì accanto, in silenzio mio padre
seduto sulla ceppaia.
Tra legna e legna schizzano le lucertole a godersi un pò di sole
e intorno un brulicare di formiche
in cerca di bricciole.
Puntando le braccia sulla ceppaia
babbo si alza adagio a cercare un ceppo
lo corica e con mano sicura
lo spacca con un colpo di scure.
Uno dopo l’altro i pezzi di legno si raddoppiano
rimbombano i colpi come martello nel cuore
che faticato dal grande sforzo
richiama l’uomo a riposare.
E lui guardando la corteccia rugosa
di quelle piante che ha visto da ragazzo
rivede la sua gioventù…
per terra la sua ombra si piega
nel silenzio ascolta la melodia delle  sue primavere passate
vede il fiorire dei rami cullati dal vento
e raccoglie una voce delicata che dice:
non stancarti troppo, vieni con noi!
Guarda la vecchia ceppaia della tua famiglia sta germogliando.



Tue mani (dedicata a Madrina, Maria Isabello)

Tue mani,
tanto stanche,
sono lì ferme,
contorte e piagate…
Sentono il profumo della terra
dei tuoi campi, dei tuoi prati,
tue mani
maestre di ricamo,
che sapevano come un pittore
trapuntare sulla tela
il colore dei fiori…
Tue mani
che facevano il bucato
di una grande famiglia,
e alla sera si fermavano con grazia
sulla testa addormentata
dei  più piccoli nella culla
per dare una carezza…
Tue mani
che fra i lavori
sgranavano rosari
passavano sulla fronte
per asciugarti il sudore
si sono fermate
e si riposano anche loro.



La bicicletta

Quando l’uomo ha inventato la bicicletta
doveva essere stufo di camminare a piedi:
forse i calli e i duroni lo tormentavano
e lo facevano zoppicare.
Allora ha pensato di prendere due ruote
le ha montate su di un telaio inchiodato con assi
poi ha messo davanti una sbarra
per tenersi diritto e appoggiarsi con le braccia.
Ha cercato una strada in pendenza
e giù…con velocità si è lasciato andare
avrebbe potuto rompersi la testa,
ma non ha avuto nemmeno il tempo di cadere.
Alla fine l’ha rifinita con pazienza
aggiungendo i freni, una sella e due pedali
poi se ne è andato a passeggio fischiettando sulla bici
così son guariti tutti i suoi calli e duroni.
Mancava soltanto più un campanello
per richiamare i pedoni
ma state sicuri che gli è bastato sua moglie
con la sua lingua lunga a fare strada.
Adesso che questa invenzione è completata
pochi l’apprezzano, la gente preferisce
viaggiare in macchina tutta lucida
sedendosi su di una poltrona e al riparo.
Pensare che andare sulla bicicletta non costa niente
nemmeno bisogno di essere patentati,
non da prendere il bollo, non fare il pieno di benzina
basta solo ogni tanto dare una gonfiata.
Era un cervello fine chi l’ha inventata
non uno stupido e un credulone...
conviene ascoltarlo e muovere un po’ le gambe
ed è sufficiente avere voglia di pedalare.
Al giorno d’oggi che l’aria è inquinata
e tutti studiano di risanare l’ambiente
lasciamo la macchina e andiamo in bicicletta
che sarà meglio, teniamolo bene in mente.


Mio presepio

Mi sono fatto un presepio a modo mio
senza muschio, candele, nastri e fiocchi come in una vetrina
senza carta dorata e rami di pino.
Piuttosto che in un angolo qualunque
dentro il mio cuore gli ho dato il posto d’onore
anche se è un po’ strano, piace a me e non dispiace al Signore!
Anche così quanta roba contiene:
c’è la mia chiesa, le case del mio paese
i personaggi non messi lì per caso
ma proprio in carne e ossa, sono tutti amici.
Ci sono i bambini che vedo per le strade,
la gente che incontro di solito ogni giorno,
la mia famiglia e anche i vicini di casa
giovani e vecchi, malati e gente in buona salute.
C’è la mia Val Susa e i suoi problemi
la gente che si preoccupa per conservarla
senza litigare… comprendersi… tutti insieme
e progettare perché rimanga bella.
Poi c’è anche il posto per una Corale
quella del  Rocciamelone perché io le voglio bene
e ne approfitto per dirle “Buon Natale”
Cantate, sarà contento Gesù Bambino
coricato sulla paglia sorridente e biondo
e attorno canta la Corale
canta: ”Gloria al cielo e pace al mondo”
Venite nel mio presepio e Buon Natale!


Povertà

Povertà non è morta
mai come oggi
in fondo a tanti cuori
è viva.
Non è vestita di stracci
come una volta
non sporge più la sua mano
chiamando l’elemosina.
Di essere povera non lo sa
se ne frega del tempo che passa
se ne stà lì
a vivere la giornata
come una stupida.
Che situazione!
Tu povertà di oggi sei giovane e non sai ridere,
una volta ti accontentavi di quello che avevi
un pezzo di pane per vivere
e ringraziavi il cielo.
Per tanto che tu abbia adesso
non è mai sufficiente a renderti soddisfatta
e non sai godere
più povera di così
non potresti essere.
Pensare che la ricchezza
è lì a portata di tutti
nel segreto dell’anima
e se scruti un pochino
a volontà ne trovi
basta allungare una mano
e sei una signora!

LE STAGIONI
Primavera

Gemme che sbocciano
si specchiano nei tuoi occhi
bambina
dai capelli soffici
come fili d’erba.
Dalla tua bocca pulita
fresche parole escono
e tua risata limpida
uno zampillo di acqua chiara…
La mano sporgo
raccoglierla, berla a  sorsi
per sentire il sapore
della primavera.


Estate

Il caldo cuoce l’asfalto
dove i motori rimbombano
in cerca del nulla…
Tanti sulla sabbia
carne nuda al sole
evapora
le malattie dell’anima…
Sulle rocce i fiori selvatici
colori puliti si sporgono
e solleticati dal vento
ridono.

Autunno

Una girandola di foglie
dove i colori si indorano
nella scia del sole.
Tutti i ricordi
sul palmo della mano…
basta una folata di vento
che volano via…
Sull’almanacco
ogni tramonto segna
una giornata di meno
e solo d’autunno te ne accorgi.

Inverno

Scende la brina
sulle piante rigide
figure pallide
lungo la strada.
Se un cuore batte
è avvolto
da un velo di ghiaccio
che lo gela.
Il freddo rosicchia l’umanità
dove l’amore gela.
Voglio accendere un fuoco
per riscaldarmi.

Sere d’inverno

Quadri…
fiori…
picche…
cuori…
e la sera passava
giocando a carte…
scopa,
briscola,
tre sette
sette e mezzo
e il pendolo suonava!
Beviamo una volta?
Beviamo!
Facciamo la rivincita?
Facciamola…!
E le carte scivolavano,
nelle mani ruvide di Nonno…
L’inverno sentiva l’odore della stufa
Nonno sentiva l’odore dell’inverno.

Tue parole

Conto ad una ad una tue parole
semi di sapienza, fiori all’imbrunire
e spargono il  profumo sul sentiero della mia vita
che silenziosa va cercando l’infinito.
Risuonano giorno per giorno sempre più dolci,
mi ronzano dentro il cuore come canzoni,
che bisbigliano e poi si allontanano
perdendosi nei caldi boschi d’autunno.
Il fuoco del tuo tramonto come faville
cullate dal vento brillano nel cielo
parole e fiori sbocciati tra le intemperie
adesso hanno
la  sembianza dell’arcobaleno.

E’ giorno (Loano 31-1-1983 Ospidal S.Corona)

E’ già stanca la luna
tramonta
sul dorsale della riviera
e dal mare
un altro giorno inizia…
Fasce rosse
che sfumano nel rosa
si profilano laggiù
tra i vapori mattinieri.
Viva il sole!
Come  Dio vuole questa mattina
abbiamo visto spuntare
di nuovo l’alba.

Veglia (Loano 28-2-1983)

Frange di affanni
ondeggiano sui muri…
cumuli di pensieri colmano le ore
che lunga è la notte!
Non è sufficiente il chiaro della mia veglia
per tenere accesa la lampada della speranza,
Tu, mio padre e la notte
che ha dato il via al mio vivere
io, qui in pena per la tua vita
alla mercé della notte…
senti come piove,
provvidenza per la campagna,
primo profumo dell’aria
e tutte le gemme ridono…
Solo io angosciata!
Potrò ancora portarti
in mezzo ai prati della valle
a sentire fischiare i merli
sulle rocce di “Cantaran-a”?

Ritorno (Sant’Antonin 27-3-1983)

Era qui
che tu volevi ritornare
in mezzo alle tue montagne…
e il vento
ti è venuto incontro.
Guarda su verso i boschi,
lì sopra casa,
se già i corvi vedi
a preparare il nido…
Fra un mesetto il cuculo
inventerà un motivo
per farti festa
e sbocceranno i gigli di monte
sui pendii delle rocce…
Vedrai, vedrai, papà.
Sono già contento così
ringrazio il Cielo…
Che bello poter ritornare!
A me basta già il presente
fa piacere anche
un pezzettino dell’avvenire,
un pò di domani!

Il cuculo (Sant’Antonino-Aprile 1985)

Il cuculo ha cantato
anche l’anno seguente,
e quest’anno ancora risuonerà
sua vecchia canzone…
Più curva é la tua figura
danneggiata dalla tempesta…
Ma l’albero resiste
che solo il tuono lo stronca!
Oggi anche che sbadigli per la noia
e tutto ti aggrava sia grazie al Cielo!
Sulla ceppaia stagionata
voglio riposarmi
per contare assieme gli anni
e imbrogliare un poco il tempo
mentre le tue radici si allungano.


Papà (13-11-1902 Sant’Antonino 22-3-1986)

E adesso che tu
semenza del nostro campo
liberato dalla prova
baciato dall’ultimo sole
ritornato sei
nel granaio del Cielo
nella Casa del Padre Onnipotente
dove il sole mai più tramonta
tu che spegni la sete
alla sorgente dell’Amore
pensa ai tuoi figli
che sono restati soli
tienici uniti
Papà prega per noi!

Pellegrinaggio

Voglio fare un pellegrinaggio
in fondo al cuore…
camminare sulla strada dell’amore
come si cammina lungo un ruscello
tra rovi e fiori
salire, salire
fino alla sorgente…
Voglio lasciare lì il mio “Io”
e andare cercare quello degli altri.

Tua Luce

Solo chi conosce la solitudine
può sapere quante sono le stelle
e parlare con la luna
può ascoltare tutto quello che dice il vento
e la pioggia che batte sui vetri
può sentire la voce dei fiori
in un umile filo d’erba…
Chi conosce la solitudine
sprofonda nei suoi pensieri
ed è lì che se vuole,
può scoprire la Tua Luce Misteriosa!

Ti riconosco

Quante volte
t’ incontro
mi aspetti…
sei sempre
angosciato…
mentre sali
la strada del Calvario…
e io sosto
un momento
richiamata dal tuo segno…
Ti riconosco:
i tuoi occhi
sono quelli
che io incontro
ogni giorno
e anche Tu
mi riconosci
mi guardi
insistente
dalla croce
mi sorridi
e stassera
mi hai baciato…
Oh ti ringrazio
Signore!
E’ questo il momento
misterioso
che mi fai capire
che nella pelle martoriata
di un fratello
ci sei Tu!

Questa mattina (I° Venerdì – Maggio 1990)

Questa mattina
ho camminato/sulle tue strade
e il tuo cuore
batteva con il mio
che cantava/ la grande gioia
di portarti
nel mondo…
Un vento dolce
soffiava
tante nuvole bianche
giocavano
nel cielo
tutto pulito
mentre le porte delle case
semichiuse
dove eri atteso
si aprivano
gioiose
al Tuo incontro
Oh! Signore Creatore!
che  gioisci
e Ti degni
di scendere giù dal cielo
Ti fai Pane
per dar vita
alle Tue creature!   

Oh se fossimo capaci (Febbraio 1993)

Oh fossimo capaci
rimpiazzare la carità
con l’amore
e viverlo…
Oh fossimo capaci
fare in modo
che nostro cuore
regalato
dall’amore in persona
possa battere
non solo per la vita
ma anche per l’amore…
Oh fossimo capaci dimenticare
per non dimenticare gli altri
dare tutto il nostro tempo
per non perderlo
perdonare
per essere perdonati
adoperare tutti i talenti
che Lui ci ha dato
e farli rendere
e andare, andare
uscire dalla nostra casa
in cerca di altri
Oh fossimo capaci!

Una carezza

Chi lo direbbe mai
cosa può fare
in un corpo trasparente
e distrutto
una carezza…
E’ solo un gesto usuale
un segno di tenerezza
che accende scintille di gioia
negli occhi angosciati
che soffrono in silenzio.
Una carezza…
Il cuore batte più forte
le mani danno un segno di vita
e in quel cervello
confuso e già annebbiato
è tutto uno svegliarsi
di cellule addormentate
Il richiamo dell’amore
la linfa dell’anima…
e tutto quel movimento
dà vita alla parola
che esce sicura scandita…
Mi chiami per nome
mi baci la mano…
Per Te è una carezza
di Tua madre,
della gente di famiglia
qualcuno che Ti vuol bene…
Per me Signore,
sei Tu
che mi fai capire
di avere ricevuto
la mia carezza.


Parole

Parole
parole, parole
sono di moda oggi
prenderle al volo
setacciarle con buon senso
fissarle sulla carta con colla magica
leggerle, rileggerle e selezionarle
al chiaro della ragione
e poi fare in fretta
per realizzarle
prima che il tempo
che non scherza
le cancelli
altrimenti tutto fiato sciupato.


Poesia

Quando che il dispiacere
uccide la speranza
tutto si fa buio
fare della poesia
è solo uno sfogo del cuore
non è “poesia”
è portare i pensieri alla discarica
non è “poesia”…
Ma quando dentro l’anima
nasce quella dolcezza
che spinge a voler bene
allora, fare poesìa
è avvicinarsi al Cielo
“Sorgente dell’Amore!”


Io ho

Ho accarezzato il cielo
e ho toccato le nuvole
ho veduto nascere il sole
e tramontare
ho studiato il colore
di mille fiori
so cosa è la bellezza
del creato
quello vero
non quello che dipingo
sulle tele…
ma quando sparirò
nella grande ombra
in cerca di quella luce
che mi ha creato
io so che il cielo, il sole;
le nuvole e i fiori
mi cercheranno…


Domani

Quando la prima alba
sorgerà domani
e sarà primavera …
ritorneranno gli uccelli
tra i rami del ciliegio
grilli, rane e cicale
daranno un concerto…
domani la terra risuonerà
di una canzone nuova.
Arriverà il domani
e sarà Regno di pace
dopo che il Cielo
avrà pianto le sue lacrime…


Tante mani

Quante mani, oh Signore,
lavorano per Te
tante menti che si ingegnano
tante mani che si impegnano
per fare comunità!
Tante mani
che fanno bella la Tua Chiesa
che adornano il Tuo altare
che piegano per bene
tanti lini.
Tante mani che sanno cucire
sopraggittano
che attaccano i pizzi
che stirano i rocchetti.
Tante mani
che lavorano per ore
con cadenza ritmata;
ogni punto dell’ago
ogni colpo di martello
un bisbigliare di orazioni
accompagnati da una intenzione
quanti respiri accompagnano
poi si alzano
nel cielo come un velo.
Tante mani che disegnano
che dipingono, che scrivono,
tante mani che scopano
sbarazzano
sistemano al suo posto
poi ritornano di nascosto
per fare comunità.
Mani che si riposano:
accarezzano un malato.
Mani pietose
che soccorrono un bambino
generose,
che sanno fare carità,
mani unite
di anime pie
che sgranano rosari…
Tante mani che si danno da fare
nella comunità
mani senza età…
e qualche volta sembrano sporche
ma per tutti
sono a disposizione
altre mani che preparano
e poi servono i pranzi,
ma sono sempre pulite
per il Signore
tante mani
che fanno tutto per amore.


Potere

Poter camminare
da vivi sulla strada della vita
per un po’ d’anni…
Poter fare un bel sorriso a tutti
quelli che incontriamo…
Poter uscire tutti i giorni
dalle nostre case
per incontrarsi…
Non avere nessun fastidio
né dolori da soffrire…
Poter portare conforto
poter seminare speranza
a quelli che piangono…
e dare una mano a tanti fratelli
che soffrono…
Poter mai lamentarsi…
Poter ancora per un po’ di tempo
trovarsi assieme
per poi cantarne una
potere… potere… potere…
avere sempre la memoria viva
per ricordare del nostro passato
solo le cose belle…
le brutte metterle in un sacco
(delle immondizie)
poi gettarle via…
Poter ancora sedersi
all’ombra degli anni
godere tutto quello
che abbiamo fatto di positivo
e raccontarlo ai giovani
per lasciare un ricordo ai posteri…
Poter ancora entrare diritti
e non coricati in Chiesa
per cantare ancora insieme
le lodi al Creatore
dirGli grazie della vita che ci ha dato
chiederGli scusa  e anche aiuto
per questo strano mondo
che stìa bravo
e viva in santa pace con tutti.
Buon Natale!


Natale

Accendo il mio cero di Natale
e mi incammino
sulla strada della pace…
quanti rovi sulla strada della pace
io mi scalzo…
è buia e sale
la strada della pace
io mi sforzo
è lunga e dolorosa
come un Calvario…
Quanti cespugli di superbia
sulla strada della pace
da tagliare
con la falce santa
della penitenza…
Pietre aguzze che ti inciampano…
Erbacce da sradicare
con la pazienza
e poi… quanto fango…
quanto fango!…
io pregando salgo
un passo dopo l’altro
come sgranare un rosario,
un sacco a spalle
pieno di speranza
voglio arrivare per tempo
alla casa dell’Amore
posare  lì il mio cero
ai piedi del REDENTORE!



Frassinere

Su questa montagna in fiore
vi siete trovati un giorno
un giuramento d’amore
il Signore ha benedetto.
Le campane l’hanno sentito,
i fiori lo hanno detto ai grilli,
l’hanno fischiato i merli:
verranno sposarsi qui!
Arriva il mese di Maggio,
le campane suonano a festa
il sole manda i suoi raggi
i fiori alzano la testa.
Nell’aria si sente una voce
è festa nella Borgata
avanti si fanno gli sposi
da tutti circondati.
Auguri a tutto andare
gli amici si fanno vicino,
ma io cosa posso fare?
Vi mando un grosso bacino!

Torna ai contenuti | Torna al menu