Il Rocciamelone - Valsusa vive

VALSUSA VIVE
Vai ai contenuti

Menu principale:

LA VALLE di SUSA

Bel Rociamlon

Stassèira, mi 't guardo,
montagna 'd Val Susa
l'é scur, ma mi 't vëddo
tra 'd nebie confusa;
toa forma 's profila
così maestosa
slë sfond dël valon
mè bel Rociamlon!
Am pias, pensierosa,
arvive toa stòria:
l'é scrita 'nt la pera,
na guerno memòria
coj ròch che la  Dòira
a rùsia da secoj,
passandje adasiòt
sò eterno rabòt.
Così drita, aùssa,
toa ponta as dirìa
che come a l'é adess
sia sempre esistìa,
ma 'nvece la stòria
partend dal prinsipi,
an dis ch'it ses nà
che 'l mond j'era già.
Ti 't i ere pa 'ncora,
mia cara montagna,
né Dòira che a canta
travers la campagna,
la gent ch'a travaja,
ij camp ch'a fërmento
'd fatiga e 'd sudor,
né erbo, né fior.
'D sossì i era gnente!
Na gran crosta 'd giassa
cuertava sta téra
ch'a l'era giù bassa;
ël sol a picava
për tant che, s'a-i era,
a vnéissa dësvià
la vita stërmà:
E 'l temp a passava,
la giassa a fondìa
antant che con j'ani
ël càud a chërsìa;
già l'eva a colava
trames le filure
dasandje aliment
ai primi torent.
L'é anlora che adasi
sta bela toa sima
a l'é sautà fòra
tra j'autre për prima,
e 'l sol l'ha basate
sla ponta dëscuerta
ch'as àussa 'nt ël cel
dal temp dël disgel.
Da 'nlora it ën guarde
regin-a dl'autëssa
ch'it ses dla Val Susa       
la glòria e la blëssa:
da su 'n mes dla fiòca
la Santa Madòna
protegg ël valon,
mé bel Rociamlon!


Bel Rocciamelone
 
Questa sera ti guardo,
montagna di Val Susa:
é buio ,ma io ti vedo
tra le nebbie, confusa;
tua forma si profila
così maestosa
sul fondo del vallone
mio bel Rocciamelone.
Mi piace pensierosa,
rivivere la tua storia:
é scritta nella pietra
custodiscono memoria
quelle rocce che Dora
rode da secoli
pian piano come una pialla.
Così diritta, aguzza tua punta si direbbe
che sia sempre esistita;
ma invece la storia
partendo dal principio
dice che sei nata
quando il mondo c'era già.
Tu non c'eri ancora
mia cara montagna,
né Dora che canta
attraverso la campagna,
la gente che lavora
il fermento dei campi
di fatica e di sudore
nè erba e né fiori.
Di tutto questo c'era niente.
Una gran crosta di ghiaccio
copriva questa terra
che era molto bassa,
e il sole picchiava
per tanto che si svegliasse
la vita nascosta.
E il tempo passava, il ghiaccio fondeva
intanto con gli anni cresceva il caldo
già l'acqua colava tra le fessure
alimentando i primi torrenti.
E' allora che adagio
la tua bella cima
é saltata fuori,
tra le altre per prima
il sole ti ha baciato
sulla punta scoperta
che si alza nel cielo
al tempo del disgelo,
da allora mi guardi o regina dell'altezza,
che sei della Valsusa
la gloria e la bellezza
da sù in mezzo la neve
la Santa Madonna
proteggi il vallone
oh! mio bel Rocciamelone!

Madòna dël Ròciamlon

Madòna dël Ròciamlon
ancheuj noi voroma
parlete an confidensa…
ma prima ‘d tut duvoma
dije ‘n bel grassie ‘d cheur
a Chi a l’ha ‘nvitate
a vnì a sté sì con noi
e ‘n grassie caud a Ti
ch’it l’has rispondù “Sì”!
A l’han plasmate bin
come it ses bela!!!…
Le pere ‘d toa montagna
a son sì al pian
për fete compagnìa
e da sostegn
an mes a nòstra val
son sì a Sant’ Antunin.
Sì, Ti ‘t saras Regin-a
e nòstra Mama…
Regin-a dle famìje,
goèrna nòstre masnà
e fa che an tute ca
l’amor a regna…
Slarga toe man’n sij giovo
ch’a marcio vers l’avnì
noi j’afidoma a Ti!
Giuta tuti j’ansian
e ‘dcò ij malavi
ch’a spero an Ti!
Sosten ëdcò la CORAL
ch’a pòrta pròpi ‘l nòm
ëd toa montagna,
l’è nà ant nòstr pais
giutla a mantense unìa…
sempre vorèisse bin…
Regin-a dla speransa
protegg ‘dcò tuti noi
Madòna dël Ròciamlon
noi soma sì ai tò pé…
Sia lauda a Tì!!!
MATER DEI
ora pro nobis!
Mare ‘d Nossgnor
prega për noi!…

g.c.


Madonna del Rocciamelone
oggi noi vogliamo
parlarti in confidenza…
ma prima dobbiamo
dire un bel grazie di cuore
a Chi Ti ha invitata
a venire ad abitare con noi
e un caloroso grazie a Te
che hai risposto “Si”
Ti hanno plasmata bene
come sei bella!!!…
Le pietre della Tua montagna
sono qui al piano
per farti compagnia
e da sostegno
in mezzo alla nostra valle
sono qui a Sant’Antonino.
Qui, Tu sarai Regina
e nostra Mamma…
Regina delle famiglie,
custodisci i nostri bambini
e fa che in tutte le case
regni l’amore…
Allarga le tue mani sui giovani
che camminano verso l’avvenire
noi li affidiamo a Te!
Aiuta tutti gli anziani
anche gli ammalati
che sperano in Te!
Sostieni anche la CORALE
che porta proprio il nome della Tua Montagna
è nata nel nostro paese
aiutala a mantenersi unita…
sempre volersi bene…
Regina della speranza
proteggi anche tutti noi
Madonna del Rocciamelone
noi siamo qui ai tuoi piedi…
Sia lode a Te!!!
Madre di Dio
prega per noi!…

         


            
Il Rocciamelone nella storia
(dal Numero Unico del Decennio della Corale Rocciamelone)

Sono molte le montagne che furono rese famose dagli importanti avvenimenti storici che si svolsero su di esse.
Basti ricordare il Monte Grappa, l’Ortigara, il Monte Nero e per i fatti religiosi: Sinai, Tabor, Calvario e celebri Santuari: Oropa, Crea, Varallo, la Salette e tanti altri.
Il Rocciamelone appartiene a questa ultima categoria con il Santuario più alto d’Europa.
Orbene ognuno sa quanto sia imponente e caratteristica la vista del Rocciamelone se osservato dalla pianura e quanto ad altezza, non solo è veramente elevato coi suoi 3538 metri, ma per molti secoli venne ritenuto il più alto monte delle Alpi Occidentali.
La divinità adorata dai Celti su quella vetta sarebbe stata secondo una antichissima tradizione (Jou- Maol= Dio della sommità).
Un altro accenno viene segnalato dal “Chronicon Novaliciense sec.XI) il quale narra che sul Mon Romuelus si era rifugiato un Re di nome Romolo, che sulla sommità aveva nascosto un tesoro. Il Conte Arduino il Glabro con altri tentarono di impossessarsi di quel tesoro, ma furono respinti da una furiosa tormenta (… spiriti maligni).
Finalmente nel 1358 il Rocciamelone (Roccamelone) entra nella storia della valle.
Un nobile di Asti Bonifacio Rotario, prigioniero dei musulmani, in seguito liberato, per ringraziare la Madonna, trasportò in vetta il famoso trittico di bronzo con l’immagine della Vergine con il bambino e ai lati S. Giorgio e S. Giovanni Battista.
Egli edificò in vetta una Cappellina e il Rifugio “Cà d’Asti”.
La fama di quel voto si sparse nelle regioni circostanti e dal 1° Settembre 1358 cominciarono i pellegrinaggi alla vetta del Roccciamelone, che continuano ancora ai giorni nostri.
Una tappa assai importante nella storia fu l’erezione della statua della Madonna alta tre metri in bronzo donata da centotrentamila bimbi d’Italia e trasportata in vetta in otto pezzi dagli alpini nel 1899 .





Torna ai contenuti | Torna al menu