La nostra casa - Valsusa vive

VALSUSA VIVE
Vai ai contenuti

Menu principale:

CIVILTA' CAMPESTRE


La ca ‘ndova soma nà

Nòstra ca a l’era na gròssa cascin-a e ancora adess a jë smìja.
Pian tèra, la cusin-a granda e doj local a fianch, un për mangé e travajé, l’àutr a l’era na sala, peui na gròssa cròta…al prim pian le stànsie për la neuit e a l’ultim pian, ël solé; tuti doi ij pian a l’avìjo ‘n longh pogieul con la ringhera ‘d fer.      Al prim pian a-i ero dcò doe fnere, una granda e una cita dzora dle doe stale e a servìo mach da disimpegn, lì as butavo tute le còse ch’a servìo mach al moment, come jë stivaj, jë scarpon, tuta la biancheria da lavé …e via fòrt…….
Ant ël solé a-i era na stànsia sota ij cop dova a passava l’ària, lì as butavo ij mass ëd pan-e ‘d mélia pendù su’n trav a sëcché; n’autra stànsia a sërvìa për ij colomb che, atravers le fnestre a colombera, andasìo a riparesse dal brut temp.
Peui, pròpi an mes a la ca, lì sota ij cop, a-i era na pòrta sempre sarà andoa as butava ‘l gran a sëcché për tèra sël paviment.   A le masnà a-j piasìa cogiesse andrinta a col gròs baron ëd gran!
Da stërmà as dësvestìo, peui as cogiavo sota ‘l gran e a lassavo mach fòra la tésta.
Son a lo fasìo mach quand ij grand a l’ero sota, ant la cort e un a stasìa sël pogieul për dé l’alarm se a rivèissa su cheidun.
La semplicità dle masnà a stupiss sempre… cogiesse patanù ant ël gran… ma …a ven da dì: se Nosgnor a l’ha pròpi sèrnù ‘l gran për diventé pan për tuti, a l’è pa për gnente…ma andoma pa ant ël dificil.             
Ste còse jë capiroma peui ‘n bel dì, anche se a son misteriose…ma noi jë chërdoma…parèj a l’han mostrane nòstri vej.
Për porté su la ròba ant ël solé, as tirava giù na còrda ch’a girava sna roa piassà a la ringhera.
Col trabìcol lì as ciamava la “carocola” e parej a portavo su nientemeno che ij sach ëd gran ch’a pèisavo pò-pré ‘n quintal l’un.
A la sèira, për andé a deurme, noi masnà i montavo su për na scala ‘d péra, an fila, apress ëd mama ch’a tenìa an brass ‘l pi cit ëd la famija e sùbit apress a l’era la fija pì granda con lë scaudor an man pien ëd brasa për ëscaudé ij let e noi i tenìo an man un mon a pr’un, tirà fòra dal forn ëd la stua e peui anvlupà ant un ëstrass o ant un giornal, për ëscaudesse ij pé.


A l’è lì chi son nà (Gemma 11/8/1926 )

Pais ëd campagna
na veja ca granda
parèj ‘d na cassin-a,
odor ëd fen sèch
odor ëd la tin-a
e dnans i-era n’èira
e n’òrt con le fior
mia gent a la bon-a
mangiava ‘l pan nèir
bagnà ‘d sò sudor.

L’è li chi son nà…
Bonora ‘d matin
s’aussavo ij mè vej
da bon campagnin
che ‘l gal a cantava
fasend dësvijarin.
As durvìa ‘l porton:
romor ëd carëtte
d’arnèis e ‘d carton.

La seuta a sortìa
ciamand sòj pipì
‘s levava ‘l prim sol
e a l’era già dì;
peui j’ore a passavo
ma gnun as n’ ancorzìa,
né j’òmo ant ij camp,
né j’àutri an famìja.

Rivava la sèira,
e tuti ant ëcà,
che bel esse ansema
për fè la vijà!
Sfojavo la mélia,
sernìo ‘d castagne,
scarpìo la lan-a
rangiavo ‘d cavagne…

Ij fieuj a cantavo,
le fije a cusìo,
antant che le nòne
fasend jë scapin
contavo le stòrie
aj sò novodin.

Che bela armonìa
con tut che la vita
a fussa ‘dcò dura
e‘d crussi e ‘d sagrin
n’avèisso pro tuti
pa meno che adess
ma cò pì ‘d passiensa
tant l’era l’istess.

Coj temp j’ero pasi…
Podèisso torné!                      
Ma adess che la vita
l’é  tuta n’arbeuj
a ven da ciamesse:
a l’era mej ‘ntlora
o mej a l’é ancheuj ?

Se minca ‘n passà
a lassa ij sò segn
a toca pro a noi
sëmné ‘n pò d’amor
e desse na man
për fé ancor pì bej                    
j’arcòrd ëd doman.


La cort

A fiòca…26 dzèmber 2003…guardo la cort dai veder pensand a quand mia ca a l’era na fnera piassà dëdnans a la ca veja ‘ndova i son nà… che d’ani a son passà… l’istessa cort d’antlora quand che noi masnà giugavo a “mondo”. I trassavo con na bachëtta ‘d righe për tèra për signé ij dì dla sman-a da lunes a duminica e peui i sautavo con un pé sol da ‘n dì a l’àutr për andé a sposte në s-ciap ant ij dì dla sman-a, ma al giòbia s’arposavo con doj pé për tèra, përché al giòbia a-i era vacansa a scòla e se i sbaliavo, dùvìo lassé ‘l pòst a n’àutr.
E ij dì a passavo parèj, sautand come ‘d masnà alegher… Le galin-e a no giravo antorn disend còcòdèch…còcòdèch… fin-a la croca a ciamava ij pipì d’antorn përchè a vnèisso pa a distorbene mentre i saotavo da ‘n dì a l’àutr!
Quand a rivavo j’amis ëd d’àutre cort, alora i giugavo ‘dcò a vende òpure ‘ndasìo ‘n sël biàuti piassà a j’ass ëd la fnera con doe còrde ch’a pendìo con un tòch d’ass për sedil e noi biaotavo tenendse a le còrde e i volavo an ària come ‘d passaròt.
Nòstra cort a vivìa tanti moment ëd vita campagnin-a, da ‘n moment a l’àutr a cambiava aspet come a cambiavo ij son e le vos ëd la gent e dle bestie.
Quand che le masnà a giugavo ansema, arsonava ‘d vos alegre ch’as ciamavo për nòm, peui as sentìa na vos sola d’un masnà pogià a na muraja ch’a fasìa la conta: 1-2-3-4- (i giugavo a starmesse)…28-29-30-31! Chi a l’è pa stërmà a l’è sòta! …e peui andasìa a sërché tuti j’amis un për un e man man ch’a-j trovava a crijava tocand la muraja “1-2-3- për …A –1-2-3-për B.
Coj ch’as lassavo pa trové, a vincìo.
Ogni tant a rivava ‘dcò ‘l dì ‘d déje la larga a coj pòvri crinèt ch’a l’ero sempre sarà ant la stala, “la stala dij crin”… Quand che papà a decidìja ‘d gavej la drugia, a sarava le galin-e ant ël gioch e ‘l can ant la cocia, peui a-j dasìa la larga ant la cort e lor a gironsolavo ant tuti ij canton an serca ëd brise an pien-a libertà, mentre chiel a gavava la drugia e a la portava con la carëtta giù ant l’autr òrt al fond  dla cort, andova a i’era ‘n gròss ëliamé ch’a servìja come riserva ‘d concim për ij prà e për ij camp, ma për fé col travaj, j’òmo a cariavo ‘n carton con le sponde “ tombarel” fòra dla cort andova ancora adess a-i è na veja pòrta ‘d bosch con tuti ij ciò, aranda ‘d n’arcada veja.
N’autr moment tut ëspecial ch’a vivìa nòstra cort a l’era col ëd la lëssìa ch’a durava su për giù doe giornà, una për la mojàda e l’àutra për ëstendi ij linseuj…
El prim dì a l’era pròpi na sirimònia: un gross sëbber piassà s’un cavalèt lì dnans a cà aranda a l’òrt dova as butavo tuti ij linseuj bin anvalà che a l’ero già stait ansavonà un për un an sla lavòira da le dòne a la matin bonora, peui as butava ansima na tèila ‘d cà con la sënner e a-i versavo l’eva bujenta con dontré feuje ‘d làur për deje përfum, ch’a giutava a fè la mojada.
Da ‘n rubinèt piassà al fond dël sëbber a-i surtìa l’eva dla mojada ‘n pò për vòlta e andasia a finì ant un bassin.
L’indoman a tiravo fòra ij linseuj e a-j butavo an doj sëbrot su ‘n cartonòt për andé a la “fontanassa” andova a-i era na gran paciassa con tante pere sghijòire për bati ij linseuj e srinsej ant l’eva corenta ch’a rivava giù da la sorgent.
Tute le lavandere a conossìo col pòst e mentre a lavavo anche se a l’ero strache, a cantavo ansema ‘d veje canson… Peui, giutà da j’omo ch’a butavo tut sël cartonòt e lo menavo a ca, andasìo a preparè la cort tirand le còrde da na part a l’autra  për ëstènde ij linseuj al sol…


L’ort e ‘l penàcol

Ogni canton dla cort a l’ha soa stòria… El vej òrt ëd nòstra famìja a l’avìa doe caratteristiche: cola d’esse n’òrt bin cudì, rich ëd vërdure e cola d’esse ‘d cò ‘n bel giardin con tante fior, an particolar con tante reuse ‘d tanti color. Tut antorn a l’era protegiù, da na part, da la cinta arlongh ëd la “stra cita “e da j’àutre tre part da na grija àuta come na përson-a për difendlo da le galin-e, e dal can o da j’àutre bestie. Apogià a cola grija a-i ero tante piante ‘d reuse che nòstra marin-a a savìa cudì con tanta passion…
La tèra a l’era tuta divisa a tòch për coltivè le diverse qualità ‘d salada, le tomatiche, jë siolòt, ij sénèr, le còste, ij porèt, ij poron, ij cossòt, ij fasolin e fa ch’it n’àbjë…
Ant un canton ëd l’òrt, pogià a la murajëtta a-i era ‘n bel penàcol con la tàula e na banca, tute e doe ‘d pera, bin riparà da na tòpia, tuta cuvérta ‘d feuje e ‘d rame rampiante con tante fior bianche… Ant col penacol, ant la bela stagion, a la matin, j’òmo a fasìo la prima colassion: na bela salada ‘d tomàtiche e poron, pan ëd cusiòira e toma veja compagnà da quàich bicer ëd vin bon.    Ant j’àutre ore dla giornà col penacol a l’era ‘l pòst ideal për noi quand j’ero cit a fé ij còmpiti dle vacanse e quand noi j-ero già pì grandin… che ‘d tradussion dal latin i l’oma fait ant col penàcol!

 
Ël magasin  da vin

La ca veja come na cassin-a, ël tèit con la fnera e la baraca, l’òrt con ël penàcol e con le fior, la cort granda, l’òrt ëd le galin-e con la drugia për ij pra e për ij camp, le stale dle bestie… Ma a-i manca ancora ‘n canton ëd nòstra ca: ël magasin da vin, andova nòstr pare a tenìa vaire botaj tuti an fila antorn a le muraje, pien ëd vin bon.
Chiel a fasìa ‘l negossiant da vin a l’ingròss e peui a travajava ‘dcò an campagna për giuté Nòno Pìlade. A l’era bel vëdde tuti coj recipient da vin: ij botaj, le vassele, cola granda e cola cita, le damigiane, ij botalin, ij fiasch, le bote da stopé,  j’ambossor… ma lòn che a noi masnà a ‘nteressava ‘d pì a l’era la “la bassacula” che a l’era ‘n peis ëspecial: a bastava montè sla lastra ‘d fer lì për tèra e ‘l pèis  a segnava vàire i pèisavo…
Ant la cort a-i era sempre ‘d moviment lì dnans al magasin, quand che d’otogn a rivava ‘l vin da l’astigian con ij carton e as travasava ‘l vin ant nòstri botaj.
Papà a l’avìa ‘l tòni bleu e antorn a chiel a giravo nòstri fratej ‘d cò lor con ël tòni e a-j fasìo da bòcia e da garson... Peui la gent a vnisìa a tastè ‘l vin, a lo bèivìa a stisse e lo traondìa adasiòt fasend dë smorfie e s-ciopatand ij laver second come a-j piasìa ‘l vin… peui a lo comprava a damigiane.


Vijà  dle  fije mariòire

Quand che noi i ero masnà, nòstra mama e soa sorela che noi i ciamavo tuti marin-a, a la sèira a mostravo a ricamé a tante fije dël pais.
Lor a l’avìo amparà da le Suore ‘d S.Giusep, an Casa Famija, quand a l’ero giovo, peui a l’han continoà a ricamé ant ëcà e parèj a fasìo na scòla ‘d ricam për le fije mariòjre che a preparavo ‘l còredo.     Tute le sèire a vnisìo ant nòstra cort e peui andasìo ant la cusin-a granda a passé vàire ore ‘d travaj.   A ricamavo ij linseuj, le fudrëtte, le tovaje … e ij centri e tra ‘n travàj e l’àutr a cantavo tante bele canson, mentre Nono Pìlade a giontava ‘d bòsch con le mòle al feu ant ël fornel, për tèn-e caud l’ambient e papà a contava dë stòrie tra na canson e l’àutra për tèn-e alegre le fije che a vnisìo sempre numerose a ricamé.   Ancora adess tante madame ‘d na certa età arcòrdo ancora cole serade passà ant nòstra cusin-a granda a fé ‘l còredo.


La “Tita”

Quand ch’i vëddo ij cit dël dì d’ancheuj  ch’a l’han tute sòrt ëd dëmore e a n’han mai pro, bele che pare e mare as dago da fé a cateje tute le novità ch’a saoto fòra continuament, am ven da pensé a mia “ tita”, la dëmora chi l’hai avù pì cara quand che mi ero masnà .
Im l’arcòrdo come s’a fussa adess, e sì che d’antlora ‘d bej ani l’è passajne…      
A l’era na buata, na buata pròpi a la bon-a, fàita ëd patin e pien-a ‘d rëssiura  e ‘d paja, cusìa da le sante man ëd mia mama, ma a l’avìa portamla Gesù Bambin la neuit ëd Natal dël 1930… Për cavèj… na pugnà ‘d fij  giàon, fërmà da quaich pont an manera ch’a smièisso ‘d rissolin, la boca fàita a cheur, ricamà con ‘d fil ross perlé, doi euj a màndorla bleussiel e ‘n nasin da gat; ij brass e le gambe a j ero satì ‘d rëssiùra, le man piate a l’avìo ij dij tacà ‘nsema, marcà mach da quat picadure a l’ingròss, tant për dè l’idea.   Ant la pansa, andoa che adess a le buate a-j buto le pile e l’mecanism për feje marcé, pioré e ciamé “ mama” a –i era mach ëd pajarin-a.   Oh, nò mia tita a fasìa gnente ‘d lòn ch’a san fé le buate moderne…a marciava nen, a piorava nen a ciamava nen ëd fé pipì.. e  pure a parla ancora a mè cheur, con na vos ch’ am riva micatant da na muraja ‘d nòstra veja cà  ‘ndoa che chila a l’è stërmà  da ‘n pess, e  se mi vorèissa, i podrìa ancora trovela. Na muraja?…Ma sì, stè a sente.  Ant cola ca, ant la cusin-a granda, na vòlta a-i era ‘n fornel con na gròssa boca nèira ‘d caluso ‘ ndoa a- i era sempre ‘l feu avisch.
Mè Nono, Pìlade, as setava sovens lì davzin butandije tut sò impegn a cudì la fiama come s’a fussa stàita na còsa sacra përtant ch’a së smortèissa nen e a la sèira a l’avìa cura ‘d cuèrté bin la brasa con la sënner perché a la matin, a bastèissa sgatela ‘n pòch e gionteje ‘d rame… I l’hai dit che col fornel a l’era motobin grand e për tanti ani a l’è restà parèj, fin-a che ‘n bel dì, va a savèj përchè mè pare a l’ha pensà dë strènzlo. Mi ‘ntlora i l’avrai avù ses o set an e i m’arcòrdo ancora dij murador che ant la cusin-a a batìo con ël pich për fé na muraja e strensi col fornel con në stëbi. –A l’è là, pròpi ant cole doe branche ‘d veuid ch’a l’è rëstaje daré ‘d col trames tirà su daj murador, ch’ a l’è andaita a finì mia pòvra buata ansema a tuta cola rumenta  ch’a l’era  cujìsse ant ëcà, scarpe veje, fer rusnent, ciap rot …e a disìo che mia tita a l’era ‘dcò veja e già tuta malandàita, për lòn a l’han campala via… Col fornel, restà pi cit, col passé dj’ ani a l’è diventà n’armari ch’a ven a taj a buté le cassaròle…E mi tute le vòlte che i passo davsin, a më smìa ‘d vëdde torna an gra feu avisch…ëd sente parlé ij mè vej e respiré mia tita….


Ël tèit - la baraca e la fnera
Ël teit

Dnans a nòstra cà ‘d campagna, al fond ëd la cort, a-i era na gròssa costrussion rustica a doj pian, ëspòsta al vent ëd la Valsusa. Ël pian-téra, vers mesaneuit a servìa a nòstri vej për buté a sosta ij carton, ël tombarel, ij cartonòt, le carëtte, le corbele e le garbagne ch’a servìjo da sponde aj carton për trasporté a ca j’ariss, le pan-e ‘d mélia, ël bòsch e le feuje  ch’as rastrëlavo d’otogn për buté ant la stala  sota le vache.    Tuti j’arnèjs pì gròss, come la slòira, ël rubat e ij cavalèt për pogé ‘nsima ‘l bòsch e rëssiélo, a l’ero bin sistemà a sò pòst e coj meno angombrant a l’ero pendù arlongh ëd la muraja ‘d fond, come ij rastrej.
Ant un canton a l’ero anvalà le pale, le sape, ij ramass ëd bòsch, le forche e ij trent….
A l’era pròpi dnans a stò gross andron che ij vej a ciamavo “sota ‘l tèit” andova, noi masnà i biàutavo sël biàuti e ‘n pò pi ‘n là Nòno Pìlade a martlava sò dàj sla sëppa.


La martlura dël dàj

Nòno Pìlade a l’era ‘n campagnin a l’avìa doi barbis virà ‘n su e ‘n barbaròt pontù, ch’a-j dasìa n’aria d’importansa. Fra ij tanti arcòrdi ch’a son restame dë sta cara figura ‘d vej, a-i è col ch’as riferìs a la martlura dël daj. Quand ch’a l’era ora ‘d tajé ‘l fen, chiel a ‘ncaminava a tiré fòra j’arnèis vàire dì prima: ij rastej, ij trent e ij baston a-j butava tuti ‘n fila longh na muraja e ij daj a-j martlava. Për fé sto travaj as preparava ‘l pòst sota ël tèit, andova a-i ero le carëtte, la slòira e ij carton. A butava na giaca frusta sna sëppa ‘d nosera, ch’a servìa mach për la martlura, përché a l’avìa ‘n fer àut doe branche, piantà drinta për pogiè la lama dël dàj, peui as setava a caval dla sëppa an manera che ij ginoj a fusso bin equilibrà a l’autëssa dël fer, butandse sota aj pé doe teste ‘d mon. Da na veja scatolëtta ‘d tòla ‘n pò rusnenta piava ‘n tòch ëd sigala e as la ficava ‘n boca, lassandla ‘n pòch fòra dij laver, ma peui ‘n pò për vòlta a la tirava ‘ndrinta për deje mincatant na mas-cià. Finalment a dasìa man a martlé: dan, dan dan…
Dòp na tranten-a ‘d colp, a spuava via ‘n pò ‘d saliva, peui a passava l’ongia dël pòles sota ‘l fil dël daj për sente s’a l’era fin. E a tornava a martlé con l’istessa cadenza për n’àutra bon –a ora. Guaj a dëstorbelo mentre a batìa!
Antant për l’èira noi i giugavo corend ‘n sa e ‘n là paréi ‘d pipì. Chiel a campava d’ociade da dzora dle baricole piassà sël nas e se noi s’avsinavo, a s’aussava da ‘nrabià, posand ël daj sla sëppa, peui, për sbërgiajrene via, a criava: Bosaron! e a fasìa dontré pass vers noi fasend subié le bràje dë vlu ch’a fërtavo ‘nsema…
Quand che ‘l dàj a l’era pròpi bin martlà (martlà a l’ongia, come a disìa Nòno), a spuava via la cica e la saliva, da ‘n mes ai barbis, a sortìa come lë sbrincc  ëd na fontanella ch’a pissèjssa a ‘n méter ëd distansa. Col a l’era ‘l segnal che ‘l travaj a l’era finì e che chiel a l’era sodisfàit.


La baraca

Sempre al pian teren, vers mesdì, separà da ‘ntramesia d’ass a-i era la “baraca”, ël pòst ëd travàj ëd nòno quand a l’era ‘l temp brut e as podìja pa andè an campagna.
Sto andron a l’era sarà da ‘n porton ëd bòsch vers la cort granda e na portin-a ch’a dasìa ‘n pò ‘d luce vers l’òrt ëd le galin-e. Lì andrinta a-i era ‘l “torn a pedal” ‘n banch da minusìè, da na part, da l’àutra a-i era ‘n banch con la “mòrsa” e l’ “trapàn”,  peui na “ mòla” a eva e ant lë spessor ëd la muraja a-i era na pèilera. Giù al fond ëd la baraca a-i era na stagera con tute tòle an fila, pièn-e ‘d ciò, ëd vis ëd vàire misure e ‘d bolon.
Ij citi arnèis, come pinse, tënaje, martej a l’ero tuti bin ordinà s’ji banch, jë scopej, tinaolòt e ij cassavis ëd tute le misure a l’ero anfilà ant ij përtùs ëd l’ass ëd l’antramesia, tuti pront për esse dovrà. Tuti ij campagnin dël pais a conossìo sta “baraca” përché Nòno Pìlade come ij sò vej, a l’ero apassionà aj travàj ‘d campagna e as prëstavo volenté a rangé j’arnèjs e a tut lòn ch’as rompìja… Ant l’invern Nòno as divertìa a fé le sòtole al torn, a na fasìa ‘d tute le misure  për ij bòcia dël paìs che as na rivavo ant ël temp ëd quaresima e peui a-i provavo ant nòstra cort tuti sodisfait e as n’andasìo con la sòtola e n’cordin a gieughe për le cort e an piassa.
Chèidun a-j dasìo chèich soldin, për catesse le sigale.


La fnera

A metà ëd cola grossa costrussion dal pian teren fin-a aj cop a-i era un gròss pilastr ëd pera e lì daré, na longa scala a spross për monté sla fnera.    Aranda dla scala a-i era na veja “raboteusa” ‘d barba Pietro che a l’avìja lassane d’arcòrd quandi ch’a l’era partì për la Fransa come emigrant an sèrca ‘d travàj. Ël paviment ëd la fnera a l’era d’ass, un tacà a l’àutr ancioà an sij bion ëd bòsch.
Da la part ëd mesdì, dzora dla baraca, as butava ‘l gran a sëcché, perché lì a l’era bin espòst al sol e al vent, anvece vers mesaneuit, as butava ‘l fen tut bin anvalà a tëppo, riparà da tanti ass ch’a fasìo da muraja.


La fnera veja… ore mia cà

I son tornà a ca… mach sòn a conta!
La fnera veja, giù al fond ëd la cort …ij trav dël tèit a pavajon ch’a conservo ancora con devossion la stòria dij mè vej… ore mia ca.
Da le fnestre neuve sià ‘d lus a intro e tute le noanse dël tramont e l’aria frësca dla val ch’a ven giù da le sime quatà ‘d fiòca…
Sento torna ij bòt ëd l’Ave Maria e a mesdì l’Angelus s’anfila ant la cusin-a con l’ànima d’Nòno: bonèt an man, mànie argaucià, soa vos arson-a ant l’orassion prima ‘d setesse a tàula.
 
Ma a l’è vers sèira che mi i m’amuso a rivive con ij mè vej.
Përfum ëd fen sèch, ëd gran ambaronà a inondo mia stansa…
Un silensi ch’a l’ha ‘l savor dl’eternità e dal tëppo dj’arcòrd, ant ël canton ëd la fnera… ël respir dij pòver che nòno a logiava. As na rivavo ant l’ambrunì con un fagòt dë strass pendù a’n baston pogià ‘n sla spala. Jë spross ëd la scala a-j conossìo bin e lì sël tëppo lor a posavo òss e miserie e bin sovens sìmes e poi a-j fasìo guerna… E bin mi lo sento ‘l respir dij pòver: ore grev ëd solitudin, ëd fam e d’amarëssa, ora leger come col ëd le masnà e tut ël fen respira con lor, ‘l bate dël cheur a l’è col ëd creature care al cel.
La lun-a a campa bindej ëd lus tra le filure dj’ass drissà a palissada për riparè da j’interperie, l’istessa lun-a am conta tut sossì e mi i lasso ch’a intra … am pias pà tiré giù la saranda e fè scur … mi i veuj sente la lun-a a conté la stòria dël passà, a-i é sempre da amprende e tut sòn a l’è bel.


La trebiatris (La màchina da bate)

Quand che ‘l gran a l’era già bin sech, vers la metà ‘d luj, a rivava la trebiatris che noi la ciamavo
“La màchina da bate”.
A l’era ‘n gròss macchinari tirà da cavaj e pì tard daj primi trator che a tribulavo motobin për avnì ant nòstra cort përchè da la stra dël pais as duvìa girè ant ël vicol e peui passè sota la veja arcada e a l’era ‘n gròss problema.
Tuti j’òmo a l’ero a n’andi a manovravo, a crijavo për dé d’ordin…òh!… issa!…òh!…issa!… Peui finalment a la sistemavo dnans a la fnera e tuta la famija, comprèise le masnà, a l’era sota tir për fé soa part. Tuti, òmo, fomne e masnà a l’avìo ‘l fodalèt…Chi a piava le fassin-e ‘d gran, chi a-i  passava da un a l’àutr, chi j’anfilava giù ‘nt la machina për esse dësgrunà …e chila a dividìa la paja dal gran che andasìa a finì ant un sach …la paja a la tajava tuta e a la rendija come balòt.
Un romor carateristich arsonava për la cort  tra-ta…ta..tan…-tra-ta…ta …tan… che as sentìa da lontan e tuta la gent dle ca avzine as na rivavo ant nòstra cort…
Dòpo ‘n pàira d’ore ‘l  romor a molava për feje fé na sosta al motor, mentre nòstr pare ch’a l’era ‘dcò negossiant da vin, a tirava su dal paciass un botion ëd vin bon e a passava a deje da bèjve  a j’òmo ch’a travajavo lì al sol... Tuta la cort a l’era an ferment, ognun a l’avìa sò incarich peui le masnà e le done andasìo al toron a bèive ‘n pò d’eva frësca për bagnesse le man che a l’ero tròp sëcche e për lavesse la boca pièn-a ‘d poer.


L’ultim campagnin

-It ses ausate prest ëstamatin
còs mai veusto sëmné për noi staprima?
-L’è mai bonora për ël campagnin
già pronta a l’è la smens, la tèra a speta
-Alora alé!  Partoma it vado apress,
venta fé lest che tòst ël sol a sponta …
…e ‘l sol nassend a conta le pianà…
frësche ‘d rosà sël camp che già as dësvìja…
-E sapa, sapa fieul, sapa con veuja,
bùtie dë liam, a-i va la tèra druva
e giù ant l’ancreus ‘d sò cheur venta sëmné…
Adess, da ‘nginojon pòsa la smens con gràssia che mi, i veuj carëssela e benedila …
Cheurvla con ‘d tèra garvia, peui ‘t la bagne,
toe man son giovo, a toca a lor cudila …
Parèj, parèj…’d matin ciaciàrie ‘nsema,
dëddì càntje sotvos na canson veja
ch’a l’àbia ‘l motiv doss ëd pastoral
e‘d sèira set-te lì dacant e prega
ch’a nassa për ësto mond
na pianta neuva
cola dl’ amor
ch’a pòrta frut ëd pas !



La casa dove siamo nati

La nostra casa era una grossa cascina e ancora adesso le assomiglia.
Piano terra: la grande cucina e due locali di fianco, uno per i pasti e per lavorare, l’altro per sala…poi una grande cantina. Al primo piano, le camere da letto e all’ultimo piano il solaio, tutti e due i piani avevano un lungo balcone con la ringhiera di ferro. Al primo piano vi erano due fienili, uno grande e uno piccolo sopra le stalle e servivano per disimpegno, lì si mettevano le cose che si usavano non quotidianamente come stivali, scarponi e la biancheria usata in attesa di bucato; c’era poi un altro locale per i colombi che entravano dalla finestra a colombaia, stretta e lunga, lì andavano a ripararsi quando c’era il brutto tempo. Poi, proprio al centro della casa, sotto il tetto di coppi rossi, vi era una porta sempre chiusa dove si metteva il grano a seccare sul pavimento. Ai bambini piaceva coricarsi dentro a quel mucchio di grano. Si svestivano di nascosto, poi si coricavano sotto il grano, lasciando soltanto fuori la testa. Questo lo facevano soltanto di nascosto, come gioco, mentre uno di loro stava sul balcone per dare l’allarme se arrivava qualcuno …La semplicità dei bambini stupisce sempre…coricarsi nudi nel grano!… ma …viene da dire: se il Signore ha proprio scelto il grano per diventare pane per tutti, non è per niente…ma non andiamo nel difficile. Queste cose le capiremo poi un bel giorno, anche se sono misteriose, ma noi ci crediamo…così ci hanno insegnato i nostri avi. Per portare su la roba sul solaio, si tirava giù una corda che ruotava su di una carrucola e così portavano su nientemeno che i sacchi di grano che pesavano anche un quintale ciascuno. Alla sera, per andare a dormire salivamo per una scala di pietra, in fila seguendo la mamma che teneva fra le braccia il più piccolo dei figli, subito dopo di lei c’era la figlia maggiore con lo scaldaletto fra le mani pieno di brace e noi, avevamo in braccio un mattone caldo, tirato fuori dal forno della stufa e poi impacchettato nella carta, per metterlo in fondo al letto a scaldare i piedi.


E’ lì che son nata (Gemma 11/8/1926)

Paese di campagna
una vecchia casa grande
come una cascina
odore di fieno secco, odore di tino
e di fronte c’era un cortile
e un orto con i fiori
la mia gente alla buona
mangiava pane nero
bagnato del suo sudore
E’ lì che sono nata
di buon‘ora al mattino
s’alzavano i miei vecchi
da buoni contadini
che il gallo cantava
facendo da sveglia
si apriva il portone
rumore di carriole
d’arnesi e di carri
La chioccia usciva
chiamando i pulcini
si alzava il primo sole
ed era gìà giorno
poi le ore passavano
ma nessuno s’accorgeva
né gli uomini nei campi
né gli altri in famiglia
Arrivava la sera
e tutti in casa
che bello essere insieme
per fare la veglia
si sfogliava il granoturco
si sceglievano le castagne
si cardava la lana
si aggiustavano le ceste
i ragazzi cantavano
le ragazze cucivano
mentre che le nonne
facendo le solette
raccontavano le storie
ai loro nipotini.
Che bella armonia
quantunque la vita
fosse anche dura
e crucci e fastidi
ne avessero tutti
non meno che adesso
ma anche più pazienza
tanto era uguale.
Quei tempi erano pacifici
Potessimo tornare.
Ma adesso che la vita
è tutto un ribollire
viene da chiederci:
era meglio allora
o meglio adesso?
Se ogni passato
lascia i suoi segni
tocca di certo a noi
seminare un po’ d’amore
e darsi una mano
per fare ancora più belli
i ricordi del domani.


Il cortile

Nevica …26 dicembre 2003… guardo dai vetri il cortile pensando a quando la mia casa era un fienile di fronte alla vecchia casa dove son nata …quanti anni son passati …lo stesso cortile di allora quando noi bambini giocavamo alla “settimana (che noi chiamavamo “mondo”).
Con un bastoncino facevamo delle righe per terra in modo di avere i sette giorni della settimana da lunedì alla domenica, poi saltavamo con un piede solo, da un giorno all’altro per andare a spostare una pietruzza nei giorni della settimana, ma al giovedì ci riposavamo con due piedi a terra, perché al giovedì era giorno di vacanza e se si sbagliava si doveva lasciare il posto ad un altro. E i giorni passavano così, saltando come bambini allegri… Le galline ci giravano attorno …coccodech…coccodech…anche la chioccia chiamava i pulcini, perché non venissero a disturbarci mentre saltavamo da un giorno all’altro. Quando arrivavano altri amici, allora si giocava a vendere oppure andavamo sull’altalena che pendeva dagli assi del fienile con due corde che scendevono con un pezzo d’asse per sedile e noi ci attaccavamo alle corde per volare in aria come dei passeri.
Il nostro cortile viveva tanti momenti di vita campagnola, da un momento all’altro cambiava aspetto, come cambiavano i suoni, le voci della gente e delle bestie. Quando i bambini giocavano insieme, il cortile risuonava di tante voci che si chiamavano per nome, oppure si sentiva una sola voce che contava 1-2-3- (quando si giocava a nascondino) 29-30-31! E poi si andava a cercare tutti quelli che si erano nascosti e vinceva chi non si lasciava trovare.
Di tanto in tanto arrivava anche il giorno di far uscire quei poveri malaietti che erano sempre nella stalla, “la stalla dei maiali”… Quando papà decideva di togliere il letame, chiudeva le galline nel pollaio e il cane nel canile, poi li faceva uscire nel cortile e loro giravano in tutti gli angoli in cerca di briciole, mentre lui con la cariola trasportava il letame nell’orto in fondo al cortile dove c’era il letamaio di riserva per i prati e per i campi. Da lì partiva poi il, carro con le sponde, carico di letame, proprio vicino all’arcata del portone dove ancora adesso c’è una vecchia porta di legno.
Un altro momento tutto speciale che viveva il nostro cortile era quello del bucato che durava più o meno due giornate, una per fare l’ammollo e l’altra per distendere e fare asciugare la biancheria. Il primo giorno era proprio una cerimonia: un grosso mastello appoggiato su di un cavalletto, lì davanti a casa, vicino all’orto dove si mettevano le lenzuola, tutte insaponate dalle donne al mattino presto sull’asse da lavare, poi le coprivano con una tela di casa dove mettevano uno strato di cenere sulla quale versavano acqua bollente profumata di lauro, per fare l’ammollo.
L’acqua poi usciva dal fondo del mastello da un rubinetto.
L’indomani si toglievano le lenzuola e si mettevano in recipienti vari sopra un carro e si partiva per la “Fontanassa” un luogo vicino ad una sorgente ai piedi della montagna dove tutte le donne andavano a risciacquare il bucato.
Le lavandaie, mentre risciacquavano cantavano delle vecchie canzoni. Infine arrivavano gli uomini a ricaricare il carro e si ritornava a casa a distendere le lenzuola sulle corde tirate attraverso a tutto il cortile.


L’orto e il pergolato

Ogni angolo del cortile ha la sua storia … Il vecchio orto della nostra famiglia aveva due caratteristiche: quella di essere un orto ben curato, ricco di verdure e quello di essere un bel giardino con tanti fiori, in particolare con tante rose di tanti colori. Tutto intorno era protetto, a nord da un muro lungo la stradina e dalle altre tre parti da una rete di ferro per proteggerlo dagli animali. Appoggiate a quella rete vi erano tante rose che nostra madrina curava con tanta passione… La terra era tutta divisa a pezzi per coltivare le diverse qualità di insalata, i pomodori, i cipollini, i sedani, le coste, i porri, i, peperoni, gli zucchini, i fagiolini ecc… ecc…
In un angolo dell’orto, appoggiato ad un muro c’era un bel pergolato con una tavola e una panca, di pietra, ben riparato da una pergola ricoperta di rami rampicanti con ciuffi di fiori di gelsomini bianchi…
In quel pergolato, nella bella stagione, al mattino, gli uomini facevano la prima colazione: un’insalata di pomodori e peperoni, pane casalingo e formaggio stravecchio e qualche bicchiere di vino. Nelle altre ore della giornata, quel pergolato era il posto ideale per noi ragazzi a fare i compiti delle vacanze e quando noi eravamo già più alti… quante traduzioni dal latino abbiamo fatto in quel pergolato!


Il magazzino del vino

La casa vecchia, tipo cascina, il sottotetto con il fienile, il laboratorio, l’orto con il pergolato e i fiori, il cortile grande, l’orto delle galline con il letame per concimare i prati e i campi, le stalle per il bestiame… ma ci manca ancora un angolo della nostra casa: il magazzino da vino, dove nostro padre teneva tanti fusti tutti in fila attorno ai muri, pieni di buon vino. Lui faceva il negoziante da vino all’ingrosso e poi lavorava anche in campagna per aiutare Nonno Pilade. Era bello vedere tutti quei recipienti da vino: le botti, quelle grosse e quelle piccole, le damigiane, i fustini, i fiaschi, le bottiglie, gli imbuti…ma quello che a noi bambini interessava di più era la bàscula che era un peso speciale: bastava salire su di una lastra di ferro sospeso nel vuoto di una fossa e il peso segnava quanto pesavamo…Nel cortile vi era sempre movimento lì davanti al magazzino, quando nel tardo autunno arrivava il vino dall’astigiano con i carri e si travasava il vino nelle nostre botti. Papà aveva la tuta blù e attorno a lui giravano i figli maschi, anche loro con la tuta e facevano i garzoni … Poi la gente veniva ad assaggiare il vino: lo bevevano a gocce e lo centellinavano adagio facendo smorfie scoppiettando le labbra secondo come piaceva…poi lo acquistavano a damigiane


Veglia delle ragazze da marito

Quando noi eravamo bambini, nostra mamma e sua sorella che noi chiamavamo tutti “madrina”, alla sera insegnavano a ricamare a tante ragazze del paese. Loro avevano imparato dalle Suore di S. Giuseppe quando erano giovani in Casa Famiglia, poi hanno continuato a ricamare in casa e così facevano scuola di ricamo alle ragazze da marito che si preparavano il corredo. Tutte le sere venivano nel nostro cortile e poi entravano nella cucina grande a passare molte ore di lavoro. Ricamavano le lenzuola, le federe, le tovaglie, i centri… e tra un lavoro e l’altro cantavano delle belle canzoni, mentre Nonno Pilade con le molle aggiungeva legna al focolare nel camino per tenere caldo l’ambiente e papà raccontava tante belle storielle tra una canzone e l’altra per tenere allegre quelle ragazze che venivano sempre numerose a ricamare.
Ancora adesso tante signore di una certa età ricordano quelle serate trascorse nella nostra cucina grande a fare il corredo.


La bambola

Quando vedo i bambini del giorno d’oggi che hanno tanti giocattoli e non ne hanno mai abbastanza, quando padre e madre comperano le ultime novità, mi viene da pensare alla mia bambola che ho avuto in regalo, la più cara quando ero piccola. Mi ricordo come fosse adesso e che d’allora son passati tanti anni… Era una bambola proprio alla buona, fatta di stracci e piena di segatura e di paglia, cucita dalle sante mani di mia mamma, ma me l’aveva portata Gesù Bambino come dono la notte di Natale del 1930…Per capelli una manciata di fili gialli, fermati da qualche punto che somigliavano dei riccioloni, la bocca fatta a cuore ricamata con filo rosso perlato, due occhi a mandorla di colore azzurro e un nasino da gatto; le braccia e le gambe erano riempite di segatura, le mani piatte con le dita unite, tanto per dare l’idea. Nella pancia, dove le bambole attuali hanno le batterie per azionare i meccanismi e farle camminare, piangere e chiamare mamma, c’era solo della paglierina. Oh, no, la mia bambola non faceva niente di quello che fanno le bambole moderne ..non camminava, non piangeva e non chiamava per fare pipì…eppure continua a parlare al mio cuore, con una voce che arriva da un muro della nostra casa vecchia, dove lei è nascosta da tanto tempo e dove se io volessi potrei ancora trovarla. Un muro?…Ma sì, state a sentire. In quella casa, nella grande cucina, una volta c’era un camino con una gran bocca nera di fuliggine, dove il fuoco era sempre acceso. Mio Nonno Pilade, si sedeva sovente vicino mettendoci tutto l’impegno a mantenere la fiamma accesa, come fosse stata una cosa sacra, perché non si spegnesse e alla sera aveva cura di coprire la brace con la cenere in modo che al mattino bastasse agitarla e aggiungere qualche rametto di legno. Ho detto che quel camino era molto grande e per tanti anni è restato così, quando un bel giorno va a sapere il perché, mio padre, ha pensato di farlo restringere. Io allora avrò avuto sei o sette anni e mi ricordo ancora dei muratori che nella cucina battevano con il piccone per costruire un muro e stringere quel camino con una parete. E’ proprio là in quelle due spanne di spazio che è andata finire la mia povera bambola assieme alla spazzatura raccolta per la cucina, scarpe vecchie, ferri vecchi, ciottoli….e dicevano che la mia bambola era anche vecchia e tutta malandata per quello l’hanno buttata via… Quel camino è rimasto più piccolo, con il passare degli anni è diventato un armadio per mettere le casseruole …E io adesso tutte le volte che passo vicino mi piace rivedere un gran fuoco acceso …sentire parlare i miei vecchi.. e il respiro della mia bambola.


Il sotto-tetto - il laboratorio - il fienile
Il sotto-tetto

Davanti alla nostra casa di campagna, al fondo del cortile, c’era una grossa costruzione rustica a due piani, esposta al vento della valle. Il piano terra, quella a nord, serviva per riparare i carri, le carriole, i carretti, le ceste e le sponde che si mettevano ai carri come chiusura per portare i ricci delle castagne, le pannocchie di granoturco, la legna e le foglie che si raccoglievano d’autunno per mettere nelle stalle sotto il bestiame. Tutti gli attrezzi più grossi come l’aratro, il rullo che serviva a trebbiare il grano, i cavalletti per il taglio della legna, erano tutti ben sistemati al loro posto e quelli meno ingombranti erano appesi lungo il muro di fondo come i rastrelli. In un angolo vi erano le pale, le zappe, le forche, i tridenti, le scope di ramaglia…Era proprio in questo androne che i vecchi chiamavano “sotto il tetto” dove noi ci radunavamo da ragazzi per salire sull’altalena che pendeva dal fienile e dove lì di fianco, Nonno Pilade affilava la falce col martello, seduto sul ceppo.


La martellatura della falce

Nonno era un contadino: aveva due baffi che giravano in su e un pizzo appuntito che gli dava un’aria d’importanza. Fra i tanti ricordi rimasti di questa cara figura, c’é quello che si riferisce alla martellatura della falce. Quando era ora di tagliare il fieno, lui iniziava preparare gli attrezzi alcuni giorni prima: i rastrelli, tridenti, i bastoni per voltare il fieno, li metteva ordinati lungo il muro e le falci le martellava.Per fare questo lavoro si preparava il posto sotto il tetto, dove vi erano le carriole, l’aratro e i carri. Metteva una giacca logora sulla ceppaia di noce, che serviva soltanto per la martellatura, perché aveva un codolo di ferro piantato per appoggiare la lama della falce, poi si sedeva a cavallo della ceppaia in modo che le ginocchia fossero ben equilibrate all’altezza del ferro, mettendo sotto i piedi due mezzi mattoni. Da una scatoletta arrugginita prelevava un mozzicone di sigaro, se lo metteva in bocca e dalle labbra fuoriusciva poco per volta masticandolo. Finalmente iniziava l’operazione della martellatura. Dan… dan…dan…dopo una trentina di colpi, sputava via un po’ di saliva, poi passava l’unghia del pollice sotto il filo della falce per sentirne lo spessore e continuava a martellare con la stessa cadenza per circa un’ora… guai a disturbarlo mentre batteva con il martello! Intanto noi giocavamo per l’aia correndo in qua e là come dei pulcini. Lui guardava con certe occhiate da sopra gli occhiali pinzati sul naso e se noi ci avvicinavamo, lui si alzava arrabbiato posava la falce sulla ceppaia e allontanandoci gridava “Busaron!” Faceva qualche passo verso di noi facendo fischiare i pantaloni di velluto. Quando la falce era ben martellata, Nonno diceva “martellata a l’unghia”, sputava via il mozzicone di sigaro e la saliva usciva come uno zampillo in mezzo ai baffi a un metro di distanza. Quello era il segnale che il lavoro era terminato e lui era soddisfatto.


Il laboratorio

Sempre al pian terreno verso sud, separato da una parete di assi, c’era il laboratorio di Nonno per quando il tempo era brutto e non poteva andare in campagna. Questo ambiente era chiuso verso il cortile da un portone di legno e da una porticina verso l’orto delle galline…Lì dentro c’era un tornio a pedale e un banco da falegname, da una parte, dall’altra c’era un banco con la morsa, un trapano e la mola ad acqua per affilare i coltelli… ed un armadio per le padelle. Sulla parete di fondo c’era uno scaffale con tante scatolette piene di chiodi, viti e bulloni di tutte le misure. I piccoli attrezzi come pinze, tenaglie, martelli erano sistemati sul banco pronti all’uso. Gli scalpelli, i succhielli, i cacciaviti di tutte le misure erano introdotti nei buchi della parete di legno tutti pronti per essere adoperati. I contadini del paese conoscevano questo laboratorio perché Nonno, appassionato ai lavori di campagna, aveva tutti gli attrezzi necessari per ripararli quando si rompevano e si prestava volentieri ad aiutare gli altri. Nell’inverno si divertiva a fare le trottole al tornio per tutti i bambini del paese che si divertivano a giocare specialmente in tempo di quaresima, poi le provavano nel nostro cortile con lo spago e andavano poi a giocare in piazza…qualcuno gli offriva qualche soldo per comperarsi qualche sigaro.


Il fienile

A metà di quella grossa costruzione, dal pian terreno fino al tetto c’era un grosso pilastro di pietra e dietro vi era una lunga scala a pioli per salire sul fienile. Accanto alla scala vi era la piallatrice di Zio Pietro lasciataci per ricordo quando era partito per la Francia come emigrante in cerca di lavoro. Il pavimento del fienile era di assi, uno vicino all’altro inchiodati ai tronchi di legno. Dalla parte di mezzogiorno, sopra al laboratorio si metteva a seccare il grano perché più esposto al sole e al vento, invece verso mezzanotte, si metteva il fieno tutto ammucchiato, riparato da tanti assi messi in fila come un muro.



Il fienile vecchio (ora casa mia)

Sono ritornata a casa …solo questo conta! Il fienile vecchio, giù al fondo del cortile… le travi del tetto a pavaglione che conservano ancora con devozione la storia dei miei antenati…ora casa mia! Dalle finestre nuove filtra la luce in tutte le direzioni del tramonto e l’aria fresca della valle che vien giù dalle montagne coperte di neve…Sento di nuovo i rintocchi dell’Ave Maria e a mezzogiorno l’Angelus si introduce nella cucina con l’anima di Nonno: berretto in mano, maniche rimboccate, la sua voce risuona nell’orazione prima di sedersi a tavola. Ma è verso sera che io gioisco con i miei antenati. Profumo di fieno secco, di grano ammucchiato profuma la mia camera …Un silenzio che ha il sapore dell’eternità e dal mucchio dei ricordi, nell’angolo del fienile …sento il respiro dei poveri che Nonno alloggiava. Se ne arrivavano all’imbrunire con un fardello di stracci appesi ad un bastone appoggiato sulla spalla. I pioli della scala già li conoscevano e lì sul mucchio di fieno loro posavano le ossa, le miserie e sovente anche cimici e pidocchi. Ebbene io lo sento il respiro dei poveri: ora profondo di solitudine, di fame e di amarezza, ora leggero come un respiro di un bambino e tutto il fieno respira con loro, il battere del cuore è quello di creature care al cielo. La luna getta raggi di luce tra le fessure della parete in legno per riparare dalle intemperie, la stessa luna mi racconta tutto questo e io lascio che entri …non tiro giù la tapparella per fare buio…io voglio sentire la luna che mi racconti la storia del passato, c’ è sempre da imparare e tutto questo è bello!


La trebbiatrice

Quando il grano era già ben secco, verso la metà di luglio, arrivava la trebbiatrice che noi la chiamavamo “la machina da bate”. Era una grossa macchina tirata da cavalli e più tardi dai primi trattori che facevano molta fatica per venire nel nostro cortile perché dalla strada del paese si doveva girare nel vicolo e poi passare sotto l’arcata antica ed era un problema. Tutti gli uomini erano all’opera, manovravano, gridavano per dare ordini Oh! Op! …Oh!…Op! Poi finalmente la sistemavano davanti al fienile e tutta la famiglia, compresi i bambini, erano occupati per fare la loro parte. Tutti, uomini, donne e bambini avevano un grembiulino… Chi prendeva i covoni di grano, chi li passava ad un altro, chi introduceva nella macchina il covone per essere sgranato e lei divideva il grano che andava in un sacco e rendeva la paglia tagliata in un formato a parallelepipedo (il balòt)…Un rumore caratteristico risuonava per il cortile: Tra …ta…tan- tra…ta tan che si sentiva da lontano e tutta la gente delle case vicine arrivava nel nostro cortile. Dopo qualche ora tutto taceva per dare un pò di riposo al motore, mentre nostro padre, che era anche negoziante di vino, prendeva un bottiglione e dava da bere agli uomini che lavoravano lì al sole… Tutto il cortile era in fermento, ognuno aveva il suo compito, poi i bambini e le donne andavano alla fontana a bere un po’ di acqua fresca per bagnarsi le mani che erano troppo secche e per lavarsi la bocca piena di polvere.


L’ultimo contadino

Ti sei alzato presto questa mattina
cosa mai vuoi seminare per noi questa primavera?
Non è mai presto per il contadino
già pronta è la semente, la terra aspetta.
Allora su partiamo, io ti seguo
bisogna far presto che già sta per spuntare il sole.
E il sole nascendo conta le orme
fresche di rugiada sul campo che già si sveglia…
E zappa, zappa figlio, zappa di buona voglia
mettici del letame, ci vuole terra concimata
e giù in profondità bisogna seminare.
Adesso da in ginocchio, posa il seme con garbo
che io voglio accarezzarlo e benedirlo.
Ricopri con terra leggera, poi la bagni
le tue mani sono giovani, tocca a loro coltivarla
così, così, di mattino parlale insieme
di giorno cantale sottovoce una vecchia canzone
che abbia il motivo dolce di pastorale
e di sera siediti lì accanto e prega
che nasca per questo mondo
una pianta nuova
quella dell’amore
che porta frutti di pace!


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       
  
  
           
   
Torna ai contenuti | Torna al menu