Paesi - Valsusa vive

VALSUSA VIVE
Vai ai contenuti

Menu principale:

LA VALLE di SUSA

Ël vent e ij cioché dla bassa val

Già 'l vent dla sèira a cala giù sël pian
e 'l dì a meuir con an sospir profond,
l'eco dl'ultima ciòca as perd lontan,            
la ponta dij cioché tòst as confond
Ant l'ambrunì ch'a tenz ël cel as sent               
l'ultima vos dla tèra, l'ultim son;
da la montagna 'd Susa as àussa 'l vent
e a së spatara giù për 'l valon.
An subiand dzora 'd Susa a fà na dansa,
s'avzin-a al Dòm, ambrassa 'l gran cioché,
a s'anfila 'nt le fnestre con baldansa
e as na seurt con la pressa dë scapé.
A Mattie  e a Meana legerment
s'inchin-o ij bòsch e a sponto ij doi cioché
che 'd neuit a deurmo coma a fà la gent           
e 'd dì a ciaciaro e a parlo dij sò afé.
Vent e Dòira as compagno për un trat,
Dòira a-j barbòta 'n ritornel modest,
e chiel sbrufand a subia, peui fà 'l mat,
as calma dnans al vej cioché 'd Forest.
Sle gròsse pere a passa 'l temp e a-j rend
seulie seulie, frustandje a pòch a pòch;
quand che 'nt ël cel la lun-a ciaira a splend
le muraje as confondo con ij ròch.
A Bussolin ël vent sensa pié fià
a gira për trové col bel cioché
che dré 'd na gran faciada a l'é stërmà
com a a voréissa nen fesse amiré.
Passa a Cianoch: a smìja ch'as senta 'l son,
dle ciòche d'una cesa dirocà
për ël ravagi fàit da n'aluvion
ël sò ciohé però l'é sempre là.
San Gieuri: un cioché gris paréj dl'assel;
al vent a-j pias fé 'n pò 'd conversassion
con chiel, tra le ruvin-e dël castel
e la Dòira che a canta soa canson.
Berzeul a l'ha 'n cioché piassà s'un brich
e pì a val un castel con na gran tor,
as sa nen qual dij doi a sia pi antich,
ël vent, passand, a-j guarda con amor.
Come feje ch'a l'han ël sò pastor
j'é 'n grop ëd ca lassù con sò ciochè
che da secoj a-i guerna; vzin a lor                   
ma 'n pò pì an su: l'é col ëd San Didé.
Pi giovo dij sò fratej, col ëd Borgon
l'é pa gelos s'a-i é San Valerian
ch'a-j parla al vent, ansema a 'n vej torion,
d'antiche glòrie e 'd màrtiri cristian.
Trames ij bòsch e ij rì 'd Vilarfociard
antorn a doe certose tut a tas;
a-i conòss bin ël vent: a-j dà në sguard,
ma as ferma pa, për nen guasté sta pas.
S'anfila an mes dle ca 'd San' Antonin
e al gròss cioché potent e bin squadrà,
a-j dis sotvos: -'t ses vej, it ses fàit bin
e forsa 't fé it ses stait valorissà!
Peui 'l vent  a së spòsta a San Pancrass,
su dzora a Vaje a vèd an cit cioché,
a-j gira antorn come për piesslo an brass
e cunelo là an mes ai castagné.
Tra 'l verd e le capele  dle borgà
re dla montagna 'd Mòce 'l cioché stòrt
a 'nvita coj ch'a passo daspërlà
a dì 'n pò 'd bin e 'n requiem për ij mòrt.
a Condòve ant la neuit a cheuj ël vent
ij bòt ëd j'ore, ma a l'é pa la vos
dël cioché neuv o col  d' San Ròch ch'as sent:
ven da la tor  coj doi son silensios.
Sofiand là vers la  Ciusa 'd San Michel
as vëddo ancora ij rest ëd na muraja,
a 'rdobia 'd fòrsa, a pianta a gran rabel,
a smìja l'eco lontan d'una bataja.
Sant' Ambreus l'é lì ai pé dël Pirchirian:
soa cesa an stil Baròch e sò cioché
a smìjo doi brav amis ch'as dan la man;
da lì a part për la Sacra ël vej senté.
E vers la Sacra 'l vent a pija lë slans
për ambrassesla s-ciass, anluminà
d'un viv ciairor: le piante as chin-o anans
e a smìjo parlé sotvos dël temp passà.
Ancora 'n gir për deje ai bej cioché
dl'ultima part dla val ël sò salut,
mentre soe ciòche a dijo ai fedej'd preghé
e a ciameje a Nosgnor un pò d'agiùt.
La neuit l'é scura e a l'é pasiasse 'l vent:              
a vijo an sa e an là pòchi ciairin,
ma j'ore a passo lest  e torna as sent
l'arciam dla prima ciòca dla matin.
Ven dal cioché dla Sela che 'nt ël cel
s'aussa pontù: l'é col pì vej dla val!
mentre an sle ròche 'l sol passa sò pnel
tenzendje 'd ross come 'n pitor genial.
Mè bei cioché 'd Val Susa , giovo e vej,
vòstra paròla trasportà dal vent
ch'an fassa diventé tuti fratej,
ch'ampinissa d' amor ël cheur dla gent.  


Il vento e i campanili della bassa valle

Già il velo della sera scende giù sul piano
e il giorno muore con un sospiro profondo
l'eco dell'ultima campana si perde lontano
la punta dei campanili si confonde.
Nell'imbrunire quando il cielo si tinge si sente
l'ultima voce della terra, l'ultimo suono
dalla montagna di Susa si alza il vento e si espande giù per il vallone.
Fischiando sopra Susa fa una danza
si avvicina al Duomo , abbraccia il gran campanile
e si introduce nelle finestre con baldanza
e se ne esce con la fretta di scappare.
A Mattie e Meana leggermente
si inchinano i boschi e spuntano i due campanili
che di notte dormono come fa la gente
e di giorno raccontano e parlano dei loro affari.
Vento e Dora si accompagnano per un tratto,
Dora sussurra un modesto ritornello,
e lui sbruffando, poi fa il matto
e si calma davanti al vecchio campanile di Foresto.
Sulle grosse pietre passa il tempo e le rende
liscie liscie, logorandole a poco a poco;
quando nel cielo la luna chiara splende
i muri si confondono con le rocce.
A Bussoleno il vento senza prendere fiato
gira per trovare quel bel campanile
che dietro a quella grande facciata é nascosto
come non volesse farsi ammirare.
Passa a Chianocco: sembra che senta il suono
di campane di una Chiesa diroccata
per una alluvione subìta
e il suo campanile però é sempre là.
San Giorio: un campanile grigio come l'acciaio;
al vento piace fare un pò di conversazione
con lui, tra le rovine del castello
e la Dora che canta la sua canzone.
Bruzolo ha un campanile su di un cucuzzolo
e più a valle un castello con una grande torre,
non sa quali dei due sia più antico,
il vento passando li guarda con amore.
Come pecore che hanno il loro pastore
c'é un gruppo di case lassù con il suo campanile
che da secoli li custodisce vicino a loro
ma un pò più sù é quello di S.Didero.
Più giovane dei suoi fratelli, quello di Borgone
non é geloso se S. Valeriano parla con il vento,
assieme a un vecchio torrione
di antiche glorie e martiri cristiani.
In mezzo ai boschi e i ruscelli del Vilarfocchiardo
intorno a due Certose tutto tace
li conosce bene il vento dà uno sguardo,
ma non si ferma, per non guastare questa pace.
S' infila in mezzo alle case di Sant' Antonino
e al grande campanile potente e ben squadrato,
dice sottovoce: sei vecchio sei fatto bene!
finalmente sei stato valorizzato!
Poi il vento si sposta sopra a San Pancrazio,
sopra a Vaie e vede un piccolo campanile,
gli gira attorno come per prenderlo in braccio
e cullarlo in mezzo ai castagni.
Tra il verde e le cappelle delle borgate
re della montagna é il campanile storto di Mocchie
che invita quelli che passano di là
a dire un pò di bene ed un requiem per i morti.
A Condove nella notte raccoglie il vento
il suono delle ore,
ma non é la voce del nuovo campanile
o quello di S. Rocco che si sente
viene dalla torre, quei due sono silenziosi.
Soffiando là verso la Chiusa di San Michele
si vedono ancora i resti di un muraglione
raddoppia la sua forza e fa un gran baccano,
che sembra l'eco di una antica battaglia.
Sant'Ambrogio é ai piedi del monte Pirchiriano;
sua Chiesa in stile barocco e il suo campanile
sembra che si dìano la mano;
da lì parte per la Sacra il vecchio sentiero.
E verso La Sacra il vento prende lo slancio
per abbracciarsela illuminata
d'un vivo chiarore: le piante si incurvano dinnanzi
e sembra parlino sottovoce del tempo passato.
Ancora un giro per dare ai bei campanili
dell'ultima parte della valle il suo saluto,
mentre le loro campane dicono ai fedeli di pregare
e chiedere al Signore un pò d'aiuto.
La notte é scura e il vento si é placato
si vedono in quà e là pochi lumini,
ma le ore passano in fretta e di nuovo si sente
il richiamo, della prima campana del mattino.
Viene dal campanile di Celle che nel cielo si alza a punta;
é quello più vecchio della valle!
Mentre sulle rocce il sole passa il suo pennello
tingendole di rosso come un geniale pittore.
Miei bei campanili di Val Susa giovani e vecchi
vostra parola trasportata, dal vento
faccia diventare tutti fratelli,
riempia d'amore il cuore della gente.

CENNI  STORICI   E  LEGGENDE   SUI  PAESI  DELLA  VALLE  DI  SUSA



MONGINEVRO
L’obelisco posto in onore di Napoleone I sul colle, poco lontano dell’abitato, ha una lapide scolpita in quattro lingue: francese, spagnola, latina e italiano che reca la seguente scritta: IN ONORE A NAPOLEONE –IMPERATORE DEI FRANCESI E RE D’ITALIA PER AVERE APERTA UNA VIA ATTRAVERSO LE MONTAGNE DI QUESTA PROVINCIA- E AVERE RESO IL PASSAGGIO DALLA FRANCIA ALL’ITALIA PIÙ COMODO E PIÙ SICURO – L’ASSEMBLEA ELETTORALE RADUNATA A GAP – E TUTTO IL POPOLO DELLA PREFETTURA DELLE ALPI SUPERIORI – HANNO ERETTO QUESTO MONUMENTO DELLA LORO GRATITUDINE IN VERSO LA PROVVIDENZA DELL’OTTIMO PRINCIPE – L’ANNO MDCCCVI – LAODOVICO PREFETTO.

Presso il Monginevro, tra loro vicine, sono le sorgenti della Dora Riparia e della Durance.
Il fatto che due fiumi aventi quasi una accanto all’altra la sorgente sfocino uno, quale affluente del Po, nel mare Adriatico e l’altro quale affluente del Rodano, nel Mediterraneo occidentale, ha ispirato diversi poeti i quali hanno cantato l’addio che si rivolgono i due corsi d’acqua fratelli
“ Je vais ver l’Italie, et tu vas en Provence.                                                                      


Leggenda: Al Monginevro, troviamo una tradizione, secondo cui sotto il colle si trovava un tempo un sotterraneo lungo 2 Km. scavato dai montanari per sfuggire alle invasioni barbariche.
Passando per la conca di Bardonecchia, si tramanda che la zona fosse anticamente occupata da un grande lago che si estendeva fino alla rocca tagliata.  La rocca sarebbe stata infranta dagli antichi abitanti del luogo per dare sfogo alle acque.  Notizia singolare se si rammenta che i più antichi documenti di Bardonecchia recano la dicitura “Sancta Marie ad Lacum” e che un’altura all’inizio della conca si chiama ancora oggi “Bersac” (vers le lac).
Il nome stesso di Bardonecchia deriverebbe dalla radice (Bardoneg) che in lingua gallo-romana significherebbe canto o musica e su questa fragile etimologia la tradizione vuole che in quest’angolo delle Alpi sia esistito un’importante collegio di cantori bardi.
Con più verosimiglianza bard deriva da trinceramento o sbarramento naturale, parte terminale di una valle, esattamente come troviamo in Bar Cenisio e Bard in Valle d’Aosta.
Singolare anche il nome dei monti che la circondano in valle stretta: Il monte Tabor, avrebbe assunto tale denominazione da un pellegrino ritornato dalla terra santa, come del resto le cime che formano la costiera dei re Magi: Gaspare, Baldassarre e Melchiorre. Da ricordare che la cappella della Madonna del Tabor sarebbe stata edificata in una sola notte d’Agosto dopo che un’improvvisa nevicata ne aveva tracciata la pianta sul terreno. Un’altra tradizione vuole che sia stata eretta dagli Angeli.  L’ultima leggenda deriva dalla valle del Rho. Qui si trovava una strada malagevole, spesso interrotta da precipizi e baratri scavalcati da arditi ponti ed un giorno un montanaro si trovò a passare, a dorso di un mulo, su uno di questi ponti che improvvisamente, con un sinistro scricchiolìo, crollò il poveretto ebbe appena il tempo di invocare la Madonna di Mont-Serrat.
Il miracolo si compì mentre “volando” a cavallo del basto giungeva a mettere piede sull’altro versante della valle, la sua cavalcatura ed il ponte finivano in fondo al burrone.
Mentre ad Oulx si parla dei fantasmi (si troverebbero nei pressi dell’antica Chiesa di San Lorenzo)
Riprendiamo a narrare di lotte feudali a Cesana. Qui il Signore del luogo, Tholosano Desours, governava tirannicamente ed esigeva, come tanti suoi simili, lo “Jus prime noctis”. Incapricciato di una giovane del luogo che doveva andare sposa al giovane Nanni pastore, le fece sapere che, secondo i propri diritti, l’attendeva al castello, presso la postierìa del ponte levatoio.  Venuta la sera andò ad aspettarla al luogo convenuto e quando l’ebbe accanto a se, fece l’atto di abbracciarla, ma cadde ucciso da una pugnalata al cuore. A colpirlo era stato il pastore Nanni che, indossato le vesti della giovane sposa, si era recato al convegno. A governare il feudo salì il figlio dell’ucciso. Il giovane venne infine invitato, in occasione del Corpus Domini, a salire sul campanile ad assistere con più agio alla solenne processione, quattro braccia forti e robuste lo scaraventarono giù nel vuoto ed il giovane feudatario si sfracellò sul sagrato.

CLAVIERE - (Altitudine 1760 m.s.l.m.- Km. 94 da Torino).  La Chiesa parrocchiale, edificata nel 1932 fu bombardata  e distrutta l’8 Settembre 1944 dalle truppe alleate. Ricostruita, fu inaugurata  nel 1949 dedicata alla Visitazione di Maria Santissima.
Festa patronale 21 Luglio S.Maria con processione
Cappelle: S. Gervasio

BOUSSON - (Altitudine 1428 m.s.l.m.-Km. 91,5 da Torino). La Chiesa dedicata alla Madonna della neve, (inizio 500) possiede un bel portale in pietra scolpita, una caratteristica del tardo gotico.
La serratura in ferro battuto rappresenta i gigli di Francia e lo stemma dei Delfini.
L’altare di legno dorato é della scuola di Melezet.
Festa patronale 5 Agosto
Cappelle: Santo Spirito (Bousson Alta) - Madonna del Lago Nero ( Consolata)- (Lago Nero).
Spirito Santo- S.Lucia –N.Signora dei sette dolori- S. LuigiGonzaga.

ROLLIERES - (Altitudine 1600 m.s.l.m.- Km. 95 da Torino). L’attuale Chiesa dedicata a S.Pietro Apostolo fu costruita nel 1816 (sulle rovine dell’antica Chiesa distrutta dai Valdesi) e benedetta nel 1818.

CHAMPLAS DU COL - (Altitudine 1786 m.s.l.m.- Km 98 da Torino). La Chiesa fu edificata nel 1672 dedicata a S. Antonio Abate, fu ampliata nel 1839.
Cappelle: S. Rocco (Champlas)-  S.Claudio (Champlas Seguin).

THURES - (Altitudine 1786 m. s.l.m. -Km 97 da Torino). La Chiesa rispecchia lo stile dell’alta valle è dedicata a S.Maria Maddalena.
Cappella privata in Regione Chalvet.-N.Signora della salute (Le chenol)- Visitazione (Gorlier-)-S. Bernardo (Champ Quartier)- S.Anna (Louse).

SESTRIERE - (Altitudine 2035 mt. s.l.m.- Km 98 da Torino).  Centro internazionale dello sport invernale.   La Chiesa dedicata a S. Edoardo venne fatta erigere nel 1936 dal Sen. Giovanni Agnelli, per ricordare la tragica scomparsa del figlio Edoardo è di stile romanico e fu costruita dall’Arch. G. Chevalley ad imitazione della cappella di famiglia nel cimitero di Villar Perosa.
Cappelle: Regina Pacis.


SAN SICARIO - (Altitudine 1870 m.s.l.m.-Km 90 da Torino). La Chiesa dedicata a S. Anastasio edificata nel 1986.

SAUZE DI CESANA - (Altitudine 1560 m.s.l.m.- Km 95 da Torino). La Chiesa dedicata a S. Restituto è menzionata nel diploma del Vescovo Cuniberto (1065) nel sec. XVI con altre Chiese dll’Alta Valle.  Le finestre sono molto piccole e strette da sembrare un fortilizio, dove gli abitanti di Sauze si difendevano dalle scorrerie dei Valdesi.
E’ opinione di molti che il nome derivi dalla grande abbondanza di salici nella zona. A conferma di questo, nelle vecchie scritture Sauze è indicato latinamente in Salix Cesanae.
In un documento Ulciense anteriore al celebre testamento del patrizio Abbone del 739 è menzionato “Saudis” vi ebbero i natali Monsignor Giuseppe Prin di Sizes, consacrato Vescovo di Susa nel 1817 e Giovanni Nanzon distinto diplomatico della corte dei Savoia.
Cappelle: S.Anna (Bessen Haut) S. Restituto (tra Sauze e Champlas).Madonna dello scapolare (Grangesises) S. Giacomo (Sauze).

CESANA - (Altitudine 1354 m.s.l.m. -Km.88 da Torino). La Chiesa dedicata a S. Giovanni Battista è menzionata in quasi tutti i diplomi valsusini da quello di Ottone III (1001) a quelli del Vescovo Cuniberto di Torino (1065) . Conserva ancora tre absidi, il soffitto in legno a cassettoni con varie sculture del 1600, ed il campanile romanico del sec XII. Interessante è la fonte battesimale in marmo di Bousson e il suo portale. La Chiesa è situata sulla strada antica di Francia e nei pressi vi é una fontana del 1400.
I dati storici più certi risalgono al 1155, anno in cui l’Imperatore Federico I diede al delfino Guigo V conferma dell’eredità dal padre Guigo IV Conte di Gresivaudan e la facoltà di coniare una moneta in Cesana. All’inizio del 1200 un certo Desorus Tolosaha sceso da Briancon  con una schiera di armati si rese padrone di Cesana  e assunse poi il titolo di Marchese autonominandosi Signore di Cesana, ma venne ben presto odiato dai montanari che lui angariava fino a ripristinare il “ Ius primae noctis” disposto a suo giudizio, a tramutarlo in denari contanti  qualora gli interessati non fossero disposti a pagarlo in “natura” ma vuol la leggenda ( forse ha qualche fondamento di verità) che i Cesanesi, invitato il despota signore a salire sul campanile e con forza lo gettarono dalla parete più alta, uccidendolo.
Nel sec. XV Cesana era dominata da due castelli poi distrutti da eventi bellici.
I delfini di Vienna, dimorarono per qualche tempo a Cesana in un castello da essi costruito.
Durante la guerra per la successione di Spagna, le truppe del Duca di Savoia Vittorio Amedeo II, nel 1708 furono ricacciate da Clavière, dalle alture di San Sicario e si arroccarono in Cesana, ma inutilmente.  I francesi, nonostante l’eroica difesa, riuscirono a penetrare nel paese, mettendolo a ferro e fuoco. Il celebre pittore Poul Cezanne, nato a Aix-Provence il 19 Gennaio 1839 da una famiglia originaria di Cesana Torinese stabilitasi in Francia verso la metà del settecento, fu ospite di Cesana in un lungo periodo della sua vita e dall’ora Cezanne, pare abbbia attinto il suo nome prima di ritornare in Francia.
Cesana ebbe anche un altro ospite illustre: Vittorio Alfieri. Il poeta lasciò scritto nella sua biografia che soggiornò alcune stagioni estive nel paese che predilegeva e precisamente nella casa Alliando, ove compose diverse tragedie. Una lapide sulla piazza ne ricorda l’avvenimento.
Cappelle: S. Antonio e S. Rosario nel capoluogo. S. Antonio Abate (frazione Mollieres); S. Atanasio ( frazione di S. Sicario); S. Ippolito ( frazione Champlas Seguin); Madonna delle nevi
(Sagnalonga – Cesana Alta); Cappellina del Frayteve (m. 2700); ex Cappella di S. Michele : sorge accanto alla Chiesa parrocchiale e serviva ai confratelli dello Spirito Santo, poi del S.S. Sacramento.


FENILS - (Altitudine 1276 m.s.l.m.-Km 92.5 da Torino) - Panorama del borgo situato sulla cima del cono di deiezione creato dall’omonimo rio.
Il nome della località deriva da “ad fines”  e segnava ai tempi del Re Cozio, il confine tra i Segovii ed i Belaci, abitanti gli uni nella zona di Cesana, gli altri nella zona di Beulard, Al centro, quasi a delimitare  le due borgate di Vermins e di Fenils, la Chiesa parrocchiale dedicata a San Giuliano.
Costruita in stile gotico nell’anno 1490 è celebre per il suo soffitto a cassettoni con rilievi.
Alle spalle il monte Roches Charnier, nome dato in seguito alla battaglia fra le truppe di Luigi XII e gli spagnoli.   Secondo un’altra versione locale il nome deriverebbe invece da un combattimento avvenuto fra gli abitanti di Desertes e Chateau- Beulard per una questione territoriale, di confine.
Cappelle: S.Antonio ( Fenils centro) ;  S. Sebastiano e S. Rocco( frazione Solomiac); Visitazione maria S.S. ( Reg. Colombieres); S.Anna ( Reg. Autagne).

SAUZE D’OULX - (Altitudine 1510 m.s.l.m.-Km 89 da Torino) Nel celebre arco di Susa i primi popoli sono i Segovi; Le ville di Sauze e di Seugez tra Oulx e Susa rappresentano il sito degli antichi Segovi, i quali si estendevano ad occidente , sui monti versole sorgenti della Dora Riparia, dove in alcune borgate  e in alcuni siti rimangono altre vestigia del loro nome.
La posizione di questo popolo era importante poiché occupava un considerevole tratto di montagne e faceva parte degli antichi sudditi di Cozio.
Nel Medio Evo appartenne al regno di Borgogna e poi passò al Delfinato.
Il colle di Bouget è ricordato soprattutto per il passaggio dell’esercito francese, quando andò ad assalire le posizioni fortificate dell’Assietta.   Dopo la sconfitta i Francesi si stabilirono un Sauze( 1747).  La Chiesa Parrocchiale è dedicata a San Giovanni  Battista è del 1500, il battistero è in marmo verde di Foresto.  L’altar maggiore è opera settecentesca degli artisti di Melezet.
Pregevole per la bellezza la fontana del 1480.
Cappelle: La Visitazione ( presso Casa Letizia); Madonna delle nevi ( Regione Ciao Pais);S: Giuseppe e S. Rocco ( nel capoluogo); Cappella del Richardet.



JOVENCEAUX - (Altitudine 1490 m.s.l.m.- Km 86 da Torino)- Caratteristica la monumentale fontana con stemma mitrato degli Abati di S. Lorenzo di Oulx, che un tempo faceva bella mostra di sé nel cortile interno dell’antica Prevostura- S.Antonio Abate.

DESERTES - (Altitudine 1535 m.s.l.m. Km. 97 da Torino) – La Chiesa dedicata a Santa Margherita edificata nel 1487.
Cappelle: S: Dionigi (Reg. Balbieres); S.Lorenzo (Reg. Pian de La Sel); S. Michele (Reg. Las Autagnas di proprietà privata).  

MELEZET - (Altitudine 1367 m. s.l.m.- Km.95 da Torino) - Preceduta dal portico su gradinata e dominata dal romanico campanile, la Chiesa di S.Antonio Abate edificata nel 1694, presenta una bella architettura dorica. Di fronte sorgeva un piccolo cimitero, con al centro una croce di pietra del tutto simile a quella che si innalza nella sottostante borgata di Les Arnauds ( si trova attualmente innanzi alla Chiesa di Plampinet) nella vicina valle di Neviche, dopo essere stata sottratta dagli abitanti di quel luogo con la complicità di una “ notte senza luna”.
Scuola del Melezet: Sorta nella seconda metà del sec.XV, quando il Delfinato, con l’alta Val Susa, venne incorporato alla Francia. Gli artisti famosi  nella valle, nel Delfinato e nella Moriana, costruirono chiese, campanili, icone, altari, portali e fonti battesimali.  
Cappelle: S. Sisto (sul pian del colle); Madonna della Visitazione (Coignet); S. Sebastiano
(Centro); Madonna del Carmine (Centro); S. Pietro (Cimitero); S. Rocco (Centro); S. Giacomo
(Valle Stretta);  Madonna del Tabor;  S. Cuore (Centro).

ROCHEMOLLES - (Altitudine 1616 m. s.l.m.- Km 98 da Torino):-  Suggestiva la parrocchiale dedicata a S. Pietro Apostolo, rustica come una “ baita” con il soffitto in legno a cassettoni decorati e l’austero arco a tutto sesto in pietra all’ingresso.
Caratteristica del luogo, i pizzi a tombolo che le donne lavoravano durante le veglie invernali, mentre gli uomini facevano la calza.
Cappelle: Madonna del ponte (in Centro); S.Luigi ( Regione Issard): Madonna della Neve (Grange du Fonde); S. Rocco ( Regione Plagnon); Madonna degli Angeli ( Regione Mosquitte).

LES ARNAUDS - (Altitudine 1393 m.s.l.m.- Km. 94 da Torino;  La Chiesa venne consacrata nel 1613, con altare della scuola di Melezet e la fonte battesimale in marmo verde del luogo, ornata di stemmi.
Cappelle: S.Ubaldo- Madonna del ponte- N.S. del Coignet.



BARDONECCHIA - (Altitudine 1312 m.s.l.m.- Km. 91 da Torino):- Centro internazionale di sport invernali.  Nel 1065 il Vescovo Cuniberto di Torino, sottopose varie chiese alla Pieve di Oulx, tra cui quella di S. Ippolito di Bardonecchia.  L’antica Chiesa Parrocchiale crollata nel 1806, era dedicata a S. Maria e venne ricostruita su progetto del Parroco Don Vachet nel 1832.
Caratteristica è l’icona di S.Ippolito con cornice dorata, trittico con scene della passione di Cristo, fonte battesimale in marmo con stemmi, della scuola di Melezet.
Chiese e Cappelle: Maria Ausiliatrice (Centro);  S. Francesco (Borgo Nuovo);  Cappella dell’Assunzione (presso tunnel ferrovia); Cappella votiva della Visitazione “Monserrat” (mulattiera colle della Rho); S. Maria Maddalena (vallone del Frejus); S. Giacomo (Grange Frejus); S. Bartolomeo (al Vernet); S. Anna (al Bramafan); S. Margherita (al colle della Rho); S.Rocco  e S.Maria delle Grazie (al Borgo Vecchio).

MILLAURES - (Altitudine 1396 m.s.l.m.- Km. 93 da Torino)  La Chiesa dedicata a S. Andrea Apostolo fu costruita nel 1477. Di notevole pregio, il leggìo del coro con i gigli di Francia della scuola di Melezet.
Cappelle: S. Giuseppe (Grange Serre); S. Pietro (Regione Mey); S. Claudio (Pré Richard); S.Anna (Regione Medail); S. Eldorado (Regione Gleise); S. Sebastiano (Regione Rochas); S. Giacomo (Regione Grange Iborres); Madonna della Neve (Regione Brua); Maria Ausiliatrice . S.Cuore (Jafferau); S. Rocco (Capoluogo).

CHATEAU BEAULARD: - ( Altitudine 1396 m. s.l.m.- Km.86 da Torino) Fu chiamato così perché, fin dal medio evo, esisteva su di un sperone di roccia a nord dell’attuale abitato, un castello che nel sec.IX, dominava e presiedeva tutta la valle di Bardonecchia . Nel cartario Ulciense è indicato con il semplice nome di Castellus, nel diploma di Lotario con il nome di Dobia. La Chiesa dedicata a S. Bartolomeo Apostolo fu edificata nel 1854. Interessante è l’ancona dell’altare e il portale.
Cappelle: - Madonna Addolorata( Centro abitato non più aperta al culto).

BEAULARD: -( Altitudine 1200 m.s.l.m.- Km. 84 da Torino) Di particolare interesse la Chiesa dedicata a S. Michele Arcangelo con un rustico protiro ed il campanile affrescato con la scena della crocifissione.
Cappelle: - Addolorata – S.Cosma e Damiano (Refour) S.Bernardo(Costans)                                 - S. Sebastiano(Royeres)- S.Antonio Abate ( Vilard).

PUY BEAULARD: - ( Altitudine 1300 m.s.l.m.- Km. 85 da Torino) La Chiesa dedicata a S. Giovanni Battista edificata nel 1861 è situata su di un’altura.

Leggende dell’alta valle

Il larice di Beaulard: - Quando nel 571 i Longobardi discesero nella Valle di Susa ed incendiarono la Chiesa ed il convento di San Lorenzo di Oulx, Giusto, insieme ad  un altro monaco Flaviano fuggirono dinnanzi ai nemici, si rifugiarono nella foresta di Beaulard  salirono su di un larice per essere al sicuro e videro nella valle il monastero in fiamme. Ma essi osservarono anche le anime dei monaci uccisi dai Longobardi che salivano verso il cielo, tra innumerevoli angeli e si pentirono vergognandosi di essere fuggiti al nemico. Nel desiderio di morire anch’essi per la fede, discesero nella valle dove andarono a muovere lamento ai Longobardi delle crudeltà commesse e così anch’essi furono uccisi come i loro confratelli.   L’albero sul quale era salito Giusto non esiste più, ma una volta lo si riconosceva  facilmente perché aveva sette punte, mentre i larici generalmente hanno forma piramidale con una sola punta.
Il monaco Giusto fu più tardi  proclamato santo. Il larice su cui era salito venne considerato sacro e la gente dei dintorni accorreva a venerarlo, finché un certo Medail di Puys Beaulard miscredente, non lo andò ad abbattere per farne legna, i suoi quattro figli morirono nel giro di pochi giorni.



SAVOULX:- (Altitudine 1120 m.s.l.m.- Km 83 da Torino)- La Chiesa è dedicata a San Gregorio Magno fu edificata nel 1442 è di stile gotico italiano. Elegante è il suo svettante campanile ed importante è il portale del 1532 con lo stemma del Delfino di Francia e l’acquasantiera del 1545.
Cappelle: - S. Pancrazio ( al centro abitato); S. Sisto ( Regione Signor); Madonna della Neve e S. Rocco (Regione Roche); S. Antonio di Padova ( Regione Gaudissar); S. Margherita.

OULX:- ( Altitudine 1121 m.s.l.m.- Km 77 da Torino) -  È di origine molto remota, nell’epoca romana vi era un tempio dedicato a Marte per cui era detto Ad Martis. Costituiva pure una zona di sosta sulla strada delle Gallie. Nel 573 fu devastata dai Longobardi; in seguito fece parte al regno di Borgogna. Nel 906 si ripararono parte dei monaci della Novalesa, fuggendo alle invasioni dei Saraceni, ma furono raggiunti e trucidati.  I Saraceni dominarono la valle per circa mezzo secolo,( ne é testimone la torre merlata)  finchè ne furono scacciati dal Conte di Torino, Arduino Glabrione. Nel Medio Evo Oulx ebbe un ruolo importante come centro culturale del Delfinato.  Notevole in questo campo l’apporto della Abbazia di San Lorenzo. Il paese fu anche teatro delle lotte fra valdesi e francesi. Col trattato di Utrecht, passò sotto il dominio dei Savoia.  Nel 1807 vi nacque Luigi Des Ambrois,( visibile  ancor oggi la casa) che divenne ministro di Carlo Alberto. Nella parte alta di Oulx si trova la Chiesa Parrocchiale dedicata a S. Maria Assunta. Importante il suo portale che reca la data 1676 e l’ancona della scuola di Melezet.
Sono conservati i ricchi paramenti sacri che servirono per il matrimonio celebrato nel 1750 fra Vittorio Amedeo III e Antonietta Ferdinanda di Spagna. A ricordo dell’avvenimento fu eretto nello stesso anno un arco trionfale.
Jean Borel, signore di Nevache, governatore dei forti di Briancon e di Exilles fece costruire nel 1537 il palazzo ora proprietà Ambrosiani.  In località Abbadia è da ricordare una Chiesa ricostruita nel 1600. Notevole è pure il Palazzo Abbaziale del 1662.
Nel borgo inferiore si trova una fontana del 1531 e in quello superiore un’altra del 1504.
Pieve di Oulx, fra cui quella di Beulard o Bolac, che riguardala tribù dei Balaci, menzionata  nell’iscrizione dell’arco eretto dal Re Cozio ed Augusto.
La valle di Bardonecchia  rimase soggetta al superiore dominio della Marchesa Adelaide.
Non fu che nel tumulto delle guerre di successione, che i conti di Vienna e del Delfinato se ne impadronirono e quindi con queste e con le prossime valli si formò il Contado di Grenoble.
Fra i Signori che prestavano omaggio ad Adelaide, Ponzio di Bardonecchia, verso il 1050, donava le decime alla Pieve di San Lorenzo d’Oulx e le terre che vanno dal Monginevro fino al torrente Galambra.     Passata la valle sotto i delfini di Vienna anchei Signori passarono a questa corte.
La pace di Utrecht restituì la valle di Bardonecchia al Piemonte ed all’Italia con i suoi confini naturali.   La Chiesa di San Ippolito sorge nel borgo vecchio.
Fu ricostruita nel 1827 dal Parroco Don G. Vachet. Il marmo che ricopre la facciata è di Melezet:  Della stessa pietra è ricavato il fonte battesimale , pregevole opera del 1567 su cui sono scolpiti gli stemmi di Bardonecchia, dei Delfini di Francia con i relativi gigli.
Nell’abside si trova il prezioso coro ligneo che appartenne all’Abbazia di Novalesa ( sec XIV).
La parrocchia possiede inoltre una croce in argento battuto del 1413 proveniente anch’essa dalla Novalesa.
Il Museo civico ospita cimeli locali, tra cui lavori in legno, costumi, stampe e frammenti di sculture.   Da ricordare è la cappella dedicata a San Francesco d’Assisi nel Convento Francescano.
Dell’antico torrione saraceno non rimangono purtroppo che alcuni ruderi.  La tradizione vuole che la vecchia torre, nata verso il mille , fosse collegata con il castello di Bramafan:   La tour d’Amont, il superstite maschio di un più antico maniero  dei Signori di Bardonecchia.
Cappelle: - S. Marco (Regione S. Marco); S. Anna ( Malafosse Bassa); S. Bernardo ( Malafosse Alta); S.Antonio ( Jouvenceaux); S. Anna ( Tassier); Nostra Signora de la Proussailes                       ( Proussailes); S. Bartolomeo ( Regione Monfol); S. Claudio ( Regione Gad); Madonna del Ponte Ventoso ( Ponte Ventoso); S. Maria Maddalena ( Regione Baume); S. Giovanni Evangelista             ( Regione Aubergies); Nostra Signora dell Neve ( Regione Pellusiere); Nostra Signora del Buon Soccorso ( Regione Baume); S. Giovanni Battista ( Villaretto); S. Antonio da Padova ( Regione Pierre Menaud); Nostra Signora della Neve ( Regione Vazon); Nostra Signora della Luce                  ( Cotolivier); S. Barnaba  - S. Rocco( Soubras); S.Andrea ( Amazas); S.Rocco ( Borgo Inferiore); S.Lorenzo- Nostra Signora del Rosario ( Jouvenceaux).



SALBERTRAND :- ( Altitudine 1032 m.s.l.m- Km.71 da Torino)- Il nome del comune compare per la prima volta in un documento del 1001, citato come “ SALA BERTAE, BORGO di BERTA”. Successivamente verrà, indicato come SALABERTANA. Fece parte delle terre del Sacro Romano Impero, quindi passò ai Conti di Torino e ai Marchesi di Susa ed in seguito divenne possesso dei Conti Sabaudi.
Appartenne ai Delfini di Vienna sino al 1349 e nel 1456 passò definitivamente al regno di Francia.
Importante la battaglia fra  Valdesi e Francesi del 1689.
Dopo il 1713 ritornò sotto il dominio dei Savoia  e quindi seguì le sorti del Piemonte, del Regno di Sardegna e del Regno d’Italia.
La Chiesa di san Giovanni è considerata una delle più belle della valle; non si conosce l’anno di fondazione. Venne ricostruita intorno al 1506-36 in stile tardo gotico, ma conserva parti romaniche; il bellissimo portale, opera di gusto francese di Matteo Roude, risale al 1512, mentre il portico porta la data del 1536 scolpita su due capitelli.  Nell’interno vi sono degli affreschi del XVI secolo.
Notevoli le due fontane cinquecentesche, una delle quali recante la data del 1524, venne riprodotta per ornare l’ingresso del castello medioevale di Torino.
Nella cappella di San Cristoforo, in regione Oulme, l’immenso San Cristoforo, che occupa  quasi la metà della facciata, contrasta visibilmente con la porticina d’ingresso e la minuscola feritoia a monofora conformando il ruolo ( ridotto) di difesa spesso svolto negli edifici sacri.
Cappelle:- S:Rocco- S. Luigi ( Capoluogo); S. Pancrazio ( Regione Clause); S. Ippolito ( Regione Moncellier); S. Anna ( Regione Frenee); S. Clemente ( Regione Combe); S: Margherita- S.S Cosma e Damiano ( regione Seu).

Leggenda: Si favoleggia dell’antica esistenza di un grande lago sulle cui sponde crescevano aranci e limoni; il lago si sarebbe formato in seguito alla caduta di un frammento della montagna del Soto nelle acque della Dora, tanto da impedirne il corso.



EXILLES :- ( Altitudine 870 m.s.l.m. –Km 66 da Torino)-  E’ adagiata su una prominenza del displuvio sinistro delle Alpi Cozie, in una strettoia della valle, accovacciata ai piedi del suo celeberrimo forte.    La storia del paese, la sua stessa esistenza, sono indissolubilmente legate a questa storia della rocca che originariamente fu un posto strategico di vedetta dei Galli Caturigi che ne fecero un campo trincerato per le loro lotte.
Dopo l’occupazione romana della Gallia, divenne il “ Castrum” più importante della regione, poiché chiudeva lo sbocco dell’alta valle di Susa ad ogni possibile invasione verso la pianura dell’oriente.         L’importanza militare del sito fece si che nei tempi medioevali, fosse aspramente conteso fra i signorotti locali , specie fra i Delfini di Vienna e i Duchi di Savoia; il suo possesso significava infatti il dominio di tutta l’alta valle o la difesa sicura di essa.
Nel secolo X l’ultimo baluardo contro l’invasione saracena e da essa partirono le truppe del Conte di Torino,  Arduino il Glabrione per rintuzzare le avanguardie musulmane ed arrestarle.
Dopo l’era feudale, col sorgere dei grandi stati europei, l’importanza di Exilles andò crescendo.
Alle falde della roccaforte era sorto un industrioso paesino che ad ogni conflitto armato veniva messo a ferro ed a fuoco dai contendenti, ma che risorgeva caparbiamente sulle proprie macerie, sviluppandosi vieppiù artigiani e contadini vi lavoravano industriosamente, specializzandosi nelle arti del legno e dell’edilizia.   Valenti armaioli avevano le loro botteghe sulla via principale e ad essi si rivolgevano i nobili.
Ad ogni evento bellico il forte veniva ampliato e potenziato, fino ad assumere l’aspetto vero e proprio di fortezza che racchiudeva una moltitudine di armati. Curioso e avvolto da un gran mistero  il soggiorno della Maschera di Ferro.
Francesi, Spagnoli, Austriaci  e Piemontesi se ne contesero a lungo il possesso in famose e sanguinose battaglie.  
Exilles non è però soltanto famosa per questa rocca . L’antica Chiesa di San Pietro Apostolo dell’XI secolo, raccoglie testimonianze d’interesse religioso e profano di notevole valore: un portale gotico unico al mondo, opera d’arte eccelsa; l’altare in stile barocco, il tabernacolo dal quale fu rubato nel 1463 da soldatesche del Duca Lodovico di Savoia l’ostensorio, avvenimento che commosse il mondo cristiano e per ricordare tale fatto,( miracolo di Torino dove si eresse la Basilica del Corpus Domini); la cappella medioevale di San Rocco del secolo XVII con le sue primitive sculture sulle pietre dei muri perimetrali, l’antica fontana “ do pin”  di tipica fattura delfinese in pietra.
Leggende e storie impregnano ogni angolo del borgo e malgrado la vitalità dei tempi moderni e delle nuove concezioni di vita, vi permane un’aura d’antico e malioso sentore.
Ciò costituisce quel sottile inspiegabile e invincibile richiamo che questo paese esercita su chiunque vi soggiorni e unito ai molti pregi di carattere spiccatamente turistico ed escursionistico che si sposano con le sue eccezionali condizioni di salubrità costituisce il crescente interesse.



Cappelle:- S. Rocco ( Capoluogo); Addolorata ( Regione Galambra); Cappella degli Alpini ( al Forte); Tre Cappelle (Frazione Cels); Addolorata (Regione Rif); S.Filippo e S. Giacomo( Regione Morlieres); S. Antonio Abate( Regione Ruinas); S. Biagio ( Regione Deveis); S. Colombano ( Regione S.Colombano); S. Bernardo ( Regione Sapé); S. Pietro in Vincoli ( Regione Chambon); Madonna della neve (Grange della valle).

Leggenda:-  Luogo di guerre e di scontri, si parla di militari eroici e dannati.
Ogni sera si sentono suonare, tra il Gran Serin e la testata dell’ Assietta, le trombe del Generale Belisle, il grande sconfitto della famosa battaglia. I suoni di guerra ricordano un fatto singolare, avvenuto nel pieno dello scontro: un capitano francese giunto alla testa della compagnia sul terreno di combattimento chiese ad un valligiano quale fosse la strada più breve per raggiungere il Gran Serin, dove la resistenza piemontese era più salda. Il valligiano gliela indicò, poi lo volle seguire nel combattimento. Nel pieno dell’attacco mentre la compagnia stava per muovere all’assalto, l’ufficiale si sente trattenere per un braccio: è il valligiano che lo invita a disertare. I tamburi rullano, i francesi muovono verso le linee nemiche, ma il comandante, trattenuto dal montanaro, non è alla loro testa.  Il fuoco dei piemontesi massacra gli assalitori ancor prima che giungano a corpo a corpo: l’unico a salvarsi è il capitano francese.  Da quel giorno, al primo calare delle tenebre , si sente un rullo di tamburo che chiama il superstite.
Trascorrono gli anni ed un giorno un vecchio colonnello francese capita dalle parti di Exilles, sale al Gran Serin, ed incontra un montanaro che gli consiglia di tornare a valle perché il territorio è visitato dalle ombre dei soldati caduti nella battaglia.  Il colonnello non lo ascolta : improvvisamente si sentono i tamburi che rullano ed una tromba che suona la carica. Il colonnello si getta in avanti e scompare tra le montagne. Subito cessa il suono della tromba ed il rullare dei tamburi. L’ufficiale ha raggiunto i propri uomini.
Si narra anche che dopo la battaglia sul pianoro dell’Assietta fossero rimasti tanti caduti che il becchino di Exilles non era in grado di dare sepoltura a tutti e che li trascinasse giù dalla montagna senza distinzione, anche quelli che non erano morti, “ se non sono morti moriranno” era il suo macabro commento.



CHIOMONTE: - ( Altitudine 750 m. s.l.m. 60 Km. da Torino) – Luogo molto antico di origine celtica, ma il suo vero nome sembra derivi da il latino( Caput- Montium ed anche Calcis Mons dal fatto che il terreno è ricco di calcare).   Comunque è accertato che prima del sec.VIII il paese sorgeva sulla riva sinistra della Dora, dove passava l’antica via di Francia, in località Maddalena. Con l’avvento della nuova strada imperiale i chiomontini si trasferirono sulla riva destra del fiume. E’ menzionato nel testamento di Abbone come soggetto all’Abbazia della Novalesa.   Intorno al 1200 passò ai Cavalieri Ospitalieri  di San Giovanni di Gerusalemme, vassalli dei Delfini.
Chiomonte fu per lungo tempo al centro delle lotte fra Duchi di Casa Savoia ed i Re di Francia . poiché si trovava indifesa fra le fortezze di Susa e di Exilles.
Nel 1713 con il trattato di Utrecht ritornò ai Savoia.
Chiomonte diede i natali a Giorgio Des Genis valoroso soldato; Colombano Romean che traforò la montagna dei quattro denti da solo per il passaggio dell’acqua; al pittore Giuseppe Augusto Levis; ed ufficiali e generali dell’esercito.
La Chiesa parrocchiale dell’Assunta  risale al X sec. E venne ampliata nel 1600.
Notevoli sono la pila del battistero in marmo verde di Foresto; ed il pulpito scolpito in legno che riproduce inciso lo stemma comunale ( il sole che matura i grappoli d’uva) datato 1676; l’altare della Madonna del Rosario e quella della Deposizione, opera di artisti del Melezet. Il campanile in stile romanico del Delfinato è del 1482.
Il palazzo Beraud, detto il Vescovado é importante per valore artistico e per eventi storici.
Fu costruito nel 1749.   Nello stesso cortile vi é la chiesetta di S. Caterina, il cui portale è pregevole per la bellezza del suo stile lombardo del sec. XIII.  La casa Ronsil del 1500 presenta sulla facciata dei pregevoli graffiti rarissimi in Piemonte;  nell’interno un camino reca scolpito un grande stemma di Chiomonte  con la dicitura “ Jamais sans toi”.  Lungo la strada del vecchio borgo si notano tre fontane del XVI secolo, che recano scolpite l’arma dei Delfini di Francia e lo stemma di Chiomonte.
Cappelle:- S. Giacomo( Regione San Giacomo); S. Bartolomeo ( Regione Frais); S. Lorenzo (Regione Condissart); S. Caterina ( Cappella privata accanto al Vescovado).

GRAVERE:- (Altitudine 821 m. s.l.m. 57 Km. da Torino) – Anticamente portava il nome di Gellacia, ma con il tempo prese il nome di Gravere a causa della molta ghiaia alluvionale  depositata nel suo territorio dal torrente denominato Gelassa che scende dal piano omonimo, in occasione delle piene un tempo molto frequenti e pericolose.
Faceva già parte della città di Susa dalla quale si separò quando ebbe una crescita  notevole della popolazione.   Ne furono feudatari le famigle dei Casellette e dei Ripa.
La Chiesa Parrocchiale fu iniziata nel 1598 é dedicata alla Natività di Maria S.S e S. Barbara quale ex voto per la grande peste infierita in quell’epoca della zona.  Venne consacrata nel secondo giorno del mese di Giugno del 1609.   A 1200 mt. di altezza sorge una chiesetta detta della Madonna della Losa dedicata a S.Anna. Anticamente era posseduta dai certosini che vivevano nella località. Fu sinistrata nel 1817 e nella seconda guerra mondiale.  Vicino a tale chiesetta, la comunità certosina fece edificare un oratorio dedicato alla Nostra Signora delle Grazie.
Località di confine, fu spesso percorsa da numerosi eserciti in tutte le epoche.  Forse vi transitò Annibale.   Nel 1798 vi si svolse la battaglia della Bastìa tra le truppe rivoluzionarie francesi e gli austro- piemontesi.   Dopo un lungo periodo di decadenza negli ultimi anni si verificò l’inizio della trasformazione di Gravere in località turistica, con un seguito di iniziative( poco fiorenti) in varie zone del suo territorio ( Val di Sogno- Pian Gelassa- Madonna della Losa).



Cappelle:  S: Anna (La Losa); S.Antonio Abate (Regione Olmo);S.Andrea (Regione Mollare); S.Giuseppe ( Grand Esimonte): S. Giovanni (Regione Bastìa); S. Sebastiano (Regione  Arnodera); Annunziata (Regione Armona) Madonna della Neve (Regione Deveis); N.Signora del Rosario ( Pian Gelassa).

RAMATS: ( Altitudine 996  m. s.l.m.- Km 66 da Torino)- La Chiesa dedicata all’Immacolata Concezione compatrono S.Antonio Abate fu edificata nel 1696 come riportato all’esterno.
Cappelle: S. Giuseppe;  S.Andrea con pregevoli affreschi del 500 ( nella Borgata).

GIAGLIONE: ( Altitudine mt 780 m. s.l.m.-Km 65 da Torino)-  E’ menzionato nei documenti del VIII sec. E le sue vicende storiche sono legate a quelle di Susa. Fu dominio di parecchie Signorie: Besmondi, Ferrandi, Aschieri e Ripa. Il canale Maria Bona, che prese il nome da una Signora che diede i fondi per l’attuazione, nel 1458-62, raccoglie le acque del torrente Clarea. La Chiesa dedicata a S. Vincenzo si distingue per il suo campanile bianco. Conserva affreschi del XV  sec.
Cappelle:- S. Stefano ( Borgata S. Stefano); S. Gregorio ( Chiamberlandi); S. Giuseppe ( Capoluogo); S. Lorenzo ( Regione Molare); S. Giovanni ( Regione S. Giovanni); S. Andrea ( Regione Clò ); Madonna Immacolata ( Regione Rastella); S. Antonio Abate ( Regione Villa); S.Anna ( Regione S. Anna);S. Rocco( Regione Cré); S. Giovanni Nepomuceno ( Pian Deruine); S. Antonio da Padova ( Regione Businiera); Madonna delle Nevi ( Regione Trucco e S. Chiara); Cappella della Madonna ( in Val Clarea).

FERRERA CENISIO:- ( Altitudine m. s.l.m..1461-Km 69 da Torino)- Così si chiamava sino al 1940 é ricordato nel 739 nel documento di Abbone. Il borgo fu soggetto all’ Abbazia di Novalesa ed in seguito alle sorti di Susa. La Chiesa é dedicata a S.Giorgio edificata nel 1659 Si conserva memoria del passaggio di Napoleone con il suo esercito.
Cappelle:- S. Antonio; S. Giuseppe; S. Barbara; S. Pancrazio.



NOVALESA: - ( Altitudine m. s.l.m. 824 -Km 61 da Torino)- L’Abbazia di Novalesa, la più antica del Piemonte, una delle più antiche d’Italia ( seconda per importanza a quella di Monte Cassino) fu un tempo un faro di civiltà e di preghiera monastica e ben possiamo dire che gran parte della storia d’Italia passò attraverso Novalesa.
Novalesa era un “ Castrum” per cui passava una delle strade romane verso le Gallie, di cui oggi sono visibili i segni, come armi, frecce e pietre miliari.
E’ del 452 la discesa di Attila descritta dal Rochez.
Nel 726, all’epoca di Carlo Martello, un nobile franco di nome Abbone vi fondò l’Abbazia di Novalesa benedettina  per cui Novalesa ( Nova Lux) divenne famosa ( vi passò anche S. Pietro)  attraversò un periodo luminoso della sua storia.  Nell’anno 772 Papa Adriano I, in rotta con Desiderio Re dei Longobardi, chiamò Re Carlo. Questi varcò il Moncenisio e a Novalesa stabilì il suo quartier generale, prima della famosa battaglia “ delle Chiuse”.     Negli edifici che compongono il complesso abbaziale, sono rimasti: il chiostro, la grande Chiesa, sotto la quale si trovano le cripte dei monaci benedettini.
Le quattro cappelle: La I° dedicata a Maria Maddalena del X sec.  La II° dedicata al Salvatore; la III° dedicata a S.Pietro ed infine quella dedicata a S. Eldorado, sull’abside troneggia il Cristo Pantocratore, di ispirazione bizantina.  La Chiesa Parrocchiale è dedicata a S. Stefano e custodisce l’urna di S. Eldrado e numerosi altri affreschi di notevole interesse artistitico, i quadri di Rubens l’adorazione dei Magi e Caravaggio ( la crocifissione di S. Pietro).
Cappelle:-  S. Rocco ( Regione omonima); S. Venanzio ( Pian Baciassa); Madonna della Neve ( Regione Traverse); S.Anna ( Regione omonima); Madonna del Rocciamelone ( Regione Belleverde); S. Antonio da Padova ( Pian Fraita).

Leggende
Estasi di S.Eldrado: Da diverso tempo il grande Santo Eldrado, si struggeva per indovinare cosa facevano i Santi in Paradiso, ed ecco che un giorno trovandosi alla fonte, udì un uccellino che cinguettava soavemente. Stette estatico a guardarlo gli parve di essersi già soffermato abbastanza, ritornò al convento dove trovò nuovi frati che nulla sapevano di lui.  Il mistero fu svelato soltanto quando riguardando i registri di un tempo si constatò che viveva un frate in quel convento, chiamato Eldrado. L’estasi del Santo era durato trecento anni.

IL miracolo dei serpenti: Sopra Novalesa si trova il convento dei Benedettini, ai quali un ricco Signore aveva regalato dei terreni da dissodare. I frati incominciarono il dissodamento, ma invano essendo quel terreno infestato dalle vipere.
Dopo qualche giorno di inutili lavori, i Benedettini tornarono al convento sconsolati per la esperienza svanita di poter coltivare quelle terre e invocarono l’aiuto di S. Eldrado.
Questi fece una fossa e chiamati a sé i rettili, li fece precipitare in essa.  I monaci la ricoprirono racchiudendo così i serpenti in una culla mortale. I terreni furono dissodati e le messi crebbero belle sotto il sole.

La leggenda di S. Eldrado: A Novalesa vi è un convento bellissimo e importate per architettura e antichità.  Si dice che sia stato fondato da S. Eldrado.  La leggenda narra che nella Valle di Susa vi sia stato un periodo di carestia in cui vennero a mancare i viveri per la popolazione, fra i quali anche l’olio.   Nel cortile del convento vi era una fontana, ed i fraticelli tanto pregarono S.Eldrado, che l’acqua della fontana si tramutasse in olio e la gente accorreva ad attingere.

VENAUS:- ( Altitudine m. s.l.m. 604- Km 57 da Torino) –Il suo nome trae origine dal latino Venàtioe, secondo la tradizione sembra che sin dal tempo del Re Cozio, questo luogo servisse come ritrovo di caccia. E’ ancora ricordata la regione “stadium” dove i romani facevano i giochi ed esercitazioni. La Chiesa è dedicata a San Biagio con lo svettante campanile.
Cappelle: - S. Rocco ( Regione Braida); S. Sebastiano ( Regione Rivo-Vair ); S. Michele Arc. (Regione Costa); S. Erasmo (Molino); S. Giovanni Battista ( Regione Parore); S. Antonio ( Regione Berno); S. Maria delle Nevi (Bar); S. Luigi ( Molaretto capp. privata).



SUSA:- ( Altitudine m. s.l.m. 503 - Km 52 da Torino)- La storia di Susa ha inizio dal regno di Cozio retto da Re Donno. Il monumento più importante è l’arco romano costruito otto anni prima dell’era volgare che Cozio I, fece costruire in onore all’Imperatore Cesare Augusto per suggellare la loro alleanza. L’arco sorge lungo l’attuale passeggiata archeologica, già strada consolare delle Gallie.
Alto mt. 15,50 con un’apertura di mt. 5,85 di larghezza, l’arco è in marmo bianco di Foresto, reca un fregio del trattato stipulato ed un rito sacrificale.
Accanto fa bella mostra un tratto dell’acquedotto romano, le Terme Graziane, del IV sec.  
Ai piedi della roccia viva scorrono canaletti sacrificali a forma di coppelle.
Nelle vicinanze le strutture delle mura di cinta della città con lo spessore di 4 a 6 mt.
Sempre nei pressi, il famoso Castello dove dimorava la Marchesa Adelaide.
Porta Savoia faceva parte della cintura difensiva, massiccia costruzione con 2 torri cilindriche.
L’ anfiteatro romano che sorge fuori dell’abitato è stato portato alla luce nel 1957di forma ellittica.
La Cattedrale di San Giusto, in stile romanico, fu costruita dal Marchese Olderico Manfredi nel 1027come Abbazia.  Nel 1321 venne restaurata in stile gotico.  Il campanile del IX sec. di stile lombardo è considerato uno dei più belli del Piemonte. Nell’interno della Cattedrale nell’ampio presbiterio si possono ammirare gli stalli del coro, la statua in legno della Marchesa Adelaide, i battenti in bronzo, il trittico della Madonna del Rocciamelone, la conca battesimale in marmo verde di Foresto. Da ricordare il campanile di S. Maria Maggiore, la casa Bartolomei, il Borgo dei nobili e la Chiesa di S. Francesco, fondata in occasione del passaggio del Santo per Susa.
La Chiesa del Ponte è di origine romanica, conserva cimeli di tutta la valle nel Museo di Arte Sacra.
Sullo sperone di roccia il forte della Brunetta  fatto erigere da Carlo Emanuele III nel 1757 e smantellato da Napoleone nel 1796.Chiesa di S. Carlo in stile barocco, Chiesa del Suffragio in stile neorinascimentale, Chiesa delle Grazie ( Sacrario degli Alpini); Chiesa del Suffragio; Chiesa dell’Immacolata; Chiesa di S. Evasio.
Cappelle:- S.S. Simone e Giuda ( Regione Coldimosso); Croce ( Regione Traduerivi); Consolata ( Regione Castel Pietra); Consolata ( Via Oulx); Santuario Madonna del Rocciamelone ( in vetta mt. 3538); S. Giuliano ( Regione S. Giuliano); S. Pietro in Vincoli ( Regione Crotte); S. Pietro ( Cascina Roma); Madonna Addolorata ( Regione Qua) S. Anna ( Regione Tour) S. Brigida ( Regione Urbiano) Spirito Santo ( Regione Braida).



Il Roccciamelone:- Oltre essere ricordato come Monte del diavolo è anche presente per una leggenda poetica.  Si narra che alcuni savoiardi avevano fatto voto di salire sulla cima del monte attraversando il ghiacciaio, ma quando giunsero in prossimità della vetta s’accorsero di aver smarrito un compagno. Tornati sui loro passi, lo cercarono sulla montagna, senza risultato.
Sfiduciati dovettero ritornare al proprio paese a portare la brutta notizia.   La moglie del disperso dimostrò coraggio e fiducia anzi, certa della salvezza del marito, fece voto di offrire ogni giorno ad un povero una bottiglia di vino ed un pane finché il suo uomo non fosse tornato.
Un anno dopo gli stessi savoiardi salirono ancora sul monte ripetendo il medesimo percorso della volta precedente.   Stavano attraversando il ghiacciaio quando udirono alcuni gemiti e lamenti che venivano dal crepaccio; accorsero e scoprirono il compagno smarrito un anno prima.
Non soltanto era in buona salute, ma con gli abiti asciutti come al momento della scomparsa.
L’uomo narrò che ogni sera gli appariva una bellissima donna velata di nero la quale, senza rivolgergli la parola, gli portava una bottiglia di vino e un pane. Soltanto era mancata all’appuntamento, la sera precedente al loro arrivo.  Tornato al paese la moglie lo accolse piangendo e confessò di aver mancato una sola volta al voto; la sera in cui la misteriosa signora non era apparsa.   
Nel paese di Novalesa esiste una grotta chiamata dei “ folletti”. E nel  folto bosco  si narra che all’alba di un certo mattino del 1860 un certo Favro, boscaiolo della Novalesa , mentre attraversava una radura vide una folla di uomini piccolini ed un gran rumore di mine e scoppi , colpi di martello, proprio dove i montanari credevano che esistesse una miniera d’oro. All’avvicinarsi dell’uomo i misteriosi minatori scomparvero e il bosco ritornò nel silenzio.  Nel paese di Novalesa esiste tutt’oggi la grotta dei “Folletti”: si trova a nord del vicolo Tinetta ed i simpatici mattacchioni si recavano al vicino ruscello  per lavare i panni.
Non  mancano le fate e pare abitassero nei pressi del lago della Ferrera.

Bonifacio Rotario, Patrizio di Asti, verso la metà del 1300 si era recato in oriente a guerreggiare contro i musulmani. Durante la battaglia il Conte cadde prigioniero.
“ Vergine Santa” egli implorava spesso durante la lunga prigionìa.- Aiutatemi voi! Fatemi la grazia  di ritornare libero ed io vi dimostrerò  la mia riconoscenza, se ritornerò in patria, innalzerò per voi una chiesetta sulla cima più alta vista da Asti ( il Rocciamelone) Ve lo prometto Vergine Santa!-   Ed ecco che qualche tempo dopo, il Conte Rotario venne liberato.
Fece erigere la chiesetta sulla cima della montagna e un bel giorno, seguito da un corteo , si recò lassù , era il I° Settembre del 1358, a portare nella chiesetta il bellissimo trittico in bronzo. La bell’opera rimase a lungo sul Rocciamelone, prima di venire conservato a Susa. Attualmente è conservato nel museo d’arte diocesana. Nel 1899 con una sottoscrizione dei bimbi d’Italia, 130.000, una grande statua di bronzo della Madonna in stile barocco alta 3mt. e del peso di 6 q. e mezzo venne portata a spalle dagli alpini, sulla vetta a quota 3538 mt.

MOMPANTERO:- ( Altitudine 510 m. s.l.m.- Km.51 da Torino)- Trae le sue origini da un detto popolare: (Monte delle Pantere).  Nel testamento di Abbone è citato un sobborgo di Susa, Orbanum, che si trova ora compreso nel territorio di Mompantero.  Tra le opere recenti di particolare importanza è il Santuario dedicato alla Madonna del Rocciamelone progettato nel 1957 dall’architetto Emanuele Godone.
Cappelle: S. Giuseppe ( Regione S. Giuseppe); S. Rocco (Regione Marzano); Trinità ( Regione Trinità);S.S. Pietro e Paolo ( Regione Seghino): S. Lorenzo (Regione Trucco mt. 1700); S. Brigida ( Regione Caselle); S. Anna ( Regione Bonet).



MEANA:- (Altitudine 698 m s.l.m.- Km. 54 da Torino) – (TRAVOCCIO- MEDIANA) Località sconosciuta fino al 1212; fu possesso dei Barale di Susa e i Ripa di Giaglione. Verso il  1500 diede asilo ai profughi Valdesi dei quali esiste ancora oggi la Chiesa.  La Chiesa Parrocchiale dedicata a Maria Assunta, ha un campanile anteriore all’anno mille.  Sulle pendici del monte( Rocca bianca) verso il Colle delle finestre  è stato eretto un monumento dedicato al Sacro Cuore a ricordo dei partigiani valsusini . Meana fu soggiorno del famoso filosofo Benedetto Croce.
Cappelle:- S. Giuseppe ( Regione Sarette); S. Michele ( Regione Assietta);S. Sebastiano e S. Rocco ( Regione Campo del Carro); S. Andrea ( Regione Cordola): Immacolata( Regione Cantalupo); S. Pietro ( Bassa Meana); Madonna delle Nevi ( Regione Coletto).

MATTIE: - (Altitudine 720 m. s.l.m.- Km 50 da Torino)- Nelle carte più antiche era denominato Maticum. Sopra le mura feudali del castello si scorgono le reliquie e gli stemmi gentilizi dipinti fra questi si distinguono alcune divise vescovili.  Nel 1815 fu rappresentato uno spettacolo singolare in versi francesi del martirio di S. Cipriano e S. Cornelio. In località Gillo sorge la parrocchiale dedicata ai due Santi a tre navate sorrette da archi e pilastri di stile dorico, pregiata è l’ancona dorata dell’altare.
Cappelle:- Madonna delle Grazie ( Regione Menolzio); S. Margherita( Regione Castello); Nostra Signora della Salette (Regione Prà dla Grangia); S. Firmino ( Regione Gran Tanze); S. Pancrazio ( Regione Piccole Tanze); S. Giacomo ( Regione Vallone); S. Anna ( Regione Giordani); S. Antonio ( Regione Giordani); S. Orso ( Regione Combe).

FORESTO: - (Altitudine 480 m s.l.m.- Km 48 da Torino)- Villaggio lindo e pittoresco, dall’agile campanile che svetta tra le case che gli fan corona, Foresto è noto per il suo orrido, fenditura che squarcia una delle falde del Rocciamelone e dove le acque del torrente omonimo precipitano da una rilevante altezza.   All’imbocco dell’orrido si notano avanzi di un lazzaretto.  Nei pressi le famose cave di marmo verde, assai pregiate.   La Chiesa è dedicata a S. Giovanni Battista.
Cappelle: S. Rocco ( Regione S. Rocco); Madonna delle Grazie ( Cascina della Posta).

Leggenda: Il serpente di Foresto- La montagna di Foresto ha una profonda fenditura che gli abitanti chiamano “Orrido”, dentro il quale scende rumoreggiando tra le rocce il  torrente Rocciamelone.  Ivi un serpente sovente veniva ad abbeverarsi, spaventando i contadini della zona per le sue dimensioni e voracità.  Giunse a Foresto un Santo eremita, S.Basilio e la popolazione narrò al Santo la propria paura. La leggenda dice che da quel giorno il serpente sparì e sul versante apparve una striscia di pietra bianca ( quarzite) che tuttora spicca tra le rocce e il verde del monte.

BUSSOLENO (Altitudine 440 m. s.l.m.- Km 45 da Torino)-  E ricordato nel 1001 nel diploma dell’Imperatore Ottone III, che ne conferma il possesso al Marchese Olderico Manfredi. E’ menzionato come Bucelatum.  Dal privilegio di Adriano IV dal 1158 appare che la Chiesa di questo luogo era stata annessa al monastero di Oulx.
Fra le torri merlate e le antiche mura che si scorgono nell’abitato si distinguono le medioevali case Aschieri.  La Chiesa dedicata a Maria Assunta di struttura lombarda, con la cupola affrescata dal Morgari, conserva il primitivo campanile romanico nascosto dietro la facciata  sec. XI nel quale fu posto uno dei primi orologi pubblici del Piemonte.
Cappelle:- S. Lorenzo ( Regione S. Lorenzo); Madonna delle Grazie( Regione Argiassera); S. Pietro ( Regione Grange); S. Gregorio ( Regione S. Gregorio); S. Basilio ( Regione Arborea); S. Giovanni Nepomuceno ( Regione Baroni); S.Anselmo ( Regione Meitre); Madonna della Consolata ( Regione Tignai); Madonna Addolorata ( Regione Fornelli); S: Petronilla e S. Felicita (Regione S. Petronilla); S: Antonio- Annunziata ( Capoluogo); Maria Ausiliatrice ( Regione Roncaglie) Madonna della Neve ( Pian Cervetto).



CHIANOCCO:- (Altitudine 550 m. s.l.m. -Km 43 da Torino)- Il nome sembra derivi da una alterazione di “ Cabnicium” luogo piantato a canne, canneto.  Le sue origini sono molto antiche e le sue vicende legate al Marchesato di Susa.  Ancora ben conservato è il castello appartenuto ai Conti Grosso di Bruzolo, feudatari di Chianocco.  Nel cimitero si trova una Cappella risalente al XI sec. con affreschi del 400 dedicata a S. Ippolito.  La parrocchiale, trasferita più in alto, è un ampliamento della Cappella del castello, dedicata  a S. Pietro Apostolo, possiede una Cappella risalente  al XIII sec.  Nel 1604 lo straripamento del torrente Prebecco distrusse la Chiesa eccettuato il bellissimo campanile romanico, che vedesi tuttora parzialmente interrato dalla famosa alluvione.
Cappelle:- S. Ippolito (Cimitero); S: Basilio ( Regione Vindrolere); S: Rocco e S. Sebastiano ( Regione Colombé); S. Barnaba ( Regione Molé); S. Marcello e S. Maddalena  ( Regione Pavaglione); S. Lorenzo ( Regione Combe); S.Pietro e S.Paolo (ex Chiesa diroccata); Madonna delle Nevi ( Regione Strobbiette); Addolorata (Regione Madonna dei campi).

S.GIORIO:- ( Altitudine 420 m. s.l.m.- Km 43 da Torino)- Sancto Georgio è detto questo paese nel diploma di Alarico e Manfredi II nel I029. Fu dominio del monastero di S. Giusto di Susa. Fu pure governato dal Conte Bertrandi ( feudo di Bruzolo) ed i Carrocci Fiocchetti di Villarfocchiardo. Il castello fu costruito nel sec. XII. La sua Chiesa, dedicata a San Giorgio, fu donata nel 1065 dal Vescovo Cuniberto alla prevostura di Oulx, con lo slanciato campanile romanico. A lato la famosa Cappella del Conte con gli affreschi affiorati dai restauri recenti, il “ Portale dell’Orto”, la pietra miliare, La “ Casa del leone” .
Cappelle:- Madonna delle Grazie – S. Rocco ( Capoluogo); B.V. Consolata ( Regione Balma); B.V  Addolorata ( Regione Martinetti); Maria Ausiliatrice ( Regione Pognant); S.Anna ( Regione Città di San Giorio); S.Mattia ( Borgata Re); S.Lorenzo ( Regione Travé Da Mòn); S. Michele ( Indiritto)   Madonna della Neve (Regione Ravoira); S. Sebastiano con affreschi del 400.



Tradizioni popolari di S.Giorio:  La vicenda del Castello di S.Giorio si collega alla storia di tutta la valle, specialmente con la storia di Susa.
Il territorio di S. Giorio, fu dato verso il mille dai Marchesi Ulderico Manfredi e sua moglie Berta ai monaci di Susa e da essi dipese per molto tempo. Nel 1270 vi fu l’investitura del feudo di San Giorio ai fratelli Tommaso Amedeo di Savoia.  IL feudo fu ceduto per 700 lire viennesi e passò più tardi ai Conti Bertrandi di Chianocco. Narra la gente di S. Giorio una leggenda intitolata “ La bella Mignona”.  Era Conte del feudo di S. Giorio un certo Raimondo Bertrandi crudele e prepotente più dei suoi predecessori, la Contessa era invece una dolce creatura che scendeva sovente in mezzo al popolo a curare i malati, a confortare gli infelici. Nel Borgo di S. Giorio viveva una bella giovinetta , chiamata da tutti  “ La bella Mignona” per la sua piccola statura.    Essa era fidanzata e viveva con il vecchio padre malato e paralitico.  Durante un’alluvione il fidanzato salvò il padre malato portandolo a spalle.   Giunse il giorno delle nozze, il giovane Giorgio o ( Jorio) e la bella Mignona si sposarono, ma terminato la cerimonia nuziale, il Conte voleva far prigioniera la sposa nel suo castello ( Lius prime noctis).         Lo sposo non sopportò questo oltraggio e sobillò il popolo alla rivolta.  Riuscì a nascondere la sposa presso i frati di Montebenedetto. Trasferitisi in regione Banda , i quali erano sempre in lite con il Conte Bertrandi per territori e corsi d’acqua.
La Contessa ancora quel giorno scese in mezzo al popolo e il Conte la sorprese minacciandola, essa predisse al crudele marito che qualcosa di ben grave stava accadendo.
Il popolo armato di bastoni, forche, tridenti, si avviò al Castello dove fu respinto dagli armigeri del Conte; spadonari e contadini si scontrarono nel cortile delle armi e dopo una lunga battaglia i contadini entrarono nel maniero e raggiunsero il Conte atterrito, che per mano dello sposo morì. La Contessa  fu salva perché beneamata dal popolo.  Ogni anno alla festa patronale si rinnova questa tradizione popolare con molto accorrere di gente dei paesi circonvicini. ( Il prato antistante al Castello si chiama “ Pra-ravì”.

BRUZOLO:- ( Altitudine 455 m. s.l.m.- Km. 44 da Torino)- La prima notizia del paese è data dal testamento di Abbone ( 739) che lo menziona con il nome di “ Brosiolis”. La Chiesa antica dedicata a S. Giovanni Battista, era probabilmente edificata nel sec XI dal padre della Marchesa Adelaide, ne rimane il bel campanile in stile romanico.  Famoso il Castello per il suo trattato fra Carlo Emanuele I ed Enrico IV nel 1610.
Cappelle: - S. Michele ( Regione Castello); S. Rocco ( centro); Madonna della Neve ( Regione Seimera); S. Pancrazio (Regione Chiotetti); S. Lucia ( Regione Brunetti); altre ( Regione Comba); (Regione Bigiardi);  (Regione Campobenedetto).

S. DIDERO:-( Altitudine 430 m. s.l.m.- Km.40 da Torino)- E’ situato sulle pendici meridionali della Rocca Patanua ( mt. 2410). L’abitato è una tipica espressione di Borgo antico disposto come gregge attorno al suo pastore, che è la Chiesa e la torre merlata, che é quanto rimane del castello, costruito nel XVII secolo.  Il comune si accompagnò alle vicende di Bussoleno ed il suo territorio fu possesso degli Arcour di Monasterolo.  La Chiesa è abbastanza recente, dedicata a S. Desiderio di stile barocco,  mentre i muri portanti appartengono ad una costruzione molto più antica, come dimostra il lato nord della struttura (a spina di pesce), il campanile è del 1749.
Cappella:- S. Rocco ( in centro).



VILLARFOCCHIARDO:- ( Altitudine 460 m. s.l.m. -Km. 39 da Torino)- E’ uno dei luoghi della valle di Susa che vide gli uomini primitivi, abitatori delle caverne.
In questa zona furono rinvenute armi e utensili risalenti all’età neolitica fra cui un’ascia-martello di pietra levigata. Sembra che la vecchia “ Via Francorum” percorsa dai Franchi di Carlo Magno, per sorprendere alle spalle i Longobardi , sia una mulattiera che valica la montagna del Villar- Sant’Antonino e scende verso Giaveno.
Nel Basso Medioevo apparteneva ai Visconti di Torino e Baratonia che divennero anche Visconti del Villar Focchiardo.   Nel 1001 era chiamato Albereta e nel 1029 Vilare Fulcardi,  Dal 1030 al 1042 ne furono consignori i Reano, i  Di Giaglione, i De Clusa, i Bertrandi e i Canali, Medaglie Roero, Felisi.   
Dal 1042 al 1796 dominarono i Conti Carroccio.
La Chiesa dedicata a Maria Vergine Assunta è di stile barocco settecentesco edificata dal 1718- 1731 a spese del Conte Carroccio. La Certosa di Monte Benedetto, ex  complesso monastico di stile romanico di transizione, attualmente ristrutturato per incontri internazionali. La vita della Certosa si svolse verso il 1200, quando i monaci lasciarono La Losa e verso il 1498 si trasferirono in Banda.
Antica la Via Crucis che si svolge al venerdì Santo per le vie del paese con i costumi tradizionali.
Cappelle:- Trasfigurazione ( Pian dell’Orso); Madonna degli Angeli ( Regione Tampe); Madonna della Neve ( Regione Mangiardi); S. Rita ( Regione Puntino); Madonna degli Angeli ( Regione Banda); Visitazione M. Vergine( Regione Moletrone); Consolata (Borgata Vignassa); S. Anna
(Regione Castagneretto); S. Barbara (Regione Comba); S. Rocco ( Regione Villa); Madonna delle Grazie ( Cappella delle Vigne).

Leggenda: Le bocce d’oro: Due sono le leggende relative alle bocce d’oro, una presso i Monasteri di Banda  e Monte Benedetto, sopra Villarfocchiardo e S. Giorio, dove i monaci durante le ore di svago giocavano con delle bocce fatte di polenta dorata ed essiccata che sembravano d’oro.
L’altra leggenda invece è riferita ai Franchi che durante il trasferimento della battaglia delle Chiuse, per il ( Sentiero dei Franchi) sul pianoro del Collebione, si divertivano con delle bocce d’oro  da loro costruite con i gioielli rubati e sacheggiati dalle abitazioni e poi fusi e colati a forma di sfera.
Alcune di queste bocce andarono perse sotto i cespugli e licheni di montagna e poi ritrovate alcuni secoli dopo dai pastori che mentre pascolavano i loro greggi videro luccicare il prezioso metallo.
Per loro era come oggi vincere al totocalcio: trovare a quei tempi delle bocce d’oro si cambiava radicalmente il tenore di vita.   Tanto che ancora oggi quando qualcuno passa da una vita povera a una vita ricca rapidamente si dice……….Hai per caso trovato delle bocce d’oro dei Franchi?…….



BORGONE:- ( Altitudine 384 m. s.l.m.- Km 38 da Torino)- Denominato “ Burbono” nella carta di S. Giusto di Susa (1029). Il Borgo allora ristretto chiamato (Villa vecchia) e poi in seguito allargato verso la Dora (Villa nuova).  La Chiesa  dedicata a S.Nicola  è stata ricostruita nel 1770 in stile barocco. Conserva una pregevole tela con S.Francesco del 400, e una statua di S. Nicola in legno della Scuola di Val Gardena.
Cappelle:- S. Valeriano ( nella Frazione omonima) l’antica Cappella di stile romanico restaurata recentemente, conserva un frammento del Cristo Pantocratore (sec.XII) nell’abside. L’altra Cappella  con esposte le statue di S.Valeriano, S. Cecilia e S. Tiburzio con  accanto la grotta naturale ai piedi della montagna è tuttora efficiente per il culto.  S.Rocco ( Capoluogo); Madonna degli Angeli ( Regione Achit); Madonna del Rocciamelone ( Regione Poietto).
Leggenda di S.Valeriano: Valeriano passava nella nostra valle ed era perseguitato dai nemici della Chiesa. Per sfuggire ai persecutori si rifugiò in una grotta.  I soldati scoprirono il suo  nascondiglio, penetrarono armati con l’intento di ucciderlo, ma nella grotta videro quale porta, una grande ragnatela che ostruiva l’imboccatura di una seconda grotta più profonda. Compresero perciò che non vi era entrato alcuna persona e se ne andarono. Dio invocato dal Santo, l’aveva protetto con il miracolo della ragnatela.
Seconda versione di S. Valeriano:- S. Valeriano, piccola Frazione di Borgone, addossata alle rocce cavernose di Pietra culera. Nella Chiesuola antica al cui fianco apresi nella montagna una grotta ove si ricoverò e morì Valeriano, Tiburzio, Pancrazio, Maurizio, Giorio, Giacomo erano sette fratelli addetti alla legione tebea ed avevano una sorella, Cecilia fattasi cristiana prima di loro. Valeriano, seguendo i consigli della sorella si convertì anch’egli, ma venne perseguitato dagli infedeli.
Dopo essersi rifugiato nei monti di Cumiana, fra Giaveno e Pinerolo, trovò ricovero lungo la Dora in una grotta nelle vicinanze di Borgone, ove santamente morì.   A Cumiana serba l’impronta del ginocchio, la Chiesa di Villarfocchiardo ne possiede la salma e a Borgone c’è una sua reliquia donata dal Vescovo di Susa.     ( Da la Dora di C. Regaldi)

La Legione Tebea:-  Si componeva di 6600 soldati, che l’Imperatore  Massimiano aveva inviato, con altre milizie, nella Gallia, per aiutare il Prefetto di quella regione a reprimere l’insurrezione dei Bogaudi, contadini gallici capeggiati da certi Armando ed Aliamo che la miseria e la fame avevano costretto a ribellarsi a Roma. Nell’attraversare le Alpi Massimiano, pretese che i soldati giurassero di sterminare i Cristiani come nemici dell’Impero.    La “Legione Tebea” che era cristiana, rifiutò decisamente di giurare: quindi circondata dalle milizie romane pagane, fu insieme al suo capo S. Maurizio passata a fil di spada.   S. Eucherio, Vescovo di Lione, cui viene attribuita la leggenda , afferma che nessuno scampò alla strage e ricorda a titolo di onore quattro nomi di martiri: Maurizio, Candido, Esuperio e Vittore, per quanto di molti fra questi caduti, serbassero memoria e ne facessero argomento di culto le popolazioni Piemontesi.  Si dice che di questi eroici legionari: Salvatore, Avventore e Ottavio scappassero verso Torino a predicarvi la fede cristiana, onde furono ripresi e trucidati.
(Da Torino nella storia del Piemonte e d’Italia di Bragagnolo e Bettazzi 1914)

Ricerca sulla Legione Tebea:- La fede cristiana deve essere stata propagandata fin dal I° sec d.C. in alta Italia ( Gallia Subalpina) forse da S. Luca incaricatone da S. Paolo.   Nel III° Sec. Primeggia la figura di S. Dalmazzo, ucciso dai suoi persecutori nel 254 d.C.    Sul cader dello stesso III° sec.la sponda sinistra del Rodano nell’angusta valle dei Veratri tra Ottaduri (ora Martigny) ed Aganno s’imporporava di molto sangue cristiano.   Tebe dalle cento porte aveva mandato 6600 soldati al servizio di Massimiano Cesare, un’intera legione la quale altamente spiacque a quel Principe inumano, non perché fosse infedele a lui, ma perché era fedele a Cristo. Spinta nelle gole del Vallese, sotto colore di marciar contro ai Bagandi, fu presa in mezzo dalle pagane coorti e passata fil di spada. La perì con la sua plecara milizia il glorioso capitano S. Maurizio. Pochi scamparono e di questi furono secondo l’antichissima tradizione della Chiesa Torinese, i Santi Salvatore, Avventore e Ottavio. S. Salvatore fuggì a Ivrea, ma riconosciuto fu decapitato durante la predicazione.                 (Storia di Torino di L. Cibrario 1846)



SANT’ANTONINO DI SUSA:- (Altezza 380 m. s.l.m -Km 34 da Torino)- Fu parecchie volte devastato dalle invasioni barbariche, nel 410 dai Vandali, nel 493 dai Goti, successivamente dai Bizantini ed in seguito nel 568 dai Longobardi. In una sola notte Carlo Magno Re dei Franchi da questo luogo aggirò attraverso il Collebione i Longobardi prendendoli alle spalle  sconfiggendoli alle Chiuse d’Italia.   Era anticamente formato da due borghi: uno più piccolo S. Desiderio (l’attuale S. Antonio Abate- Borgo dei gonfi) e l’altro più grande dedicato a S. Agata ( la vergine martire catanese), ma fu mutato in Sant’Antonino, quando nel 1043 venne dato in dono ai monaci di Chaors in Francia dalla Marchesa Adelaide di Susa.  La Chiesa dedicata a Sant’ Antonino martire è una delle più antiche della valle fu edificata verso il 1000.  Venne decurtata nel 1698 di ben 14 mt. e tranne l’abside che conserva l’antica sua volta in mattoni, si ampliarono lateralmente la Sacrestia a  sinistra e l’Oratorio ( Sacrestia dei flagellati) a destra. Anticamente la Chiesa era di stile romanico basilicale, che perdette con le varie trasformazioni. Il campanile di notevole pregio artistico è di stile romanico è dichiarato monumento nazionale di recente restaurato.    Sant’Antonino in seguito apparteneva ai feudatari Calcagno di Giaveno e poi ai Pullini.  
Cappelle:- S. Antonio Abate ( Borgo dei gonfi); Nostra Signora della Neve- S. Brigida ( Borgata Cresto); S. Rocco e S. Sebastiano (Borgo del vento); S. Giovanni Battista ( Regione Chiesali), Madonna delle Grazie ( Borgata Maisonetta); S. Antonio da Padova ( Pian del Rocco).



VAIE:- ( Altitudine 381 m. s.l.m. - Km 32 da Torino)- E’ situato a destra della Dora Riparia arrivando dalla Francia, sopra una vicina prominenza sorge l’antica Chiesa considerata oggi Cappella. Le origini di Vaie si perdono nella preistoria, è una importante stazione neolitica dal ritrovamento di arnesi preistorici e una grotta denominata la caverna dell ‘uomo di Nerdhental.
Col nome di “ Villa quae vocatur Vaga” è menzionata nell’atto di fondazione (1029) di S. Giusto di Susa, cui fu donata dal Marchese di Torino Manfredi II, in seguito passò alle dipendenze della Sacra di S. Michele.  La Chiesa attuale dedicata a S. Margherita è di recente costruzione consacrata nel 1856. La precedente parrocchiale era l’attuale Santuario dedicato a S. Pancrazio  probabilmente risaliva al sec. XI°. Il borgo subì le sorti degli altri paesi viciniori nelle invasioni e vicende storiche.  Cappelle:- S. Pancrazio ( Vaie antica).


FOLATONE:- Non si conosce l’edificazione della Chiesa, fu ampliata nel 1845… dedicata a S. Rocco, una volta era Parrocchia . Il campanile è di stile romanico.
Cappella:- Cuor di Maria Regina ( Borgata Mura)

CONDOVE:- ( Altitudine 376 m. s.l.m. -Km: 32 da Torino)- Detta Condovis nel diploma Ottoniano del 1001  Divenne feudo nel se.XVIII  del Conte Chiaffredo Peyretti di Saluzzo primo Presidente del Real Senato del Piemonte.  Fu teatro degli scontri  fra Carlo Magno e Desiderio Re dei Longobardi.   Sul colle che lo separa da Caprie dove si scorgono le rovine del Castello del Conte Verde, terminavano le chiuse longobarde. L’antica Chiesa dedicata a S.Rocco di vero stile romanico, sorgeva presso il vecchio cimitero. Ha ancora il soffitto in legno tipico del romanico primitivo. La nuova Chiesa è di stile moderno edificata nel 1959 e consacrata nel 1966 è dedicata a S. Pietro in vincoli.  Condove diede i natali a Giovanni Francesco Re, medico botanico, naturalista e matematico, a Cosimo Bertaccchi poeta e scrittore, a Bartolomeo Giugliano pittore di fama internazionale, Direttore dell’Accademia di Brera, a Gaspare Bugnone pittore e Cesare Meano commediografo. Perodo e Bauchiero.
Cappelle: -Madonna del Castello ( Regione castello); S.Agostino ( Regione Poisatto); S.Antonio( Regione Molaretto); S. Rocco (già antica Chiesa); S.Barnaba (Regione Magnoletto).

MOCCHIE:- ( Altitudine 900 m. s.l.m.- Km.40 da Torino)- La Chiesa è stata edificata nel 1781-84 di stile barocco settecentesco dall’Arch. Morari, dedicata a San Saturnino, una volta era Parrocchia. Presso il cimitero sorge l’antico campanile romanico inclinato, per lo smottamento del terreno.
Cappelle: Madonna di Oropa ( Regione Alotti); Nome di Maria ( Regione Ravoire); S. Antonio da Padova( Regione Gagnor); S.Rocco (Regione Bigliasco); S. Grato (Regione Rocca); S. Lorenzo( Regione Prato del Rio); S.Giovanni Vincenzo ( Regione Bellafugera); Madonna delle Grazie ( Regione Sinette); S.Giacomo e S. Anna ( Regione Bonaudi).


LAIETTO ( Altitudine 944 m. s.l.m- Km 39 da Torino)-  La Chiesa fu edificata nel 1830- 1846 dedicata a S.Vito;da segnalare la Cappella di S. Sebastiano al cimitero con pregevoli affreschi.
Cappelle:- Maria Immacolata ( Regione Pratobotrile); S.Martino ( Regione Camporossetto; Madonna degli Angeli( Regione Collombardo mt.1800); altra in Regione Siliodo.
La Cappella del Collombardo:- Presso il Monte Caprasio vi é un colle chiamato Collombardo mt. 1800. I vecchi della zona affermano che a memoria della grande battaglia svoltasi nella valle nei pressi delle Chiuse, tra Carlo Magno Re dei Franchi e Re Desiderio Re dei Longobardi si eresse un pilone, in seguito una cappella nel 1705 e poi successivamente ampliata e continuamente ristrutturata.  Infatti esiste ancora oggi sul colle la devozione ed è meta di pellegrinaggi.
Notizie sui Longobardi:- Nell’autunno del 569, poco dopo l’occupazione di Milano, comparvero davanti alle porte di Torino i nuovi invasori della penisola : I Longobardi. Attraversarono la Valle di Susa scavalcarono le Alpi e predarono nella più ricca valle del Rodano. Nel 754 vennero respinti in Italia, vi rimasero dominatori per due secoli, fino al 774 instaurando in Torino un Ducato Longobardo. Nel 773 arriva Carlo Magno, la famosa “ Battaglia delle Chiuse” . Vinti i Longobardi guidati dal re Desiderio, comincia la dominazione dei Franchi che dura fino quasi al 900.  Fra il 900 ed il 950 circa, le invasioni degli Ungari.  Frattanto arrivano dalla Provenza (provenienti dalla Spagna) i Saraceni, devastatori e predoni.  Verso il 975 i Saraceni vengono debellati e incomincia finalmente un po’ di calma  e di pace per la nostra valle.  Vengono nominati dei Re ( Arduinici) italici . A Torino, Marchesato.   ( Da la Storia di Torino di Fisco Cagnassao 2° ed. 1959)

FRASSINERE:- ( Altitudine 991 m. s.l.m.- Km 43 da Torino)- La Chiesa antica fu donata dal Vescovo di Torino Cuniberto con S. Maria di Susa alla Prevostura di Oulx, dedicata a S.Stefano fu ampliata nel 1862 e restaurata dopo la seconda guerra mondiale.L’antico ingresso era rivolto a ovest.
Cappelle:S. Lucia ( Regione Colombatti); S. Rocco (Regione  Girardi- Mollette); S. Antonio da Padova (Regione Valgravio); S. Giovanni Battista ( Reno Superiore); S. Sebastiano ( Reno Inferiore); S.Michele ( Regione Vienaudo);  

MAFFIOTTO:- ( Altitudine 1323 m.s.l.m.- Km 47 da Torino)- La Chiesa, non vi sono memorie per la sua edificazione è dedicata a S. Grato, venne ampliata in diverse riprese  e di recente restaurata.     
Cappelle: - Madonna della Neve (Regione Prorotto); S. Martino (Regione Grange).

CAPRIE:-  ( Altitudine 374 m. s.l.m. - Km. 32 da Torino)- E’ menzionato nel diploma imperiale del 1001, che conferma il possesso  a favore di Olderico Manfredi di Susa. In seguito ai Somis di Strambino. La Chiesa dedicata a S. Pancrazio è di stile barocco del sec. XVIII°, famosa è la Cappella del Carmine con un ricco altare policromo. E’ ricordata dagli archeologi per i ritrovamenti palafitticoli di Novaretto e secondo una leggenda di una città sepolta detta “ città di Rama”.
Cappelle:-Madonna delle Grazie ( Regione Breri ); Madonna della Neve- S. Lorenzo ( Regione Peroldrado); S.Rosso – S. Sebastiano ( Capoluogo)



CELLE:- ( Altitudine 996 m. s.l.m. - Km. 36 da Torino)- L’edificio di culto, probabilmente da  San Giovanni Vincenzo sul finire del X sec; Il suo campanile di stile romanico è da considerarsi uno dei più antichi della valle. Di notevole interesse è la cripta sotto la Chiesa portata alla luce nei recenti scavi e la grotta di S. Giovanni Vincenzo ove si scorge la pietra dove il Santo dormiva.
Cappelle:-Turris Eburnea ( Rocca Sella mt.1508). S.Carlo (Regione Campambiardo); S. Giovanni Vincenzo ( Presso la grotta del Santo).

San Giovanni Vincenzo:- Mille anni fa, sulla cima del monte Pirchiriano non esisteva che una chiesuola eretta dai Longobardi in onore del loro prediletto: l’Arcangelo San  Michele.  Già prima doveva esserci un piccolo tempio pagano dedicato a divinità alpestri.  Nel X sec. Giunse da queste parti San Giovanni Vincenzo, un discepolo di San Romualdo, proveniva da Ravenna della quale era Arcivescovo e si fermò come eremita in una caverna del Monte Caprasio ed esattamente in località Celle.  Alla fine della sua lunga vita eresse una cappella in onore a San Michele.  Secondo la leggenda gli Angeli di notte, la trasportarono pezzo per pezzo sul Monte Pirchiriano di fronte.  

NOVARETTO:-(Altitudine 374 m. s.l.m.- Km. 30 da Torino)- La sua Chiesa edificata nel 1887 è di stile pseudo romanico opera dell’Architetto Molli, consacrata nel 1890 da Mons. Rosaz.
Cappelle:- S. Grato (Regione Sala); S.Anna (Regione Buffa); antica Chiesa Parrocchiale ( trasformata in salone).



CHIUSA SAN MICHELE ( Altitudine 378 m. s.l.m.- Km 30 da Torino)- Il paese è adagiato sulle pendici del Monte Pirchiriano, sul quale appoggia maestosa la Sacra di San Michele; il luogo è famoso per la battaglia delle Chiuse e prese il nome da ( Clusa Longobardorum). La Chiesa edificata nel 1825, dedicata a S. Pietro Apostolo, fu affrescata dal Morgari è stata ristrutturata di recente. Il giorno dell’Ascensione si svolge la processione votiva alla Sacra di S. Michele
Cappelle:- S. Croce- S. Giuseppe e Madonna delle Grazie (Nel Capoluogo); Immacolata ( del beneficio Genta); Madonna della Neve( Regione Basinatto); Madonna degli Angeli (Regione Bennale).
Battaglia delle Chiuse:- I  Longobardi, questi barbari dalle lunghe barbe e dalle lunghe alabarde condotti da Re Desiderio, conosciuti in molte parti d’Italia per le battaglie, ebbero a lottare colla potenza dei Papi e per essa caddero. Furono ostili ai Papi.  Divenuti poi cattolici nel florido regno di Teodolinda e di Agilulfo, dopo qualche tempo di pace, tornarono ad aperte ostilità contro i Papi che invocarono l’aiuto dei Franchi, i quali guidati da  Carlo Magno, valicarono il Moncenisio e li respinsero alle Chiuse d’Italia verso Pavia, imposero a loro dei tributi e l’obbligo di restituire le conquiste fatte alla Chiesa.
Il Manzoni ne trasse argomento nella sua tragedia “L’Adelchi”  ( Da la Dora di G. Regaldi 1866)

SANT’AMBROGIO:- (Altitudine 356 m. s.l.m- Km.26  da Torino):- Ha origine antiche, il suo territorio giaceva ai confini fra i Burgundi e Longobardi. La Parrocchiale  abbattuta nel XVIII sec. , rimane il poderoso campanile romanico, innalzato versi il 1000 sopra il basamento di una torre romanica o medioevale.  La Chiesa attuale fu edificata nel (1705-1770) dall’Architetto Vittone in stile barocco settecentesco è stata restaurata recentemente. Alla Parrocchia ed al comune appartiene la famosa Sacra di San Michele monumento nazionale, per la fama di questa importante Abbazia e la divulgazione che ne è stata data sia sotto l’aspetto storico che quello artistico è considerato monumento ufficiale della Regione Piemonte.
Da segnalare la” Società Abbadia di San Giovanni Vincenzo che custodisce la storia ed il culto del Santo, ne anima la festa patronale e la tradizione della traslazione delle reliquie.  
Cappelle:- Madonna delle Grazie; Santuario Nostra Signora di Fatima ( Regione S. Pietro).


Storie e leggende

IL Salto della bell’Alda:- Nei secoli delle invasioni, l’abbazia della Sacra di San Michele fu più volte assalita da milizie straniere ed è a proposito di una scorreria che sorse una leggenda detta della “Bell’Alda”.    Alda era una pia e brava ragazza del paese. Un giorno, mentre si trovava nella Chiesa dell’Abbazia, per sfuggire alle soldatesche violente, si gettò nel precipizio sottostante la Sacra verso Sant’Ambrogio. Avrebbe dovuto sfracellarsi, ma la sua onestà fu premiata perché, invece, scese lentamente fino ad adagiarsi, salva sul fondo valle.  Inorgoglita dal miracolo, la fanciulla volle, per soddisfare il desiderio e la curiosità delle amiche, ritentare la prova. Ma questa volta il suo corpo si sfracellò contro le rocce  e la poveretta morì. Il luogo da cui si gettò la bell’Alda è ancor oggi visitato ed è rappresentato da una torre ed alcuni ruderi situati sul lato nord del monastero.



IL Diavolo e la Croce:- Località alla base del Monte Pirchiriano chiamata “ L’ora” evidenziata da una croce, gli anziani raccontano questa leggenda:…. Nel 1700 viveva in una casetta in fondo al paese una bella giovane chiamata Rosina, la gente superstiziosa credeva che avesse il malocchio.
Nel giorno della festa della Chiusa di San Michele il 29 Giugno, un giovane forestiero di Giaveno, pensò di corteggiarla, col proposito di sposarla. Ma la fanciulla aveva un segreto, di cui non aveva mai parlato ad alcuno, neppure alla vecchia zia con la quale viveva. Il vecchio Priore della Chiusa, suo padrino, era preoccupato ed un giorno si fece confidare il grande segreto.
Rosina più volte aveva incontrato, mentre andava al pascolo verso il monte Pirchiriano, un Signore di bell’aspetto.  Costui puntualmente, giungeva da lontano a Maggio, nel giorno della S.Croce e al giorno dei morti.  La giovinetta gli aveva chiesto chi fosse ed egli le aveva narrato la sua storia avventurosa. Era nativo della Chiusa e da essa era fuggito dopo aver ucciso il proprio fratello, aveva vagato in Francia e combattuto militando tra le file francesi contro Torino nel 1706.
Era stato preso prigioniero dagli austriaci e per salvarsi dalla forca, aveva invocato il demonio vendendogli l’anima.  Ne era uscito salvo ed ogni anno ritornava alla croce di legno ad abiurare la fede alla quale da bambino aveva pregato con la mamma.  Rosina era sconvolta da questo terribile racconto e attratta da una forza irresistibile verso il giovane.
Il Priore ascoltò, meditando la confessione della buona contadina e nella sua mente venne in chiaro la tragedia di quella famiglia.  Paolo si chiamava quel giovane, lo ricordava discolo ed irrequieto.
In una lite aveva tentato di uccidere il fratello Giacomo e poi era fuggito all’estero.
Giacomo dietro cure premurose, si era salvato e con il padre aveva sciolto un voto alla Consolata  di Torino, combattendo ambedue a difesa della città.
Il 7 Settembre 1706 erano morti martiri, della  Patria per mano delle milizie francesi.
La mamma morì di dolore lasciando una fanciulla, in tenera età, Rosina affidandola alle cure del Priore.    Il giovanotto di Giaveno, che desiderava sposare Rosina, si chiamava Battista, ritornò a ritrovare la fanciulla per fissare la grande data.  Rosina accettò ma non prima della festa “dei morti.”    Il Priore accompagnò la giovane lungo le pendici del monte all’ultimo incontro misterioso e Paolo, il cavaliere visto il Priore, tentò di fuggire, ma sentendosi riconosciuto ne rimase stupito, poiché credeva di essere sconosciuto e solo al mondo; invece quando Rosina più volte aveva tentato di riportarlo alla fede, lui non voleva sentire le dolci parole di Rosina che lo invitavano a chiedere perdono a Dio tramite il Priore.
Rosina allora si inginocchiò, offrendo la sua vita a Dio per la conversione del fratello.
Paolo cedette e chiese perdono, intanto una crisi convulsa si impossessava di lui come stesse per morire.  Quando si riebbe aveva l’anima libera, era diventato buono e volle, nonostante la tarda ora e il temporale che imperversava, recarsi alla croce.  Rosina lo seguì e quando vi giunsero, tuoni e fulmini risuonavano nella valle.   Paolo chiese il suo perdono ai piedi di quella croce che aveva lieti e tristi ricordi, ma all’improvviso un lampo rischiarò il monte sovrastante abbattendosi sulla croce schiantandola.  Il giovane cadde prono a terra con le braccia aperte e su di lui la croce.
Rosina rimase immobile inginocchiata nella sua posizione di offerta.
Dio aveva accettato il suo sacrificio. Si dice che in quel momento si sentì una voce “ E’ giunta l’ora” .. ..ripetersi nella valle.    Giunse il giorno e con esso giunse da Giaveno festante un coro, era un corteo nuziale e da esso Battista si fece avanti.  Giunto al posto della catastrofe, vide la sua promessa sposa morta, si disperò a lungo, ma il Priore con parole di conforto lo allontanò dall’orrenda scena staccando dal petto di Rosina una medaglia col nastrino verde, donatole dallo stesso Priore in segno di protezione ( era una moneta antica, coniata dall’Imperatore Costantino con incisa sopra una croce,  la scritta “ IN HOC SIGNO VINCES” e la donò a Battista.
L’autore di questa leggenda l’ebbe in visione in un plico polveroso e tarlato da un frate della Sacra di San Michele nel 1770, Padre Clemente, questi era venuto alla Sacra di San Michele all’inizio del 1726, aveva 27 anni e vi morì vecchissimo nei primi giorni in cui scoppiò la rivoluzione francese.
Aveva nascosto le carte in previsione di irruzioni contro i preti e contro i nobili da parte dei Settembristi: Riportò le vecchie carte  al monaco che le aveva trovate in una cripta murata dall’archivio cui era scritto il nome di “ Fulgentius”.  L’autore fece indagini e ricerche al paese della Chiusa e all’Abbazia della Sacra di San Michele  e dai vecchi registri scoprì che Fulgentius era un frate che sovente veniva a trovare il Priore nel 1700.  Al secolo si chiamava Battista, era nativo di Giaveno e durante la sua vita a sue spese aveva fatta erigere la croce che oggi si può vedere con la scritta: P.R.GMS.1726 ( Pauli-Rosae- Gratia Manibus Sit).  Morì vecchissimo nascondendo nel muro i documenti narranti la triste storia, a cui unì il medaglione dal nastro verde ed alcuni altri oggetti di Rosina.   ( Il diavolo e la croce –novella di Dr. P.Riva-  Torino 1880)



VILLARDORA:- (Altitudine 257 m. s.l.m.- Km 28 da Torino) – Menzionata nel diploma ottoniano  del 1001 come “ Villare Almexii”.   E’ interessante notare che il 12 Novembre 1176 Pietro de Touvet accorda franchigie agli uomini del Villar; è questo uno dei più antichi documenti del genere nella Valle di Susa.   I predetti Signori del Villar dipendevano dai castellani di Avigliana e cioè dai Conti di Savoia. Da allora il castello e il feudo rimasero proprietà dei Provana Signori del Villar e della Torre del Colle (costruzione del XII secolo). La Chiesa Parrocchiale dedicata a San Vincenzo e San Anastasio ha subito diversi restauri.   
Cappelle:- S. Rocco ( Nel capoluogo); S. Pancrazio ( Regione omonima, con affreschi del 400); N. Signora Addolorata (Regione Crocette); S. Martino ( Regione Borgianera); S. Lucia e S. Barnaba (Regione Montecomposto); S. Lorenzo (Torre del Colle, antica Cappella diroccata).

ALMESE:- (Altitudine 364 m. s.l.m.- Km. 27 da Torino )- E’ citato nel diploma ottoniano del 1001 ed in una carta di S. Giusto del 1029. Nel 1333 il Conte Ajmone di Savoia diede il feudo ai figli di Giordano Provana di Carignano.  Poi nel 1359 Pietro e Daniela Provana  ottennero l’investitura dal Conte Amedeo di Savoia. Nel secolo XVIII parte del comune passò ai Bertolero, Conti di Almese famiglia che si estinse nel 1832.  La Chiesa Parrocchiale fondata dai Monaci Benedettini, venne ricostruita nel 1675 e nel 1830.
La nuova Chiesa è in stile moderno progettata dall’Arch. Boschis è stata consacrata nel 1968.
Il Castello di S.Mauro conserva una torre quadrata medioevale.
Almese diede i natali al medico Scipione Riva Rocci (1863-1937) inventore dello sfigmomanometro per la misurazione della pressione arteriosa.
Cappelle:- S. Anna ( nel capoluogo); Madonna della Neve (Regione omonima); S. Rocco ( Regione Malatrait III); Antica Chiesa Parrocchiale (ad uso concerti ed incontri).

RUBIANA:- (Altitudine 640 m .s.l.m.- Km. 32 da Torino)- L’origine del nome sembra derivi dal latino Rube.  La Chiesa consacrata dal Vescovo di Torino Mons. Rorengo il 13 Agosto 1769. Non se ne conosce esattamente la data di costruzione dedicata a San Egidio Abate, probabilmente risale al principio del 1700.
Cappelle:- Madonna di Vicoforte (Regione Mollar); S. Mattia (Regione Giorda Superiore);  Madonna di Lourdes (Regione Rocco); Nostra Signora del Cuore di Gesù (Regione Magò); Annunziata (Regione Gabaira); Madonna delle Grazie (Regione Randa); Madonna della Provvidenza (Regione Ciarmetta); Consolata ( Regione Molino inferiore); S. Barnaba (Regione Montecomposto).

MOMPELLATO:- ( Altitudine 1100 m. s.l.m.- Km. 40 da Torino)-  Fu staccato dal territorio di Rubiana nel 1808 come Parrocchia autonoma. La Chiesa dedicata a San Grato e S. Maria Madddalena è di quell’epoca di non eccessivo pregio architettonico con il suo protiro. Possiede alcuni arredi di valore artistico.
Cappelle:-Madonna della neve ( Regione Nubia); Madonna Addolorata ( Santuario Madonna delle Grazie  alla Bassa).Frequente meta di pellegrinaggi che risale al 1721 quando venne eretta una Cappella, dove esisteva soltanto un pilone votivo innalzato da un certo Lorenzo Nicol di Mompellato nel 1714 in seguito ad una guarigione miracolosa per intercessione della Vergine.

FAVELLA:- ( Altitudine 951 m. s.l.m.- Km 37  da Torino)- La Chiesa fu eretta nel 1890, staccatasi anche lei da Rubiana per fare Parrocchia autonoma.
Cappelle:- S. Bartolomeo ( Favella Centro); S. Brigida ( Regione Ferro).  


RIVERA:- ( Altitudine 362 m. s.l.m.- Km 25 da Torino)- La Chiesa è di stile barocco fu edificata verso il 1685 è dedicata a S. Stefano.
Cappelle:- S.Mauro ( Il Castello di S.Mauro); Beata Vergine Addolorata ( Regione S. Mauro); S. Anna (Regione Comba); Beata Vergine di Oropa (Regione Bunino); Beata Vergine delle Grazie (Regione Vighetto); Beata Vergine della Consolata (Regione Miosa); S.Michele (Regione Morsino); S.Giuseppe (Regione Grange).

MILANERE:- ( Altitudine 360m. s.l.m.-Km 23 d Torino)-  La Chiesa parrocchiale fu edificata nel XVIII secolo. È dedicata a S.Maria Assunta



AVIGLIANA:-( Altitudine 365 m. s.l.m.- Km. 21 da Torino)-    Di probabili origini Gallo-Celtiche, secondo la tradizione sarebbe stata fondata nel 595 a.C. da Belloveso, che la nominò Abelia dalle api: Nello stemma figurano infatti 5 api attorno alla Croce di Savoia.  Subì invasioni barbariche e saracene respinte da Arduino Glabrione.
Nel 1173 il castello e parte del borgo furono distrutti dal Barbarossa. Venne ricostruita da Tommaso I. Nel 1300 ebbe una zecca e nel 1330 un orologio pubblico (il secondo in Italia).
Dimorò ad Avigliana il famoso pittore Defendente Ferrari da Chivasso autore di mirabili dipinti.
Del castello era Signore il Conte Rosso, rappresentato in un affresco del quattrocento nella Chiesa principale dedicata a S.Pietro. Il castello fu distrutto dai Francesi nel 1526, ricostruito nel 1655 fu completamente abbattuto dal Maresciallo Catinat nel 1692.
Avigliana diede i natali al Beato Umberto III di Savoia, al Conte Rosso e lo scrittore Norberto Rosa (1803-1862).

Leggenda:- Una volta i due laghi di Avigliana, quello grande e quello piccolo non c’erano. Al loro posto si estendeva una grande pianura ed un paese ricco e felice.
La gente che vi abitava però, era malvagia e cattiva nel cuore.   Non c’era verso che i poveretti potessero mai avere un tozzo di pane da quei signori.   I mendicanti che lo sapevano non si fermavano neppure più.  Ma una volta un poveretto che veniva da lontano si fermò.  Era una sera d’inverno, con vento e pioggia il mendicante bussò a tutte le porte per un po’ di carità, ma ovunque veniva cacciato in malo modo. Si trovò in fondo al paese, davanti ad una casetta, un po’ discosta dall’abitato:- Mi volete ricoverare per una notte?-  Implorò il povero vecchietto. – “Entrate, entrate- rispose una vecchietta. Il mendicante entrò: Com’era misera quella stanza! Ma la povera vecchia diede quello che i ricchi non  avevano dato: un tozzo di pane e un po’ di brodo.   Il mendicate si ristorò, poi si sedette vicino al focolare. Un vento freddo e forte soffiò tutta la notte, durante la quale quel povero uomo sparì.   La vecchietta, uscendo di casa vide che dove prima sorgeva il ricco paese vi erano due laghi, uno grande ed uno piccolo. Soltanto la casetta si era salvata su una striscia di terra, perché non era stata chiusa la porta al mendicante mandato da Dio.
Detto piemontese che si riferisce alla leggenda di Avigliana;
“VIAN-A  VILAN-A   PËR  LA   SUA BONTÀ   L’È  SPROFONDÀ”.

RIVERA:- ( Altitudine 362 m. s.l.m.- Km. 19 da Torino)- La Chiesa in stile barocco fu edificata verso il 1685.



BUTTIGLIERA ALTA:- ( Altitudine 360 m. s.l.m.- Km. 15 da Torino)- Le sue vicende sono collegate a quelle di Avigliana da cui dipendeva. Nel 1605 Carlo Emanuele I  la diede in feudo alla famiglia Carron erigendo il paese in contea. Sopra un poggio sorge  una torre di segnalazione.

L’abbazia di Sant’Antonio di Ranverso;-  Opera medioevale delle più ammirate del Piemonte.  Fu fondata da Umberto III detto “ il bello”, nel 1188, ma nei secoli successivi subì ampliamenti e modifiche fino ad arrivare nel 1400 alle sue forme attuali.  La facciata, di severo stile gotico, è molto elegante divisa da tre portali con frontespizi gotici adorni di belle terrecotte terminanti con pinnacoli.
L’interno è a pianta asimmetrica a tre navate divise da pilastri con archi ogivali e volte a crociere cordonate.  Di rilevante interesse il trittico dell’altare maggiore opera del pittore Defendente Ferrari  e nella sacrestia un grande affresco con la salita del Cristo al Calvario. Sulla sinistra della Chiesa il bellissimo campanile di stile lombardo ogivale alto 32mt.  Di fronte alla Chiesa l’ex ospedale( dove veniva curato l’herpes zoster, detto “ fuoco di Sant’Antonio”), eretto alla fine del 400, con due finestre  e un portale gotico.



CASELLETTE:- ( Altitudine 355 m. s.l.m. - Km 13 da Torino)-  E’ addossato al Monte Musiné ( mt. 1150- Monte degli asini) circondato da un alone superstizioso e magico. Fu sede di una ignota civiltà preistorica che ha lasciato i segni della sua presenza sulle rocce ferrose: l’orsa maggiore e l’orsa minore  due delle innumerevoli costellazioni sono incise sulle pendici del Musiné.
L’ampio Castello rosseggiante dei Conti Cays di Giletta, ora sede di un Istituto Salesiano, domina dall’alto tutto l’abitato. Una torre ed alcuni resti di straordinaria dimensione dimostrano l’importanza  strategica e militare del luogo.

Costantino e la Croce del Musiné:-   Narra un’antica leggenda che Costantino passò nella nostra valle e giunto con le sue milizie nei pressi del Monte Musiné, vide nel cielo una gran croce luminosa con la scritta “ In hoc signo vinces”( Con questo segno vincerai). Costantino a tal visione si convertì al cristianesimo come sua madre Elena  e fece mettere sulla bandiera la Croce, che la portò alla vittoria sul pagano Massenzio.  Fece pure coniare delle monete con la Croce e il famoso detto.
Costantino sconfisse Massenzio proprio alle porte di Torino, nonché a Roma nella battaglia di Ponte Livio.

RIVOLI:- ( Altitudine 354 m. s.l.m.- Km 10 da Torino)- A parte i rinvenimenti romani è menzionato nel 1031 nei documenti antichi.  Nel 1247 Federico II la tolse ai Moncucco e la diede ai Savoia ad Amedeo IV,  Nel 1414 il Conte Rosso vi ricevette l’Imperatore Sigismondo. Rivoli fu saccheggiata dai Francesi nel 1525. Il castello fu ricostruito nel 1712 dopo varie invasioni barbariche e saccheggi.
Amedeo II vi abdicò nel 1730 e vi fu tenuto prigioniero nel castello.
Francesi ed Austriaci la saccheggiarono ancora nel 1799 e nel 1813 Napoleone la diede in feudo al Maresciallo Ney, ma nel 1814 ritornò ai Savoia.   Il bel palazzo, detto del Conte Verde, conserva una ricca decorazione in cotto.  Accanto alla collegiata di S. Maria della stella si può osservare il bellissimo campanile ogivale lombardo del XIV secolo.
Nell’interno la statua in legno di cedro della Madonna con il bambino, armadi intagliati settecenteschi. La Chiesa parrocchiale di S. Martino del 1786 con il campanile romanico gotico nella parte inferiore.
L a Chiesa di stile barocco del S. Cuore possiede statue del Clemente.
Il Castello posto sopra un anfiteatro morenico domina il panorama con la sua mole quadrata risalente al XII secolo fu culla di Carlo Emanuele I.     Nel 1693 il Generale Catinat lo mise a ferro e fuoco.
A Filippo Juvarra fu affidato, nel 1715, il restauro che tutt’oggi si ammira.

                             
Torna ai contenuti | Torna al menu