Presa Catè - Valsusa vive

VALSUSA VIVE
Vai ai contenuti

Menu principale:

CIVILTA' MONTANA

Presa CATÈ



Vita vivùa a 1030 mt. an Valsusa

La Presa Caté , che na vòlta a l’era  Presa Giacon, a l’è na veja grangia dij pastor dël 1622  con na cort granda, an mes ai pra , ch’a  fa da pogieul an sla val .  Da lì as peul  vëdde  tuta la caden-a  ‘d  montagne espòsta a mesdì, dal Rociamlon al Musiné e na part ëd l’arch  alpin  ch’ a fa  da confin con la Fransa.
An sël fond  ëd la val  as vëddo ij pais da Bossolin a  Condòve  e sla montagna ‘d  front, as vëddo tante frassion che a conto na longa  stòria ‘d fatiga e ‘d sudor dij montagnin.



Val Susa

L’è  bel guardé vers ti
da l’aut ëd la montagna
e ‘ndvinete ‘nt lë  scur
ëd na sèira stèilà.
S’arconòsso toe stra:
tanti ciairin an fila,
s’antravëddo toe ca:
citi lum  ch’a  splendrisso
parej ’d lusentele
ch’a danso ‘nt  l’ambrunì,
quand che le vos amise
dij ciochè a s’arcòrdo
al son dl’ Ave Maria.
L’è bel sërchete,
con ël përfum dla tèra
cheuje ‘l parlé ‘d toa gent
conservelo ‘nt ël cheur,
ch’a-i resta sempre.



Ël Prinsi

Anche nòstra Presa, ch’as treuva sël territòri ‘d Vaje, a l’ha soa stòria, cola che noi i l’oma conossù ‘d përson-a ant nòstra vita travers a lòn ch’a l’han contane ij nòstri vej che a l’han lassane an eredità da pare an fieul, travers le doe discendense dij Catè e dij Giacon.
Ant ël prim 1900, lassù d’istà ij militar a son montà na vòlta për le “manòvre “e ij nòstri nòno a l’han dine che ‘n dì a son rivaje su daj prà sota la Presa, chèich ufissial a caval e arivà ant la cort a sërcavo ‘n pòst për buté al sicur ij cavaj.   Nòno Giusep a l’ha faje vëdde n’anel ant la muraja dla Presa pròpi davsin a l’andron central dova chiel a tacava la
mula.Parèj a l’ha ‘rsèivù sti ufissiaj che a fasìo da scòrta a chi?… Nientemeno che al Prinsi Umberto ‘d Savòja… che a l’era an visita d’ispession aj soldà acampà ant ij dintorn aranda aj bòsch. A l’è sta na vera sorprèisa për ij nòstri vej e nòna Marianin, con le man an sij fianch, come ‘d sòlit as presentava aj foresté a l’ha faje intré ant la cusin-a veja con la vòlta ad arch, andova a-i è sempre ‘l feu avisch ant ël fornel e a l’ha ofrì con tanta semplicità al Prinsi e a coj che a lo compagnavo, na scheujla ‘d lait pen-a mosù, che a l’è stait pròpi acetà volonté.     Parej cola scheujla dë smalt bleu a l’è passà a la stòria come la “scheujla do Prinsi”.



Siviltà montagnin-a  

- Ant la cort ëd la Presa, oltre a la Veja “grangia” con la stala e la fnera, a-i è ‘dcò n’àutra ca a doj pian, costruìja ant ël 1922 che d’istà a ospitava ‘d vilegiant ëd la sità (ij patachin) an serca d’aria bon-a e ‘d pas.  A l’ero d’amis che ògni ann as na rivavo a pè, përchè a l’ero afessionasse a sto pòst.
Da la part espòsta vers sèira dla ca veja a-i è na scala ‘d pera che a pòrta a na stansiòta con na cita fnestra che a l’ha la frà e a guarda vers la val e da lì as ved bin ël Ròciamlon. A l’è ‘n pòst ëd silensi, adat a fé meditassion, ecco perché noi i lo ciamoma “l’éremo”.
Lì sota a-i era na fontan-a tuta special: a campava giù l’eva da na canala ‘d bòsch butà për travers e sostnùa da ‘n cavalet.
L’eva a rivava da na sorgiss pa lontan-a e a finìa ant un ri che a versava ant na vasca con  le lavòire e peui a continuava  arlongh  d’un murajon sota la cort dova a cuìja lë spòrch  da doi ces rùstich, un për dòne e un për òmo, për peui andè ant ij prà  a conciméj… Si, a l’ero  temp dificil,  ma  la furbìssia  dij vej montagnin  as dasìa da fè e tut a diventava facil, fin-a ij sitadin a apressavo  sta manera  ‘d vive.
Al fond ëd la cort, aranda a la murajëtta  a-i era la “ Frascà”, un penàcol con ëd  rame vërde rampiante  dova la famìja a l’era sòlita a fè ‘l disnè mach ël dì ‘d San Ròch, ël protetor ëd  la Borgà  dël Folaton.
A la sèira peui, a l’era bel esse tuti ansema unì, vilegiant e ìj padron dle Prese vsin-e, tuti lì ant la cort për fè la vijà  sota le stèile, cantand ëd veje  canson, giugand, baland  al son dle fisarmòniche.
Nòstra cort a l’era ‘l pòst d’ancontr ëd vàire famìje e peui, quand a calava la neuit as viscavo le lanterne për fé ij  segnaj a la gent ëd la valada  e a le frassion ëd la montagna lì dë dnans e ‘dcò lor a rëspondìjo….
A l’era costa la manera për sentse tuti amis e contracambiesse la “bon-a neuit”.



Presa Caté

A Presa Caté a son passaje ‘dcò d’àutri përsonagi che a l’han onorane dla soa presensa: Mons. Ugliengo, Mons. Garneri, Mons. Bernardetto, e ant l’ùltima istà dël 2003 Mons. Badini Confalonieri.
A-i son ‘dcò vnùje tanti Prèivi ëd nòstra valada për passé na giornà con noi. E peui tanti amis e parent, lijà da parentela come Emilio Giacon, a son avnù për arvëdde sti pòst con veuja. Tanti ‘d lor a-i son pi nen, ma a resto sempre ant ël nòstr cheur e costi pòst a veulo pa dësmentieje.
Sta bela cort arcòrda ancora soe vos, come arcòrda ‘dcò le nòstre da masnà, quand i giugavo content al son dij rodon dle vache an pastura.
E ‘d seira, an costa cort, arson-a ancora potenta la vos ëd  Don Ravet, ch’a spontava daj bòsch an sèrca ‘d famije e l’eco dle canson  ëd cola gent sempia, ma unìa da na vera amicissia, as dësperd an lontanansa ant ël vent, ma a veul andè oltre la val, a veul portè ant ël mond ëd  serenità, ëd gòj e ‘d pas.



La nìcia ‘d Presa Caté

A Presa Caté sla faciada dla cà veja, pròpi li aranda dl’andron a-i è na nìcia profonda e andrinta, na bela statua ‘d Sant’Antòni ‘d Padova, con un pòver an gënojon aj sò pè. Quand a-i rivo ‘d  foresté ‘d sòlit a la guardo e peui a ciamo tuti come mai a l’han fait cola bela nìcia e përchè pròpi dedicà a Sant’Antòni?…
…Perché a l’era na devossion ëd famija a cost gran sant. Sant’ Antòni ‘d Padova, Dotor ëd la Cesa e francescan –1195-1231 na a Lisbona (Portogal), a l’è diventà canònich regolar e peui fra minor a Coimbra. A l’è partì për l’Africa pront al martiri, ma për maladìa  e a causa ‘d na tempesta a l’è dovù fërmesse an Italia, andova  a l’ha dedicasse a la predicassion e a la guarìgion dij malavi.  A l’è mòrt a Padova e n’ann dòp a l’è stait canonisà da Papa Gregori IX.
Al temp ëd la guèra dël 1915-18 la nìcia a l’era già fàita dai nòstri veij che a vorìo avej ‘n pilon davsin a ca, ant ij nòstri  prà, ma ‘l pilon as podìa mach fesse an sle bòjne che a confinavo con ël teren comunal, alora  a l’avria mach podusse fè ant ij bosch aranda a la stra che a va su a la Mura…” tròp logn da ca …” a disìjo ij vej, alora  foma na nìcia ant la cort, pròpi an sla faciada dla Presa “ e parèj a l’han fait e quand nòno Giusep a l’è partì për andè an guèra dël 1915, ant cola nicìa a-i era sempre ‘n lumin anvisch për tant che Sant Antoni ‘d Padova a vigilèissa su nòno, che a l’era là ‘nt ël Veneto.
Ogni tant, nòno Giusep a scrivìa a ca e a disìa sempre che là a-i era na “Gueriglia” e cola paròla,’n pò dròla as trovava sovens ant soe littre…tant che nòna Marianin a l’arpetia a tuti coj che a –j ciamavo ‘d neuve  ‘d sò òmo.    Peui a l’è rivà ‘l moment ch’a l’è naje na fiëtta pròpi ‘l 31 Agost 1915 e a l’ha butaje sto nòm dròlo…Gueriglia!... Quand che nòno a l’ha savù la notissia dla nàssita a l’ha subit ciamà ‘l  përmes d’avnì a ca e  pèn-a rivà a la Presa tut aleghèr a l’ha dit: “Che nòm it l’has butaje?…”Gueriglia !” -a l’ha dit nòna, sicura ‘d feje gòj!… Anvece chiel a l’ha slargà ij  brass guardant  an aria e a l’ha dit: “No! basta ‘d gueriglia!..  Sant’Antoni a l’ha giutame e cò Santa Lussìa, mi i son là sla montagna ‘d Santa Lussìa dël Piave e am pias ciamela parèj, ciamomla “Lucia”.
Ël  nòm Gueriglia a l’é  sta për sempre mach scrit an Municipio ‘d Vaie e an sle carte, ma la fiëtta a l’è sempre stàita ciamà Lucia për tuta la vita e tuti a la Presa a l’han conossùla e a l’han vorsùje tanta bin.



Le Galavie

An sla montagna ‘d Val Susa, antorn ai mila méter, a-i son ëd ca spatarà,  che fin-a dai temp dij temp a son ciamasse Prese.
Un-a ‘d coste Prese a l’è cola dij mè vej: Presa Catè, ch’as treuva ‘n sl’invers ëd la montagna dzora ‘d Sant’Antonin.
La tèra lassù a l’è bon-a, ma pa basta esposta al sol për podèj fé muré ‘d gran; mach la sèil, ch’a l’ha nen vàire da manca ‘d càud, a fa furtun-a.
Al mèis d’Agost, na vòlta, a Presa Caté, as fasìa la batitura, che fin-a dai sò preparativ a dventava na vera sirimònia.
Për giuté a prontè l’èira, òmo e fomne a rivavo da tute le Prese pì vzin-e e ‘l prim travaj a l’era col ëd deje na bela polidà con ij ramass ëd biola,ch’as tënìo bass squasi ras a tèra.
Për vàire dì le buse dle bestie a vnisìo ‘mbaronà ‘nt un sëbber, peui giontandje d’eva, as na fasìa na paciarin-a.
Con un sigilin as ciapava da lì e zëch…zëch…la busa a vnisìa spatarà për l’èira. J’òmo a la seuliavo bin con ij ramass, marciand a l’arculon e guai a mai pàsseje ‘nsima, fin-a a quand a l’era bin sëcca, che anlora a dventava dura coma ‘n paviment. Parèj l’èira a l’era pronta e as podìa ‘ncaminé a bate.   
Prima còsa a së slargava la sèil për tèra, mentre le dòne a ‘ndasio a pijé le galàvie. La galàvia, për chi ch’a lo savèissa nen a l’era fàita ‘d doi baston, gròss come ‘n brass: col ch’as tënìa ‘n man a l’era a pò-pré longh un méter, l’àutr (ch’as ciamava la vërgià) un pàira ‘d branche ‘d pì e a l’era tacà al prim con un tòch ëd coram gropà con un gital.
Për bate a ventava ch’a-i fussa na partìa d’òmo: ëd sòlit a j’ero an quatr o an ses, e a l’era lòn ch’as disìa fé an batajon da ses.
A ‘ndasìo an sa e an là manovrand le galàvie che, batend an sla sèil, la dësgrunavo e aussandse ‘nt l’aria, as portavo apress le busche ‘d paja ch’a lusìjo ant ël sol dl’istà parej ‘d giràndole d’òr. Dai bòsch e dai pra d’antorn as sentìa col bate an cadenza: tan, tan, tan…tan, tan…tan…tan e a l’era un tramblament ch’a durava tuta na sman-a.
Na dòna a tënìa la ghindan-a (ch’a l’era ‘n linseul pendù a ‘n rastel) e a virava tut d’antorn apress a j’òmo ch’a batìo, për paré le gran-e ‘d sèil ch’a sautèisso pa via.
E ‘dcò cost a l’era un travaj ch’a stracava… Quand che, dop ël tramont, l’aria dla sèira a tirava mach da na part, as passava a l’ultim travaj dla giornà, col ëd polidé la sèil dësgrunà:
con na gròssa galossa as campavo le gran-e an aria da ‘n mes ëd l’éira lontan tant ch’as podìa e anlora la vòrva a volava via e la sèil a tombava giù bele polida an sèl teilon stendù për tèra për cheujla. Se, për combinassion, an mes a la sèil a-i ero ‘d giàire, as fasìa ancor na passada a lë siass.
Tuti j’ani a Presa Caté, a-i ero tre o quatr quintai ëd sèil ch’as batìo an cola manera.


A la borgà dël Folaton

Ch’a l’è ant l’anviron, la batitura as fasìa ant l’èira Cajòt; a andasìo tuti lì coj dla borgà a bate.
Na vòlta a batìo con le galàvie, fin-a a quand, dòp dël ’43, a l’era finalment rivaje la màchina da bate ch’as girava a man, assegnà dal Govern ai vej combatent dla guera dël quindes –disdeut e che a l’era stàita portà su a spale da Vàje an gran pompa-magna.
Edcò an cost sistema pì modern, për travajé bin a ventava esse an set o eut: un a’mbucava, quatr a fasìo virè ‘l volan, un a tirava ‘ndré la paja con ël restel e n’àutr a fasìa le gerbe e a-j gropava. Ant ël travaj a andasìo a gara a giutesse un con l’àutr: tuti amis, tuti fratej; se quaidun a l’avìa avù quaicòsa da dì con n’avzin, tut a l’era përdonà e dësmentià, an grassia ‘d col pan nèir che a l’avrìa dësfamà e nutrì tante famije. L’èira a’rsonava dle canson dij vej, ëd coj vej che, già mòrt da tanti ani, a smiava ch’a fussu present an col trafen, sota ‘l sol càud d’Agost, sodisfàit ëd vëdde ij sò fieuj travajé d’amor e d’acòrdi.
Già ch’i soma sl’argoment dla batitura, a më smia ch’a merita dì due paròle su n’àutr sistema ch’a l’era praticà al pian, prima ch’a sautessa fòra la machina da bate: as trata dël rubat.
A l’era na gròssa pera ‘d na forma che an geometrìa as ciamerìa “tronch ëd còno” con un perno për part, da ‘ndova a partìo le stanghe, parèj ‘d cole dij carton, për podèje taché na vaca, ch’a girava tut antorn a l’èira ch’a l’era stàita prima ‘mbiumà coma an montagna con la busa.
Ël rubat, an passand an sël gran ëstendù për tèra, a lo dësgrunava; a virava tut antorn, fasend ëd reul sempre pì strèit e man man che la vaca a andasia anans, j’òmo a j’andasìo apress an vìrand ël gran për podèj passè n’àutra vòlta. Un garson con la galossa a andasia sempre dapress a la bestia për evité d’àutre ‘mbiumature fòra programa…
Da costi travaj tut àutr che leger, e che a duravo magara për dë sman-e, vist che ‘nteressavo sensa distinsion tute le famije dla val, a-i surtìa ‘l pan ëd tuti ij di, che anlora a l’era pì apresià ëd lòn ch’à lo sia al dì d’ancheuj, a la bon-a riussìa dla longa fatiga a l’era motiv ëd festa e ‘d fiusa ant l’avnì.



Ël treno dij miliard

Da vàire dì a-j mulinava për la testa cola gròssa cifra: un miliard!
E sòn da quand nòno Giusep a l’avia trovà un giornal an sla tàula sota la tòpia, un giornal dësmentià da ‘n forësté che, a l’avìa mangiasse na mesa gavià ‘d polenta e làit come s’a fussa na galuparìa. Lassù an montagna, a la “Presa,” a passavo da ràir ij foresté e ij montagnin a s’informavo da lor ëd le neuve, ma una a l’avìa falo sbalordì:
che l’Italia a valìa ‘n miliard! An col lontan prim-neuvsent, na cifra tant gròssa a l’avìa faje vnì le baluchëtte a j’eui e drissé ij caveij a nòno, abituà a conté da rair le sent lire…A podìa gnanca ‘nmaginess-la e vers sèira, tut anfrandà, a cissava con ël baston le vache a core giù për ël pra dla gòja përchè a l’avia maitass ëd setesse an mes a l’erba e ant ël silensi dl’ora dël tramont, chiel a l’avrìa fàit ëd cont. Le vache meusie a brutavo l’ultima erba dl’otonn e nòno,  campà la giaca bleuva për tèra, a l’era setasse ‘nsima, con na man su l’àutra sël corm dël baston piassà tra le gambe. Un miliard!… a disìa tra chiel e con l’indes e ‘l pòles ëd la man a armusciava ‘nt ël sacocin dël corpèt dë vlù për trové un dobion.
– Vardlo sì: doi sòld!- L’ha butalo ant l’ancreus ëd la man, a lo vardava come a l’avèissa mai vistlo prima. Un pòch pì ‘n là sò fieul Mario, mè pare, ch’a l’era antlora ‘n bòcia  su për giù d’eut ani, a studiava le piste d’un d’arbon. -Ven un pò si,- a l’ha dije nòno. E chiel, lest, a l’ha piassasse pròpi li dèdnans. -Varda sto dobion: a-j na van sinch për fé des sòld, des për fé vint sòld, ch’a l’è na lira. -Mè pare a lo scotava interssà: a capitava pa sempre ‘d fé ‘d cont con ij sòld a la man e ij sòld a-j fasìo già gòj, bele mach sentne parlé. –Donca – a rasonava nòno –des monede da doi sòld a fan na lira; për fé des lire, a-j na van sent, ten da ment! Për fé sent lire, a-j na van mila… Con sent lire it peule già caté na vaca e  a-j na van mila dobion! Për fé mila lire, a-j na van desmila dobion; për fé desmila lire, a-j van sentmila dobion; për fé sentmila lire a-j va ‘n milion ëd dobion …e i soma mach ancora a sentmila lire… Mè pare a lo vardava ‘ncantà pensand che nòno a dèissa ij numer e a ‘rpetia come ‘n papagal: - Për fè sentmila lire, a-j va ‘n milion ëd dobion!   - Nòno, man man che le cifre a aumentavo, a slargava sempre ‘d pi j’eui e a fasìa la vos pi gròssa.  – E ora fà atension: për fè ‘n milion ëd lire, a-j van des milion ëd dobion. Ma ti ‘t sas vàire ch’a val un miliard? Mila milion! E alora: moltiplica ij des milion ëd dobion për mila e ‘t l’avras: des miliard ëd dobion! - Mè pare, tut ëstupì a l’ha arbatù –
Un miliard ëd lire a l’è des miliard ëd dobion! -Nòno a sta mira a l’era aussasse drit, përchè le vache già stofie a l’avìo piantà lì ‘d bruté e adasiòt a l’è ancaminasse vers ca. Garghe le vache a j’andasìo apress su për la riva dël pra e mè pare daré, a-j tocava col baston.
Na giràndola ‘d nùmer a-j virolava ‘n testa e tra ‘d chiel as ciamava se sòpare, ch’a l’avia fàit, serios parej, tuta la séira ‘d cont, a vorìa për dabon caté l’Italia! L’indoman sèira, a l’istessa ora, nòno, sò fieul e le vache, a j’ero torna ant l’istess pòst, e le vache a ‘ndasìo e a ‘vnisìo an sa e ‘n la a sërché d’erba andova a-i na i-era.
-Alora, -a l’ha continuà nòno- për fè un miliard ëd lire, a-i van des miliard ëd dobion!  Ora scota bin – a l’ha dije nòno ch’a l’avìa torna tirà fora ‘l dobion dal sacocin e a lo stimava sopatandlo ant la man drita – un dobion  a pèisa des grama; mila dobion, desmila grama, ch’a l’è come dì: des chilo ò ‘n miria; desmila dobion a fan des mìria, un quintal; sentmila dobion a fan sent mìria, des quintaj, na tonelà; un milion ëd dobion, mila mìria, sent quintaj, des tonelà; un miliard ëd dobion, a l’è mila vòlte tant; alora  moltiplica për mila e a fa desmila tonelà! -Desmila tonelà ëd dobion! a l’ha dit mé pare. – E come fé carieje?  A basta pa ‘n carton…- Oh pòr fieul ! Auto che ‘n carton!… -e j’euj nèir da foin ëd nòno a rijìo ‘d gust. Ant col mentre giù a val a-i passava ‘l treno ch’a rivava da ‘n Fransa e a vardelo da mila méter d’aotëssa, a smijava ‘n long bindel nèir.
Varda lagiù ‘l treno! –a l’ha dit nòno – e sent bin: Un vagon a l’ha la portà da des a dodes tonelà, ma contomne mach des.
Alora: dividoma për des le nòstre desmila tonelà ‘d dobion e a fan mila!  Tut somà, mè car, a-j va ‘n treno ‘d mila vagon për porteje.
Mè pare cola neuit a l’ha sugnalo col treno longh, longh ëd mila vagon, carià ‘d sòld…  A l’era ‘l seugn ëd tuti ij pòver…
Ebin, la tersa sèira, a la calà dël sol, pare e fieul a j’ero torna là.
Ma, papà, përchè ‘t vorerie catè l’Italia, it podrie pa caté tante vache? - E nòno a l’ha ‘ncaminà ‘l cont dle vache: -Na vaca a fa sent lire… des vache, mila lire… e conta e conta, an sla fin, con tut col treno ‘d dobion a l’avria podù catè: des milion ëd vache !
(A l’è pa da stupisse s’a savia fè bin ij sò cont për “caté,” an efet as ciamava pròpi “ Gep Caté” mè nòno!) Ma a basterìo pa tuti ij pra dle montagne për larghè ste vache!
A l’ha dije mè pare. Già che a basterìo pa pì, a j’andrìa un pra longh, longh fin-a al mar, e peui al pòst dël mar a j’andria ancora ‘d pra con tanta erba…
E dl’eva dël mar cò fene? – a l’ha dije mè pare, e nòno ch’a l’era già stofi a fé ‘d cont e a l’avìa na veuja mata dë schersè, con na sopatà dë spale a l’ha concludù: - L’eva dël mar?..
Campela an Dòira !!!…



Sant’ Antòni dël crinet

A-i era na vòlta ‘n marghé ch’a l’avìa neuv vache, tute bele grasse da fè l’inghicio a tuti ij marghè dla montagna ‘d Valsusa.  Ebin, va a savèj come a l’è capità: a van pa a ciapesse ‘n mal? Un-a apress l’àutra a son chërpaje tute neuv e ‘l marghé, ch’a l’avìa mach cola arsorsa lì, a l’è andà ‘n boleta. Pià da la disperassion, a girava për ij bosch come n’ànima ‘n pen-a; na sèira ch’a l’era pì disprà che ‘l sòlit, a l’è fërmasse dë dnans a’n pilonèt, un-a ‘d cole caplëtte ‘ndoa a-i son piturà vàire figure ‘d sant da na banda e da l’àutra dla Madòna dij set dolor.
Chiel a varda con compassion la Mare ‘d Nosgnor e a-j dis:
-Ti…it n’has già fin ch’it veule…- peui as vira vers un dij doi sant e a –j fa: -Ti …va a savèj chi ch’it ses, mi ‘t conòsso pa vàire …e peui a-j dis a l’àutr ëd front; ma ti ch’it ses lì piturà con un crinèt, ëd bestie dovrìe tansipòch antendëtne, it peule pròpi pa deje na man a sto pòvr òm-?…
Dit lòn, a vira ij garèt për artorness-ne a ca, ma, fait na senten-a ‘d méter, a vëd, an sël   truch dël prà anluminà da la lun-a, un forësté ch’a-j ëvnisìa ancontra. Mai vistlo, chissà chi a podìa esse!… Chiel-sì, ch’a l’avìa franch l’ària ‘d vorèje fé doe ciance, a lo saluta:- Bon-a neuit-!
-Bon-a neuit! -,a-j rëspond l’àutr.
Che bela lun-a èh ?-. a dis ël forësté për taché boton.-Bò!-,a-j fa l’òm,-a sarà pro bela, ma për mi... da na paròla a l’àutra l’òm për ësfoghesse, a-j conta tuta soa disgrassia: ch’a j’ero mòrtje le vache…ch’a l’avìa gnanca pì da vive…e via fòrt. Ël forësté, ch’a smiava esse un ch’a la savèissa longa, a studia ‘n pòch e peui a-j dis: - A l’è pròpi capitavla gròssa, fé corage…vardé, miraco mi i peus deve na man-.
-Oh, la bela!-a fa l’òm ëstralunà.
-Mi i podrìa rimpiasseve le neuv vache-, a continua ‘l forëstè,-disoma che’v j’amprësto për tre ani, peui, da si tre ani a stassèira, a mesaneuit an ponta, is troveroma torna ambelessì.
Se voi savreve rësponde a neuv mie domande, alora le vache a saran vòstre për sempre, dësnò, gnun përdon, mi i sarai padron ëd pieve tute le bestie.
-E parèj ël marghé e ‘l forësté a l’han fàit ël contrat con na strenzùa ‘d man al ciair ëd la lun-a
-D’acòrdi-?
-D’acòrdi-!
L’indoman matin ël marghé che a pensava d’avéj mach fàit un seugn, as vëd rivé le neuv vache
për dabon e da lì a l’è ‘ncaminà  soa furtun-a.   Le vache, tute pronte, ant ël gir ëd pòche sman-e, a l’han fàit un-a apress l’àutra neuv bej  bocin e l’ann dòp, torna e ‘l ters ann la stala dël marghé a l’era pien-a ‘d bestie.
Bon da capì che ‘l marghé a l’era tut sodisfàit  che j’afè a j’andèisso torna për drit, ma tre ani a son passà ‘n pressa e s’avzin-a la lun-a d’Agost: prim quart …lun-a pien-a…   Cola sèira a piuvìa, a tronava e la lun-a pien-a gnun a l’ha vistla.
Ël marghé, ch’a l’avìa bon-a fiusa ant ël sant dël crinèt piturà ‘n sël pilon, a pensa bin ch’a sia mej ghicesse ant la nicia, sia për butesse a sosta da la pieuva come për sentse pì davzin a sò protetor,
Sant’Antòni tut ëscrostà, a l’avìa ancora n’euj bon për guernelo. A  mesaneuit, ël foresté as na riva pontual e as buta ciamé fòrt: - Michél! Andova i seve Michél-!? I son sì ant la nicia-!
Ël forësté, sicur che ’l marghé a reistèissa ambarassà a rësponde a soe domande, a ciama:
-I seve pront-?
-Sicura ch’i son pront -!
Alora chiel, portand le man a la boca, com as costuma fé an montagna për fesse sente mej, a-j crìja fòrt:
-Còs veul-lo dì “un”-?
-Un!Un l’è mej dësnà che digiun!
-Còs veul-lo dì “doi”-?
-Doi ! Mi e voi-!
-Còs veul-lo di “tre”-?
-Tre!Tre piòte a lë scagn a l’è setesse da re!-
-Còs veul –lo dì quat-?
-Quat! Quat roe al cher as peul carié da mat-!
Ël forësté, stupì che l’òm a savèissa anprovisé tich-tach le rëspòste, a ‘ncamin-a  a dubité ch’a-i sia sota quàich  misteri; alora a-j fa:
-Ma i seve pa voi Michél-!
-Sì che i son mì Michél-!
-E “sinch” còs veul-lo dì-?
-Sinch! Sinch dil për man ch’a vërtojo tut ël di-!
-Ma i seve pa voi  Michél-!
-Si che i son mi Michél-!
-Còs veul –lo dì “ses”-?
-Ses! Ses avocat për difende na càusa at mangio mes - !
-Ma i  seve pa voi Michél-!
-Sicura che i son mi Michél-!
-Còs veul –lo dì “set”-?
-Set! Set di dla sman-a për fé viré la roa, mi fas viré la mia ti fa viré la toa-!
-Ma a l’è pa possibil seve pa voi Michél-!
-Bon da capì che i son mi Michél--Còs veul-lo di “eut”-?
-Eut! Dòp ël set a-i ven l’eut, se i seve pa ‘d paròla mi iv pianto ‘n
quaranteut -!
-Cribio! I seve pro voi Michél-!
-Già che i son mi Michél -!
Ël forestè, ch’a l’era sla riva, pròpi dë dnans al pilon, a sta ciùto ‘n moment, peui con na vos ch’a smiava cola dël diav a crìja:
-Còs veul-lo dì “ neuv”-?..
An col midem moment na lòsnà a l’ha squarsà ‘l  cel e ‘l tron a l’è rubatà pròpi ‘n sla riva.
Un ciairor niss a l’ha ‘n luminà la neuit e tut antorn a l’è spatarasse na spussa ‘d sofro.
L’òm, quacià ‘nt la nicia, tut ësburdì, quand a l’è arpiasse, a l’ha
aussà ij’euj vers  S. Antòni e con na vos ch’ a-i tërmolava ‘n boca a l’ha dije:
-I chërdo pro che i seve ‘l protetor ëd le bestie…pa mach le vache…
ma i l’eve fin-a salvame mi…


Presa CATTERO



Vita vissuta a 1030 mt. in Valsusa

La Presa Cattero,  che una volta  era Presa Giaccone, è un antico casolare di pastori del 1622  con un ampio cortile tra una distesa di pascoli che fa da balcone sulla media valle,
Da quel luogo si può ammirare tutta la catena di montagne esposta a Sud, dal Rocciamelone al Musinè e una parte dell’arco alpino che fa da confine con la Francia.
Sul fondo valle si vedono i centri abitati da Bussoleno a Condove  e  sul versante della montagna di fronte, si contano tante frazioni sparse qua e là che raccontano una lunga storia di fatica e di sudore dei montanari.



Val Susa

E’ bello guardare verso te
dall’alto della montagna
e scoprirti nell’oscurtà
e in una serata stellata.
Si riconoscono le tue strade
tanti lumini in fila
si intravedono le tue case:
piccoli lumi che splendono
come lanterne nell’imbrunire,
quando  le voci amiche
dei campanili si accordano
al suono dell’Ave Maria.
E’ bello cercarti
con il profumo della terra
raccogliere il parlare della tua gente
per chiuderlo nel cuore
che resti sempre.



Il Principe

Anche la nostra Presa, che si trova sul territorio di Vaie, ha la sua storia, quella che noi abbiamo conosciuto di persona nella nostra vita e attraverso al racconto a viva voce dei nostri cari e quella lasciata in eredità da padre in figlio, da parte delle due discendenze Cattero – Giaccone.
Nel primo 1900, lassù d’estate i militari sono saliti una volta per fare le “manovre” e i nostri nonni ci hanno detto che un giorno sono arrivati dai prati sottostanti alla Presa, alcuni
ufficiali che facevano da scorta a chi?…
Nientemeno che al Principe Umberto di Savoia, il quale era venuto in visita di ispezione alle truppe accampate nei dintorni vicino ai boschi.
E’ stata una vera sorpresa per i nostri cari e nonna Marianin,con le mani sui fianchi, come di consueto si presentava agli ospiti , li ha fatti entrare nella cucina vecchia con il soffitto ad arco, dove è sempre acceso il fuoco nel camino  ed ha offerto con tanta semplicità al Principe e al suo seguito, una scodella di latte  appena munto che è stato molto gradito.
Così quella scodella di smalto color blu è passata alla storia come “la scodella del Principe”.



Civiltà montanara

Nel cortile della Presa, oltre al casolare antico con stalla e fienile, c’era un’altra casa a due piani costruita nel 1922, che d’estate ospitava dei vileggianti della città in cerca di aria buona e di pace. Erano amici che ogni anno arrivavano a piedi, perché erano affezionati a quel luogo e alle persone che lo abitavano.
Al lato nord della Presa c’è una scaletta di pietra che porta ad un piccolo locale che ha una finestrella con l’inferiata, da cui si può vedere il Rocciamelone. E’ un posto di silenzio adatto alla meditazione, ecco perché lo chiamiamo “l’eremo”.
Proprio lì sotto a questo eremo c’era una fontana tutta particolare: l’acqua cadeva da un  tronco d’albero orizzontale, incavato e sostenuto da cavalletti, che faceva da condotto  alla sorgente  fino al punto di raccolta.
Dopo diventava un ruscello che versava l’acqua in una vasca con lavatoio, per poi proseguire lungo il muro di sostegno al cortile e in quel tratto, raccoglieva i rifiuti umani da due gabinetti rustici di servizio, uno per donne e uno per uomini e poi li andava a disperdere nei prati per concimarli. Si, erano tempi difficili, ma l’astuzia dei vecchi montanari si dava da fare e tutto diventava facile, anche i cittadini apprezzavano questo modo di vivere.
Al fondo del cortile, accanto al muretto c’era la “frascà”, un pergolato con dei rami rampicanti dove la famiglia era solita fare il pranzo proprio soltanto il giorno di San Rocco, il protettore della Borgata del Folatone.
Alla sera poi, era bello essere tutti uniti, villeggianti e proprietari delle Prese del vicinato, per fare una veglia sotto il cielo stellato, cantando vecchie canzoni, giocando, ballando al suono di qualche fisarmonica.
Il nostro cortile era un punto d’incontro di parecchie famiglie e poi, quando calava la notte, si accendevano le lanterne per fare i segnali alla gente del fondo valle, delle frazioni della montagna di fronte e anche loro ci rispondevano….
Era questo un modo per sentirci tutti amici e scambiarci la “buona notte”.



Presa Cattero

Alla Presa Cattero sono passati anche altri personaggi che ci hanno onorati della loro presenza:
Mons.Ugliengo, Mons. Garneri, Mons Bernardetto, e nell’ultima estate del 2003 Mons Badini Gonfalonieri,
Molti sono stati anche i sacerdoti della nostra valle che sono saliti alla Presa per trascorrere una giornata con noi. E poi…tanti amici e parenti come Emilio Giaccone, che erano legati da vincoli di sangue, di fratellanza, di amicizia, sono venuti a rivedere questi luoghi con gioia perché conservavano dei ricordi.
Molti non ci sono più ma rimangono sempre nel nostro cuore e questi luoghi ci parlano di loro… Questo cortile rammenta ancora le loro voci come quelle di noi, ancora bambini, quando giocavamo felici al suono dei campanacci delle mucche al pascolo.
Di sera, in questo cortile, ancora risuona la voce potente di Don Ravetto, che spuntava dai boschi in cerca di famiglie…. e l’eco delle canzoni di quella gente semplice, ma unita da una vera amicizia, si disperde lontana nel vento, ma vuole andare oltre la valle, vuole portare nel mondo un seme  di serenità, di gioia e di pace.



La nicchia di Presa Cattero

A Presa Cattero sulla facciata della casa, proprio vicino all’androne c’è una nicchia profonda e dentro vi è posta una bella statua di Sant’Antonio da Padova con un povero in ginocchio ai suoi piedi.
Quando arrivano dei forestieri, di solito la guardano e poi domandano tutti come mai hanno fatto quella bella nicchia, perché proprio dedicata a Sant’Antonio?…Allora noi raccontiamo la storia che abbiamo sempre sentito raccontare…perché era una devozione di famiglia a questo grande santo. Sant’Antonio di Padova (1195-1231) nato a Lisbona (Portogallo) è diventato Canonico regolare e poi frate minore a Coimbra.
E’ partito per l’Africa pronto al martirio, ma per malattia e a causa di una tempesta ha dovuto sbarcare in Italia dove si è dedicato alla predicazione e alla guarigione degli ammalati. E’ morto a Padova e un anno dopo è stato canonizzato da Papa Gregorio IX.
Al tempo della guerra del 1915-18 la nicchia era già fatta dai nostri antenati che volevano avere un pilone vicino a casa, nei nostri prati, ma il pilone si poteva solo fare sui confini del territorio comunale, allora si sarebbe potuto fare adiacente alla strada che va alla Mura. Troppo lontano da casa… dicevano i nostri vecchi. Allora facciamo una nicchia nel cortile , proprio sulla facciata della Presa, e così han fatto.
E quando nonno Giuseppe è partito per andare in guerra del 1915, in quella nicchia c’era sempre un lumino acceso perché Sant’Antonio da Padova vegliasse su nonno, là nel Veneto.
Ogni tanto, nonno Giuseppe scriveva a casa e diceva sempre che là c’era una
“ Guerriglia” e quella parola un po’ nuova dalle nostre parti si trovava sovente nelle sue lettere…tanto che nonna Marianin  la ripeteva a tutti quelli che domandavano delle nuove del suo marito.
Poi è arrivato il momento che è nata una bambina proprio il 31 Agosto 1915 e le ha messo quel nome speciale... ”Gueriglia”… quando nonno ha saputo la notizia della nascita, ha subito chiesto il permesso di venire a casa e appena arrivato alla Presa tutto allegro ha detto: che nome le hai messo?... ”Gueriglia “! Ha detto nonna, sicura di fare piacere…invece lui ha allargato le braccia guardando in aria e ha detto:
No! Basta ‘d gueriglia, Sant’Antonio mi ha aiutato e anche Santa Lucia, io sono sulle montagne di S. Lucia del Piave e mi piace chiamarla “Lucia”.
Il nome di Gueriglia è stato per sempre solo scritto in Municipio di Vaie su documenti, ma la bambina è sempre stata chiamata Lucia per tutta la vita e tutti alla Presa l’hanno conosciuta e le hanno voluto bene.



Le Galavie

Sulla montagna in Val Susa intorno ai mille metri vi sono delle case sparse chiamate Prese.  Una di queste Prese è quella dei miei antenati:
Presa Cattero che si trova all’inverso della montagna sopra Sant’Antonino.
La terra lassù è buona, non è sufficientemente esposta per maturare il grano; solo la segala, che non ha bisogno di caldo fa fortuna.
Nel mese di Agosto, una volta, a Presa Cattero si faceva la battitura che fin dai suoi preparativi era una vera cerimonia. Per aiutare a preparare l’aja uomini e donne venivano dalle Prese vicine e il primo lavoro era quello di pulire il cortile con la scopa di betulla che ruotavano quasi a terra. Per tanti giorni il letame delle mucche veniva introdotto in un recipiente con dell’acqua e veniva cosparsa l’aja; seccando formava un pavimento. In seguito si allargava la segala e si iniziava a battere con le galavie. La galavia per chi non lo sapesse era formato da due bastoni uno più lungo dell’altro uniti da un anello di cuoio. Di solito erano in quattro o sei uomini così si formava un battaglione da quattro o da sei: Andavano in qua e là manovrando le galavie che battendo, si sentiva anche da lontano il ticchettìo -tan, tan, tan… tan,  tan, tan…era una battitura che durava tutta la settimana.Una donna con un lenzuolo appeso al rastrello seguiva i battitori per fare in modo che i chicchi di segala non saltassero via, ed  anche questo era un lavoro che stancava …Quando dopo il tramonto, l’aria si calmava, si passava all’ultimo lavoro di pulire la segala sgranocchiata, con una grossa pala di legno si gettavano i chicchi in aria dal centro dell’aja, la pula volava via e la segala precipitava a terra . Si passava ancora con il setaccio nel caso che vi erano delle pietruzze mescolate. A Presa Cattero tutti gli anni si batteva dai tre a quattro quintali di segala con quel metodo.



Alla borgata del Folatone

La battitura si faceva nell’aja Cajot; andavano tutti quelli della borgata a trebbiare. Dopo il 1943 finalmente si lavorava con la macchina che si girava a mano, assegnata dal Governo ai vecchi combattenti della guerra del quindici-diciotto, che era stata portata a spalle da Vaje con una cerimonia. Anche con questo sistema più moderno bisognava essere sette o otto: uno imbocava e altri al volano, chi alla paglia e altri a legare i covoni. Era una gara, tutti uniti in amicizia grazie a quel pane nero che avrebbe nutrito tante famiglie. Nell’aia risuonava il canto degli antenati che morti da tanti anni sembravano presenti in quel cielo d’Agosto soddisfatti di vedere figli e nipoti lavorare in armonìa.
Già che siamo nell’argomento della trebbiatura, merita dire due parole sul metodo di lavoro in pianura prima della macchina trebbiatrice. Il rubatto era una grossa pietra a tronco di cono con un perno per parte dove partivano le barre come quelle dei carri per attaccare una mucca che girava tutt’intorno all’aia, procedimento uguale a quello della montagna. Il rullo di pietra passando sopra il grano lo sgranocchiava. Un garzone seguiva la mucca con una pala per evitare altre concimazioni fuori programma… Da tutti questi lavori tutt’altro che leggeri, che duravano molti giorni e interessavano tutte le famiglie della valle, usciva il pane di tutti i giorni che allora era più apprezzato che oggi, motivo di festa e di fiducia per l’avvenire.



Il treno dei miliardi

-Da diversi giorni ruotava per la mente quella grossa somma: un miliardo! E questo da quando nonno Giuseppe aveva trovato un giornale sul tavolo sotto il pergolato, un giornale dimenticato dai forestieri che a pranzo avevano mangiato polenta e latte.
Lassù in montagna alla Presa, passavano di rado i forestieri e i nonni si informavano da loro per le notizie.
E quel giorno nonno ne aveva avute tante notizie, ma una in particolare l’aveva colpito che l’Italia valeva un miliardo! In quel lontano primo novecento, una notizia così grande faceva raddrizzare i capelli e nonno abituato contare di rado le cento lire…non poteva nemmeno immaginare …e verso sera, mentre pascolava le mucche nel prato sottostante la Presa, balcone sulla valle, non vedeva l’ora di adagiare la giacca blu sull’erba e sedersi sopra, con una mano sull’altra appoggiate sul bastone tra le gambe, nel silenzio del tramonto a conteggiare, mentre le mucche appena munte brucavano l’ultima erba d’autunno.Un miliardo!… diceva fra sé, e con l’indice e il pollice della mano estraeva dal taschino del gilé di velluto una moneta.- Guardalo qui: due soldi- l’aveva nel palmo della mano e lo osservava attentamente.
Lì accanto a lui suo figlio Mario, mio padre che allora era un ragazzino di otto anni seguiva le piste delle talpe- Vieni un po’ qua, -gli ha detto nonno Giuseppe. E lui svelto si è seduto vicino. Guarda questa moneta: ce ne vogliono cinque per fare dieci soldi, dieci per fare venti soldi che sono una lira.
Mio padre lo ascoltava interessato: non capitava sovente di fare i conteggi con i soldi in mano e solo sentirne parlare si entusiasmava. Dunque, dieci monete da due soldi fanno una lira, per farne dieci occorrono cento monete da due lire, per fare cento lire, occorrono mille monete …con cento lire puoi comperare una mucca e sono mille. Per mille lire ne occorrono diecimila …, per diecimila lire ne occorrono centomila …, per centomila lire ne occorrono un milione di … e siamo solo a centomila lire.  
Mio padre lo guardava incantato pensando che nonno dava i numeri …ripeteva come un pappagallo: - per fare centomila lire occorre un milione di …. nonno man mano che i numeri aumentavano allargava sempre di più gli occhi e rinforzava la voce.- E ora fa attenzione per fare un milione di lire occorrono dieci milioni di …. Ma sai quanto vale un miliardo? Mille milioni! Allora: moltiplica i dieci milioni di…. per mille e avrai dieci miliardi di quelle monete da due soldi! Mio padre tutto stupito ripeteva: - un miliardo di lire sono dieci miliardi di…. Nonno a questo punto, si è alzato in piedi, perché le mucche gìà stufe, avevano brucato l’erba e piano piano salivano verso casa e mio padre le toccava con un bastone, meditando se veramente suo padre dopo quei conteggi voleva davvero comperare l’Italia!
La sera seguente nonno, suo figlio e le mucche erano nello stesso luogo che brucavano l’erba rimasta. Allora ha continuato nonno per fare un miliardo di lire occorrono dieci miliardi di …! Ora ascolta bene, ha detto nonno che aveva di nuovo tirato fuori dal taschino la moneta da due soldi. Una pesa dieci grammi, mille … ,diecimila grammi, come dire dieci chili o un miriagrammo ; diecimila…. sono dieci miriagrammi, un quintale; centomila…. sono cento miriagrammi, dieci quintali, una tonnellata; un milione di…. mille miriagrammi= cento quintali, dieci tonellate = un miliardo di…. e mille volte tanto; allora moltiplica per mille e sono diecimila tonellate. –Diecimila tonellate ha ripetuto mio padre e come fare caricarle, non è sufficiente un carro! … Gli occhi vispi di nonno brillavano di contentezza… mentre giù a valle passava un treno- merci che arrivava dalla Francia e osservarlo da mille metri sembrava una  lunga cintura nera.- Guarda laggiù il treno che sta passando a valle dice nonno e senti bene.
Ogni vagone ha la portata da dieci a dodici tonellate, ma contiamone solo dieci.
Dividiamo per dieci le nostre dieci tonellate di monete e sono mille. Ci vuole un treno formato da mille vagoni.
Mio padre quella notte l’ha sognato quel treno lungo, di mille vagoni caricato di soldi…era il sogno di tutti i poveri… Ebbene la terza sera, al tramonto del sole padre e figlio erano nel prato con le mucche…- Papà perché volevi comperare l’Italia e non tante mucche? E nonno ha iniziato il conteggio delle mucche.
Una mucca costa cento lire… dieci mucche, mille lire… e conta, conta alla fine con tutto quel treno di monete avrebbe potuto comperare dieci milioni di mucche! Non sarebbe sufficiente tutto il terreno della montagna per pascolarle. Ci vorrebbe un prato lungo fino al mare e invece dell’acqua del mare ci fosse un prato con tanta erba… E dell’acqua del mare cosa ne facciamo?…
Ha domandato mio padre. E nonno che era gia stufo di tutti quei conteggi….
scherzando scrollando le spalle ha concluso: l’acqua del mare?… Buttarla nel fiume  Dora!…   



Sant’ Antonio del maialino

C’era una volta un margàro che aveva nove mucche, tutte belle grasse da fare invidia a tutti i margari della montagna di Valsusa. Ebbene, va a sapere come è successo si sono ammalate. Una dopo l’altra sono crepate tutte nove.  Era l’unico introito che aveva ed è rimasto in miseria. Preso dalla disperazione, girava per i boschi come un girovago, una sera si è fermato davanti ad un Pilone dove sono dipinti dei Santi dai lati e al centro la Madonna dei sette dolori. Lui guarda con compassione la madre del Signore e le dice: Tu hai già tanti dolori, poi si rivolge ai Santi e dice: Tu …va sapere chi sei , io non ti conosco tanto, poi si rivolge all’altro Santo dipinto sull’altro lato:- Ma tu che sei dipinto con un maialino accanto, dovresti capire, non puoi dare una mano a questo povero uomo? Detto questo, volta i tacchi per ritornarsene a casa, ma camminando un centinaio di metri, vede in cima al prato illuminato dalla luna un forestiero che veniva incontro. -Buona notte! Che bella luna dice il forestiero!
-La luna sarà bella, ma per me…-risponde il pover uomo.E tra una parola e l’altra racconta al forestiero la sua disavventura che erano morte le mucche per malattia.
Lo sconosciuto che pareva sapesse il fatto suo, dice: -Fatevi coraggio, guardate forse posso aiutarvi. -Come potete farlo?  -Io potrei imprestarvi nove mucche per tre anni, ci troveremo qui a mezzanotte e dovrete rispondermi a nove domande, se saprete rispondere, le mucche saranno vostre per sempre, altrimenti diventeranno mie - dice il forestiero. Così si sono dati la mano come un contratto al chiaro di luna.
- D’accordo? - D’accordo! - L’indomani mattina il margaro pensava di aver fatto un sogno, si vede arrivare le nove mucche e di lì è iniziata la sua fortuna. Le mucche in poco tempo hanno avuto nove vitellini    e l’anno dopo uguale e il terzo anno la stalla del margaro era piena di mucche e vitellini. Gli affari andavano bene e il margaro era soddisfatto, ma tre anni son passati in fretta e si avvicinava la luna di agosto: Primo quarto… secondo quarto…luna piena. Quella sera pioveva, tuonava e la luna nessuno l’ha vista. Il margaro che aveva fiducia nel Santo del maialino ha pensato bene di introdursi nella nicchia del pilone per ripararsi dalla pioggia e accostarsi al suo protettore. A mezzanotte in punto se ne arriva puntuale il forestiero e lo chiama forte: - Michele! Dove sei Michele? - Sono qui nella nicchia!
Il forestiero, come avevano deciso il contratto formula le nove domande:
- Sei pronto? - Sicuro che son pronto! - Risponde Michele. - Cosa vuol dire uno?
- Uno… meglio aver mangiato che digiuno! - Cosa vuole dire due? - Due: io e voi.
- Cosa vuol dire tre? - Tre gambe allo scanno é sedersi da re.
- Cosa vuol dire quattro? - Quattro ruote al carro si può stracaricare.
- Il forestiero, stupito che Michele aveva le risposte pronte, incomincia dubitare.
- Ma non sei tu Michele! - Si che son io Michele! - E cinque cosa vuol dire?
- Cinque dita per mano ruotano tutto il giorno. - Ma non sei tu Michele!
- Si che sono io Michele. - Cosa vuol dire sei?
- Sei avvocati per difendere una causa ti mangiano mezzo.
- Ma non sei tu Michele! - Si che son io Michele! - Cosa vuol dire sette?
- Sette giorni della settimana, fanno girare la ruota, io faccio girare la mia e tu fai girare la tua. - Ma non è possibile non siete voi Michele!
- Cosa vuol dire otto? - Dopo il sette viene otto, se non siete di parola io vi pianto un quarantotto! - Caspita sei proprio tu Michele!
- Già sono proprio io Michele! - Cosa vuol dire nove?
- Nove sono le mucche che mi avete dato al chiaro di luna e voi non ne prenderete nemmeno più una...!
- In quel medesimo istante un fulmine ha rischiarato la notte e accanto al pilone si è sparso un odore di zolfo. L’uomo tutto accovacciato nella nicchia, quando si è ripreso dallo spavento, ha alzato gli occhi verso Sant’Antonio e con un fil di voce ha detto: - Lo credo che siete il protettore degli animali, non solo delle mucche, ma avete anche salvato me!



TRAVAJE’… PA  VEUJA !

Se costa a sia na stòria o na legenda, i savrìa nen dì: s’a fussa na stòria a dovrìa esse tuta anventà da la fantasìa dij mè vej ch’a-j piasìa contela, mentre anvece as riferiss a quat përson-e ch’a son vreman esistìe, e mè pare, ch’a l’ha ‘ncora conossùje quandi ch’a l’era masnà, a l’ha savumje descrive così bin ch’a më smijo pròpi merité d’esse ‘rcordà.
La fama ch’a l’avìo fasse ant  nòstre contrà a l’era cola d’esse quat articoj ch’as podrìo ciamesse “ scapa- travaj, che mi i rivo”, e tuti coj dle borgà ‘d montagna che a-j conossìo bin, a savìo che lor a fasìo mach sempre finta ‘d sërché ‘d travaj, ma ‘d veuja ‘d travajé a n’avìo pròpi gnente: quand ch’a-i era na festa, lor as na rivavo.
A smijava ch’a fusso dasse l’apontament, ma, an efet, a l’era l’istess ideal ch’a-j ciamava a fé ribòta.
D’invern a batìo la montagna da la part dël sol, d’istà a sërcavo ‘d fresch da la part ëd l’ombra.
Dardajn, Giaco dla fior, Gep Testament e Badòla a son ij quat përsonagi leggendari e, bon da capì, coj-lì a l’ero ij sò stranòm. Përchè peui as ciamèisso parèj i sarìa curiosa ‘d savèjlo, ma la vera rason a l’è già përdusse ant ël temp e mi, lòn ch’i peuss fé, a l’è mach conté quàich particolar dë sta bela crica.
(Se sti nòstri amis a vivèisso al di d’ancheuj, as podrìa dì ch’a sarìo a la mòda, përchè tuti quat a conossìo pa ‘l barbé: a portavo ij cavèj longh fin-a an sle spale e ‘d barbe ch’a jë stèrmavo mesa la facia).
   A ‘ndasìo ognidun për sò cont su për ij brich da na ca a l’àutra ‘n serca ‘d fortun-a, ma soens a la sèira as trovavo an quàich ëfnera a spatarè na pugnà ‘d poj ansema…
   S’as sentìa arsonè ‘n pass pesant an slë sterni e as vëddìa sponté ‘n sòco al canton ëd la ca, ij mé vej a disìo:
   -Si, a-i è Badòla ch’a riva…
   E Badòla a rivava për dabon rabastand un pàira ‘d sòco frust, sensa liasse, ch’a jocavo da tute le part.
   S’as sentìa vers sèira bërbotè na litanìa fòra dël porton e ‘l bate’d na cana për tèra, a ‘ndasìo a vëdde chi ch’a-i era e a trovavo Giaco dla fior setà ‘n sna sëppa ch’a disìa:
  -A…l’é…peui…pura…brut…andè…për …le strà…a contè…ij ciò a le porte…; mi i son disgrassià…parej dle …lumasse…mia ca … a l’é…sla s-cina…- e a spetava che la Providensa a-j fèissa rivè ‘n tond dë mnestra.
  Se an mes al fen as vëddia dindoné na giaca veuida ch’a smiava pendùa a na pertia për fé scapé ij passaròt a l’era ‘d sicur cola ‘d Dardajn ch’a rivava, grand parèj ‘d soa fam.
   Chiel a sognava sempre che ‘l lagh ëd Vian-a, ch’a-i é a l’imbocadura dla Val ‘d Susa, a fussa stàit ëd làit dël bur e che ij ròch ëd la Sacra ‘d San Michel, ch’as treuva pròpi lì dzora, a fusso stàit ëd polenta. Sverciand j’eui an sù, a disìa  aj sò amis:
   -Ah! S’as podéissa tajene doe o tre bele fëtte e feje viré giù ant ël lagh! Che argalada! -…e a travondìa la saliva.
     Se peui ant lë scur a spontavo doi euj avisch, venà ‘d ross, garantì ch’a  j’ero coj ‘d Gep Testament ch’a trovava longh ëd béive ‘n bicer ëd vin.
N’òm citòt ch’a portava ‘n garbin veuid an sle spale e a mas-ciava sempre ‘d tabach brusà dël fond ëd le pipe, ëd cole pipe che chiel a gurava dij fumador ëd tute le borgà spatarà për la montagna.
-Pa nen a l’è pi bòn che lòn ch’a pias - a disìa con soa vos ansarìa, ciamand da bèive perché a l’avìa la boca ‘mpestà e na sèj dla malora.
A-i ero tuti quat client ëd mia nòna, ch’a l’avìa na ca veja an sla montagna ‘d Vaje andova a ‘ndasìa a passé l’istà con le vache e le crave.
Badòla, quandi che j’afé a j’andasìo mal, a fasìa finta ‘d vorèisse massé, përché a disìa ch’a l’era strach ëd travajè për vive. Na vòlta, demoralisà pì che ‘l solit, a l’ha dije a mè barba ch’a sarìa ‘ndasse campè sota ‘l treno:
-Basta, i sei strach e stofi! I vao a val a campeme sota o vapor!
E mè barba:
-It l’has pa da manca d’andè giù a val, but-te lì aranda al pomè, mi i pijo ‘l fusil e a-i è sùbit fait.
-Ah, no! –A-j rispondìa Badòla- Con ël fusil mi i sento lë s-ciòp!
-Bò! - a j disìa mè barba an riend- përchè ‘l treno a fa pa ‘d bordel?
-Ah, se! Ma quand che o vapor o rive, mi ‘m tiro a rèi!
Alora mè barba a-j dasìa da bèive na vòlta për feje passé d’ideje grame e chiel a s-ciopatava ij laver content ëd podèje ancor vive.
E parèj a l’han tirà anans ampéss, sensa ca, sensa travaj, a giré da na presa a l’àutra come n’ànima ‘n pen-a, peui… chi a l’ha vistje a l’ha vistje…
Mè pare a dis ch’a saran trovasse ant ël paradis dij pòver, andova finalment a podran arpatesse sensa dovèj buté la fam e la sèj ansema…
Adess, quand che su an montagna a tron-a, mé pare a dis:
-A l’è Giaco dla fior ch’a bërbòta!
Quand a-i è ‘l vent ch’a sofia e a cogia ‘l fen, a dis:
-La giaca ‘d Dardajn a biàuta!                                             
Quand a fà suiti-na a dis:
-Gep Testament a l’ha sèj!
E quand a fà tof da nen podèisse travajé:
-Ancheuj Badòla a l’è pròpi strach e a suda!

LA VACA ‘D PINÒT

Col di, frà Bastian a l’era aussasse bonora e a l’avìa ciamà sò confratél për andé a la fera ‘d Bossolin.
A lo ciamavo frà Sonaja, përché tuti a j’ero abituà a vëdd-lo passé con sò biròcc tacà a n’aso vej con na sonaja ch’as fasìa sente për le contrà.
Quand che ij doi frà a j’ero presentasse la prima vòlta al convent për fesse aceté a l’avìo dije al Superior che lor a j ero stofi dë sté ant ël mond e ch’a vorìo artiresse për preghé e che, s’a portava, a l’avìo pa paura ‘d travajé.
A l’era ‘l temp che an Val Susa a-i era n’arfiorì ‘d vocassion a la vita religiosa e ij convent a nassìo parej dij bolè, spatarà për la montagna.  Ij frà a vivìo ‘d lòn che natura a fasìa, e a duvìo travajè ‘d bon giust për fé rende cola pòca tèra ch’a l’avìo.
L’è parèj che a-j convenìa ten-e ‘d cò la stala e ciadlè le bestie për tiré anans.
- Se i seve dispòst a cudì la stala e a ciadlé le bestie, prové a fërmeve – a l’avìa dije ‘l Superior, che, an bon-a fiusa, a l’avìa chërdù ch’a l’avèjsso pròpi la vocassion, mai pì pensand che coi doi a fusso ‘d malandrin che a sërcavo mach dë stërmesse ‘nt ël convent dòp d’avèjne combinà da cole part chèidun-a gròssa.  Lor, ch’a spetavo mach lòn, a l’avìo fàit che fërmesse e pì nen bogesse da lì, pensand ch’a l’avrìo peui podù combiné soe marminele pì fàcil vestì da frà.
Col di donca a j’ero ‘ncaminasse com al sòlit con ël biròcc carià ‘d tome ( un-a dj’arsorse dël convent) për andeje a vende a la fera.  Frà Bastian, dëdnans, a tnìa la cavëssa dl’aso e frà Giovanin, darè dël biròcc, a trotava a brila batùa, fasend ësventolè soa còta.
Ël prim, an marciand, a sopatava sò panson gropà da la còrda, che, nopà d’esse bianca, a l’avìa pa mach ël color ma ‘d cò l’odor dl’aliam; sò amis, strisol e svicc, a-j tnìa bon con soe gambe curte e, tute le vòlte che ‘l foèt ëd frà Sonaja a s-ciopatava ‘nt l’aria, chiel a fasìa n’arsàut, coma se la foatà a fussa për chiel, e a tirava a slonghé ‘l pass.   A ‘ncontravo, longh la stra, partìe ‘d campagnin che, ëdcò lor, a ‘ndasìo o a tornavo dal mercà.
Bondì, Pare! - E cost a l’era ‘l salut për frà Bastian che, grand e gròss parèj d’un monument, a l’era ‘l përsonagi pì important dij doi.
-Bondì, bondì! - A rispondìa chiel.
-A-i è la nebia, stamatin… - e frà Gioanin, ch’a l’avìa la lenga pì longa e la rësposta sempre pronta, a bërbotava:
Nebia bassa bel temp a lassa! -
Bondì, Pare! –
Bondì, bondì! –
I l’eve ‘ncora damanca dla sapa ch’i l’hai prëstave? –
E frà Gioanin a mesa vos:
Chi a prësta a perd la crësta…-
Bondì, Pare! –
Bondì, bondì a voi! –
I lo seve ch’a l’è rivamla bela?…
E ‘l coment ëd frà Gioanin:
Nosgnor a paga tard, ma a paga largh!-
Rivà a la curva dla Comba, dova che la stra peui a së slongava drita, fòra dij castagné, virandse ‘ndaré ij doi frà a vëddo su për ij bòsch n’òm ch’a mnava na vaca a la fera. Va a savèj coma, a l’è vnuje an ment a tuti doi ‘d combinè un truch.
Gioanin – a dis a frà Sonaja – it veule vëdde che mi i-j pijo la vaca a chiel-la? –
Dit e fàit, frà Giovanin, ch’a l’avìa capì al vòl, a fa na corsa ‘d na senten-a ‘d méter e lest come në sludi, a va piassesse dré d’un busson.  Frà Sonaja a scursa ‘l pass bërbotandje doe litanìe ‘nt j’orìje dl’aso e da lì a chièch minute, ël montagnin as na riva.
Che bela mula – a dis ël frà.
Bò! A l’è pa na mula! A l’è na vaca! - A fa Pinòt (parèj as ciamava ‘l padron ëd la bestia) ch’a vorìja pa esse pià an gir.
Na vaca? Ma va! Cola a l’è na mula! E che bela mula! La men-e a vende alla fera? –
I diso ch’ha l’è na vaca!
Veule scomëtte ch’a le na mula? – a insist frà Sonaja, ch’as fasìa pa gen-a ‘d di ‘d busìe e ‘d fè tòrt a j’àutri, e a continua:
Sente bin, brav òm, vëddoma còs na dis ël prim ch’incontroma për la stra. Se a dis ch’a l’è na mula, la bestia a l’è mia; se a l’è na vaca, a resta vòstra e mi për gionta iv dago ancora në scu. D’acòrdi?-
Pinòt, sicur ëd sò afé, a dis ch’a jë stà a fé la scomëssa.  E ij doj a tiro anans sensa pì fé na paròla.  Ant col mentre dal busson dova a l’avìa lassà stërmà soa còta a-i sauta fora frà Gioanin, ch’a fa finta dë vnije ancontra.
Bondì! Andeve a la fera? –
Già – a dis Pinot, ch’a l’avia maitass d’interoghelo për risòlvi la question con ël frà.
Peui, avzinandse a-j bat na man sla spala come as fa a j’amis e a-j dis:
Dì ‘n pò: për voi, costa a l’è na mula o na vaca? -
E Gioanin, slargand ij brass:
Diane! Conòsse pa da na mula a na vaca? - Cola a l’è na mula!
Na bela mula!-
Sentù lòn, frà Sonaja a fa che ciapé la còrda dla vaca e a va a tachela dré dël biròcc, lassand lì ‘l pòr Pinòt bele stravirà.
Ij doi balòss a l’han tirà drit e a son andass-ne a vende la vaca al mercà, dova a l’han ciapà ‘d bej sòld.
Pinòt a podìa pa capacitesse d’esse stàit ambambiolà da ‘n frà e, seguitand a pensé a lòn, a riussìa gnanca pì a deurme ‘d neuit.
Soa fomna a-j disìa:
Vàjla a conté ai frà ‘d Banda! An l’han sempre rason lor! – (Banda a l’era ‘l pòst dova as trovava ‘l convent, su dzora dël Vilé, e sta manera ‘d dì a l’è tramandasse, tant che ancora adéss as dis:” Vajla conté ai frà ‘d Banda “për di che chi ch’a l’è pi furb a riess sempre a fetla).   Un bel di Pinòt, a fòrsa dë studieje ansima, a la decidù ‘d piesse l’arvangia e a l’è ancaminasse vers ël convent për fesse paghé la vaca.  Va che ‘t va, va che ‘t va, a riva al convent.  Pròpi ‘dnans a la pòrta a-i era na gròssa cros ëd bòsch e, ai pé, na lòsa dova as setavo ij pòver ch’andasìo a ciamé la limòsna. Ël frà guardian, ch’a l’era sòlit ant l’ambrunì andé a vëdde se a-i fussa chèich pòver ëd passagi, a treuva Pinòt li setà ch’a spetava, tut anvërtojà ant un-a mantlin-a, con an testa ‘n caplass tirà giù fin-a ‘n sj’eui.
Bon-a séira, brav òm!  Veule ‘n pò dë mnestra e ‘n pò d’alògg? –
Grassie, grassie, a sia për l’amor di Dio – a dis Pinòt, e ‘l frà a spariss ant ël convent për torness-ne con na scheujla dë mnestra e ‘n tòch ëd pan arsetà.
A ventrà ch’iv contente ‘d passé la neuit ant la fnera, ma…stè pura tranquil, che pròpi lì aranda a-i è la stansa ‘d frà Bastian. -
Eviva! – a pensa tra ‘d chiel Pinòt – a l’è franch lòn ch’i vorìa- e mas-ciand chèich àutra paròla ‘d ringrassiament as na va a gioch.
Ma vers mesaneuit chiel a cala giù dal tëppo ‘d fen e, chiet chiet, a s’anfila ‘nt la stansa dël frà ch’a ronfava tant ch’a podìa.
Ambranca sò baston ëd rol e giù na savatà.
…Patach!…- Pare, i son col ëd la vaca!-
Un lament sofocà a seurt da sota le cuèrte.
Patach, patach! Pare, i son col ëd la vaca!-
Ahi! Ahi! Për carità, lasseme la vita!-
Patach, patach! –Pare son col ëd la vaca!
Ël frà a l’avìa gnanca pì ‘l fià për crijé, e con un fil ëd vos a dis:
…sota ‘l cussin …a-i è na ciav…duverté ‘l tirol dël burò, pieve pura ij sòld, ma lasseme salva la vita!-
E Pinòt, pià la ciav, a duverta ‘l tirol e as ampiniss le sacòce ‘d tante bele monede.
Peui, lest as na va a ca.
Passà dontrè di, Pinòt, travestì da fomna, a s’ancamin-a torna vers ël convent, përchè a jë smija, dòp tut, che ‘l pare a l’àbia pròpi fàjla tròp gròssa.
…Feme passé da fòl !… A-i va n’autra lession!-
Për vàire di a l’era dasse da fè për prontè na partìa ‘d botin con tuta sòrt ëd toiro:
eva ‘d mon pist, decòt d’erbe, poer ëd caluso e còse dël géner, e a l’avìa piassaje tuti ‘nt na cavagnëtta.
Rivà al convent, a va a setesse pròpi sota la finestra giusta, peui a taca a tramudé ij bot da la cavagna as na pera, aussandje un për un e guardandje a la lus dël sol.
Cost për ël brusacheur…
Cost për la dërnera…
Cost l’é për ël mal ‘d pansa …
Cost l’è për l’influss…
Cost për le tajure…
Cost për le fiacure…
E viaman ch’a-j tramudava a aussava ‘l ton ëd la vos, peui a ancaminava a buteje torna a sò pòst con l’istessa litania:
Cost për le tajure…
Cost për le fiacure…
Frà Gioanin, scotand da la fnestra lòn ch’a disìa col’erborista, a pensa:
Contacc! Për le fiacure… A l’è franch lòn ch’a dovrìa andé bin për me amis!-
E tòst a va ciamé l’erborista për felo vnì a guarì ël frà, ancor tut pist da le bastonà ‘d chèich di prima.       Pinòt, fasend bin la comedia, a intra ‘nt la stansiòta, a pòsa soa cavagna për tèra e as buta a toiré ‘nt na tòla ‘n pò dij sò onguent e peui a ‘ncamin-a a onze le còste dël frà ch’a gëmmìa parèj d’un moribond.
A ventrìa fé n’impach ògni ora staneuit, Pare…- e a sërcava dë sfaussè la vos për nen esse arconossù.
Se i veule, mi in seto sì sla banca e i bogio pa da sì fin-a doman matin.-
D’acòrdi parèj, Pinòt minca tant a-i cambiava l’impach a sò malavi, ma a mesaneuit, quandi che tuti ij frà a deurmo dla quarta, nopà ‘d feje n’impach, chiel a ciapa torna sò baston ëd rol e…patìch e patach!…
Pare, i son col ëd la vaca!-
Frà Bastian a ‘ncaminava a vëdde l’autr mond.
Pietà, pietà! Masseme nen! Pieve la ciav…-
La vaca i l’eve già pagala! Stavòlta i son mach ëvnù për savèj la vrità…- e patach giù n’àutra savatà…
Pare, a l’era peui na vaca o na mula?-
Na vaca,…Pinòt,… na bela vaca!-


LA CONFESSION

I l’hai sempre sentù dì che quand as combin-a quàich marminela, a venta ‘ndesse a confëssé e ch’a venta ‘dcò pentisse se nò a val gnente; ebin, sente ‘n pò come a l’ha pentisse col bonòm ëd Rico ch’a l’avìa ‘l vissi ‘d cacé la ròba a j’àutri.
A l’era pì fòrt che chiel: s’a vëddìa na pola për la stra, a dasìa n’ociada che gnun a lo vëddèissa e tràch… sensa gnanca fela brajé, a la ciapava për ël còl e a la butava ‘nt la cassadora.
A l’era për lòn che Rico a ‘ndasia për lì sempre con la cassadora dë vlù, oita e bisoita, ma tan còmoda!
E ‘n dì a portava a ca na toma, përché a l’avìa trovà la pòrta duverta dël crotin ëd Nevin-a, e ‘n dì a portava a ca un mass dë siole, përchè ‘l vent a l’avìa faje casché da ‘n pogieul andova Marieta a l’avìa butaje a sëcché tute bin gropà ‘nsema.
A s’avzinava la sman-a santa e ‘l prèive, già ‘n pò scrussì për j’ani e për soa bronchite, a l’avìa dovù cogesse përchè a-i la fasìa pì nen a stè drit.
Rico, a passava e a ‘rpassava dnans a la paròchia e a-j smiava na còsa passè Pasqua sensa fé n’esame ‘d cossiensa.
El vënner sant, con la scusa d’andé a ciamé ‘d neuve, a ciapa ‘l corage a doe man e a s’avzin-a a la pòrta.    Për la stra a- i era ‘d fiòca e Rico a l’avìa ij sòco bin carià; a bat ij pé dontré vòlte, sia për polidessje e sia për fesse sente, sensa dovèj tiré la corda dël ciochin.
A-j ven a deurve la serva, ch’a-j fa ‘d feste përchè Rico, d’invern, quand a-i era la fiòca àuta, a ‘ndasìa a pijeje ‘l lait.
Don Giovanin, ch’a l’era cogià ‘n sla sislonga, as tira su na cuèrta për paresse da la bisa ch’a l’era intraje dovertand l’uss e a dà ‘n colp ëd toss.     A l’era cugiasse lì an cusin-a, ‘ndoa a s-ciopëttava ‘l feu ‘nt la stùa ch’a scaudava l’ambient e peui a l’era pì còmod për arsèive coj ch’a lo sercavo.     Rico a-j ciama come ch’a sta, a-j dis dë sté bin ardrissà për fesse passé la toss e ch’a-i sarìa peuj bin ëvnuje quaich prèive për la fonsion ëd Pasqua!    A fasìa già finta d’andé via, ma a la tirava sempre pì longa come se a l’avèissa ‘n cora da dì cheicòsa.
Don Giovanin, ch’a conossìa bin soa fèja, a-i fa: - set-te lì Rico ch’i foma na ciaciarada …-e a-j fa segn a la serva d’andesne për ij sò afé.
Rico a pìja na cadrega e as seta.   An sla taula a i’era tuta sòrt ëd vërdure  ch’a duvìo esse preparà për lë mnestron.
An sla chërdensa a-i ero doe bote stope che j’amis dël prèive a l’avìo portaje quand a- j ero ’ndalo a trové .
Rico, ch’ha l’avìa l’euj fin, a l’avìa vist tut ant un pa-nen, ma lòn ch’a lo ‘ncuriosìa a l’era còs ch’a duvìa essje ant la cavagna, sota la sislonga, ch’a l’avìa tocà con ij pé mentre as setava.
El prèive a-j fa: -It l’has cheicòsa da dime?
E Rico: -Bò! (e as grata la testa) i l’hai robà un galucio ch’a smìa tut a col ëd la Ghitin…
El prèive: - It devi rendlo!
Rico: - Già fait! I l’hai anvità Ghitin a mangelo con la polenta, la sman-a passà…
El prèive a sopata la testa e a-j dis: - e peui? Rico – i l’hai anciocame.-
Don Giovanin: - tiroma avanti…- E mentre a tiravo avanti, Rico a l’avìa trovà la manera d’anfilè na man ant la cavagna përchè mentre as confessava a l’avìa ngënojasse për tèra.
A l’era pien-a ‘d salam!   Pensand ëd mach piene un, a i’era vnuje su tuta la caden-a e a finìa pi nen d’anfileje ‘nt la cassadora.
El prèive, ch’a guardava via për nen deje gen-a mentre a disjìa ij pëcà, a na bela mira a-j dis:
It ses bin sicur d’avej dit tut? – E gnanca un cavej a-i pensava che Rico a l’avèissa piaje ij salam.  -  It l’has ancora quaich pëcà?
Rico ( con na man an sël cheur e un-a ant la cavagna): - A-i n’j’é un sì, gròss… che i peuss nen tirelo fòra…
El prèive: - Corage, corage, dis pura.
Rico: - I m’ancalo nen a dilo…i l’hai robà…na partìa ‘d salam !
Che vissi, che vissi… e adess it deve rèndje tuti e… mai pì fé na ròba parèj!
Rico: - Ch’a senta Don Giovanin, mi i son pentì, ma rèndje … i m’ancalo pròpi nen … pitòst mi j jë dago a chiel…
El prèive: - Ah, nò!…
Rico: - Ch’aj pìa, ch’a-j pìa chiel…ch’am fasa sto piasì!…
El prèive: - Tròp còmod! Mi i-j veui nen!  Ti it deve rèndje a chi ‘t l’hass piaje.
Rico: - Ma a dev savèje che mi i l’hai smonuje e i l’hai ‘dcò ansistù për feje pijè, ma chiel a l’ha nen vorsuje…
Don Givanin: - Ma alora ti ‘t ses a pòst! It ses bele përdonà !
E Rico a l’é andasne con ij salam ant la cassadora, sodisfait d’avej fait soa confession për Pasqua.
As conta che Rico, surtì da la paròchia a l’àbia ‘ncontrà ‘l diav e ch’a sìo andà ‘nsema a l’infern a mangeje!!!



T E O B A L D O

“Beati i poveri …” Sòn a va franch bin për Teobaldo, ël Fiv ëd Vaje.
As ciamava Teobaldo Grande e a l’ha vivù na sinquanten-a d’ani fa, ij nòno ‘d Vaie as n’arcòrdo ancora.   Sò cognòm a jë andasìa ‘d cò a deuit, perché, combin ch’a j era cito dë statura e a smiava mach un bonomiro, un povrass, a l’era n’òm giust e a l’è darmage arlichielo ant la dësmentia, mentre l’arcordelo a peul dene manera d’amparé chèicòsa për vive.
Chi a l’avia da fé rangé ‘n parapieuva, ‘d cavagne, ‘d corbele’
d cavagnòle,’d garbagne dij carton, a sercava ‘l fiv ëd Vàje; fiv a vorìa dì cavagné e parapiuvé.
A l’avìa na faciassa gròssa e bonària, a l’era vestì ‘d frustan-a, ij sòco aj pé bele patanù, coj sòco che chiel a rabastava slë sterni fasend n’arsonada alegra, conossùa da tuti: “a passa Teobaldo” a disìa la gent quand a sentìa bati ij sòco.
A vivìa sol con soa mari, na dòna ‘n po’ sopertissiosa che për slontané ij maleur a s’argalava a fé ‘d cros daspërtut.
As conta che quand a sentìa passé giù për la val ël treno, chila a seurtìa an sla lòbia con n’òss an man (va a savéj ‘d chi ch’a l’era) e a trassava ‘d cross ant l’aria përché ‘l treno a ‘ndèissa pa fòra dij binari. Teobaldo a 18 ani, l’età d’andé a la vìsita për fé ‘l soldà, a l’avìa na caviera longa sla schin-a. - Përché tajé ij cavej se peui a torno a chërse?
- A disìa chiel… e peui a l’era ‘n tipo ‘n pò baravantan che as na ‘mpipava ëd tut lòn ch’haj disìa la gent.
Quand a l’è rivaje la cartolin-a a l’ha dovù ‘dcò chiel parte për andé a la visita.
Al distret, pen-a vistlo a l’han dovù subit butelo al polid, peui a l’han dalo an man an barbé che a l’ha faje na bela fonsion… Peui dato ch’a l’era l’unìch sostegn ëd soa mare vidoa, a l’han esoneralo, Teobaldo a l’ha mai capì përché a l’avìa dovù porté ij sò cavèj e ij sò poj a Torin.
A l’avìa ‘dcò na ven-a poetica ëd fé ‘d rime ma a la dovrava con ironìa e a soa manera cambiand ël pòst a le paròle.
Ecco n’esempi: “A sonava la bialera – traversavo l’Ave Maria – scur fin-a aj genoj…” - “La galin-a a fasìa ‘d pugn gròss come d’euss…”
- “O lapin o ij ët n’animal fauss – s’it vait sota për moslo o tire ‘d causs”.
Teobaldo a l’avìa ‘n parapieuva gròss, tut taconà e as lo portava sempre apress, përchè a girava për le montagne a rangé le corbele e le cavagne a tuti.
Ant ël sò géner a l’era ‘n savi che a savìa vive content d’esse pòver e a l’era d’esempi a la gent ch’as dasìa da fé për diventé sgnora, ma a l’era mai contenta.


N’arcòrd do 1945  ( di Maria Rosa Cusino)

A j’ere a peupré la prima smana dë Stembe chënte ij dì a së scheurso e i’ombre a veno pi longhe.
Finì la giornà au piän tociave ambardé o mul ënsi la mula, carié la somà e parte për andé a mon.  “ L’hei ben por che la  nòit i no ciape” mia mare i disìt.
‘N efet la viä j’ere ben longa e a vantave marcé ben prima ëd ruvé a la presa tacà do Ciastel’d  Billia.  A metà viä j’er gië scàisi scalabrun e sota ij castagné a j’ ër gië bele nòit.   Ij ciapin dla mula sla viä sternìa a fäsion dë spluve.
Mia mari straca mòrta (i l’avì fënà tot o di) andova che la viä j’ër pi dreta is ciapave a la cova dla mula e is fasì triplé.  Ruvà a “ fontana d’aram” ( na fontana cognëssuva për l’eva greva e grama) a peupré a tërsent meter an linea d’aria da-o Ciastel ‘d Billia, mi ch’i l’avìo gië na por do  diao i ‘ncamino a fé: “Oh,oh, op!” Na manera ëd brajé ch’as sente an montagna për vere se di vir chëicun a veno ‘ncontra.
‘N efet ‘n pòch a preu sentoma rësponde: “Oh, oh, op” duj, trej, cat vir, ma a l’ultim vir scàisi tacà ëd nos i sentoma na sfolassà e a preu ‘n vers pa normal, pa da cristiën; “ o…o…o”l’hë gelame o sënch a còl, o cheur l’hë tacà bate come ‘n tambeurn, mia mari i fasì pa finta ma i l’avì pì por che mì.  Quacià s’in brënch ch’o sporsì pi an fòra na sagoma nera, j’ër bon da capì…cheicun a j’ero pro avnine incontra, ma për malheur o j’ere o cianavel.

Manere ëd dì dal piemontèis al patois tra: - Vaje- Vilé- Rivera- Lajet (Val Susa) e Coasse (Val Sangon).
Mesté
Piemontèis     Vaje               Vilé               Rivera              Lajet            Coasse
Antor                Äntor              Äntor            Antor               Antor            Antò   
Pastor            Bërgé            Bergè            Bergé               Bërgé           Bërgé
Contadin        Cämpagnin     Contadin        Contadin          Contadin       Campagnin
Cusinè           Cusiné           Cusiné            Cusiné             Cusiné          Cusiné
Giornalè         Giornalé         Giornalé         Giornalé           Giornalé        Giornalé
Decorator       Imbianchin     Biänchin        Decorator         Imbianchin    ‘Nbianchin
Operai           Fabricant        Operai           Ruscon            Operai           Manoval
Minusié          Munisié          Munusié         Munusié          Munisié          Munisié
Negossiant     Negossiänt     Negossiänt     Negossiant       Negossiant     Negossiant
Pastisè          Pastissé          Pastissé         Pastissé           Pastissé          Bignolé

Le cite… Poetësse e Scritriss dla terza elementar ëd Vaje  (Valsusa)


Me Nòno (Poesia ëd Valeria Carello)

Ti nòno të s-ciame Felice,
ma pròpi felice ‘t seu pa;
ti cänte na ciòsa ‘t vä pa,
it buche ‘n pò’ brut e ‘t barbòte.
J’amis e ‘n bicer ëd barbera
fan vive da meut a toa età,
peui ti ‘t fàit toa bela torcià
e ‘t lasse che j’àuti s’arangio.
Cognessi vos àuti mon nòno?
Së s-ciama Felice Carél :
për mi o j’ët o nòno pì bel,
o nòno pì ‘n piòta do mondo!

Serafin (Poesia ëd Nadia Giovale Merlo)

-It seu pròpi ‘n bel ciatin
e të s-ciame: Serafin.-
Cante i-j dono da mingé,
chël o serche dë scapé,
o l’hä o pel ‘n po’ bianch e ross,
o j’è brav, o j’è mistoss.
-Che bërnufi d’in ciatin!
Ti ‘t vò mach ij pitansin…-
Chiël o minge gnänca ij rat…
Serafin, ti ‘t seu pa ‘n ciat!

La bòja nera (Leggenda ëd Valeria Carello)

A-i ere ‘n vir na fiëtta ch’i voit mai giuté soa mari ch’i-j disit sempe:
-Giutme se nò i rive la bòja nera ch’it vin a piète.
E ‘n di la bòja nera j’ët rivà e a l’ha brajajë:
-Talun, talun, Teresa! I seuj issì ‘nt o pra: talun, talun, Teresa i seuj issì ant l’òrt; talun, talun, Teresa i seuj issì sa pòrta, ora i dreuo la pòrta e ‘t ciapo!
Alora Teresa i l’ha butasse a travajé.

O mago ‘d set teste (Leggenda ëd  Nadia Giovale Merlo)

O mago ‘d set teste l’ait na dòna ch’o së sc-iamave Catlin-a.  Chila j’er brava, chiël na pest!
Un di, fòra ‘d luss, a-i ere ‘n mainà ch’o piorave e chila i l’hä dijé:
-Cò dl’hä bel fiët ch’it piore?
E i l’hä falo ‘ntré ‘ntëcà e i l’hä stërmalo ‘nt l’èrca përchè o mago l’o trovisse pa.
Riva a cà, chiël o l’hä dit:
-Catlin-a, chi ‘t l’hä logià? Fium fium, sento l’odor do cristianum!
Ti ‘t l’ha logià cheicun!
E o l’hä vzinasse a l’èrca, o l’hä druvila e, cänte o l’hä vist o mainà, o l’hä dit:
-Ommo-mi, pòvro mainà, il seu trò màiro, pagh pa la pena ‘d mingète!- E virandse vers Catlin-a:
-Angràislo ben, peui mi lo mingio.
Ma Catlin-, ch’i l’ait bon cheur, i l’hä portalo viä e i l’hä salvalo.
Vers sera, Catlin-a, ch’i j’ere già stofia che o mago o mingiave ij mainà dj’àuti, i l’hä preparà na polenta e i l’hä fas giutè da chiël a toirela.
Chila i l’hä butass daré e i l’hä donajë n’ampent ch’i l’hä falo tombé ant o pejreul.
Chiël o brajave:
-Catlin-a, Catlin-a!
E chila:
-Fium, fium, sento l’odor do brusatum!

La Tela (Leggenda ëd Nadia Giovale Merlo)
D’invern in vir ‘l dòne a filao la rista ‘d ciànoa e peui a fajon la tela e ‘d primä a ‘ndao a vändla.
La mari ‘d Gioanin i l’hä mandalo ao mërcà:
- Vändla për sinch lire-. I l’hä dijë soa mari.
Ma Gioanin o l’hä mach ciapane trèj e..bèla grassia!
Mentre o tornave a cä, o ll’ha passà a rända d’in fossal ‘ndova a j’ere
‘d rane e ‘d babi.
- Quat,quat, quat!
- Gioanin, o l’rä ‘ nrabiasse; o ters vir ch’o sente dire: quat, quat, o l’hä campajë giù ij sòld e o l’hä braiajë:
- Tè, contli, s’it crèje pa!
- Rivà a cà sensa sòld, soa mari i l’hä mandalo a dreume so solé.

Passaròt (Leggenda ëd Marzia Martin)

N’invern, a Vàje a l’hajon trovà ‘n mainà péna nà, ch’o j’ere sänsä cognòm e a sajon gnäncä chi a fusse soa mari e so pari.  Na matin, as trovao tuj ansema ij consiè cumunal për decide ‘d trovejë’n nòm a sto mainà.  Mentre ch’a j’ero làj a dëscute e tuj a dision la soa, o l’hä posasse ‘n sla fnesta ‘n passaròt për serché da mingè.  Alora un o l’ha dit: -Ciamomlo Passaròt!-  E tui j consié son sta d’acòrdi.

La Carlotin-a  confinà (Legenda ‘d Vaje)

La legenda ‘d Carlotin-a dël Molé, as peul nen dësmentiesse a Vaje a ‘nt la borgà ëd montagna.
A l’era na donëtta màira, sëcca, con doj euj anvisch ch’a foravo e a portava sempre ij sòco.
A partìa da soa borgà, ‘l Molé, e a na fasìa ‘d pass traversand ij bòsch e ij combal për andè da na Presa a l’àotra.  Tuti a la conossìo, ma tuti a pensavo ch’a fussa na masca.
Ël motiv a l’era che quand a-i capitava chèich còsa ‘nt le famije, chila a l’era sempre presenta e anlora a l’era sempre colpa dla masca dël Molé.
Na vòlta a l’era sparìje ‘n cit për tre dì da la borgà dël Bënal e a l’era vivù a cerese su për ij bòsch: a  l’era staita la Carlottin-a a felo sparì.
N’àotra vòlta na vaca a dasìa pi nen ël làit përché la Carlottin-a  a l’avìa anmascala.
La gent a savìa pi nen come paresse da sta masca!
Alora chèicun a l’ha pensà d’andé a parleje a la mascassa ‘d Turin, ch’a duvija saveje come fé për castighela.  An efet la masca ‘d Turin a l’ha pensà ëd confinela.
A l’ha fasse porté un cheur d’un agnel e a l’ha piantaje tre ciò: un për part e un an sla ponta.
Ij ciò a j’ero ij confin fin-a ‘ndova la Carlotin-a a podìa andé e a corispondìo a tre pòst dla montagna, pa vaire lontan da soa borgà.
Parèj la Carlotin-a a l’era staita confinà e tute le vòlte ch’a sercava ëd passé ij confin, a sentìa un ciò piantesse ant ël cheur, a podìa pi nen andé anans e a dovìa setesse për piè fià e tornesne a cà.
Ij vej a conto che da ‘nlora a l’ha pì nen capitaje gnente ëd lòn ch’a-i  capitava prima.
                           
                                                                               Valeria Croce    III  Scòla ‘d Vaje      

Non voglia di lavorare…


Se questa sia una storia o una leggenda non saprei dirlo: se fosse una storia dovrebbe essere tutta inventata dalla fantasìa dei miei antenati che erano contenti di raccontarla, mentre si riferisce ad alcune persone che sono veramente esistite, e mio padre che le ha ancora conosciute quando era bambino, me le ha sapute descrivere bene che mi sembra doveroso ricordarle. La fama che avevano per i nostri borghi era quella che questi quattro personaggi si potrbbero chiamare “scappa lavoro, che noi arriviamo” tutti gli abitanti della montagna che li conoscevono bene, sapevano che loro facevano sempre solo finta di cercare lavoro, ma voglia di lavorare non ce l’avevano proprio per niente. Quando c’era una festa loro arrivavano. Sembrava si fossero dati l’appuntamento per uno stesso ideale: fare festa. D’inverno frequentavano la montagna esposta al sole, d’estate cercavano il fresco all’inverso. Dardajn, Giaco dla fior, Gep Testament e Badòla sono i quattro personaggi leggendari e questi erano i loro soprannomi. Perché poi li chiamassero così sarei curiosa di saperlo, ma la vera ragione si è persa nel tempo, ed io posso solo raccontare qualche particolare di questo bel gruppo. Se oggi fossero vivi, sarebbero alla moda perché portavano i capelli lunghi sulle spalle e la barba che nascondeva mezza faccia. Se ne andavano ognuno per conto suo da una casa all’altra per la montagna in cerca di fortuna, ma sovente alla sera si radunavano in qualche fienile a spargere qualche manciata di pidocchi.
Se si sentiva il suono di passi pesanti sul ciottolato, i miei antenati dicevano:
-Qui è Badòla che arriva. E Badòla arrivava veramente strisciando gli zoccoli logori, senza legacci… Se si sentiva verso sera brontolare fuori del portone e battere una canna per terra, andavano a vedere ed era Giaco dla fior seduto su na ceppaia che diceva: - E’ brutto andare in giro a contare i chiodi sui portoni- e aspettava un piatto di minestra. Se in mezzo al fieno si vedeva dondolare una giacca vuota, era quella di Dardajn. Lui sognava sempre che il lago di Avigliana fosse di latte e le rocce della Sacra fossero di polenta, guardando su diceva agli amici: - Ah! Se si potesse tagliare due o tre fette di polenta e farle andare giù nel lago, che mangiata - e trangugiava la saliva. Se poi nell’oscurità spuntavano due occhi rossi, erano quelli di Gep Testament che trovava lungo per bere un bicchier di vino. Un uomo piccolo che portava una gerla sulle spalle e masticava il tabacco bruciato delle pipe dei fumatori della montagna. Niente era più buono che quello che piaceva e domandava un bicchier di vino. Erano tutti e quattro clienti di mia nonna che aveva una casa vecchia sulla montagna di Vaje dove andava d’estate con le mucche e le capre. Badòla quando gli affari andavano male, faceva finta di andarsi ammazzare, perché diceva che era stanco di lavorare per vivere. Una volta con l’umore più giù del solito ha detto a mio zio che sarebbe andato a buttarsi sotto il treno. Mio zio gli ha risposto: - Non hai che metterti li vicino al melo, io con un colpo di fucile ti uccido.- -Ah, no, ha risposto Badòla con il fucile io sento il colpo! Mio zio, ridendo: - E  il treno non fa rumore? - -Sì, ma quando il treno arriva, io mi levo.- Allora mio zio gli diceva di bere una volta per fare andar via le idee cattive e lui beveva contento. E così sono andati avanti senza lavoro, girando da una casa all’altra come anime in pena …poi chi li ha visti…li ha visti. Mio padre dice che si saranno trovati nel paradiso dei poveri a mangiare e bere assieme. Adesso quando su in montagna tuona, mio padre dice che è Giaco dla fior che brontola… Quando c’è il vento che soffia… è la giacca di Dardajn che dondola…. Quando è molto asciutto è Gep Testament che ha sete e quando fa molto caldo da non poter lavorare: - oggi Badòla e proprio stanco e suda.                                                                                                                              
         


La mucca di Giuseppe

Quel giorno Frate Sebastiano si era alzato alla buon’ora e aveva chiamato suo confratello per andare alla fiera di Bussoleno.Lo chiamavano frate campanella, perché tutti erano abituati a vederlo passare con un calesse, l’asino e una campanella  che si sentiva per le contrade.Quando i due frati si erano presentati al convento per farsi accettare, avevano detto al Superiore che loro erano stufi di stare nel mondo, che volevano ritirarsi per pregare e se necessitava anche lavorare.Era il tempo che in val Susa era un rifiorire di vocazioni alla vita religiosa e i conventi nascevono come funghi, sparpagliati per la montagna. I frati vivevono di quello che la natura dava, e dovevano lavorare sodo per far rendere quella poca terra che avevano. E’così che conveniva a loro di tenere due o tre mucche nella stalla, per tirare avanti.
-Se siete disposti ad accudure la stalla e gli animali provate a fermarvi  aveva detto il Superiore che aveva creduto nella loro vocazione, non pensando che quei due fossero dei lestofanti che cercavano solo di nascondersi nel convento dopo averne combinate di cotte e di crude.Un giorno con il calesse mentre andavano a vendere i formaggi alla fiera di Bussoleno ( una delle risorse del convento) frate Sebastiano dinnanzi faceva sobbalzare il suo pancione legato dal cordone sporco e frate Giovanni dietro faceva sventolare la sua tonaca e saltellava ogni volta  aveva la lingua più lunga, incontravano dei contadini che andavanoe venivano dal mercato.
-Buondì Padre! - Questo era il saluto per Padre Sebastiano che grande e grosso era il più importante dei due. –Buondì, buondì, rispondeva lui .
- C’è la nebbia questa mattina … e Frate Giovanni con la risposta pronta: -nebbia bassa bel tempo lascia! - Buondì Padre!-Buondì, buondì-Avete ancora bisogno della zappa che vi ho imprestato? -E frate Giovanni a mezza voce: -chi impresta perde la cresta! - Buondì Padre!- Buondì, buondì a voi! - Sapete che mi è successo un guaio? E il commento di frate Giovanni: -Il signore paga tardi, ma paga tanto!
Arrivati poi alla curva della Comba, dove poi la strada veniva diritta fuori dei castagneti, scorgono un uomo che accompagnava la mucca alla fiera. A tutti e due è venuta l’idea di prelevare la mucca con un piano:
-Che bella mula dice Frate Sebastiano, come il contadino le passa davanti. – Non è una mula ma una mucca risponde il contadino che si chiamava Giuseppe che non voleva essere preso in giro: -Ma no quella è una bella mula, non è una mucca. Volete scommettere che non è una mucca, ma una mula? Chiediamo al primo uomo che incontriamo, se dice che è una mula l’animale è mio.Intanto frate Giovanni che aveva capito al volo, era andato avanti per un centinaio di metri a nascondersi per poi apparire al momento opportuno. Giuseppe ci stà alla scommessa e alla domanda di frate Sebastiano se era una mucca o una mula, salta fuori frate Giovanni che aveva nascosto la tonaca in un cespuglio e risponde è una mula convinto.Una bella mula! Sentito quello fra Sebastiano prende la corda della mucca e l’attacca dietro al calesse lasciando il contadino Giuseppe di stucco. I due sono poi andati a venderla alla fiera. Il contadino non era soddisfatto di essere stato ingannato da un frate e la moglie sgridandolo gli ha detto: “Già… vagliela a raccontare ai frati di Banda! Hanno sempre ragione loro…!” (In Banda vi era una certosa di frati sopra a Villarfocchiardo e il modo di dire si è tramandato nel tempo). Un bel giorno Giuseppe ripensandoci si è deciso di riprendere la rivincita e si è recato al convento per farsi pagare la mucca. Giunto nelle vicinanze del portone scorge una croce di legno dove i poveri arrivavano per chiedere l’elemosina.Il frate guardiano che all’imbrunire era solito andare vedere se c’era qualche povero, trova il contadino Giuseppe seduto che aspettava avvolto in un mantello con un cappello giù sugli occhi. –Buona sera brav’uomo, volete un pò di minestra e un po’ d’alloggio? -Grazie, grazie sia per l’amor di Dio. Entra nel convento, mentre il frate guardiano và a prendere la minestra, lo invita andare sul fienile accanto alla camera del frate Sebastiano. Era proprio quello che voleva Giuseppe.Verso mezza notte scende dal fienile, raggiunge la camera del frate, lo sente russare, si avvicina e con il bastone picchia sodo…Patach! Padre son quello della mucca! Un lamento esce dalla coperta. Patach!… Patach!… Padre son quello della mucca! –Ahi!… Ahi!…Per carità lasciatemi vivere!…Patach, Patach! Padre son quello della mucca!… Il frate non aveva nemmeno più fiato per gridare e con un fil di voce dice: -..sotto il cuscino c’è una chiave, aprite il cassetto del comò, prendetevi pure i soldi, ma lasciatemi salva la vita!… E Giuseppe, presa la chiave, apre il cassetto indicato, si riempie le tasche con i soldi della mucca, svelto lascia il convento e se ne va a casa. Alcuni giorni dopo, Giuseppe travestito da donna cammina verso il convento e studia un’altra lezione da dare al frate. Aveva preparato vari botticini con dei miscugli sgradevoli e li aveva adagiati in un cesto. Arrivato al convento si siede davanti alla finestra su di un sasso e incomincia osservare ed alzare ogni botticino dichiarando il beneficio alla luce del sole: questo è per il bruciore di stomaco, questo per mal di schiena, questo per mal di pancia, questo per …i tagli, questo per…le ammaccature. Frate Giovanni sente e fra sé dice: proprio quello che ci vuole per frate Sebastiano! Fa entrare l’erborista che spiega la terapia per fare degli impacchi ogni ora di notte. Viene accompagnato nella cameretta di frate Sebastiano e di notte mentre tutti i frati dormono, lui prepara gli impaccchi e tira fuori il suo bastone e patich..e patach..! Padre son quello della mucca! Frate Sebastiano incominciava a vedere l’altro mondo! Pietà. Pietà! Non uccidetemi, prendetevi la chiave! La mucca me l’avete già pagata! Questa volta sono venuto solo per sapere la verità, e patach giù un’altra bastonata. Padre era poi una mucca o una mula?
–Una mucca… Giuseppe…una bella mucca!



La confessione

Ho sempre sentito dire che quando si conbina qualche marachella, bisogna andare a confessarsi e bisogna anche pentirsi altrimenti non vale, ebbene sentite un pò come si è pentito quel buon uomo di Enrico che aveva il vizio di rubare la roba degli altri. Se vedeva un pollo per la strada non poteva farne a meno, controllava che nessuno guardasse e trach… senza nemmeno lasciarlo gridare, lo prendeva per il collo e lo metteva nella tasca della giacca alla cacciatora di velluto, unta, ma tanto comoda…! Una volta aveva portato a casa una forma di formaggio perché avava trovato la porta aperta della cantina di Anneva e un altro giorno un mazzo di cipolle, caduto da un balcone a causa del vento, dove Marietta le aveva appese per farle seccare. Si avvicinava la settimana santa e il prete già anziano e per la bronchite si era dovuto coricare a letto perché non ce la faceva a stare in piedi. Enrico passando davanti alla parrocchia era il venerdì santo, non voleva passare Pasqua senza essere confessato, con la scusa di chiedere notizie sulla salute del parroco, prende il coraggio con due mani, batte gli zoccoli sporchi di fango e neve, per farsi sentire. La perpetua all’interno sente e apre la porta, fa entrare Enrico, gli fa festa, perché d’inverno quando la neve è alta lui va sempre a prendere il latte. Don Giovanni coricato sul sofà, intanto si tira su la coperta per ripararsi dall’aria entrata dalla porta e dà un colpo di tosse. Si era coricato in cucina accanto al fuoco che scoppiettava e poi era più comodo per ricevere i parrocchiani. Enrico gli domanda come stà di salute, di riguardarsi dal freddo e farsi passare la tosse e voleva saper se veniva qualche prete in sostituzione per la Pasqua! Fa finta di andarsene, ma Don Giovanni che conosceva bene la sua pecorella lo fa sedere accanto a sé, lo interroga mentre fa segno alla serva di andarsene. Il tavolo era coperto di ogni verdura pronta per il minestrone. Sulla credenza vi erano due bottiglie di vino regalate al Parroco da alcuni parrochiani. Enrico in un baleno aveva osservato tutto, ma quello che lo incuriosiva era quello che si trovava nella cesta sotto il sofà che aveva toccato con il piede mentre si sedeva. Il prete domanda:
- Hai qualcosa da dirmi? -  Ed Enrico mentre si gratta la testa…- Ho rubato un galletto…mi sembra che sia di Margherita… -   Il prete: - Devi restituirlo! – Enrico - Già fatto; ho invitato Margherita a mangiarlo. -  Il prete scrolla la testa .. e dice: -  E poi?…-  Enrico : -Mi sono ubriacato…- Don Giovanni…:- Andiamo avanti-  e mentre andavano avanti Enrico aveva trovato il modo di introdurre la mano nella cesta toccando, si era accorto che erano salami ,mentre il prete guardava altrove lui li introduceva nella cacciatora, erano legati a catena. Don Giovanni ad un certo punto domanda: - Hai detto tutto? Sei sicuro?… - Era lontano dal capire che Enrico aveva rubato i salami. - Ho ancora un peccato grave che non riesco tirarlo fuori… Ho rubato dei salami…. piuttosto, di restituirli…. io li regalo a lei Don Giovanni perché sono veramente pentito.  Li prenda lei…-  Il prete : - Troppo comodo! Io non li voglio! Devi restituirli a chi li hai presi. - Enrico: - Deve saper che io li ho offerti, ma lui li ha rifiutati. -  Don Giovanni:- Ma allora tu sei a posto! Sei perdonato! Ed Enrico ha salutato e augurato Buona Pasqua al Parroco si è avviato verso casa, si racconta che abbia incontrato il diavolo per la strada e siano andati all’inferno a mangiare i salami



Teobaldo

- “Beati i poveri…” Questo va molto bene per Teobaldo, il cestaio di Vaje. Si chiamava Teobaldo Grande ed è vissuto una cinquantina di anni fa, i nonni di Vaje se ne ricordano ancora. Il suo cognome era appropriato, lui era piccolo di statura e sembrava un pover uomo, era però giusto è peccato dimenticarlo, mentre può darci modo d’imparare qualcosa per vivere. Chi aveva da fare aggiustare degli ombrelli o dei cesti cercava il cestaio di Vaie. Aveva una faccia grossa ridente, era vestito con abiti rustici, zoccoli nei piedi nudi e li trascinava sul ciottolato della strada facendo un’armonia allegra, che la gente diceva: passa Teobaldo! Viveva con sua madre, una donna un po’ supertiziosa che per allontanare il malocchio faceva delle croci da tutte le parti. Si racconta che quando sentiva il treno in lontananza per la valle, lei usciva sul balcone con un osso in mano (va a sapere di chi era) e tracciava delle croci nell’aria perché il treno non andasse fuori dei binari. Teobaldo a 18 anni, l’età di andare alla visita militare aveva i capelli lunghi sulla schiena. - Perché tagliare i capelli che poi continuano a crescere - diceva lui e poi era un tipo un po’ bizzarro che se ne fregava di quello che diceva la gente. Quando è arrivata la cartolina di precetto è andato alla visita militare, appena visto l’hanno pulito, poi l’hanno consegnato al barbiere per una bella funzione… poi dato che era l’unico sostegno di sua madre che era vedova l’hanno esonerato. Teobaldo non aveva mai capito come mai aveva portato i suoi capelli e pidocchi a Torino. Aveva anche una vena poetica ironica e invertiva le parole, ad esempio:” suonava la bealera –attraversavo l’Ave Maria- buio fino alle ginocchia …” -“La gallina faceva dei pugni grossi come uova”- “Il coniglio è un animale falso quando vai sotto per mungerlo tira dei calci.” Teobaldo aveva un ‘ombrello grande tutto rattoppato e se lo portava sempre dietro, girava per le montagne ad aggiustare i cesti per tutti. Nel suo genere era un saggio, sapeva vivere contento di essere povero ed era di esempio a molta gente che pensava solo ad arricchirsi e non era contenta.


Un ricordo del 1945 (di Maria Rosa Cusino)

Era pressappoco la prima settimana di  Settembre quando i giorni si accorciano e le ombre vengono più lunghe. Finita la giornata in pianura bisognava someggiare il mulo anzi la mula, e partire per la montagna.- Oh ben paura che la notte ci prenda per il viaggio,- diceva mia madre. In effetti la via era ben lunga e bisognava camminare tanto per arrivare alla baita vicino al Castello Billia. A metà via era già quasi l’imbrunire e sotto i castani era già notte. I ferri della mula sulle pietre della mulattiera facevano scintille. Mia madre stanca morta ( aveva  rivoltato il fieno tutto il giorno) dove la strada era molto ripida si attaccava alla coda della mula e si faceva trainare. Arrivati alla “ fontana di rame” ( una fontana conosciuta per l’acqua pesante e cattiva) pressappoco a trecento metri in linea d’aria dal Castello Billia, io che avevo già una paura del diavolo ho incominciato ad urlare :”Uh, uh, up! Un modo di gridare in montagna per vedere se qualcuno viene incontro. Infatti poco dopo sentiamo rispondore:”uh, oh, up” due, tre quattro volte, ma all’ultima quasi vicino a noi, sentiamo una sfogliazzata  e poi un verso non normale, non da cristiani “u…u…u” mi si è gelato il sangue addosso, e il cuore ha incominciato a battere come un tamburo, mia madre  taceva, ma aveva paura più di me. Accovacciato su di un ramo che sporgeva in fuori, una sagoma nera, era scontato… Qualcuno era venuto incontro, ma per sfortuna era un gufo.

Mio nonno (Poesia ëd Valeria Carello)

Tu nonno ti chiami Felice,/ ma proprio felice non sei;/ tu quando una cosa non ti va,/ guardi di brutto e borbotti./ Gli amici un bicchiere di barbera/ fanno vivere bene la tua età,/ poi prepari la tua bella sigaretta/ e lasci che gli altri si aggiustino./ Conoscete voi altri il mio nonno?/ Si chiama Felice Carello :/ per me è il nonno più bello,/ il nonno più in gamba del mondo.
Serafino (Poesia ëd Nadia Giovale Merlo)

Sei proprio un bel gattino/ e ti chiami Serafino./ Quando gli dò da mangiare./ lui cerca di scappare,/ ha il pelo un po’ bianco e rosso,/ è bravo e mansueto./ Che schizzinoso di un gattino!/ Tu vuoi solo i pietanzini…/ Lui non mangia nemmeno i topi…/ Serafino tu non sei un gatto.
L’insetto nero (Leggenda ëd Valeria Carello)

Una volta c’era una ragazzina che non voleva aiutare sua madre che diceva sempre: Aiutami altrimenti arriva l’insetto nero che viene a prenderti:
E un giorno l’insetto nero é venuto e le ha gridato:Talun, talun Teresa! Sono qui nel prato: Talun ,talun Teresa sono qui nell’orto. Talun, talun Teresa sono qui sulla porta. Ora la apro e ti prendo!  Allora Teresa si é messa a lavorare.

Il mago dalle sette teste (Leggenda ëd  Nadia Giovale Merlo)

Il mago dalle sette teste aveva una donna che si chiamava Caterina. Lei era brava lui era cattivo. Un giorno fuori della porta vi era un bambino che piangeva e lei le ha detto:- Cosa hai bel bambino che piangi?- L’ha portato dentro in casa e l’ha nascosto in una cassapanca perché il mago non lo trovasse. Arrivato lui ha detto: Caterina chi hai alloggiato? Fium fium sento l’odore di bambini. Tu hai alloggiato qualcuno. Si è aavicinato alla cassapanca l’ha aperta ha visto il bambino e ha detto: Oh! Povero bambino sei troppo magro non vale la pena di mangiarti, e rivolgendosi a Caterina le ha detto di ingrassarlo che poi lui lo mangiava.
Ma Caterina che aveva buon cuore l’ha portato via per salvarlo.Verso sera Caterina che era già stanca che il mago mangiava i bambini degli altri, ha preparato una polenta e si è fatta aiutare da lui per rimestarla. Lei si è messa dietro  e con una spinta l’ha fatto cadere nel paiuolo. Il mago gridava: Caterina, Caterina! E lei : Fium, fium sento l’odore di bruciato.


La Tela (Leggenda ëd Nadia Giovale Merlo)

D’inverno una volta le donne filavano la rista di canapa e poi facevano la tela e di primavera andavano a venderla. La madre di Giovanni l’ha mandato al mercato: Vendila per cinque lire le ha detto sua madre. E Giovanni ne ha solo riscossi tre …e tante grazie. Mentre ritornava a casa è passato vicino ad un fosso dove vi erano rane e rospi. Quat, quat, quat .Giovanni si è fermato e ha tirato fuori i soldi. Ne ho solo tre e non quattro. Quat, quat, quat. Ne ho solo tre e non quattro. Giovanni si è arrabbiato e la terza volta che sente dire quat, quat, quat, le ha gettato giù i soldi sbraitando: Contali se non ci credi! Arrivato a casa senza soldi, sua madre l’ha mandato a dormire
sul solaio.

Passerotto (Leggenda ëd Marzia Martin)

Nell’inverno a Vaie avevavano trovato un bambino appena nato che era senza cognome e non sapevano nemmeno chi era sua madre e suo padre. Un mattino mentre si trovavano tutti insieme i consiglieri comunali mentre discutevano, tutti dicevano la sua si è posato sulla finestra un passerotto per cercare del cibo. Allora uno ha detto: chiamiamolo passerotto! E tutti i consiglieri accettarono.
La Carlottina confinata (Leggenda di Vaje)

La leggenda di Carlottina del Molé non si può dimenticare a Vaje nella borgata di montagna. Era una donnetta magra, secca, con due occhi accesi che bucavano e portava sempre gli zoccoli. Partiva dalla sua borgata, il Molé e ne faceva dei passi attraversando i boschi e valloni per andare da un casolare all’altro. Tutti la conoscevano, ma tutti pensavano che fosse una strega. Il motivo era che quando capitava qualcosa nelle famiglie, lei era sempre presente allora la colpa era della strega del Molé. Una volta era sparito un bambino per tre giorni dalla Borgata Bennale ed era vissuto mangiando ciliegie su per i boschi ed era stata la Carlottina a farlo sparire. Un’altra volta una mucca non dava più latte perche la Carlottina l’aveva stregata. La gente non sapeva più come proteggersi da questa strega. Allora qualcuno ha pensato  di andare a parlare alla direttrice delle streghe a Torino per poterla punire. In effetti lei ha pansato di confinarla, si è fatto portare un cuore di agnello e ha piantato tre chiodi, uno per parte ed uno sulla punta, I chiodi rappresentavano i confini dove la Carlottina poteva muoversi e corrispondevano a tre luoghi della montagna, accanto alla sua borgata. Così la Carlottina era stata confinata, tutte le volte che cercava di oltrepassare il confine, sentiva pungere il cuore, non poteva più muoversi, si sedeva per prendere fiato e se ne tornava a casa . Gli anziani raccontano che da allora non è più successo niente di quello che capitava prima.
                                                                                                          Valeria Croce III- Scuola di Vaie            

La vera storia di Gianpojèt
Nascosto sotto la foglia di cavolo fu mangiato da una mucca
C’era una volta  Gianpojèt, un giovane pastorello della montagna di Vaie, che si chiamava così perché era piccolo piccolo, proprio come un pidocchietto.
Un giorno, mentre Gianpojèt pascolava la sua mucca nel prato, iniziò a piovere forte forte ed il ragazzino non sapeva dove ripararsi. Guardò di qua, guardò di là. Guardò sulla montagna, guardò verso l’orto…
Passarono appena due minuti e Gianpojèt, veloce come un lampo, si era riparato sotto le ampie foglie di un gigantesco cavolo. Come si stava bene, nemmeno una gocciolina di pioggia  riusciva a penetrare lì sotto!
Ma poco dopo la mucca si avvicinò al grande cavolo e, con un solo boccone, se lo divorò tutto.
Il guaio è che si mangiò anche Gianpojèt!
Quando fu sera, visto che Gianpojèt non tornava, la mamma venne a cercarlo:
-Gianpojèt! Gianpojèt
Lo chiamò disperatamente, ma non lo trovò…Del resto, il povero Gianpojèt non poteva di certo farsi sentire, prigioniero com’era nella pancia della mucca…
Come si sa , le mucche fanno tanta popò e anche la mucca di Gianpojèt decise infine di farne un bel po’( fece cacca e fece aria). Fu così che Gianpojèt uscì sano e salvo dalla pancia della mucca!
                                                                                      La classe 2° di Vaie
      
Prèive ‘d montagna (a Don Adolfo Ravetto)

Prèive ‘d montagna
ti ‘it conossìje ‘n profondità
ël silensi dij bòsch
e ij sospir dël creà…
Prèive ‘d montagna
anima volòira                                                          
ant la nebia matinera
e sël tard, ant l’ambrunì,
sempre an serca ‘d na famija
për setete aranda al feu
cantè ansema con amor
tante laude al Creator.
Prèive ‘d montagna
it l’has vivuje le giornà grame
al temp ëd guèra
ma ruscand, tajand ëd bòsch
e fasend muraje ‘d pera
peui pregand ogni moment
it trovave la manera
për passé pi an pressa ‘l temp.
Prèive ‘d montagna
quand che già la neuit calava
lì setà sna murajëtta
toa vos cauda s’anandiava
arsonava për le combe
e le stèile a frissonavo
për ël bin che ti ‘t sëmnavi
a man pièn-e
Prèive ‘d montagna
magister ëd vita
ti a la bon-a ‘t no disìj
“Venta sempre esse amis
e arsèive a brass duvèrt
e col soris
ël forestè ch’a riva”
Grassie ‘d cheur
për tut lòn ch’it l’has mostrane
ant ël camp dla carità
it l’has dane bon esempi
stasend ciuto…
Ti adess canta si con noi
për dije “ grassie” a Nossgnor!

Ël senté dij Franch

Mache la Dòira, ij ròch e ij brich ardì
peulo conté la stòria ‘d nòstra val
l’han vistje ij Franch sla sima e ant ij combal
fërmesse a béjve a l’eva ‘d nòsti rì...
Arson-o ancora ij pass ant le broere
an sël senté dël temp e dël passà:
arbomb d’arnèis ëd guèra, tuti armà,
as sento ancor tra ij bòsch vos forestere…
Figure ardìe, possà da n’ideal
ëd conquista o forse mach difèisa,  
chi lo sa mai se peui l’avìo pretèisa
ëd fé man bassa opure sëmnè ‘d mal?
A l’era col ël temp ëd le conquiste…
e gnun l’avìa an ment ëd semné d pas,
adess son d’àutri temp e nen për cas
se as cambia pa ideal son còse triste.
Chi a veul rampié për fesse ‘n pò ‘d bon sangh
a peul fé tapa al Crest, ant la Borgà,
e peui monté, monté, l’é tut marcà,
e andé a sërché ‘l famos “ Senté dij Franch!”

Tormenta

Tormenta ‘n sle montagne
tormenta
sël Rociamlon…
ël vent a sofia,
a subia
antorn dla ponta…
nebia ch’a monta   
su dal valon,
grisa
spëssa
ch’a stërma tut…
Tormenta ‘n sle montagne…
tormenta an cheur la gent,
ch’a piora
ch’a spera
ch’a ciama agiut…
s’afana
a rusa
s’anrabia…
ma dzora dla nébia
che sol
che pas!

Doman

Le stéile a mila a mila
a splenderan doman…
come le stèile, j’eui dij savi.
A farà ciair ai cheur
la lus dël Cel
quand che fratej saroma                     
e sota l’arcansiel
la tèra arsonerà
‘d na canson neuva…
Sarà na musìca giovo
pien-a d’armonìa :
na prima-vera
quand che i tabusseroma
a l’uss dla Pas!

Seugno

Seugno mia val
a la matin bonora
frësca ‘d rosà,
quand al nasse dël sol
le fior as deuvro
tra j’erbe ch’a ondegio
al buff ëd vent                             
për rende grassie al Creator.  
Seugno mia val ant ël mesdì
scaudà dal sol dl’istà                        
ch’a pica ‘n sij ciapé
là ‘ndoa ‘l silensi a smòrta                    
l’arbomb dij son
che da le combe a monto
e a svanisso sle sime
senari eterno fiss travers ij temp.
Sij tèit tranquij dle cà
na nìvola ‘d fum a seurt daj vej fornej
e a conta che ‘nt la val
a-i è ‘d travaj
e tuti a van dacòrdi.
Masnà svicce ch’a rivo
da tante part dël mond
lì sël piassal dla cesa
impassiente dl’avnì a gieugo ansema…
Sento canté vers sèira
dòpo ‘l tramont veje canson d’amor:
giovo ch’a danso, le man aussà
mentre le ciòche a son-o
e a arbato j’ore.
It seugno, cara val, d’invern
ant ël silensi
quand che la fiòca a cala
e tuti a taso
për speté Natal…
Seugno mia cesa antica
col tèit a lòse
e an ponta al vej cioché
arfait a neuv
na cros anluminà
‘d na fede vera!

Montagne dij mè vej

Montagne dij mè vej
ël vòstr lament mi i sento
quandi che ‘l vent a sofia
e neuit a cala…
Mi i seugno grange ‘d pera             
le lòse arverse al sol
la mulatera sombra
l’ombra dle boschin-e
ël silensi sèrvaj
doa arson-a
ël pass dij muj
con la somà.
I sento canté ij giovo
ant l’èira
e da na comba a l’àutra
l’arciam dij montagnin
për salutesse.
Costa l’è la montagna!
Pa damanca dë stra…
për trovesse, a bësbijo ij ri…
as traversava a pé
la sima
da Val Sangon a la Valsusa
e peui rampié, rampié
su fin-a al Ròciamlon
Montagna Santa
argin-a dl’Arc Alpin…
pelegrinagi d’anime
e tute peniténse
bagnà ‘d sudor
e përfumà ‘d miserie
a l’ero reuse e fior
për chi ancotresse a veul
ai pé ‘d na Mare
con d’àutri frej
montagne dij mè vej!

La Vijà
(Poesie, conte, tiritere, filastròche, faribolade, gieugh, arsete, sonet)
Ant la vijà le mari , për  tant che le masnà a stèisso pa andurmìe a disìo 'd cantilene o filastròche e a -j fasìo arpete ....Le muraje  dla stala veja a-j conossìo tute ....

Un doi- tre, la Titina a fa 'l café,
fa 'l café a la cicolata                       
la Titina, mesa mata,
mesa mata sël burò,
cala giù sla cadreghin-a
viva, viva la Titina
Nana, naneta, la mama a l'é andàita a mëssa, papà l'è 'ndàit al bòsch,
fa la nana 'ncora pòch...
Polenta fransèisa, tirolirolèisa
pan dij fich, pan dij fiòch,
tira balòch...
Taita, buràita
la mama, la gàita, lo forn
vira,vira ,tut antorn.
Margherita triforita tre cotéj piantà 'nt la trìpa un dë sà e un dë dlà
Margherita inamorà
inamorà d'un  bërsalié
pissa, pissa 'nt ël bicer
roja  roja tut ël dì
pì borich che na ninsòla
tich e tuch e ti 't ses fòra
Fava favëtta chi ch'a l'ha, ch'a l'armëtta
(si deve indovinare la fava)
Cincirimela a l'ha fàit tre ciàt, un j-era bòrgno l'aotr j-era màt
l'aotr j-era fàit a la fàjsela, Cincirimela ...Cincirimela
Gigi, Gigi, cerca il suo berretto; dove mai l'avrà ficcato? In un cantuccio sotto il letto? Cerca e sbuffa, magna e pesta; se ne accorge che l'ha in testa.
Quant che mi ero piccinin, me papà sapava l'òrto,
faceva così, faceva cosà e poi si riposava
batteva di pié batteva le man e poi si riposava
tralla tralla trallalà
E' arrivato l'ambasciatore, dai monti e dalle valli ( 2 volte)
Oilì..Oilì...Oilà
Cosa vuole l'ambasciatore...
Vuole una ragazza...
chi sarà questa ragazza....
Pim pòm d'òro la lincia la lancia, quanti giorni sei stato in Francia
al lunedì al martedì pim pom d'òro
't ses  sota tì
Din, don, dan, domani é festa si mangia la minestra
la minestra non mi piace, si mangia pane e brace
la brace é troppo nera, si mangia pane e pera
la pera é troppo dura
sì va a letto adirittura
Palla pallina, dove sei stata dalla nonnina
cosa ti ha dato, una pallina,
fammela vedere eccola quà.                              
Dindalan Lussìa ciapava ël passaròt
e se soa mama a crija dìsje ch'a l'è Pinòt
Pinòt l'é andàit a scòla comprasse na subiòla
la subiòla l'é sciapà
e Pinòt l'é tornà a ca
Bum, cade la bomba in mezzo al mare
mamma mia mi sento male, mi sento male di agonìa
prendo la barca e fuggo via, fuggo via di là del mare
dove sono i marinai, che lavorano notte e dì
sei proprio sotto (o fuori ) Tì.
Buon giorno Signor Re!
- Dove siete stati?
-Dalla nonnina!
- A cosa fare?
(mimo) pulire le scarpe

Gioco della nonna
(con la palla contro al muro)  -1 Muovermi-2 senza muovermi-3 ridere-4 senza ridere-5 ad un piede -6 ad una mano-7 batti batti-8 zigo zago-9 un violino -10 un bacino- 11 tocco terra- 12 la ritocco- 13 ali- 14 cinghia - 15 ghèisa.

Fiori- Frutta- Città- Animali-Persone- Cose - punti

Regina, Reginetta, quanti passi devo fare per arrivare al tuo castello tutto d'oro, tutto bello?
Due passi da formica ...
Due passi da leone...

Giro, giro tondo come é bello il mondo casca il cielo, casca la terra
tutti giù per terra.

La bella lavanderina che lava i fazzoletti, per i poveretti della società:
fai un salto, fanne un altro, fai la riverenza, fai la penitenza, ora in sù, ora in giù, dai un bacio a chi vuoi tu.

Din dalan, l'è mòrt un  can, can bocin, s'as ciamava Gioanin
Gioanin cotél, taiaje la pél, la pél dël luv, curicucuv.

Ambarabacciciccoccò tre civette sul comò,
che facevano l'amore, con la figlia del Dottore,
il Dottore si ammalò, ambarabacciciccoccò.

Uno due tre, per le vie di Roma...

Passa Garibaldi con tutti i suoi soldati passerà, passerà, e qualcuno resterà

Ratìn, ratìn còsa 't fasto 'nt mé giardin?
Mangio l'uva pàssola
E la ciav? Sota ël trav
E 'l ciavin? Sota 'l cussìn
E se mi 't ciapo?  Mi scapo!...

Telefono senza fili...

Gioco dei verbi.... incomincia per (L) e finisce per (E) si fa il mimo di (lavare)

Palla schiava ... palla avvelenata...

Un deux trois, le palais de Rois, sanateur tambour, le Rois.

Aulì, aulé que t'àmusé, que t'aprofite a lusinghé
tirilen blen blum, tirilen blen blum.

Gioanin pët pët sigala, a fasìa l'aviator
mancàj la benzina pissaije 'nt ël motor.

Gioco dei difetti (burlina) uno esce e gli altri lo devono accusare.

Batista tira la lista, la lista a s-cianca, Batista s-la banca, la banca s-ciapà Batista nt' ël prà.

Amblimblem sicuterim flen, tieni il mormosel (schiaffetto) che non si può scordare, questo è il gioco di noi soldà, miscion ...miscion...miscion.,..miscion...miscion..,.uno due tre, uno due tre tre a star sotto tocca a te.

Passa Pipeto con la pipa in bocca, guai a chi la tocca, l'hai toccata proprio tu, stai proprio sotto tu.

Sotto la pergola nasce l'uva, prima cresce e poi matura, zafferì, zafferà, uno di voi uscirà.

Sotto il ponte di Verona c'é una vecchia sbrodolona, che pelava le patate ,quante ne pelò? (10) e si incomincia a contare

Faribolade

Doj spiritos...
"Paolin da doe ore a l'é setà
slë scalin ëd na botega
con le man an sacòcia.
-Ciao Paolin, còs fasto lì?
- A-i dis Gino ch'a passa an bici.
-I speto ch'a passa 'l temp.
-A st'ora?  -Ma a l'é già passà n'ora fà!
-Cont-me pa 'd cuche!

Tra doj ciòrgn
-Che ora a l'é?
-A l'é vënner!
-Grassie, come a l'é tard!

Na Madama a va dal maslé

-Còsa a veul?
-Ma, ch'am daga quaicòs...
e 'l maslé a-j dà na bela
pachëttà d'òss e a-i fà:
-A son për chila o për ël can?
-Nò, nò a son për mi,
ma mi i veuj quaicòs
da mangé e pa da ciucié.

San  Rocco

Ogni ann për la festa ëd San Roch al 16 d'Agost,
ant la Borgà dël Folaton a 1000 mt. sla montagna ëd Vaje an Valsusa a-i era  l'abitudine d'anvité un prèive për dì mëssa  e fé la predica.
Ël sacrista a piava nòta su ‘n quaderno fasend na crosëtta ogni vòlta che 'l prèive a nominava 'l Sant. Col ani a l'era stait anvità 'n prèive foresté.
El sacrista, dòpo la fonsion a l'ha avisinasse a brass duvert al prèive e a l'ha dije: " ma i l'eve nominalo pòche vòlte San Ròch!
- V'aspetoma për n'àutr-ann" e a l'ha daje na cita oferta.
L'ann apress l'istess prèive a l'é artornà përché a l'avìa scuvert la sonada ëd coj montagnin e al moment ëd la predica a l'ha subit ancaminà a dì:
San Rocco é un grande Santo. Tutti conoscono San Rocco.
San Rocco era partito da Mompellier in Francia per andare come pellegrino a Roma e lungo il cammino ha incontrato molta gente colpita dalla peste.
Persino le rane nel fosso fanno rocco...rocco...rocco...
Ël sacrista a na certa mira a l'ha braiàje:
“Frena prève, ch'i teno pa pì bon a scrive!”

Ite missa est "la Mëssa l'é finìa, andevne pure an pas"

As contava na vòlta che 'n fiolòt ëd na famija ch'a 'ndasia mai an cesa, a l'ha lasasse tiré da j'àmis a'ndé a Mëssa (che a coj temp prima dël Consej Vatican II as disìa mach an latin) chiel a vardava curios tut lòn ch'a sucedìa ant cola funsion tanto dròla e a osservava con atension tuti ij moviment ch'a fasìo, ij sò amis cericòt për servi Mëssa, sensa capì gnente dla liturgìa...
Finìa la fonsion tornà a ca, sò pare a l'ha interogalo:
- "Andova it ses andà?"
-I son andait con ij mé amis Drijn e Giaco a Mëssa.
Ël pare ancoriosì a vorìa savejne 'd pì. "Còsa ch'a fann an cesa, conta conta! "
- I l'hai vist seurte Drijn, Giaco e 'l Prèive vestì da festa da na stansia che lor a la ciamo " sacrestìa "e 'l Prèive a l'ha subit gavasse 'l bonet e a l'ha dajlo an man a Giaco che a l'é andalo a stërmé daré dl'autar. Peui 'l Préive a l'ha montà jë scalin e a l'é voltasse vers la gent ciamandje se a l'avìo vist andova a l'avìa stërmà 'l bonet. Ma a parlava an latin, mi i l'hai capilo daj gest ch'a fasìa.... Tuti a barbotavo quaicòsa e peui as batìo na man slë stòmi disend: lo giuro che i lo sai pa, cò lor a rëspondijo an latin.
Alora 'l Prèive a l'ha butasse a lese su 'n liber gròss pogià su 'n cavalet peui a l'é girasse e a l'ha rusà tuta la gent ausssand ij brass e am guardava fiss mentre a parlava con na vos gròssa, ma mi i na podìo pròpi pa gnente.
Sla fin fòrsa 'd rusé a l'ha ciamà da bèive ai cericòt che mentre a versavo 'l vin an tërmoland a l'han bagnaje le man e chiel a l'ha suvaje con un fassolet.
Peui Drijn, vist che 'l bonet a sautava pròpi pa fòra, a l'ha passà a cheuje, 'd sòld tra la gent con an sachet pendù a 'n baston për catejne peui n'àutro neuv e 'l Prèive a l'ha ringrassià tuti barbotand quaicosa tut da sol.
Dcò mi i l'hai butà doi sold, dopo i l'hai sentù soné 'n ciòchin e tuti a l'han bassà la testa vardand sota ij banch për tèra an sa e an là sercand 'l bonet dël Prèive, ma gnun a savìa 'ndova a l'era, mach mi i lo savìo.
An sla fin Giaco a l'è andà a pielo e a l'ha rendujlo.  Ël Prèive, tut content a l'ha butaslo an testa e peui a l'è ritirasse an sacrestìa, ma né a mi, né a j'àutri a l'ha pa pì dane ij sòld andaré.

Canson veje

L’epistola ëd Coasse  (Le busiaje ‘d Carlevé)

L’epistola ‘d Coasse
coj ch’a fan pa ‘d rastej
a fan ‘d ramasse……..
Ij negossiant da tupin ‘d Giaven           
jë strassa-papé ‘d Turin
ij rubata-bale ‘d Caslëtte….
A Druent a-i è ‘d bon-a tèra
e ‘d grama gent
ij mat ëd Colegn
ij fagnan d’Alpignan
ij busaté ‘d Rosta
ij buraté ‘d Rivole
la pincërla ‘d Villarbasse….
Trana balorda
Sangan sensa fede
Bruin sensa lege
Piossasch dël diav
Orbassan di Dio
la brava gent dla Rivera…
gambe ràire ‘d Rajan
ij bosaté ‘d perpetua dë Vian-a
Almèis son sta malintèis
ij busiard ëd Rubian-a….
A Novarèj fan ‘d tome mòle
e as lëcco ij dèj
Ciavrie a boit
ij trubula-gent ëd Condòve
ij litigàire ‘d Mòce
a Frassinere i son passà na vòlta
l’han fame core a pere…
A Gandoj l’han ancora ij poj
a S.Valerian
col ch’a l’ha pa la gadan-a a l’ha ‘l gadan
j’obriacon ëd Borgon
a S.Didé ij tira-pé
a Berzeul l’han baratà na dòna
ansema ‘n peirol…
a Bussolin l’han pià Caìn
a Forest l’han daje ‘l rest
a Susa l’han faje la ciarfu…sa…
Mompanté da val
Mompanté da dzora
son passà na vòlta
l’han brusatame tuta la bora….     
ij saliaté ‘d Meana
ij serpan ‘d Màtie
ij musicant ‘d S.Gieuri…
ij divòt do Vilé
a Sant’Antonin fan core ij cin
a la Maisonëtta mangio tròp ‘d lait
peuj a l’han la caghëtta
j’avocat dël Crest ij sauta boisson dël Folaton
a Vaje chi pòrta pa la vesta
pòrta le braje…
Ij negossiant da pom mars  ëd la Ciusa
ij sautisssé ‘d Sant Ambreus
ij mangia trute dij Bërtass
a Vogin ij balarin
a la Sala chi ch’a bat pa l’tamborn
bat la timbala………………….

Laus tibi Criste…

Piemont dev vive…

Ant nòstr cheur ël cel s’anrèisa,
gius ëd tèra a l’é nòstr sangh :
nòstra lenga piemontèisa
l’è la sava ‘d nòstr doman
Refren: Piemont, ardità d’amor
ch’a l’ha dane ‘l Creator…
Piemontèis Piemont dev vive
sij brandé dël nòstr onor.
Ant la ment la vos testarda
dle montagne ‘d nòstr pais,
drinta l’ànima gajarda
branda ‘l feu pa mai dëstiss.
Refren: Piemont, ardità d’amor…
Për Piemont e për l’Euròpa,
gent dla pian-a e gent dij brich,
soma a l’erta ardì sla piòta
con l’ardor dij Gaj antich.
Refren: Piemont, ardità d’amor…

Le fije ‘d Valsusa

Valsusa bela,
la Dòira, a canta
là ‘n sle montagne
sorgiss d’eva ciaira
ij prà a fiorisso
‘d margherite e ‘d papaver
le fiëtte a l’han ël soriss an sij laver.
Refren: Come a son bele le fije ‘d Valsusa
a l’han la grassia dle fior dla montagna
come a son bele le fije ‘d campagna
l’han ël color dle fiorine dij prà.
D’matin bonora
spalanco le fnestre
për bèive l’aria
dla nòstra valada
ël sol a-j bronza
ël vent a-j sgiafela
fior- fior dla tèra
‘d Valsusa bela.
Refren: Come a son bele……..
l’han la frëschëssa dle fiorine dij pra.
Sente le ciòche Dan…
dandano vers seira Dan…
ël sol tramonta
daré dla rochera
la neuit a cala                          
già sponta la lun-a
ch’a fa confonde
la bionda e la bruna
Refren: Come a son bele……
l’han ël perfum ëd le fiorin-e dij pra.

Martina

Bon-a sèira vijòire  la-ri-le-rà  (bis- fòra -M) - Refren- Ohi! Che bel cheur ohi! che bel fior
andoma an cerca dij nostri amanti, për fé l’amor!
Chi i-elo lì di fòra  la-ri-le-rà   (bis-drinta -F) – Ohi! Che bel cheur….
Si na son mi, Martina  la-ri-le-rà (bis- fòra-M) – Ohi! Che bel cheur…
Dova ‘t ses stait, Martini la-ri-le-rà (bis- drinta-F) –Ohi! Che bel cheur…
A la fera, Martina la-ri-le-rà ( bis-  fòra -M)- Ohi! Che bel cheur…
Còs ‘t l’has comprà, Martini la-ri-le-rà  (bis-drinta-F)- Ohi! Che bel cheur…
Un mazzolin, Martina la-ri-le-rà (bis- fòra -M) - Ohi! Che bel cheur…
A chi lo veuli delo la-ri-le-rà (bis -drinta-F) – Ohi! Che bel cheur…
A la pì bela dla stala, la-ri-le-rà ( bis -fòra-M) - Ohi! Che bel cheur….
Chi a l’è la pì bela dla stala  la-ri-le-rà ( bis -drinta-F)- Ohi! Che bel cheur…
A l’è ‘l ciairin vijòire, la-ri-le-rà ( bis- fòra-M) - Ohi! Che bel cheur…
L’eve rason Martini la-ri-le-rà ( bis -drinta-F)  - Ohi! Che bel cheur…
Prontene ‘n po’ le banche la-ri-le-rà ( bis –fòra-M) – Ohi! Che bel cheur…
Le banche a son già pronte la-ri-le-rà ( bis-drinta-F) – Ohi! Che bel cheur…
Duertene ‘n po’ la pòrta la-ri-le-rà (bis-fòra-M) - Ohi! Che bel cheur …
A vòst piasì, Martini, la-ri-le-rà ( bis-drinta –F) - Ohi! Che bel cheur…
Bon-a sèira vijòire la-ri-le-rà (bis- fòra- M) - Ohi! Che bel cheur…

L’è passà la crava

L’è passà la crava ch’a na pasturava ch’a l’ha rot mè ‘l bot
Oh ël bon vin ch’a l’era ‘nt ël mè bot, s’a l’è la crava ch’am l’ha rot, mè bot.
J’è passaje ‘l luv ch’a l’ha mangià la crava, ch’a na pasturava….
 “              ‘l can ch’a l’ha baolaje al luv, ch’a l’ha mangià….
 “              ‘l baston ch’a la batù col can, ch’a l’ha baolaje ….
 “              ‘ l feu ch’a l’ha brusà ‘l baston ….
 “               l’eva ch’a l’ha dëstissà col feu, ch’a l’ha brusà…
 “              ‘l beu ch’a l’ha beivù col ‘eva ch’a l’ha dëstissà….
 “              ‘l maslé ch’a l’ha massà col beu,  ch’a l’ha beivù…
 “               la mòrt ch’a l’ha pià ‘l maslé, ch’a la massà col beu….


La bela bergera

A l’ombreta d’un boisson
bela bergera a l’è ‘ndormìa
a l’ombreta d’un bojsson
bela bergera a l’è ‘ndormìa
l’è da lì passé ‘n très jolì fransé
e a l’ha dit : oh bela bergera
vous l’evì la frev.
E’l galant sentent lòlì
l’é sautà fòra da la baraca
e ‘l galant sentend lolì
l’è sautà fòra da la baraca           
con na viòla an man
s’è butà a soné
a l’ha pià la bela bergera
l’ha fala dansé
con na viòla an man
s’è butà a soné
a l’ha pià la bela bergera
l’ha fala dansé!

Bòndi, bònjor!

Bòndi, bonjor ò père e mère: (bis)
bòndi, bònjor s’im lo doné ;
la vòstra fija dove l’eve mandé?
La nòstra fija l’è andàita an pastura (bis)
l’è andà an pastura a larghé ij moton,
l’è andà an pastura giù për coj valon.
Oh! che giudissi d’un père e ‘d na mère (bis)
mandé la fija così lontan,
soldà dl’armèja la roberan!
La nòstra fija a l’è tanto esperta (bis)
l’è tanto esperta a sa bin parlé,
l’ha pa paura ‘d lassesse robé.
Bòndi, bònjor, ò bela bergera! (bis)
Ël mè bondì s’i veuli aceté,
i na son sì për vnive a giuté
ij mèj moton a na son tanto pasi, (bis)
son tanto pasi as largo da lor,
l’hai pa damanca d’un servitor

Mari mi i lo veui

Mari mi lo veui col murador,      
mari mi lo veui për fè l’amor.
Mari mi lo veui, mari mi lo veui,
mari mi lo veui, mi lo veui, mi lo veui. (bis)
Figlia mia pijlo pà, chiel o vàit a l’òsto. (bis)
Chiel a l’òsto mi a l’osterìa, tuti doi an compagnìa.
Mari mi lo veui, mari mi lo veui
Mari mi i lo veui, mi lo veui, mi lo veui.
Mari mi lo veui col muliné
Mari mi lo veui për taroché
Mari mi lo veui…………..
Figlia mia pijlo pà, chiel o l’hait la rogna. (bis)
Chiel la rogna mi ij poj, grateroma tuti doi.
Mari mi lo veui………….
Mari mi lo veui col bel maslé.
Mari mi i lo veui për andé a balé,
Mari mi i lo veui………….
Figlia mia pijlo pà, chiel o-i ha la geuba (bis)
Chiel la gheuba e mi ‘l gavas, i vivroma tuti an pas.
Mari mi lo veui…………..
Mari mi lo veui col Giovanin.
Mare mi lo veui chiel am veul bin.
Mari mi lo veui…
Figlia mia pijlo pà, chiel o-j-ät rancin. ( bis)
Chiel rancin e mi ancëcà, òhi che cobia bin cobià.
Mari mi lo veui…………

La Mulinera

La Mulinera a l’ha tre sfojor: un a l’è ‘l bòja, un a l’è ‘l bòja
la mulinera a l’ha tre sfojor, un a l’è ‘l bòja
l’àutr l’è ‘l sotror e l’àutr l’è ‘l capò di galera
tich e tich toch e la bela Mulinera.
la Mulinera a l’ha tre sfojor
un a l’è ‘l bòja l’àutr l’è ‘l sotror.
La Mulinera a l’ha tre gavas: un an sacòcia, un an sacòcia.
la Mulinera a l’ha tre gavas, un sacòcia e l’àutr sota al brass
e l’àutr andrinta la tabachera
tich e tich toch e la bela Mulinera,
la Mulinera a l’ha tre gavass
un an sacòcia e l’àutr sota al brass.
La Mulinera a l’ha tre causètt, un a l’è spòrco, un a l’è spòrco
la Mulinera a l’ha tre causètt
un a l’è spòrco ‘l ‘autr l’è maonètt
e l’autr a-i manca la garetiera
tich e tich- toch e la bela Mulinera.
La Mulinera a l’ha tre causétt
un a l’è spòrco e l’autr l’è maonètt.

Serenada

E na sèira pien-a dë stèile,
come costa as vëdd da rair,
a-i è n’ariëtta frëscolin-a
fin-a, fin-a come ‘n val.
E la Dòira a cor e a canta
tra le giaire pian pianin,
smìja  un longh nastro d’argento
ch’a së snòda për la val.
E la lun-a birichin-a                                   
a baricia daré ‘l truch.                   
Con le steile soe sorelle
ant la Dòira as va specié.
D’ant ij bòsch ëd Ròcabrun-a
ël coco a canta  soa canson.
N’arsigneul an lontanansa
a-j respond an sl’istess ton.
Oh! Che sèira ‘d poesìa
tuta pien-a ‘d serenità

Montagne dël me Piemont

Montagne dël mè Piemont, che base an front sta mia sità,
montagne dël mè Paìs, ch’i sghice l’euj al Paradis (bis)
Porté lassù ‘nt ël cel ij seugn d’un bogianen. (bis)
Disejlo che a sta sità, a-i manca ‘l fià për respiré
disejlo, domie na man, domie ‘n pò ‘d sol e ‘n ciel seren
crijé, fé ‘n po’ ‘d rabel, lassù, lassù ‘nt ël ciel. (bis)

Le fabbricante

La capa dël fornel sa l’è già tuta nèira (bis)
sa l’è ‘n pòch nèira ‘n pòch brusà
le fabbricante son rovinà. (bis)
E lor a diso a noi ch’a fan gran polissìa
ma le busche ‘d paja e le ragnà
le fabbricante jë s-cejro pa.         
E lor a diso a noi ch’a l’han tante veste
una a la festa l’autra al dì’d lavor                        
le fabbricante dël filator.
E lor a diso a noi ch’a veulo maridesse
a veulo piè ‘l foresté magior
le fabbricante dël filator.
E lor a diso a noi, ch’a fan trope ore
Gnanca la neuit a deurmo pa
përché a son strache da fé pietà:

O bel giovo dal capel bordà

O bel giovo dal capel bordà (bis)
‘t l’has pa forse vist ël mè an-namorà.
Ël tò an-namorà mi l’hai vistlo ier (bis)
a-i era a la bialera ch’a borava ij beu
ch’a borava ij beu, ch’a borava ij beu.
A borava ij beu, borava ij cavalin
che bela còsa l’è vorèisse bin
l’è vorèisse bin, l’è vorèisse bin.
A l’é vorèisse bin e pa dovèj rusè
la pi bela còsa, l’è podèj canté
l’è podej canté, l’è podej canté.
A l’è vorèisse bin e pa podèisse piè
la pi bela còsa sté da maridè
sté da maridé, sté da maridé.
Le fomne maridà a valo pa ‘n gucin
a-i va tranta spinòle a ten-e sù ij cotin
a ten-e su ij cotin, a ten-e sù ij cotin.
J’omo maridà na valo pa ‘n boton
a-i va tre miria ‘d còrda a ten-e su ij brajon.
Lor van a l’òsto a bato la mojé
a bato la mojé a fan pioré ij masnà.
Ël diav ch’aj pòrta via j’òmo maridà
ël diav ch’a-j pòrta via j’òmo maridà
j’òmo maridà, jòmo maridà.

Còs fasto lì Gigin?

Còs fasto lì, Gigin
ai pé ‘d cola montagna?
Còs fasto lì, gigin
frin-fron trolla-la-ri-la-là
ai pé ‘d cola montagna.
I speto mè marì
ch’a riva da la guèra,
i speto mè marì
frin-fron trolla-la-ri-la-là
ch’a riva da la guèra.
O spetlo pure nen
l’è mòrt ant la bataja,
o spetlo pure nen
frin- fron trolla-la-ri-la-là
l’è mòrt ant la bataja..
Se mè marì l’è mòrt
mi veuj fé penitensa,
se mè marì l’è mòrt
frin-fron trolla-la-ri-la-là
mi veuj fè penitensa.
Mi veuj cò feje ‘l deul
portand la vesta rossa,
mi veuj cò feje ‘l deul
frin-fron trolla-la ri-la-là
portand la vesta rossa.

Giacotross

La canson ëd Giacotross
le nìnsòle a son pa ‘d nos
e le nos son pa ‘d ninsòle
e ij mëssè e ij mëssè                             
son pa le nòre.
E le nòre son pa ij mëssé
e la tera a l’é pa ‘l dnè
e ‘l dné a l’è pa la tera
e la pas e la pas
l’è pa la guera.
E la guera a l’è pa la pas
e la boca a l’è pa ‘l nas
e ‘l nas l’è pa la boca
e ‘l fus e ‘l fus
l’è pa ‘ la roca.
E la roca a l’è pa ‘l fus
e la fnestra a l’è pa l’uss
e l’uss l’è pa la fnestra
e ‘l pan e ‘l pan
l’è  pa la mnestra.
E la mnestra a l’è pa ‘l pan
e la gata a l’è pa ‘l can
e ‘n can l’è pa na gata
e ‘l moton e ‘l moton
l’è pa na mata.
E na mata l’è pa ‘n moton
e na pera a l’è pa ‘n mon
e ‘n mon l’è pa na pera
e ‘l mërcà e ‘l mërcà
l’é pa na fera.
E na fera a l’è pa ‘n mercà
gnanca ‘n prèive a l’è pa ‘n fra
e ‘n fra a l’è pa ‘n prèive
Giacotross,  Giacotross
porté da bèive!

Martino e Mariana

Dova ‘t ses stait Martino
còrpò dij bis
dova ‘t ses stait
sangue dij bis
dova ‘t ses stait Martino.
Son sta al mërcà Mariana
còrpò dij bis
son sta al mërcà
sangue dij bis
son sta al mërcà Mariana!
Còs l’has comprà Martino
còrpò…
sangue…
‘n capel për ti Mariana
còrpò…
sangue….
Còs l’has spendù Martino
còrpò….
sangue…
Cinquanta sòld Mariana
còrpò…
sangue…
L’has spendù tròp Martino
còrpò…
sangue…
Foma la pas Mariana
còrpò…
sangue…

La daré ‘d cola montagna

Là daré ‘d cola montagna
na gra bela fija a-i è                            
E sò pare e la soa mare (bis)
a la veulo maridé
Veulo dèjla al fieul dël Prinsi
fieul dël prinsi, l’Imperator.
Ma mi veuj  col giovineto (bis)
ch’a l’è là ‘nt cola përzon.
E doman a ondes ore
a lo pòrto a fé murì.
Mi veuj pa che chiel a meujra
ma pitòst veuj meuri mi.

Pero, Pero

Quand che Pero l’è rivà lì
sempre sempre tërmolava.
A l’era intré che chiel a vorìa
ma dir nòn s’incalava.
La padron-a ch’a-i era lì
vàire vòlte l’avìa bin dije:
intra Pero!
Si signora bin volentero.      
Quand che Pero a-i era intrà
sempre sempre tërmolava.
L’è setesse che chiel a vorìa
ma dir nòn s’incalava.
La padron-a ch’a-i era lì
vaire vòlte l’avìa bin dije:
intra Pero, set-te Pero
sì, Signora bin volentero.
Quand che Pero l’era setà
sempre sempre tërmolava.
L’è scaudesse che chiel a vorìa
ma dir nòn s’inacalava.
La padron-a ch’a-i era lì
vaire vòlte l’avìa bin dije:
intra Pero, set-te Pero,scau-te Pero.
Sì Signora bin volentero.
Quand che Pero l’era scaudà
sempre sempre tërmolava.
A l’era mangé che chiel a vorìa
ma dir nòn s’incalava.   
La padron-a ch’a-i era lì
vaire vòlte l’avìa bin dije:
intra Pero, set-te Pero, scau-te Pero, mangia Pero
si, Signora bin volentero.

Il fumatore

A quindici anni quando fumai
la prima volta  mi ubriacai
entro una bettola
sopra una scanna
vuotai lo stomaco
mi addormentai
or più non provo
gioia o dolor
son fumatore, son fumator!
Cim-pa ra-pa-ra-cim-pa (bis)
Upa-upa-upa- son fumator!
Guarda che esercito
di pipe nere
tutte in buon ordine                     
là sulla cappa
passo fumando
mattina e sera
un giorno solo
da me non scappa
ora io fumo
da gran Signor
son fumatore
Son fumator!
Cim-pa……
Forse é peccato fumar la pipa
non disse Iddio:
togliete il fumo.
Io da buon uomo
ho meditato
che pur col fumo
io mi consumo
Dunque è una gloria
dire al Signor:
son fumatore
son fumator!
Cim-pa…….

Madama mi i n’hai un…

Madama mi i n’hai un (bis)
Madama mi i n’hai un, n’hai gnun, Madama!
Io tengo la Rosina che mi ama!
Madama mi n’hai doi (bis)
Madama mi i n’hai doi, n’hai un, n’hai gnun, Madama
Io tengo la Rosina che mi ama!
Madama mi n’hai tre (bis)
Madama mi i n’hai tre, n’hai doi, n’hai un, n’hai gnun, Madama!
Io tengo……..

La ‘nt ij bòschi dij Liòn

Là ‘nt ij bòschi dij Liòn, là ‘nt ij bòschi dij Liòn
l’han sentù canté la Bela, là ‘nt ij bòschi dij Liòn
l’han sentù canté la Bela.
Tanto bin coma l’ha cantà, fieul dël re l’ha’n-namorasse.
Chi sarà ch’a canta là l’è na dòna maridàita
maridà ò da maridé, mi la veuj për la mia spòsa.
Fieul dël re fa pianté, ‘n bal, për le dòne maridaite.
Maridà ò da maridé, e la bela as vest da festa.
Va a ciameje a sò marì, s’a la lassa ‘d cò andé chila.
O’ si si ch’it lasso andè, spero mach che ti ‘t ritorni.
O’ si si che tornerò,mi farai come fan j’àutre.
Quand la Bela a l’è sta s’ël bal, fieul dël re a l’ha vëdula.
L’han balà na dansa an doi, peui a l’ha menasla via.
Còs dirà ‘l mè marì, vnì con mi an riva al mare.
Senti ‘n pòch ij mèi masnà, ch’a la ciamo tuti mama.
Pensé nen ai vòst masnà, vòstra cà l’é abandonala.
Mi mia cà la lasso pa, mi i peus nen abandonela.

Ël molita

Mama mia ij molita a calo –e – s’a calo lasséje calé
as na van criand chi veul fé molé.
Mama mia fé molé ël tisòire- le tisòire ch’a tajo pi nen
mi na son bela s’ ij mòla për nen.
Figlia mia ‘t ses impertinenta-impertinenta ‘d na fija sfacià
‘l molit ch’a mòla dev’ esse pagà.
Mama mia voi lo sé pa ancora-lo sé pa ancor pa
molit ch’a mòla l’è ‘l mè inamorà.
Mama mia felo monté d-zora-felo vnì d-zora av-nime a trové
fòrse as decid ëd vorèime sposé.

Maria Gioana

Maria Gioana l’era ‘ns l’uss,
l’era ‘ns l’uss ch’a la filava, oh! (bis)
Trolla-la-là.
L’è passaje sor Meneghin,
còsa l’eve, Maria Gioana, oh? (bis)
Trolla-la-là.                                                             
Son tre di ch’i stagh nen bin
i l’hai tanta mal la testa, oh! (bis)
Trolla-la-là.
Si’t bejvèjsse nen tant vin
mal la testa passerìa, oh! (bis)
Trolla-la-là.
Si bejvèjssa nen tant vin
‘st’ora si sarìa già mòrta, oh! ( bis)
Trolla –la-là.
E quand ch’i meuiro mi
Veuj ch’am sotro ‘nt una cròta, oh! (bis)
Trolla-la-là.
Con le gambe sota ‘l botal
e la boca a la spinela, oh! (bis)
Trolla-la-là

Lassela pa pì scapé

A l’ha doi béj ujìn,
un mars e l’aot ch’aj cola,
a l’ha ‘l morfel al nas
ch’aj cola ‘n gola.
Lassela pa pì scapé
lassela pa pì ‘ndé via,
la treuvi pi nen doman
la bela Maria…   
A l’ha ‘n porét sël nas,
l’è gròss come na bòcia,
a l’ha ‘l gavàs da part
ch’a- i va ‘n sacòcia.
Lassela….
Le gambe faite a ‘rchèt
e ij pé ch’a giro ‘n drinta
e quand ch’a fa pipì
na fa ‘na pinta.
Lassela…
A mangia come ‘n beu,
a bev come na vaca
la sèira, la matin l’è sempre straca.
Lassela….

Arséte

Arséta dla tersa età
Mes chilo ‘d passiensa
1 chilo ‘d comprension
1 chilo e mes ëd dosseur
2 chilo d’umiltà
un pession ëd pì
a guasta pa…
Mës-cé tut adasiòt
giontadije na pugnà
d’alegrìa.                                
Fè cheuse a cit feu
për tuta la vita
ch’a resta.
As peulo varié j’ingredient
second  ij moment
ëd la giornà
e la serenità
farà sò nì
ant la famìja
a chi a l’è sol
la pas dël cheur
a-j farà bon-a companìa.

Ij canëstrej ëd Vaje (‘nt soa parlada)

Chi ch’a vàit an festa a Vàje,
ch’a fàit brut ò ch’a fàit bèl,
o pò pa che fene a meno
ëd mingè chèich canëstrèl
Na giavià ‘d farina biäncä,
na déséna d’euv ‘d gialina,             
tute a n’andi a son ël dòne
e a svorasso la cusin-a.
Mach a vänte savé ‘l dòsi
e pa peui dmantiè lo suche,
la Pinòta i pense a o beuro,
e Marieta i toire e i buche.
Peui la poe dla chërsùa
bèn mës-cèla ‘nt o paston:
vira e toire, toire e vira
con la plòja do limon.
O feu avisch da ‘n pòch o sofie:
a fàit ciaod, ma a fàit pa rän,
bota d’euli sëmpe a n’andi
tené dur o fèr an man.  
Vira’d sai e peui dë ‘d lài,
ahi! Ch’o brose, fé ‘ntension!
Mingè pure ij canëstrèj,
nòsta veja tradisssion!

Le siole pièn-e

Se i veuli pronté ‘n piat ëd siole pièn-e
conforma la costuma ‘d nòstr pais,
për fé j’onor ëd tàula ai vòstri amis,
st’arseta bin da cont a venta tèn-e.
Pijé quàich ësiola, drinta a na ramin-a
d’eva bujenta, deje na broà,
peui buteje ‘nt na sieta bin rangià,            
gavandje ‘l cheur, ch’a fasso da scudlin-a.
El pien va prontà a part: ëd ròst trità
d’euv ësbatù, doe cuciarà ‘d vërdura,
j’avans dle siole cheuite a van giontà.
Na pëssià’d pèiver, sal a vòstr piasì,
ëd gruviera gratà, bon-a misura,
buté ant ël forn, sensa smentié ‘d cundì.

Trute ‘d còj an carpion

Al temp dij nòstri vej ògni famija
quand ch’a mancavo ij dné ‘nt ël pòrtafeuj
për ësmorté la fam ai pari e aj fieuj
butava an tàula un piat ëd fantasìa.
Parèj l’è nàje sta riceta dròla:
“Le feuje ‘d còj brovéje ‘nt la ramin-a
rotoléje e passeje ‘nt la farin-a         
feje doré ‘nt la pèila a pansa mòla.
Sla fin buteje al brusch parèj dij pèss
con gust aproprià e d’asil bon
se a son pa trute ‘d Dòira fa l’istess.
Feje arposè na neuit, l’è sempre mej,
le trute ‘d còj son lì butà an carpion
gusteje con la fam ëd nòstri vej…

J’ancioe al verd

Quand av ven la caosinera
sté pa core dal dotor
iv mostrai mi la manera
për guarì tuti ij dolor.
Pa damanca dlë spessiari:
tute soe specialità                     
për na vòlta là ‘nt sò armari
a podran resté stërmà.                                
Veuj pa felo andé an boleta:
ansi i veuj ch’a sia content
se ‘dcò chiel ëd costa arseta
a farà l’esperiment.
Na pugnà ‘d pnansëmmo, ansema
spagnolin e fiësche d’aj
bin smasì da fé na crema
son le còse principai;
euli sensa economìa
ëd col bon, dël mej ch-a-i-è
un pò ‘d sal, tant ch’a vë smìa,
pèiver, sensa esageré.
L’è la vòlta peui dj’ancioe,
ch’a van tute polidà:
via le teste, via le coe,
dcò le rësche a van gavà.
Bele seulie, bin sernùe,
mach a vëddje a pija ‘l gigèt,
con bel deuit a van stendùe
tute an fila ‘nt un grilèt,
peui as cheurvo con la bagna
voidà ‘nsima pian pianòt:
pì i na bute pi a guadagna
a-i na fussa mes barlòt.
Nen pressesse për mangieje,
quand ch’a son tute rangià
për na neuit venta lasseje
ch’a s’arpòso bin quercià,
peui sareje ‘nt un armari
a lë scur drinta a ‘n crotin
a gatijé l’anvìa dij giari                    
ch’a spassëggio tra ij topin…
E drissand barbis e coe       
a faran mila balèt
a l’onor dle bon-e ancioe
butà a meuje ‘nt ël bagnèt.
Quand che peui a l’é finìa
cola sosta ‘nt ël crotin
s’ancamin-a l’alegrìa
compagnà da ‘n fiasch ëd vin.
Ch’a son còtie, ch’a son grasse,
che përfum, che gust l’han  pià !
Straco pa dent e ganasse
tant son tënre, na quajà !
As peul fessne dle pansade :
l’é ‘l pi bel mangé dël mond!
con dontré dë ste pociade
as guariss un moribond !
Fin-a ‘l diav venta ch’a speta
s’it ses lì a tiré ij caussèt:
a dev cede a costa arseta
dj’ancioin-e ‘nt ël bagnèt.
E…Catlin-a sbalordìa
ch’a aspetava a brass duvèrt
a pìja l’andi e a scapa vìa
col grilèt ‘dj’ancioe al verd.

Festa ‘d Sant’Antonin 1973 (Guardand la festa da Presa Caté)

A son rivà le giòstre
e ij sòlit baracon an mes dla piassa:
la fera dij subièt e dij toron,
casòte ‘d bòsch
ch’a viagio su quatr roe
a fan d’arciam
an sël piassal dle scòle…
Tra le muraje veje dël pais
arbomba ‘l son                               
ëd le canson moderne,
a s-cianca ‘l cheur…
E come sempre ij diretor dla festa
as dan da fé:
gran luminària ‘d sèira,
në s-ciopaté ‘d fusëtte…
moviment fòravìa dle masnà
e tuti a seurto…
Ciaciaro ij vej
an sël canton dlë strà,
a goàrdo e a diso:
-L’è sempre stàit parèj!
- A passo ij musicant
da pòrta a ‘n pòrta
për anvité la gent
a l’alegrìa.
Alegrìa ‘d na giornà!
Doman matin
Celeste a passërà con sò carton
për rablé vìa con lë mnis
ij segn dla festa.

Ij sonèt

Sonèt 1977 (Aspetand ël 2000 temp dë speransa)

Adess i s’avzinoma già al 2000 (mach pi quaich ani e peui cò lor ‘sna van)
còs mai no farà vëdde ‘l sol doman?
Speroma vita fàcila e tranquilla…
Ma… sarà mej spetelo con prudenza
vive con bonsens e fé atension
avèje l’umiltà a disposission
peui soportesse tuti con passiensa.
Mandé quaivòlta ‘dcò la lenga an férie
parlé mach  con ël cheur e col sorìs,
esse ‘d mortaj divers, seurte da ‘n série.
Për l’ann ch’a- i ven foma quaicòsa ‘d  bel
ch’a daga pas a noi e aj nòstri amis
alora nòstr doman a sarà bel!


Sonèt 1978 (Festa ‘d Sant’Antonin)

A peul ësmié ‘n contrast ai temp ch’a coro
pensé ‘d fé festa ‘l dì ‘d Sant’Antonin,
ma se ‘n pais  a sent ancor la veuja
d’unisse an fradlansa për fé ‘d bin
chèicòsa’d bon ch’arberuj e ch’a fërmiòla
i-é ancora ant la cossiensa’d nòstra gent
sgatand, podrìo trovè l’antich corage
ëd vive ‘l mej ch’as peul serenament.
Se ancheuj fussa ‘l dì bon për dësvijesse
al son ëd l’armonìa ch’a sa d’amor
e tuti bin dispòst ant ël giutesse
a spòrze man, uguaj e unì tra ‘d lor,
alora sì ch’a meritrìa ‘d fé festa
pa màche sì ‘nt la festa ‘d nòstr pais,
podrìo anventé la “ Festa dl’amicissia”
an tute part dël mond da bon amis.

Sonèt 1996

Con jë strument lusent ij sonador
dla Banda Musical ‘d Sant’Antonin
a passo tuti an fila a la matin
dla festa dësvijand ël bon umor.
E cost a l’è ‘l signal ëd n’alegrìa
ch’a ‘nvita a vive ‘n dì ‘nt la tradission
ch’a uniss ansema la popolassion
come s’a fussa n’unica famija.
Ij vej arvivo an cheur tut un passà:
divento giovo ‘d gòj an fantasìa
e pasi as gòdo ‘l frut dij sò sudor.
Ij giovo ch’a van sercand felicità
tra ij fum ‘d na vita dròla e fòravìa
peulo trovela mach se as ciama “AMOR”!

Sonèt 1997

Ecco ‘n sonèt che pròpi st’ann a invita
a celebré na festa ‘n pò special
përché la nòstra Banda Musical
a l’è chërsùa e a l’ha vint ani ‘d vita.
Quante serade e quanti bej concert
l’han arlegrà la gent ëd nòstr pais
come n’arciam giojos che tuti a unis
pressiosa st’ocasion che gnun a perd.
Che veuja ‘d vive e ‘d gran serenità
gòj e speransa a seurto da le nòte
ch’arson-o ant l’aria ‘d tute le contrà.
Sonador “ tut okaj” a son-o bin
vardé mach che bej fieuj, che bele tòte
viva la banda giov ‘d Sant’Antonin.

Sonèt 1998 (Temp ëd la sëmna)

E ‘l” meno-doj” a l’é lì ‘nt la cun-a
sonet d’auguri për Sant’Antonin
ancheuj chi a sëmna come ij campagnin
sarà content, a lo dis cò la lun-a.
Mànie argaucià tuta la smens an man
partoma ardì ant la matin bonora
fa gnente se la gent a deurm ancora
sëmnoma mach che as cheujerà doman.
Tèra, gradis l’oferta generosa
ëd l’òm ch’a sëmna ‘d cheur a pien-e man
travaja cola smens e sij bondosa.
A guardo ij vej lassù dal Paradis
a vëddo già la smens diventè pan
e ‘l Pare Eterno ‘d cheur la benedis


Sonèt 1999 (Temp ëd silensi)

«Meno-un» as presenta a noi ancheuj
al ritmo d’un tamborin për le contrà
a veul porté ‘n message an nòstre cà:
«fé ‘n pò ‘d silensi, fé cessé l’arbeuj.
Se i veuli sente l’aria del 2000
scoté ‘l respir dla tèra e dle masnà
parleje ansema ai fieuj, mame e papà
scoteje sempre, ma duvrije capila
che la famija a l’è na miniatura
ëd tut ël mond, se as veul an pòch ëd pas
venta sëmnela e peui speté ch’a mura…
Aussé ‘dcò  j’euj al cel, vorèisse bin
strenzve le man ansema an segn ëd pas
pieuva dë  steile su Sant’Antonin.

Sonet dël 2000 (Salutoma il neuv secol)

Con ël 2000 ‘l secol l’è finì
na stòria veja…fa piasì contela…
Ma adess l’è ora d’ giré ‘l feuj dla vita
guardoma anans, che già l’ doman a speta
provoma a seurte tuti da le  ca
andoma për le stra dël nòstr pais
trovomse an piassa unì con le masnà
për pronté ‘n bel proget ëd nòstr avnì.
La Banda Musical l’è fàita ‘d giovo
chila a sa dene ‘l “là” la nòta giusta
për saluté ‘l passà con bon umor
e për dè ‘l bin-avnù al secol neuv
che a riva an tute ca an sj’onde dl’aria
basta sgnaché ògni dì ‘l boton dl’Amor.

Sonèt dël 2001

E cost a l’è ‘l prim ani dël 2000
veule pròpi savèj la prima neuva?
Le teste dij sapient fonsion-o a pila
ma prima ‘d fonsioné as buto an preuva.
Ij cheur a bato ancora ma a conteur
montà a l’infinì mach pì ‘n sl’amor
se a-i è d’amor a bat për sempre ‘l cheur
l’erbo dla vita sarà sempre an fior.
La mòda për le dòne a sarà stramba
tuta ispirà ai pianeta e a la fortun-a
sarà an lamé giù fin-a al fond dla gamba
sìa për la bionda che për la brun-a
le cobie a partiran al son dla banda
për andesne a passé ‘l Week-ènd sla lun-a.

Sonèt 2002 (sonèt d’amor e dë speransa)

Come na fàula veja dël passà
a-i nass na bela reusa ant ël giardin
e peui a chërz come a fan le masnà
sugnand un bel avnì tut pien ëd bin.
A l’ë sponté dël sol a fa na dansa
s’anamora dël vent ch’a la gatìja
giugandje ansema amor con la speransa
a vòlo ant l’ària dossa ch’a-j dësvìja.
Chila a-j dà sò përfum ëd bela fior           
as fa ambrassé da chiel ant l’abandon
as fa cuné con ën sospir d’amor.
“Ma acheuj as peul ancor voréisse bin?”
Ël vent a-j dìs che ‘d sì con gran passion
“L’amor, col ver, arnass ògni matin!”

Prete di montagna (a Don Adolfo Ravetto)



Prete di montagna
tu che conoscevi in profondità il silenzio dei boschi
e il sospiro del creato…
Prete di montagna
anima che vola
nella nebbia mattutina
e sul tardi, all’imbrunire
sempre in cerca di una famiglia
per sederti accanto al fuoco
a cantare insieme con amore
molte lodi al Creatore.
Prete di montagna
tu hai vissuto le giornate difficili
al tempo di guerra
ma lavorando sodo, tagliando la legna
e facendo muri di pietra
poi pregando ogni momento
trovavi il modo
per passare più in fretta il tempo.
Prete di montagna
quando arrivava la notte
lì seduto sul muretto
la tua voce calda si sentiva
risuonare nei valloni
e le stelle fremevano
per il bene che tu seminavi
a piene mani.
Prete di montagna
maestro di vita
tu bonariamente ci dicevi:
“Bisogna sempre essere amici
e ricevere a braccia aperte
e col sorriso
il forestiero che arriva”.
Grazie di cuore
per tutto ciò che ci hai insegnato
nel campo della carità
ci hai dato buon esempio
tacendo…
Tu adesso canta qui con noi
per dire grazie al Signore.



Il sentiero dei Franchi

Solo la Dora, le rocce e le cime
possono raccontare la storia della nostra valle
li hanno visti i Franchi sulla cima e nel vallone
fermarsi a bere l’acqua dei nostri ruscelli…
Risuonano ancora i passi nelle brughiere
sul sentiero del tempo passato:
rumori di arnesi da guerra tutti armati
si sentono ancora tra i boschi delle voci forestiere…
Figure vivaci, spinte da un ideale
di conquista o solo forse di difesa
chi lo sa mai se poi avevano pretesa
di depredare oppure seminare del male?
Era allora il tempo delle conquiste …
e nessuno aveva in mente di seminare  pace,
adesso sono altri tempi e non per caso
se non si cambia ideale sono cose tristi.
Chi vuole arrampicarsi per farsi buon sangue,
può fare tappa al Cresto, nella borgata,
e poi salire, salire è tutto segnato
e andare a cercare il famoso “ Sentiero dei Franchi!”  

Bufera
-Bufera sulle montagne
bufera sul Rocciamelone…
Il vento soffia,
fischia
intorno alla cima
nebbia che sale
su dal vallone
grigia
fitta
che nasconde tutto…
Bufera sulle montagne …
bufera nel cuore della gente,
che piange
che spera
che chiama aiuto…
si affanna
litiga
si arrabbia…
ma oltre la nebbia
che sole
che pace!

Domani

Le stelle a mille a mille
risplenderanno domani
come le stelle, gli occhi dei saggi.
Farà chiaro ai cuori la luce del cielo,
quando fratelli saremo
e sotto l’arcobaleno
la terra risuonerà
di una canzone nuova…
Sarà una musica giovane piena d’armonìa:
una primavera
quando busseremo
alla porta della Pace!

Sogno

Sogno mia valle
al mattino presto
fresca di rugiada
quando nasce il sole
i fiori si aprono
tra le erbe che ondeggiano
ad una folata di vento
per rendere grazie al Creatore.
Sogno la mia valle a mezzogiorno
riscaldata dal sole dell’estate
che scalda le pietraie
là dove il silenzio spegne l’eco dei suoni
che dai valloni salgono/ e si perdono sulle cime
scenario eterno fisso attraverso i tempi.
Sui tetti tranquilli delle case
una nuvola di fumo esce dal vecchio camino
e racconta che nella valle
vi è del lavoro
e tutti vanno d’accordo.
Bambini vivaci che arrivano
da molte parti del mondo
lì sul piazzale della Chiesa
impazienti di giocare assieme…
Sento cantare di sera
dopo il tramonto vecchie canzoni d’amore
giovani che danzano con le mani alzate
mentre le campane suonano le ore.
Ti sogno cara valle, d’inverno
nel silenzio
quando la neve scende
e tutti tacciono
per aspettare Natale…
Sogno la mia Chiesa antica
con il tetto in lastre di pietra
e in cima al vecchio campanile
rifatto a nuovo una croce illuminata
di una fede ver

Montagne dei miei vecchi

Montagne dei miei vecchi
il vostro lamento io sento
quando il vento soffia
e scende la notte…
Io sogno case di pietra
con le lose rovesciate al sole
la mulattiera che passa nel bosco
e il silenzio selvaggio
dove risuonano i passi dei muli
someggiati.
Sento cantare i giovani
nell’aja
e da un vallone all’altro
il richiamo dei montanari
per salutarsi.
Questa è la montagna!
Non c’è bisogno di strade
per trovarsi
sussurrano i ruscelli…
i attraversava a piedi
la cima
dalla Val Sangone alla Val Susa,
poi arrampicarsi,
arrampicarsi fino al Rocciamelone
Montagna Santa
regina dell’Arco alpino.
Pellegrinaggio di anime
e tutte penitenze bagnate di sudore
profumate dai sacrifici
erano rose e fiori
per chi incontrarsi vuole
ai piedi di una Madre
con altri fratelli
montagne dei miei vecchi!

Filastrocche

Gigi, Gigi, cerca il suo berretto;
dove mai l'avrà ficcato?
In un cantuccio sotto il letto?
Cerca e sbuffa, magna e pesta;
se ne accorge che l'ha in testa.

Quant che mi ero piccinin, me papà sapava l'òrto,
faceva così, faceva cosà e poi si riposava
batteva di pié batteva le man e poi si riposava
tralla tralla trallalà

E' arrivato l'ambasciatore, dai monti e dalle valli (2 volte)
Oilì..Oilì...Oilà
Cosa vuole l'ambasciatore...
Vuole una ragazza...
chi sarà questa ragazza....

Pim pòm d'òro la lincia la lancia, quanti giorni sei stato in Francia
al lunedì al martedì pim pom d'òro
't ses  sota tì

Din, don, dan, domani é festa si mangia la minestra
la minestra non mi piace, si mangia pane e brace
la brace é troppo nera, si mangia pane e pera
la pera é troppo dura
sì va a letto adirittura

Palla pallina, dove sei stata dalla nonnina
cosa ti ha dato, una pallina,
fammela vedere eccola quà.                              

Bum, cade la bomba in mezzo al mare
mamma mia mi sento male, mi sento male di agonìa
prendo la barca e fuggo via, fuggo via di là del mare
dove sono i marinai, che lavorano notte e dì
sei proprio sotto (o fuori) Tì.

Buon giorno Signor Re!
- Dove siete stati?
-Dalla nonnina!
- A cosa fare?
(mimo) pulire le scarpe

Gioco della nonna
- (con la palla contro al muro)
-1 Muovermi
-2 senza muovermi
-3 ridere
-4 senza ridere
-5 ad un piede
-6 ad una mano
-7 batti batti
-8 zigo zago
-9 un violino
-10 un bacino
-11 tocco terra
-12 la ritocco
-13 ali
-14 cinghia
-15 ghèisa.

Fiori- Frutta- Città- Animali-Persone- Cose - punti

Regina, Reginetta, quanti passi devo fare per arrivare al tuo castello tutto d'oro, tutto bello?
Due passi da formica ...
Due passi da leone...

Giro, giro tondo come é bello il mondo casca il cielo, casca la terra
tutti giù per terra.

La bella lavanderina che lava i fazzoletti, per i poveretti della società:
fai un salto, fanne un altro, fai la riverenza, fai la penitenza, ora in sù, ora in giù, dai un bacio a chi vuoi tu.

Din dalan, l'è mòrt un  can, can bocin, s'as ciamava Gioanin
Gioanin cotél, taiaje la pél, la pél dël luv, curicucuv.

Ambarabacciciccoccò tre civette sul comò,
che facevano l'amore, con la figlia del Dottore,
il Dottore si ammalò, ambarabacciciccoccò.

Uno due tre, per le vie di Roma...

Passa Garibaldi con tutti i suoi soldati passerà, passerà, e qualcuno resterà

Telefono senza fili...

Gioco dei verbi... incomincia per (L) e finisce per (E) si fa il mimo di (lavare)

Palla schiava... palla avvelenata...

Gioco dei difetti (burlina) uno esce e gli altri lo devono accusare.

Amblimblem sicuterim flen, tieni il mormosel (schiaffetto) che non si può scordare, questo è il gioco di noi soldà, miscion ...miscion...miscion.,..miscion...miscion..,.uno due tre, uno due tre tre a star sotto tocca a te.

Passa Pipeto con la pipa in bocca, guai a chi la tocca, l'hai toccata proprio tu, stai proprio sotto tu.

Sotto la pergola nasce l'uva, prima cresce e poi matura, zafferì, zafferà, uno di voi uscirà.

Sotto il ponte di Verona c'é una vecchia sbrodolona, che pelava le patate ,quante ne pelò? (10) e si incomincia a contare

Faribolade

Un Parroco di montagna mentre sta celebrando la Messa, arrivano ospiti in parrocchia. La perpetua non sa cosa fare per pranzo.
Le viene l'idea di cucinare un pollo si presenta alla finestra che da sulla chiesa con il pollo in mano lo fa vedere al Parroco che vedendolo risponde:
Bene facisti Caterinella mostrare pollum dalla finestrella;
dimidium bollitum, dimidium arrostum, per Cristum Dominum nostrum.

L’Epistola di Coazze

(Era l’espressione scherzosa riferita agli abitanti della valle e dintorni nel periodo di carnevale)
L’Epistola di Coazze
quelli che non fanno rastrelli
fanno delle scope…
I negozianti di otri di Giaveno
gli straccia carte di Torino
i raccattapalle di Casellette…
A Druento vi è una buona terra
e cattiva gente/ i matti di Collegno
i pelandroni di Alpignano
i raccogli sterco di Rosta
i burattinai di Rivoli
il vinello di Villarbasse…
Trana balorda
Sangano senza fede
Bruino senza legge
Piossasco del diavolo
Orbassano di Dio
la brava gente di Rivera…
Gambe sottili di Reano
i raccogli sterco di Avigliana
ad Almese sono stato malinteso
i bugiardi di Rubiana….
A Novaretto fanno del formaggio molle
e si leccano le dita
Caprie nascosti
i tormenta gente di Condove
i litiganti di Mocchie
a Frassinere sono passato una volta
mi hanno fatto correre a pietre…
A Gandoglio hanno ancora i pidocchi
a S.Valeriano
quello che non ha la “gadan-a a l’ha ël gadan …”
gli ubriaconi di Borgone
a S.Didero i tirapiedi/ a Bruzolo hanno scambiato  una donna / con un paiolo…/ A Bussoleno hanno preso Càino/ a Foresto gli hanno dato il resto/ a Susa gli hanno fatto il sugo…../ Mompantero da valle
Mompantero di sopra
sono passato una volta
mi hanno bruciacchiato tutti i peli…
I salettieri di Meana
i serpenti di Mattie
i musicanti di San Giorio…
i devoti del Villarfocchiardo
a Sant’Antonino fanno correre i cani
alla Maisonetta mangiano troppo latte
poi hanno la dissenteria
gli avvocati del Cresto
i salta cespugli del Folatone
a Vaje chi non porta il vestito
porta i calzoni….
I negozianti di mele marce della Chiusa
i salumieri di S.Ambrogio
i mangia trote dei Bertassi
a Vogino i ballerini
alla Sala chi non batte il tamburo
batte la batteria…

Il Piemonte deve vivere

Nel nostro cuore il cielo deve radicarsi,
liquame della terra il nostro sangue:
nostra lingua piemontese
è la linfa del nostro domani.
Piemonte, eredità d’amore
che ci ha dato il Creatore,
piemontesi, il Piemonte deve vivere,
sugli alari del nostro onore.
Nella mente la voce testarda
delle montagne del nostro paese
dentro l’anima gagliarda
arde il fuoco mai spento
Piemonte eredità d’amore…
Per il Piemonte e per l’Europa
gente del piano e gente dei monti
siamo all’erta vivaci sulla gamba
con l’ardore degli antichi Galli:
Piemonte, eredità d’amore…

Le ragazze di Valsusa

Valsusa bella,
la Dora canta
la sulle montagne
sorgenti d’acqua chiara
i prati fioriscono
le margherite e i papaveri
le ragazze hanno il sorriso sulle labbra.
Come sono belle le ragazze di Valsusa
hanno la grazia dei fiori di montagna
come sono belle le figlie della campagna
hanno il colore dei fiori del prato.
Al mattino presto
spalancano le finestre
per bere l’aria
della nostra vallata
il sole le abbronza
il vento le schiaffeggia
fiori della terra
di Valsusa bella.
Come sono belle…….
hanno la freschezza dei fiori del prato.
Sentite le campane
suonano verso sera
e il sole tramonta
dietro ai monti
la notte scende
già spunta la luna
che fa confondere  la bionda con la bruna:
Come sono belle……..
hanno il profumo dei fiori del prato.

Martina

Buona sera ragazze la-ri-le-rà
Oh! Che bel cuore, oh!
Che bel fiore,
andiamo in cerca dei nostri amanti,
per far  l’amore.
Chi é lì fuori
Sono io Martina
Dove sei stato Martini?
Alla fiera
Cos’hai comperato?
Un mazzolino
A chi l’ho volete dare?
Alla più bella della stalla
Chi è la più bella della stalla?
E’ il lumicino…… ragazze
Avete ragione Martini
Preparateci le panche
Le panche sono già pronte
Aprite la porta
A vostro piacere Martini…
Buona sera ragazze!

È passata la capra

E’ passata la capra che pascolava, ha rotto il mio botticino
Oh! Il buon vino che era dentro che la capra mi ha rotto.
E passato il lupo che ha mangiato la capra che pascolava…
È passato il cane che ha abbaiato al lupo che ha mangiato…
È passato il bastone che ha bastonato quel cane che ha abbaiato…
È passato il fuoco che ha bruciato il bastone…
È passata l’acqua che ha spento il fuoco…
È passato il bue che ha bevuto l’acqua…
È passato il macellaio che ha ucciso il bue…
È passata la morte che ha preso il macellaio…                                                                                                                                                                                                               
La bella pastora

All’ombra di un cespuglio
la pastora è addormentata
e di lì passando un bel francese
oh! Bella pastora
voi avete la febbre
il fidanzato sentendola
è uscito dalla stalla
con una viola in mano
si è messo a suonare
ha sollevato la bella pastora
e l’ha fatta danzare!

Spazzacamino

Spazzacamino, spazzacamino
ho freddo e fame, son poverino.
In riva al lago, dove son nato
ho la mia mamma abbandonato.
Rit. Come l’uccello, che lascia il nido
per guadagnare qualche quattrin
e tutto il giorno vò attorno e grido
spazzacamino, spazzacamin!
Spazzacamino, spazzacamino        
ho freddo e fame, son poverino
Torino è grande, ma il paesello
dove son nato, è assai più bello.
Rit. Come…

Buondì, buon giorno

Buondì, buon giorno o padre e madre
dove avete mandato vostra figlia?
La nostra figlia è andata a pascolare i montoni
giù per quel vallone.
Che giudizio di un padre e di una madre
mandare la figlia così lontano
i soldati ve la ruberanno.
La nostra figlia è tanto esperta
sa ben parlare
non ha paura di farsi rubare
Buondì buongiorno mia cara pastora
il mio buon giorno se volete accettare
son venuto per aiutarvi
i miei montoni sono molto calmi
non ho bisogno di un garzone.

Madre io lo voglio

Madre io lo voglio quel muratore per fare l’amore
Figlia mia non prenderlo
lui va sempre all’osterìa
così andiamo in compagnia
Madre io voglio quel mugnaio per taroccare
Figlia mia non prenderlo
lui ha la rogna e io i pidocchi
gratteremo insieme:
Madre io voglio il bel macellaio
per andare a ballare
Figlia mia non prenderlo
lui ha la gobba e io il gozzo
vivremo in pace
Madre io voglio il ciabattino
lui mi vuol bene
Figlia mia non prenderlo
lui è tirchio e io andante
facciamo una bella coppia.
Madre io lo voglio, lo voglio, lo voglio.

La mugnaia

La mugnaia ha tre sfogliatori,
uno è il boja, l’altro il becchino e il capo delle carceri:
tich e tich e toch la bella mugnaia.
La mugnaia ha tre gozzi:
uno in tasca, uno sotto il braccio e l’altro nella tabacchiera.
La mugnaia ha tre calze
uno è sporco, uno è sudicio e l’altro senza garettiera.

Serenata

E’ una sera piena di stelle
come questa si vede di rado.
Vi è un’arietta frescolina
fine fine come in valle.
E la Dora corre e canta
tra la ghiaia pian pianino
sembra un lungo nastro d’argento
che si snoda per la valle.
E la luna biricchina
fa nascondino dietro il trucco
con le stelle sue sorelle
nella Dora va a specchiarsi.
Dai boschi di Pietra bruna
il cuculo canta la sua canzone.
Un usignolo in lontananza
risponde con lo stesso tono.
Oh! Che sera di poesia
tutta piena di serenità.

Montagne del mio Piemonte

Montagne del mio Piemonte
che baciate in fronte la mia città,
montagne del mio paese,
che sbirciate con l’occhio il Paradiso
portate lassù nel cielo i sogni di un piemontese.
Ditelo a questa mia città che le manca il fiato per respirare
Ditelo, diamogli  coraggio
e un pò di sole e un cielo sereno
gridate, fate un po’ di baccano, lassù, lassù nel cielo.

Le operaie

La cappa del camino è già tutta nera
è già nera e un pò bruciata
le operaie son rovinate.
Esse dicono a noi che fan tanta pulizia
ma i bruscoli di paglia e le ragnatele
le operaie non le scorgono.
Esse dicono a noi che hanno tanti vestiti
una per la festa e l’altra per i giorni di lavoro
le operaie del filatoio.
Esse dicono a noi che vogliono maritarsi
vogliono prendere un forestiero più ricco
le operaie del filatoio.
Esse dicono a noi che fanno troppe ore
neanche la notte non dormono più
perché son stanche da far pietà.

O bel ragazzo dal cappello bordato

O bel ragazzo dal cappello bordato
non hai forse visto il mio innamorato?
Il tuo innamorato l’ho visto ieri
era alla bealera che toccava i buoi
toccava i buoi toccava i cavallini
che bella cosa è volersi bene.
Volersi bene e non dover litigare
la più bella cosa è poter cantare.
Volersi bene e non doversi impegnare
la più bella cosa è stare da maritare
Le donne maritate non valgono uno spillo
ci vogliono trenta fermagli per tenere su le gonne.
Gli uomini maritati non valgono un bottone
ci vogliono trenta chili di corda per tenere su i pantaloni.
Loro vanno all’osteria e poi battono la moglie
battono la moglie e fanno piangere i bambini.
Il  diavolo porti via gli uomini maritati.

Cosa fai lì Luigina

Cosa fai lì Luigina
ai piedi di quella montagna?
Cosa fai, lì Luigina;
frin-fron trolla-l-ri-la-là ai piedi di quella montagna?
Aspetto mio marito
che torni dalla guerra.
O non devi aspettarlo,
è morto nella battaglia.
Se mio marito è morto
voglio fare penitenza.
Voglio anche portare il lutto
mettendo un vestito rosso.

Giacomo robusto

La canzone di Giacomo robusto
le nocciole non sono noci
e le noci non sono nocciole
e i suoceri i suoceri
non sono le nuore.
E le nuore  non sono i suoceri
e la terra non è il denaro
e il denaro non è la terra
e la pace e la pace
non è la guerra.
E la guerra non è la pace
e la bocca non è il naso
e il naso non è la bocca
e il fuso e il fuso
non è la rocca.
E la rocca non è il fuso
e la finestra non è l’uscio
e l’uscio non è la finestra
e il pane e il pane
non è la minestra.
E la minestra non è il pane
e la gatta non è il cane
e un cane non è una gatta
e il ragazzo non è una ragazza
e il ragazzo e il ragazzo non è la ragazza.
E un ragazzo non è un ragazzo
e una pietra non è un mattone
e un mattone non è una pietra
e il mercato e il mercato
non è una fiera.
E la fiera non è un mercato
nemmeno un prete non è un frate
e un frate non è un prete
Giacomo robusto,
Giacomo robusto portate da bere.

Martino e Marianna

Dove sei stato Martino
corpo di bis
dove sei stato
sangue di bis
dove sei stato Martino.
Sono stato al mercato Marianna
corpo…
sangue…
Cosa hai comperato Martino?
corpo…
sangue…
Un cappello per te Marianna
corpo…
sangue…
Cosa hai speso Martino
corpo…
sangue..
Cinquanta soldi Marianna
corpo…
sangue…
Hai speso troppo Martino
corpo…
sangue…
Facciamo la pace Marianna
corpo…
sangue…

La dietro a quella montagna

La dietro quella montagna una gran bella ragazza c’é
e suo padre e la sua madre la vogliono maritare.
Vogliono darla al figlio del Principe, l’Impertore.
Io voglio quel giovane che è in quella prigione.
E domani alle undici lo uccideranno
Io non voglio che lui muoia
ma piuttosto voglio morire io.

Pietro, Pietro

Quando Pietro era li
sempre sempre tremava
era entrare che voleva
ma non si osava dirlo.
La padrona che era li
tante volte aveva detto:
entra Pietro!
Si Signora ben volentieri.
Quando Pietro era entrato
sempre sempre tremava.
Era sedersi che voleva
ma non osava dirlo:
La padrona che era li
tante volte gli aveva detto
entra Pietro, siediti Pietro.
Si Signora ben volentieri.
Quando Pietro era seduto
sempre sempre tremava.
Era scaldarsi che lui voleva
ma non si osava dirlo.
La padrona che era lì
tante volte gli aveva detto:
Entra Pietro, siediti Pietro, scaldati Pietro.
Si, Signora ben volentieri.
Quando Pietro si era scaldato
sempre sempre tremava
era mangiare che lui voleva
ma non si osava dirlo.
La padrona che era li
tante volte aveva detto:
Entra Pietro, siediti Pietro,
scaldati Pietro, mangia Pietro
Si Signora ben volentieri.


Il fumatore

A quindici anni quando fumai
la prima volta  mi ubriacai
entro una bettola
sopra una scanna
vuotai lo stomaco
mi addormentai
or più non provo
gioia o dolor
son fumatore, son fumator!
Cim-pa ra-pa-ra-cim-pa (bis)
Upa-upa-upa- son fumator!
Guarda che esercito
di pipe nere
tutte in buon ordine                     
là sulla cappa
passo fumando
mattina e sera
un giorno solo
da me non scappa
ora io fumo
da gran Signor
son fumatore
Son fumator!
Cim-pa……
Forse é peccato fumar la pipa
non disse Iddio:
togliete il fumo.
Io da buon uomo
ho meditato
che pur col fumo
io mi consumo
Dunque è una gloria
dire al Signor:
son fumatore
son fumator!
Cim-pa…….

Signora io ne ho uno

Signora io ne ho uno
Signora io ne ho uno;
io non ne ho nessuno,
Signora Io tengo la Rosina che mi ama!
Signora io ne ho due;
Signora io ne ho uno, io ne ho nessuno Signora
io tengo la Rosina che mi ama.

Là nei boschi di Lione

Là nei boschi di Lione
han sentito cantare la bella
là nei boschi di Lione han sentito cantare la bella:
Tanto bene ha cantato
il figlio del Re si è innamorato.
Chi è che canta è una donna maritata.
Maritata o da maritare io la voglio come mia sposa.
Il figlio del Re ha fatto fare un ballo
per le donne maritate
da maritare o maridate
la bella si veste da festa.
Va chiamare al suo marito
se lascia andare anche lei
si la che lascio andare
spero solo che ritorni
si che ritonerò
farò come fanno le altre.
Quando la bella è stata sul ballo
il figlio del re l’ha veduta.
Hanno ballato una danza in due
poi se l’è portata via.
Cosa dirà mio marito
che non mi vedrà ritornare?
Non pensate al vostro marito
venite con me sulla riva del mare.
Sentite i miei bambini che chiamano mamma.
Non pensate alla vostra casa
la vostra casa l’avete abbandonata.
Io la casa non la lascio
io non posso abbandonarla.

L’arrotino

Mamma mia gli arrotini scendono
e se scendono lasciali scendere
se ne vanno urlando chi vuole fare affilare le lame.
Mamma mia fate affilare le forbici
le forbici che non tagliano più
io sono bella li affila per niente.
Figlia mia sei impertinente
impertinente di una figlia maleducata
l’arrotino deve essere pagato.
Mamma mia voi non lo sapete ancora
l’arrotino è il mio innamorato.
Mamma mia fatelo salire sopra
fatelo salire a venirmi a trovare
forse si decide di sposarmi

Maria Giovanna

Maria Giovanna era sulla porta,
era sulla porta che filava oh!
E’ passato Sig. Meneghino,
cosa avete Maria Giovanna?
Sono tre giorni che non stò bene
ho tanto mal di testa
Se beveste meno vino mal di testa vi passerebbe.
Se bevessi meno vino a quest’ora sarei già morta.
E quando morirò,
voglio che mi seppelliscano in una cantina del vino.
Con le gambe sotto la botte e la bocca al rubinetto,
oh! Trulla-la-là

Non lasciatela scappare

Ha due bei occhietti
uno malato e l’altro che gocciola
ha il naso che cola/ che va nella gola.
Non lasciatela scappare
non lasciatela andar via la bella Maria.
Ha un bruccoletto sul naso
é grosso come una boccia
ha il gozzo da una parte
che scende in tasca.
Non lasciatela…
Ha le gambe fatte ad arco
e i piedi che girano dentro
e quando fa pipì ne fa una bottiglia.
Mangia come un bue
e beve come una mucca,
la sera al mattino è sempre stanca.

Ricetta della terza età

Mezzo chilo di pazienza
1 chilo di comprensione
1 chilo e mezzo di dolcezza
2 chili di umiltà
un pizzico di più non guasta…
Mescolare il tutto adagio
aggiungendo un po’ di allegrìa.
Fare cuocere a fuoco lento
per tutta la vita che rimane.
Si possono variare gli ingredienti
secondo i momenti
della giornata
e la serenità
farà il suo nido
nella famiglia
a chi é solo
la pace del cuore
farà buona compagnia.

I canestrelli di Vaje

Chi va in festa a Vaie
che faccia brutto o bello;
non può farne a meno
di mangiare qualche canestrello.
Una scodella di farina bianca,
una decina di uova di gallina,
tutte operose sono le donne
rivoluzionano la cucina.
Solo bisogna sapere le dosi
non si può dimenticare lo zucchero,
Giuseppina pensa al burro,
e Maria mescola e guarda.
Poi il lievito/ mescolarlo nell’impasto:
gira e rimesta, rimesta e gira
con la buccia di limone grattugiata.
Il fuoco intanto arde
fa caldo, ma non importa,
bottiglia d’olio sempre in atto
tenere il ferro con le mani,
gira di quà e poi di là,
ah! Come brucia, fate attenzione!
Mangiate pure i canestrelli,
nostra vecchia tradizione!

Le cipolle ripiene

Se volete preparare un piatto di cipolle ripiene
secondo il costume del nostro paese,
per fare onore a tavola ai vostri amici,
questa ricetta bisogna tenere in mente.
Prendete delle cipolle
fatele cuocere in una pentola
sistematele in un recipiente di terracotta ben aggiustate
togliendo il cuore, in modo da fare scodella.
Il ripieno và preparato a parte; con arrosto tritato
uova sbattute
due cucchiai di verdura
aggiungere la rimanenza delle cipolle.
Un pizzico di pepe, sale a vostro piacere
formaggio gratuggiato
in buona misura,
introdurre nel forno
senza dimenticare di cospargere fiocchetti di burro.

Le trote di cavolo

Al tempo dei nostri vecchi ogni famiglia
quando mancavano i denari nel portafoglio
per spegnere la fame ai padri e ai figli
metteva in tavola un piatto di fantasìa.
Così è nata questa ricetta strana.
Foglie di cavolo bollite in una pentola
arrotolarle e passarle nella farina
farle dorare in padella sdraiate
infine metterle sotto aceto come pesci
con i gusti appropriati e aceto buono
se non sono trote della Dora fa lo stesso.
Farle riposare una notte è sempre meglio
le trote sono lì messe in “carpione”
gustatele con la fame dei nostri vecchi!

Le acciughe al verde

Quando vi viene la nostalgia
non andate dal dottore
vi insegno io il modo
per guarire tutti i dolori.
Non c’è bisogno del farmacista
con le sue specialità
per una volta nel suo armadio
potranno restare nascoste.
Non voglio farlo andare in rovina:
anzi voglio che sia contento
se anche lui di questa ricetta farà l’esperimento.
Una manciata di prezzemolo
con peperoncino e spicchi d’aglio
ben tritato da fare una crema
sono le cose principali;
olio senza economìa e di quello buono, del migliore
un po’ di sale secondo il necessario,
pepe senza esagerare.
E’ la volta delle acciughe
che vanno tutte pulite;
via le teste, via le code
anche le lische vanno tolte.
Belle sottili
ben selezionate
solo a vederle prende la voglia,
con garbo vanno distese
tutte in fila nel recipiente;
poi si coprono con la salsa
cosparsa sopra pian pianino:
più se ne mette meglio è
anche  ce ne fosse un barile.
Non aver fretta per mangiarle
quando sono tutte aggiustate
per una notte bisogna lasciarle
che si riposano coperchiate,
poi chiuderle dentro un armadio
al buio dentro una cantina
a destare i ghiri e topi tra gli otri…
che raddrizzando baffi
e code faranno un balletto
in onore alle acciughe
immerse nella salsa verde.
Quando poi è terminata la sosta nella cantina
incomincia l’allegria
accompagnata da un fiasco di vino.
Come sono buone, come sono grasse
che profumo e che gusto han preso!
Non stancano denti e mandibole
tanto sono tenere!
Se ne può fare una scorpacciata:
è il più bello mangiare del mondo
con queste intingolate
si guarisce anche un moribondo!
Anche il diavolo deve aspettare
se si è alla fine dei giorni:
deve cedere a questa ricetta
delle buone acciughe al verde.
E la morte sbalordita
che aspettava a braccia aperte
prende la porta e scappa via
con il recipiente delle acciughe al verde.

Festa di Sant’ Antonino 1973 (Guardando la festa da Presa Caté)

Sono arrivate le giostre
e i soliti baracconi in piazza
la fiera dei fischietti e dei torroni
carrozzoni che viaggiano su quattro ruote
fanno da richiamo sul piazzale delle scuole
tra i muri vecchi del paese
risuonano le canzoni moderne
che logorano la pace
e come sempre i direttori della festa
si danno da fare:
luci di sera
fuochi artificiali
schiamazzi di bambini
e tutti escono di casa.
Commentano i vecchi sugli angoli della strada
guardano e dicono:
E’ sempre stato così!
Passano i suonatori
da porta in porta
per invitare la gente all’allegria.
Allegria di una giornata!
Domani mattina
Celeste passerà con il suo carro
per portar via con le immondizie
i segni della festa.

Sonetto 1977

Che cos’è il “Sonetto”? E’ una composizione poetica che segue una regola fissa sia nei numeri dei versi (due quartine e due terzine) che nella rima e nella métrica.

Adesso ci avviciniamo già al 2000
(solo più qualche anno e poi anche loro se ne vanno)
cosa ci prospetta il domani?
Speriamo una vita facile e tranquilla…
Ma…sarà meglio aspettarlo con prudenza
vivere con buonsenso e fare attenzione
poi sopportarci tutti con pazienza.
Mandare qualche volta la lingua in ferie
parlare soltanto con il cuore e il sorriso
essere dei mortali diversi, uscire dalla serie.
Per l’anno che viene facciamo qualcosa di bello
che dìa pace a noi e ai nostri amici
allora il nostro domani sarà bello.

Sonetto 1978

Può sembrare un contrasto ai tempi che corrono,
pensare di far festa il giorno di  Sant’Antonino
ma se un paese sente ancor la voglia
di unirsi nella fratellanza per far del bene,
qualcosa di buono che ribolle e che formicola
c’è ancora nella coscienza della nostra gente:
cercando potremmo trovare l’antico coraggio
di vivere il meglio che si può serenamente.
Se oggi fosse il giorno buono per svegliarsi
al suono di un’armonia che sa di amore
e tutti ben disposti nell’aiutarsi
a sporger mano, uguali e uniti tra di loro,
allora si che meriterebbe far festa
Non solo qui, nella festa del nostro paese,
potremmo inventare la “Festa dell’amicizia”
in tutte le parti del mondo da buoni amici.

Sonetto 1996

Con gli strumenti luccicanti i suonatori
della Banda Musicale di Sant’Antonino
passano tutti in fila alla mattina
della festa svegliando il buon umore.
E’ questo il segnale dell’allegria
che invita a vivere un giorno nella tradizione
che unisce insieme la popolazione
come se fosse un’unica famiglia.
I vecchi rivivono in cuore tutto un passato
diventano giovani di gioia nella fantasia
e tranquilli si godono il frutto del loro sudore.
I giovani che vanno cercando felicità
tra i fumi d’una vita strana e bizzarra
possono trovarla soltanto se si chiama “AMORE!”

Sonetto 1997

Ecco un sonetto che proprio quest’anno tutti invita
a celebrare una festa un pò speciale
perché la nostra Banda Musicale
è cresciuta ed ha vent’anni di vita.
Quante serate e quanti bei concerti
hanno rallegrato la gente del nostro paese
come un richiamo gioioso che tutti unisce
preziosa questa occasione che nessuno perde.
Esempio di vita e grande serenità
gioia e speranza escono dalle note
che risuonano nell’aria di tutte le contrade:
suonatori “ tutto okaj” che suonano bene
guardate che bei giovanotti e che belle signorine
Viva la banda giovane di Sant’Antonino.

Sonetto 1998

E il “meno due” è già lì nella culla
sonetto d’auguri per Sant’Antonino
oggi chi semina come i contadini,
sarà contento, lo dice anche la luna.
Maniche rimboccate,
tutta la semente  in mano
partiamo arditi al mattino presto
non importa se la gente dorme ancora
seminiamo soltanto che poi si raccoglierà domani.
Terra, gradisci l’offerta generosa
dell’uomo che semina a piene mani
lavora quella semente, sii abbondante.
Guardano i vecchi lassù dal Paradiso
vedono già il seme diventare pane
e il Padre Eterno di cuore lo benedice.

Sonetto 1999

“Meno- uno” si presenta a noi oggi
al ritmo di un tamburello per le strade
e vuol portare un messaggio nelle nostre case
fare un po’ di silenzio, frenare la vivacità.
Se volete sentire l’aria del 2000
ascoltate il respiro della terra e dei bambini
parlate con i figli
mamme e papà ascoltateli sempre
dovreste capirlo
che la famiglia è una miniatura
di tutto il mondo se si vuole un po’ di pace
bisogna seminarla,
e attendere che maturi…
Alzate anche gli occhi al cielo, volersi bene
stringervi le mani in segno di pace
pioggia di stelle su Sant’Antonino.

Sonetto del 2000

Con il 2000 il secolo è finito
una storia vecchia…
Fa piacere raccontarla…
Ma adesso è ora di voltar la pagina della vita
guardiamo avanti che già il domani aspetta.
Proviamo a uscire tutti dalle case
andiamo per le strade del nostro paese
troviamoci in piazza uniti con i bambini
per preparare un bel progetto del nostro avvenire.
La Banda Musicale è composta di giovani
lei ci sa dare il “La” la nota giusta
per salutare il passato con buon umore
e per dare il benvenuto al secolo nuovo
che arriva in tutte le case sulle onde dell’aria
basta schiacciare il tasto dell’Amore.

Sonetto del 2001

E questo è il primo anno dopo il 2000
Volete sapere l’ultima notizia?
Le teste dei sapienti funzioneranno a batteria
ma prima di funzionare si metteranno in prova.
I cuori batteranno ancora, ma con un contatore
caricato all’infinito solo più sull’amore
se c’è amore batte sempre il cuore
l’albero della vita sarà sempre in fiore.
La moda per le donne sarà stramba
tutto basato sui pianeti e la fortuna
sarà di lamè fino in fondo alla gamba
sia per la bionda che per la bruna
le coppie partiranno al suono della banda
per andare passare il week-ènd sulla luna.   

Sonetto 2002

Come una favola antica del passato
nasce una bella rosa nel giardino
poi cresce come i bambini.
Allo spuntare del sole fa una danza
si innamora del vento che la solletica
giocando assieme amore con la speranza
volano nell’aria dolce che li sveglia.
Lei dà il suo profumo al bel fiore
si fa abbracciare da lui nell’abbandono
si fa cullare come un sospiro d’amore.
“Ma oggi si può ancora volersi bene?”
Il vento dice di sì con gran passione
“L’amore, quello vero, rinasce ogni mattino!”


FESTA DELLE PRESE



Da un’idea sorta a Bessen Haut (Sestriere) con Don Cantore e Don Piardi, si è iniziata la festa delle famiglie nell’estate del 1981, nel cortile di Presa Cattero, come centro dei casolari sparsi sul territorio di Vaie.
Questa festa si celebra tuttora ogni estate il 18 di Agosto, giorno seguente alla festa di Maria Regina alla Borgata Mura ed è dedicata alla Sacra Famiglia con la S. Messa celebrata alle ore 10.30 da un Sacerdote amico ed al pomeriggio si eseguono gare a bocce e carte (pinnacola).

SACERDOTI CELEBRANTI OSPITI A PRESA CATTERO




VINCITORI ALLA GARA A BOCCE E CARTE

1981   Don Oreste Cantore e Don Gian Piero Piardi
          Gara a bocce  - Libera ( amichevole, non considerata gara)
          Gara a carte    - Libera ( “          “       “          “             “    )
1982   Don  Franco Davì - Padre Leopoldo Selvo
           Gara a bocce  -Libera
           Gara a carte   - Libera
1983    Don Aldo Rossignolo - Don Romeo Zuppa
           Gara a bocce   -Libera
           Gara a carte    - Libera
1984   Don Gian Piero Piardi
           Gara a bocce   -Libera
           Gara  a carte   - Libera
1985   Don Luciano Vindrola
           Gara  a bocce  - Libera
           Gara  a carte   - Libera
1986   Don Pier Luigi Cordola
           Gara  a bocce  - Libera
           Gara  a carte    - Libera
1987   Don Arturo Blandino
           Gara  a bocce    - Libera
           Gara  a carte      - Libera  
1988   Don Roberto Bertolo- Don Carlo Martin- Don Adolfo Ravetto
           Gara a bocce –   Libera
           Gara  a carte  -   Libera
1989    Don Silvio Bertolo
           Gara a bocce – Libera
           Gara  a carte  -  Libera
1990    Don Dionigi Nurisso
           Gara a bocce – Libera
           Gara a carte   - Libera
1991   Don Natalino Bartolomasi
           Gara  a bocce – Libera
           Gara  a carte  - Libera
1992   Don Giacinto Barella
           Gara  a bocce - Sala Pier Sandro- Giaccone Pier Giorgio
           Gara  a carte  - Cattero Alessandra-Cesira
1993   Don Francois Gros - Don Luciano Vindrola- Don Adolfo Ravetto
           Gara  a bocce - Sala Pier Sandro – Cattero Silvano
           Gara  a carte   - Cantore Renza - Gabriele
1994   Don Fortunato Pent  ( nella ex stalla)
          Gara  a bocce – Sala Pier Sandro- Giaccone  Pier Giorgio
           Gara  a carte  -Cattero Claudia- Gioberto Teresina
1995   Don Luciano Vindrola – Don Adolfo Ravetto
           Gara a bocce – Sala Pier Sandro – Osvaldo
           Gara a carte   - Anna - Allemanini Massimiliano
1996   Don Alfonso Vindrola -  Don Adolfo Ravetto  ( nella ex stalla)
            Gara a bocce  - Selvo Ezio- Rosa Brusin Guido
            Gara  a carte  -Gioberto Teresina- Cattero Elisa
1997   Don Leo Ferrero   - Don Adolfo Ravetto
            Gara a bocce –Cattero Luigi – Rosa Brusin Guido
            Gara  a carte  - Castagnedi Adelina- Cantore Renza
1998   Don Marco Gamba – Don Adolfo Ravetto
            Gara a bocce – Selvo Ezio – Cattero Silvano
            Gara a carte – Allemanini Massimiliano – Cattero Carla
1999   Don Luigi Chiampo
            Gara a bocce – Cattero Giuseppe – Cattero Silvano
            Gara a carte – Selvo Ezio – Giavelli Marco
2000   Don Roberto Bertolo
            Gara a bocce – Cattero Claudio- Giavelli Marco
            Gara a carte  - Cattero Alessandra- Cattero Elisa
2001   Don Sergio Blandino
           Gara a bocce – Cattero Claudio- Cattero Silvano
           Gara  a carte  - Cattero Claudia – Novello Roberto
2002   Don Gian Luca Popolla – Don Sergio Blandino
           Gara  a bocce – Cattero Luigi – Cattero Silvano
           Gara a carte    - Cattero Alessandra- Allemanini Massimiliano
2003   Mons. Alfonso Badini Confalonieri
           Gara  a bocce – Sala Pier Sandro- Cattero Giuseppe
           Gara a carte   - Cantore Renza - Massimiliano
2004   Padre Renzo Meneghini
           Gara a bocce – Libera
           Gara a carte – Selvo  Barbara –Massimiliano
2005   Don Enzo Calliero ( nella ex stalla)
           Gara a bocce – non possibile
           Gara a carte  - Libera
2006   Don Sergio Blandino
           Gara  a bocce – Marchisio Angelo – Cattero Silvano
           Gara a carte    - Castagnedi Adelina – Caldera Anna
2007  Padre Renzo Meneghini
           Gara a bocce- Selvo Ezio – Tessa Marco*                
           Gara a carte- Sala Pier Sandro – Cattero Elisa*
           Trofeo bocce * –Presa Cattero
           Trofeo carte *– Presa Cattero
2008   Don Luigi Crepaldi
    Gara a bocce - Libera
          Gara a carte  - Libera



Torna ai contenuti | Torna al menu